PAN Napoli: mostra Steve McCurry senza confini

Martedì 1° novembre è aperta al Pan

la mostra Steve McCurry senza confini

allestimento

«Perché già il solo viaggiare e approfondire la conoscenza di culture diverse, mi procura gioia e mi dà una carica inesauribile».

Apertura straordinaria del Pan martedì 1° novembre per la mostra fotografica di Steve McCurry, dalle 9,30 alle 19,30 il Pan rimarrà aperto per offrire un’ulteriore opportunità ai napoletani e ai numerosi turisti che hanno scelto la città di Napoli per le imminenti festività.

Dopo che oltre 500 giovani hanno invaso la sala dei Baroni al Maschio Angioino per incontrarlo, nei primi due giorni di apertura la mostra di Steve McCurry allestita nel Palazzo delle Arti di Napoli ha già avuto più di mille visitatori, colpiti dall’emozione di entrare essi stessi nelle ambientazioni del fotografo-artista, capace di cogliere l’umanità in ogni suo scatto.

Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per molti, soprattutto giovani, che nelle sue fotografie riconoscono un modo di guardare il nostro tempo. In ogni suo scatto è racchiuso un complesso universo di esperienze e di emozioni e molte delle sue immagini sono conosciute in tutto il mondo.

Fin dal 2009, mettendo ogni volta in evidenza un aspetto peculiare della sua produzione fotografica, Civita e SudEst57 hanno dedicato varie mostre al grande fotografo americano, che hanno visto la presenza di oltre 800.000 visitatori.

07_web

La rassegna allestita nel Palazzo delle Arti di Napoli, oltre a presentare il nucleo essenziale delle sue fotografie più famose insieme ad alcuni lavori più recenti e ad altre foto non ancora pubblicate nei suoi numerosi libri, mette in particolare evidenza la sua attività di fotografo, impegnato “senza confini” nei luoghi del mondo dove si accendono i conflitti e si concentra la sofferenza di popolazioni costrette a fuggire dalle proprie terre. Il tema è purtroppo di grande attualità e Steve McCurry lo ha documentato fin dalla fine degli anni ’70.

Il progetto espositivo curato da Biba Giacchetti propone quindi un viaggio nel mondo di McCurry, dall’Afghanistan all’India, dal Medio Oriente al Sudest asiatico, dall’Africa a Cuba, dagli Stati Uniti all’Italia, attraverso il suo vasto e affascinante repertorio di immagini, in cui la presenza umana è sempre protagonista, anche se solo evocata. Nel suggestivo allestimento di Peter Bottazzi questa umanità ci viene incontro con i suoi sguardi in una sorta di girotondo dove si mescolano età, culture, etnie, che McCurry ha saputo cogliere con straordinaria intensità.

La mostra propone infine a tutti i visitatori una audioguida in cui McCurry racconta i suoi scatti in prima persona, con appassionanti testimonianze e alcuni filmati dedicati ai suoi viaggi, all’avventura della sua vita e della sua professione. Per conoscere meglio il suo modo di fotografare, ma soprattutto la sua voglia di condividere la prossimità con la sofferenza, con la gioia e con la sorpresa.

Leggere di più


Università La Sapienza a Roma: eventi dal 2 al 4 Novembre

27 Ottobre 2016
800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza

Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.

Leggere di più


Milano: Rubens racconta la nascita del Barocco italiano ed europeo

Cultura

Da domani (NdR: oggi) a Palazzo Reale l’arte di Rubens racconta la nascita del Barocco italiano ed europeo

Del Corno: “Una mostra importante per consentire a tutti di ammirare da vicino l’opera di un grande artista di tutti i tempi, ma anche un’operazione culturale di riscoperta della centralità dell’Italia nello sviluppo della storia dell’arte”

rubens_mostra-jpg

Milano, 25 ottobre 2016 – La grande mostra dell’autunno di Palazzo Reale a Milano ha come protagonista Pietro Paolo Rubens (Siegen 1577 – Anversa 1640), artista famoso e di centrale importanza per la storia dell’arte europea ma ancora poco conosciuto in Italia, spesso considerato frettolosamente nella schiera dei pittori fiamminghi nonostante il suo lungo e fecondo soggiorno nella Penisola, dal 1600 al 1608, lasci un segno che rimarrà vitale in tutta la sua vasta produzione artistica.

Leggere di più


Grand Tour d'Italie: progetto per far conoscere artisti italiani all'estero

GRAND TOUR D’ITALIE
Un progetto per far conoscere all’estero gli artisti italiani e valorizzarne le ricerche

e02328381d09e1c8d8d6a71ff8374165b1a408c
Un progetto di DGAAP - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del MiBACT e VIAFARINI – per far conoscere all’estero artisti italiani e valorizzarne le ricerche
ARTISTI
Nico Angiuli, Francesco Arena, Riccardo Arena, Ludovica Carbotta, Beatrice Catanzaro, Leone Contini, Luigi Coppola, Cherimus, Nicolò Degiorgis, Gianluca e Massimiliano De Serio, Chiara Fumai, Stefania Galegati Shines, Riccardo Giacconi, Adelita Husni Bey, Invernomuto, Claudia Losi, Marzia Migliora, Moira Ricci, Diego Tonus, Valentina Vetturi, Zimmerfrei
ISTITUZIONI STRANIERE INVITATE
Akademie Schloss Solitude (Stoccarda), Delfina Foundation (Londra), Futura Projects (Praga), ISCP International Studio & Curatorial Program (NYC), Kadist Foundation (Parigi), Manifesta, The European Biennial of Contemporary Art (Amsterdam), Residency Unlimited (NYC), Rijksakademie van beeldende kunsten (Amsterdam)

Leggere di più


Roma: l'Ara com'era, aperture straordinarie per il ponte di Ognissanti

APERTURE STRAORDINARIE PER IL PONTE DI OGNISSANTI

L'ARA COM'ERA

Dopo il grande successo dei primi due week-end, l’innovativo archeoshow alla scoperta dell’Ara Pacis sarà aperto anche nelle serate di domenica 30 e lunedì 31 ottobre, in aggiunta alle date già previste di venerdì 28 e sabato 29 ottobre

ara-comera_-orizzontale

Tutto esaurito nei primi due week-end di apertura per L’ARA COM’ERA, la visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis, con straordinario successo di numeri ed entusiasmo di pubblico. Per soddisfare le crescenti richieste, in occasione del ponte per la festività di Ognissanti, cittadini e turisti potranno assistere all’innovativo archeoshow anche nelle serate di domenica 30 e lunedì 31 ottobre, in aggiunta alle date già previste di venerdì 28 e sabato 29 ottobre, dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23).

Leggere di più


Bari: «La “scuola delle donne” nel mondo greco»

Il 25 ottobre l'Associazione Italiana di Cultura Classica (delegazione di Bari) organizza presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Centro Polifunzionale per gli Studenti, sala 1 (Ex Palazzo delle Poste), la conferenza:

la-scuola-delle-donne-fb-cover-jpg

«La “scuola delle donne” nel mondo greco. Dimensione femminile e trasmissione della conoscenza: una riflessione fra antichità e presente»

tenuta dalla Prof. Flavia Frisone, docente di Storia greca dell’Università del Salento.

Abstract della conferenza

Quale spazio era riservato al sapere, nell’universo femminile antico?

E quali “saperi” del femminile erano considerati importanti e socialmente accettabili nella Grecia antica?

cofanetto-di-falcone-museo-salinas

Si partirà da una riflessione sui ruoli educativi che erano destinati alle donne e sull’influenza che questo poteva avere nel definire la forma stessa della società. Dal ruolo di custodi delle memorie familiari, della vendetta e del sangue, a quello di prime destinatarie della promessa salvifica delle religioni misteriche, dall’istruzione pratica da sovrintendenti dell’azienda familiare alla possibilità di attingere agli orizzonti più alti della cultura contemporanea e di misurarsi con gli uomini, a prezzo però della propria dignità sociale, le vedremo, queste donne antiche, incarnate in modelli letterari o in donne vere, che lasciarono traccia della loro vita reale nella documentazione materiale. Ci mostreranno come lo spazio dedicato al loro sapere, o al sapere per loro, non fu mai neutro ma spesso aiuta a ricostruire un’immagine più autentica del mondo in cui vissero.

1966081_705207189501412_810886129_o

Ci insegna qualcosa, oggi, la storia di queste donne, il loro spazio nel margine di un modello culturale che pure ha costituito un paradigma fondamentale per la cultura moderna e contemporanea? Oggi, che l’educazione negata si rivela una schiacciante violenza esercitata su milioni di bambine e ragazze nel mondo, proviamo a chiederci quale peso abbia, per una società, una cultura che possa declinarsi anche al femminile. Per esempio: cosa significa la progressiva “femminilizzazione” degli studi classici che si manifesta sotto i nostri occhi, nella scuola e nell’Università italiane? Dobbiamo considerarla un’ulteriore forma di marginalizzazione, di fronte a una società che dà valore ad altri modelli di sapere? O possiamo guardare a questa come a un’opportunità da non perdere, per le donne e per la cultura?

1262857_705206646168133_1015577412_o

Relatore: Flavia Frisone, docente di Storia greca Università del Salento

-> https://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/flavia.frisone

Organizzazione: Associazione Italiana di Cultura Classica (delegazione di Bari)

Luogo: Bari, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Centro Polifunzionale per gli Studenti,

sala 1 (Ex Palazzo delle Poste)

Data: 25 Ottobre 2016, ore 17.00

1890466_710261315662666_543261717_o


Milano: al via la terza edizione de “Il mio amico museo”

Cultura

Al via la terza edizione de “Il mio amico museo”, un calendario lungo un anno scolastico per avvicinare i bambini alle collezioni

Ogni fine settimana laboratori per bambini in 19 musei della città, pubblici e privati

mio_amico_museo_450-jpg

Milano, 20 ottobre 2016 - Riparte il 29 ottobre “Il mio amico museo”, l’iniziativa giunta alla sua terza edizione che raccoglie l’offerta culturale della città rivolta ai bambini, proponendo un percorso che conduce genitori e figli alla scoperta delle più prestigiose sedi espositive milanesi.

Sono 19 i musei della città che hanno aderito, sotto la guida del Museo Diocesano, promotore della manifestazione, a “Il Mio Amico Museo”. Ciascuna istituzione ha redatto un fitto calendario di proposte didattiche, appositamente studiate per i piccoli fruitori, che si terranno ogni sabato e domenica, da ottobre 2016 a maggio 2017.

Lungo l’intera durata dell’anno scolastico, le offerte specifiche messe a punto per bambini e genitori saranno disponibili e acquistabili on line su www.ilmioamicomuseo.it.

Leggere di più


Evento EXPEDITIO QVARTA: FLAMINIA

EXPEDITIO QVARTA: FLAMINIA

Massa Martana, Acquasparta, Carsulae

Una week-end di attività dedicate alla valorizzazione di quelli che furono i romani VICVS MARTIVS, AD AQVAS SPARTAS e CARSVLAE e dell’antica Via Flaminia attraverso rievocazione, didattica e divulgazione storica

14800166_10208893966361312_244720058_o
ANTICAE VIAE – Lungo le vie della nostra storia

Il progetto, nella più ampia mission della riscoperta delle antiche vie della nostra storia, è pensato - in questa quarta edizione - per incentivare la riscoperta del territorio umbro attraverso la promozione di alcune aree di interesse archeologico poste lungo il percorso dell’Antica Via Flaminia: VICVS AD MARTIS (Massa Martana), AD AQVAS PARTAS (Acquasparta) e il municipio di CARSVLAE (Sangemini/Terni).

14807952_10208893976241559_51086653_o

Leggere di più


Università La Sapienza a Roma: eventi dal 24 al 29 Ottobre

20 Ottobre 2016
800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza
Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.
Leggere di più


Incontri con i protagonisti stagione 2016-7 del Teatro Goldoni

Università Ca’ Foscari e Teatro Stabile del Veneto organizzano un programma di incontri aperti a tutti sugli spettacoli della stagione teatrale 2016/2017 del Teatro Goldoni
IL 21 OTTOBRE A ‘TU PER TU’ CON JONATHAN PRYCE E LA COMPAGNIA DELLO SHAKESPEARE’S GLOBE THEATRE

Cà_Foscari_from_San_Toma'

VENEZIA – Parte il prossimo venerdì 21 ottobre il fitto programma di incontri con i protagonisti della stagione teatrale 2016/2017 del Teatro Goldoni condotti da docenti di Ca’ Foscari. Ogni incontro – aperto a studenti e cittadinanza - proporrà una full immersion nell’opera teatrale. I partecipanti potranno dialogare con ad attori e registi, discutendo sui temi dello spettacolo con gli studiosi cafoscarini. Gli appuntamenti si svolgeranno al Teatro Goldoni, all’Auditorium Santa Margherita e al CFZ – Ca’ Foscari Zattere.

Il primo appuntamento sarà con la compagnia dello Shakespeare’s Globe Theatre in scena con The Merchant of Venice di William Shakespeare. Venerdì 21 ottobre alle ore 18.30 al Teatro Goldoni, prima dello spettacolo in programma alle 20.30, è previsto l’incontro con gli attori, tra cui il celebre Jonathan Pryce. Conducono Loretta Innocenti e Laura Tosi. Quest’ultima, docente cafoscarina di Letteratura Inglese, ha realizzato un adattamento per bambini de ‘Il Mercante di Venezia’ di cui il Globe Theatre ha recentemente messo in scena una lettura drammatica nell'ambito delle celebrazioni dei 400 anni della morte del Bardo.

Leggere di più