Monasterace: presentazione spazio testimonianze numismatiche del Museo archeologico dell'antica Kaulon

Presentazione spazio testimonianze numismatiche

Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)

Monasterace – C/da Runci – SS 106

Mercoledì 23 agosto 2017 – Ore 21.00

Mercoledì 23 agosto 2017, alle ore 21.00, a Monasterace, cittadina del reggino, sarà presentato un nuovo spazio espositivo dedicato alle testimonianze numismatiche che arricchirà ulteriormente il prestigioso Museo archeologico dell’antica Kaulon.

L’allestimento di questo settore ha la finalità di raccontare la “storia” della circolazione monetale cauloniate.

Per l’occasione Giorgia Gargano, ispettore onorario per i beni numismatici della Calabria, presentata da Rossella Agostino, direttore del museo, terrà una conversazione dal titolo Il dio e il cervo:storia e archeologia della moneta dell’antica Caulonia dedicata alle testimonianze numismatiche che il sito ed il territorio del centro magno-greco di Kaulonia nei decenni di ricerche ha restituito.

Questo interessantissimo spazio è curato dalla già citata Giorgia Gargano; mentre i lavori di restauro dei materiali numismatici sono stati seguiti da Villalba Mazzà.

Leggere di più


Roma: "Il Mercante di Venezia" al Silvano Toti Globe Theatre, dal 24 agosto

Silvano Toti Globe Theatre

Direzione artistica Gigi Proietti

 IL MERCANTE DI VENEZIA

Regia di Loredana Scaramella

Traduzione di Loredana Scaramella

Prodotto da Politeama Srl

24 agosto – 10 settembre ore 21.00

 

Foto ®MarcoBorrelli

Dopo il successo della passata edizione torna anche quest’anno sul palco del Silvano Toti Globe Theatre l’opera di William Shakespeare IL MERCANTE DI VENEZIA tradotto e diretto da Loredana Scaramella. Da giovedì 24 agosto fino al 10 settembre (con le eccezioni del 28 agosto e del 4 settembre) le mitiche figure di Shylock, del mercante Antonio, di Bassanio e delle sua amata Porzia animeranno il palco dell’ovale di Villa Borghese con le intricate vicende ambientate tra Venezia e Belmonte.
Durante le soste di lunedì 28 agosto e lunedì 4 settembre tornerà in scena lo spettacolo ideato e diretto da Melania Giglio SONETTI D’AMORE, un viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare accompagnato da una ricca contaminazione musicale: da Marvin Gaye a Amy Winehouse, da Leonard Cohen ad Alanis Morissette.
Foto ®MarcoBorrelli

Leggere di più


Capo Colonna: Incontro con Rossella Agostino – Archeologa

Incontro con Rossella Agostino – Archeologa

Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)

22 agosto 2017 – Ore 18.30

Martedì 22 agosto 2017, alle ore 18.30, al Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, chiuderà il ciclo di incontri Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici l’archeologa Rossella Agostino.

L’iniziativa, nata con la finalità di presentare e valorizzare alcuni tra i vari presidi archeologici della Calabria che conservano resti di grande valore forse non ancora abbastanza conosciuti, darà la possibilità di evidenziare i musei che dirige con piglio e capacità Rossella Agostino: Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina e Museo Archeologico di Metauros di Gioia Tauro.

In tale occasione il museo di Capo Colonna rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 23.00.

Leggere di più


Pompei: parte cantiere di messa in sicurezza dei fronti di scavo interni alla città antica

PARTE IL CANTIERE DI MESSA IN SICUREZZA DEI FRONTI DI SCAVO INTERNI ALLA CITTÀ ANTICA

E L’INTERVENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO NELL’AREA NON SCAVATA

Entro due anni, completa la messa insicurezza del sito archeologico di Pompei


Con l’avvio del cantiere di messa in sicurezza dei fronti di scavo, ovvero di tutta quella porzione di terreno che circonda l’area non scavata di Pompei, di circa 22 ettari, e con la ripresa dei cantieri della Regio I, II e III precedentemente bloccati a causa di un ricorso al TAR, entro il 2019 l’area archeologica di Pompei sarà interamente consolidata.
Oltre due chilometri di muri antichi  saranno oggetto di messa in sicurezza, mentre l’area  non scavata alle spalle dei fronti di scavo, nelle Regiones I-III-IV-V-IX, sarà oggetto  di intervento di mitigazione del rischio idrogeologico, che assicurando un adeguato drenaggio del suolo consentirà di ridurre la spinta del terreno sui muri antichi, problema particolarmente insistente nel periodo delle piogge.
Tra gli interventi in programma il grande cantiere prevederà anche un vero e proprio scavo nella Regio V, il cosiddetto “cuneo” (un’area di oltre 1000m2 nella zona posta tra la casa delle Nozze d’Argento e gli edifici alla sinistra del vicolo di Lucrezio Frontone), che nella condizione attuale costituisce un elemento di debolezza del pianoro dal punto di vista idrogeologico. Lo scavo  porterà in luce  strutture e reperti di ambienti privati e pubblici che contribuiranno ad arricchire la conoscenza del sito e lo stato di avanzamento della ricerca archeologica. A tal scopo sul pianoro delle regiones IV e V, dove è in corso l’allestimento dell’ area logistica, è in programma anche l’installazione di un laboratorio di studio archeologico dei reperti che saranno rinvenuti e un deposito per la loro conservazione temporanea. 
Si tratta del più grande intervento nell’area non scavata di Pompei, dal dopoguerra –dichiara Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei. - Finora si era sempre proceduto per piccoli interventi di tamponamento sui fronti di scavo, nei punti più critici. Adesso si procederà in maniera radicale al consolidamento dei fronti e a risolvere il problema dell’acqua che si accumula nei terreni esercitando pressione sulle pareti e sulle facciate delle domus portati alla luce, che hanno finito per costituire una sorta di argine di contenimento dei terreni che impregnati di acqua piovana vi esercitavano pressione esponendoli al pericolo di cedimento.”
L’intervento, che rientra nel Grande Progetto Pompei durerà circa due anni.  I lavori procederanno per sottocantieri al fine di continuare a garantire la fruibilità del sito. Periodicamente verranno forniti aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori.

Testo e immagine da UFFICIO STAMPA Parco Archeologico di Pompei

 


Crescono i visitatori al Parco Archeologico di Ercolano: da venerdì ricostruzioni multimediali graffiti

 Crescono i visitatori al Parco Archeologico di Ercolano 

Da Venerdì sera le ricostruzioni multimediali dei graffiti nel Sacello degli Augustali

 In crescita costante il trend dei visitatori al Parco Archeologico di Ercolano, dove nel mese di luglio si è registrato un + 16,70% nel totale dei visitatori rispetto al luglio del 2016, ed il dato dei biglietti paganti è ancora più incoraggiante con un + 28% sempre a confronto con lo stesso mese dell’anno scorso.
Nel weekend di ferragosto alla media delle 1.400 visite per giorno il 14, il 15 e il 16 agosto con il totale di 4.228 dell’anno scorso, nel 2017 si sono raggiunti e superati i 2000 visitatori in una sola giornata con un totale nei tre giorni di 5.700 visitatori.
Lo stesso si registra per le visite serali, partite nel primo venerdì di apertura, il 7 luglio con 173 visitatori, giunti a 1.003 lo scorso venerdì 11 agosto, con un totale di 3.425 visitatori accolti durante le visite serali. Grande la soddisfazione del direttore Francesco Sirano in forza al Parco dal mese di maggio che dichiara “È un lavoro quotidiano quello che mi impegna, che porto avanti come una missione, perché ci sia finalmente quel cambio di tendenza che il Parco Archeologico di Ercolano merita. È un luogo di un tale valore storico che necessitava di un’attenzione dedicata per la valorizzazione del Parco e di tutto il territorio circostante che ho trovato molto disposto alla collaborazione e aperto alle sinergie, l’unica via che ritengo possibile per raggiungere la rinascita di questi luoghi; sono orgoglioso e soddisfatto per questi primi passi in avanti raggiunti”.

E l’offerta dei Venerdì sera al Parco Archeologico di Ercolano si amplia ulteriormente, nel prossimo venerdì infatti ai graffiti ricostruiti con le tecnologie multimediali della Terrazza di Marco Nonio Balbo, realizzati in collaborazione con il Mav, si aggiungono i graffiti del Sacello degli Augustali. Qui i graffiti, ‘tweet dal passato’ - come ha voluto designarli il direttore del parco Francesco Sirano - : “non servivano solo per comunicare messaggi di amore, amicizia o odio, come mostriamo sulla terrazza di Marco Nonio Balbo, ma grazie al valore quasi magico e sacrale della parola scritta  un graffito poteva essere usato per lasciare un documento della presenza propria o di altri convocati in un luogo pubblico in occasioni importanti, per esempio per suggellare un patto o fare da testimone. Questo è il caso dei graffiti che mettiamo in evidenza nel Sacello degli Augustali dove viene più volte citata la curia (luogo di riunione) degli Augustali”.
Leggere di più


Monasterace: "L'arte che ci ispira"

L’arte che ci ispira

Arte, storia, moda

Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)

Venerdì 18 agosto 2017 – Ore 21.00

Venerdì 18 Agosto 2017, alle ore 21.00, a Monasterace (Reggio Calabria), nella suggestiva location del Museo e Parco Archeologico dell'antica Kaulon, sarà presentata la nuova linea di pelletteria ispirata ai Beni Culturali realizzata dal Brand "dA Collezioni".

Artigianalità italiana, pellami pregiati e un design che si ispira ai reperti archeologici della Magna Grecia reinterpretati dai digital designers.

Il leitmotiv del Brand "dA Collezioni" è proprio reinterpretare i Beni Culturali quali icone di design per la moda.

Nel Museo Archeologico dell'antica Kaulon sarà esposta in anteprima la collezione di borse ispirate al Drago di Monasterace, ai Pinakes e al conio dell'antica Rhegion.

La presentazione sarà animata da un evento di Mapping 3d Indoor: i reperti archeologici e gli accessori moda saranno protagonisti di un emozionante spettacolo con effetti immersivi e tridimensionali; un evento appositamente realizzato dalla digi.Art servizi digitali per l'Arte per la comunicazione del Brand.

Al bookshop del Museo saranno disponibili le prime borse e pochette, scelte per la presentazione in diversi colori e modelli: dal passionale rosso del modello Pinakes ai colori della sabbia cristallina di Persefone, dal bianco ghiaccio al verde, fino alle stampe acquarello del Drago di Monasterace.

Questa linea di pelletteria pregiata "dA Collezioni" si inserisce in un contesto che mira a rafforzare la consapevolezza e l’importanza della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale ereditato dal nostro illustre passato ed è destinata ad un mercato nazionale e internazionale con l’obiettivo di esportare oltre confine la nostra Cultura millenaria apprezzata in tutto il mondo.

Il progetto di comunicazione e di design è stato sviluppato dalla digi.Art Servizi digitali per l'Arte fondata da Rosanna Pesce, specializzata nella promozione e valorizzazione dei Beni Culturali.

La linea di Borse e accessori moda sarà presentata dalla fondatrice della digi.Art servizi digitali per l'Arte, insieme al direttore del Museo e Parco Archeologico dell'antica Kaulon, Rossella Agostino, e in collaborazione con la cooperativa Vivikaulon, gestore dei Servizi aggiuntivi del Museo.

Si ringraziano: Rosanna Pesce, Claudio Martino, Francesco Di Pietro, Carlo Murdolo, Gianfilippo Mafrici, Antonio Tarantello, Giuseppe Musicò, Rossana Crucitti che hanno partecipato alla realizzazione dei modelli esposti.

Leggere di più


Roma: "Il Mercante di Venezia" al Silvano Toti Globe Theatre

Silvano Toti Globe Theatre

Direzione artistica Gigi Proietti

IL MERCANTE DI VENEZIA

Regia di Loredana Scaramella

Traduzione di Loredana Scaramella

Prodotto da Politeama Srl

24 agosto – 10 settembre ore 21.00

Dopo il successo della passata edizione torna anche quest’anno sul palco del Silvano Toti Globe Theatre l’opera di William Shakespeare IL MERCANTE DI VENEZIA tradotto e diretto da Loredana Scaramella. Da giovedì 24 agosto fino al 10 settembre (con le eccezioni del 28 agosto e del 4 settembre) le mitiche figure di Shylock, del mercante Antonio, di Bassanio e delle sua amata Porzia animeranno il palco dell’ovale di Villa Borghese con le intricate vicende ambientate tra Venezia e Belmonte.

Durante le soste di lunedì 28 agosto e lunedì 4 settembre tornerà in scena lo spettacolo ideato e diretto da Melania Giglio SONETTI D’AMORE, un viaggio tra i più bei versi di William Shakespeare accompagnato da una ricca contaminazione musicale: da Marvin Gaye a Amy Winehouse, da Leonard Cohen ad Alanis Morissette.

Leggere di più


Taranto: Ferragosto al MArTA


Dal 12 al 20 agosto 2017 il Museo Archeologico Nazionale di Taranto dedica la sua programmazione culturale ai “Capolavori del MArTA” con visite guidate a cura del concessionario “Nova Apulia”.
Tutti i giorni alle ore 11:30 e 17:30.
Leggere di più


Torna Ferragosto al Museo per un lungo ponte all'insegna della cultura

MUSEI: TORNA FERRAGOSTO AL MUSEO PER UN LUNGO PONTE ALL’INSEGNA DELLA CULTURA LUNEDÌ 14 E MARTEDÌ 15 AGOSTO- DOPPIA APERTURA STRAORDINARIA PER MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E LUOGHI DELLA CULTURA STATALI

Doppia apertura straordinaria per musei, aree archeologiche e luoghi della cultura statali che lunedì 14 e martedì 15 agosto rimarranno aperti per un lungo ponte all’insegna della cultura. Oltre all’apertura prevista per Ferragosto, quest’anno il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali del Turismo apre le porte ai visitatori anche lunedì 14, consueto giorno di chiusura per gran parte dei luoghi della cultura nazionali. Un’occasione unica per cittadini e turisti di trascorrere un Ferragosto all’insegna di una grande festa della cultura e godere dello straordinario patrimonio del nostro Paese.

Dai resti dell’antica città italica nell’area archeologica di Alba Fucens a Massa d’Albe in Abruzzo alle opere di Carlo Levi al Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna della Basilicata a Matera, dai Bronzi di Riace al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria alle tante domus riaperte agli Scavi di Pompei, dagli affreschi apocalittici dell’Abbazia di Pomposa a Codigoro lungo l’antica strada Romea che conduceva i pellegrini dall’Europa centrale e orientale al soglio di Pietro alla residenza asburgica del Castello di Miramare a Trieste, dalla più grande area archeologica d’Europa tra il Foro Romano e il Palatino ai capolavori di Van Dyck, Guercino e Tintoretto esposti nelle fastose sale del Museo di Palazzo Reale a Genova, dalla residenza rinascimentale dei Gonzaga a Palazzo Ducale a Mantova a quella di Federico di Montefeltro a Urbino dove oggi ha sede il Museo Nazionale delle Marche, dalle rovine della capitale dei Sanniti a Pietrabbondante in Molise ai Musei Reali di Torino, dal rinnovato allestimento del Museo Archeologico Nazionale di Taranto alle vestigia della colonia fenicia di Tharros nei pressi di Cabras, dalla straordinaria collezione degli Uffizi di Firenze al sito longobardo riconosciuto dall’Unesco del Tempietto sul Clitunno in provincia di Perugia fino ai tesori della Galleria dell’Accademia di Venezia, l’elenco completo su www.beniculturali.it/15agosto2017
Roma, 10 agosto 2017
Ufficio Stampa MiBACT

Come da MiBACT, redattrice Simonetta Ronchini


I venerdì di Ercolano: da venerdì 11 agosto i visitatori guidati da tweet dal passato 

I venerdì di Ercolano 

Da venerdì 11 agosto i visitatori guidati da tweet dal passato 


Si amplia ulteriormente l’offerta per i percorsi serali de I Venerdì di Ercolano al Parco Archeologico di Ercolano, dove dal prossimo venerdì,  11 agosto, i visitatori durante la visita agli Scavi illuminatiscopriranno gli antichi graffiti che si animeranno grazie alle tecnologie multimediali. Sulla terrazza di Marco Nonio Balbo (e dal 18 agosto anche nel Sacello degli Augustali) queste incisioni si trasformeranno  in moderni tweet direttamente dal passato, raccontando la storia immateriale insita negli antichi messaggi. E’ il passato che si svela ai visitatori unendo al naturale valore degli antichi luoghi il significato reale che il messaggio del graffito porta in sé. Quasi riuscire a svelare l’associazione mentale degli abitanti di Ercolano tra i tratti scritti e i luoghi dove si svolgeva la vita quotidiana.
Le visite all’area archeologica partono alle ore 20,00 e in gruppi di 40 persone i visitatori, che accedono dall’ingresso di Corso Resina, in un percorso dalla durata di circa un’ora, vengono introdotti alle trasposizioni virtuali dei graffiti della Terrazza di Marco Nonio Balbo e del Sacello degli Augustali e alla visita della Casa di Nettuno e Anfitrite dove l’affresco del triclinio si animerà virtualmente invitandoli all’atmosfera conviviale.
Fino alle ore 23,00 i visitatori potranno godere delle passeggiate serali nel Parco Archeologico con un biglietto di soli 2 €. Ultimo ingresso alle ore 22,00.
Continua così la sinergica collaborazione tra Parco Archeologico e MAV, fortemente voluta dal direttore del Parco Francesco Sirano, che pensa agli antichi graffiti ercolanesi come “ai precursori dei moderni tweet, ai quali ho voluto anche associare il simbolo dell’antico cinguettio che viene direttamente dalle domus e dagli spazi pubblici della città antica. Grazie alla reciproca collaborazione stretta con il Mav, - dichiara il direttore Sirano - insieme agli straordinari risultati degli studi condotti dall’Università americana Washington and Lee University di Lexington, al valore materiale dell’antica città e al significato che i graffiti portano in sé si aggiunge la trasposizione moderna di messaggi dal passato e dei loro richiami culturali, perché il visitatore possa davvero entrare nell’atmosfera del mondo antico”.

Leggere di più