Brindisi: mostra "Arte liberata - Dal sequestro al museo"

BRINDISI

MOSTRA "ARTE LIBERATA - DAL SEQUESTRO AL MUSEO"

Il trionfo della LEGALITÀ nei BENI CULTURALI

 

 

L’arte contemporanea che torna libera, fruibile e godibile a tutti. È questo il senso della mostra "Arte Liberata – dal sequestro al Museo", che dal 15 dicembre 2018 è possibile ammirare, a Brindisi, presso Palazzo Granafei - Nervegna.

Le sessantanove opere esposte in Puglia, al termine della mostra torneranno in Lombardia (da dove provengono) per essere esposte a Bergamo. Presentata prima a Palazzo Litta, a Milano, la mostra è stata curata da Beatrice Bentivoglio Ravasio, storica dell’arte per il Ministero dei Beni Culturali.

Le opere visibili sono espressione del secondo Novecento fino ai primi anni 2000. Gli autori, italiani e stranieri, alcuni ancora viventi, permettono di entrare in contatto con il variegato mondo dell’arte e degli artisti dell’arte contemporanea. È una esperienza che fa riflettere, immaginare, cambiare la nostra visione prospettica della realtà. Pitture, sculture, fotografie, installazioni, Land Art, Accumulazioni, Impacchettamenti, Estroflessioni, Arte Cinetica, Optical Art, Arte Informale, pittura calligrafica, opere di design, e tanto altra arte contemporanea è possibile contemplare attraverso la maestria di: Arnaldo Pomodoro, Wols, Asger Jorn, Victor Vasarely, Christo, Andy Warhol,  Franco Angeli, Ettore Spalletti, Arman Fernandez, Arp Hains Jean, Emilio Vedova, Sol Lewitt, Berlinde De Bruyckere, Pablo Reinoso, Oscar Dominguez, Pietro Consagra, Wols, Mark Tobey, Giulio Paolini, Nunzio, Chen Zhen, Aitor Ortiz, Carlos Puente, Anton Zoran Musič,  Mario Bionda, Gerges Mathieu, Achille Perilli, Gianni Asdrubali, Arcangelo, Remo Bianco, Wim Delvoye, Gérard Deschamps, Raymond Hains, Arman, César,  Sergio Dangelo, Alik Cavaliere, Ben, Turi Simeti, Paolo Scheggi, Enrico Castellani, Christiane Löhr, Gianni Colombo, Giuseppe Penone, Yan Pei – Ming, Gelitin, Pol Bury, Bruno Ceccobelli, Pier Paolo Calzolari, Giuseppe Uncini, Lucio Del Pezzo.

È una collezione ritrovata, è Arte Liberata, perché composta da beni culturali tenuti nascosti in una casa di un privato cittadino, indagato per gravi reati finanziari: ora i quadri, le sculture, le installazioni tornano libere per merito di una legge figlia di quella estate del 1982, quando personalità del calibro di Pio La Torre, politico e sindacalista, e del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, furono brutalmente uccisi dalla mafia. Da quel momento lo Stato dichiarò legge che si bloccassero e si sequestrassero i beni finanziari, i beni culturali e che questi  tornassero fruibili a tutti, destinati a musei, pinacoteche, gallerie d’arte.

Arte e Legalità un connubio perfetto che si cerca di spiegare e trasmettere a chi si reca in vista per vedere la mostra. Le visite guidate e i Laboratori Didattici sono tenuti da personale qualificato del Past (Patrimonio Archeologico, Storico, Turistico di Brindisi): storici dell’arte, dottori in scienze dei beni culturali, archeologi, esperti in lingue straniere, storici.

 

Pablo Reinoso (Buenos Aires, 1955), White Monochrome, installazione
(foto Claudia Di Cera)

 

César (Marsiglia, 1921 - Parigi, 1998). Bouillotte avec expansion, 1976. Scultura assemblata in bronzo fuso a cera persa, alluminio e plexiglass.(foto Claudia Di Cera)

 

Arnaldo Pomodoro (Morciano di Romagna, 1926). Senza titolo. Scultura in argento e ottone, fusione su osso di seppia in un unico esemplare.(foto Claudia Di Cera)

 

Enrico Catellani (Castelmassa, 1930 – Celleno, 2017). Superficie Opaline N°3, 1972. Olio e cera d’api su tela estroflessa. (foto Claudia Di Cera)

 

Carlos Puente (Santander, 1950). Negrito n.5. Scultura in legno dipinto. (foto Claudia Di Cera)

 

Hains Jean Arp (Strasburgo, 1887 - Basilea, 1966). Couronne Végétale, (1938) 1948. Rilievo in bronzo agganciato a tavola in legno. (foto Claudia Di Cera)

 

Victor Vasarely, (Pécs, 1906 - Parigi, 1997). Riu-Kare, 1956. Tempera su masonite. (foto Claudia Di Cera)

 

 

Bruno Ceccobelli (Montecastello di Vibio, 1952). L’ultima Cena, 1991. Legno dipinto, guanti in pelle, bombolette industriali. (foto Claudia Di Cera)

 

Franco Angeli (Roma, 1935-1988). E pluribus unum, anni ’60. Olio su tela e tulle blu. (foto Claudia Di Cera)

 

 

Berlinde De Bruyckere (Ghent,1964). Slaapzaal IV, 2000. Installazione: metallo, legno, coperte, lenzuola. (foto Claudia Di Cera)

 

 

Gelitin (Vienna, 1978). Roni, 2006. Scultura in plastilina su legno. (foto Claudia Di Cera)

 

Pol Bury (Haine Saint Pierre, 1922 – Parigi, 2005). Ramollissement virtuel n°77/n°40: Antonello da Messina, 2001. Elaborazione fotografica su tela. (foto Claudia Di Cera)

 

Anton Zoran Musič (Gorizia, 1909 – Venezia, 2005). Paesaggio, 1950. Olio Su Tela. (foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
Sol Lewitt (Hartford, 1928 – New York, 2007). Horizontal brushstrokers, 2002. Tempera su carta. (foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
ARCANGELO (Avellino, 1956). Senza titolo, 1993. Scultura in ferro, legno, e pittura a olio. (foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
Gérard Deschamps (Lione, 1937). Chiffons belges, 1962. Accumulazione di foulards su pannello. (foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
Mario Bionda (Torino, 1913 – Penango, 1985). Espansione Bianca, 1961. Tecnica Mista Su Tela. (foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
Wim Delvoye (Wervik, 1965). Marble Floor, 1989. Fotografia a colori.
(foto Claudia Di Cera)

 

arte liberata
Giuseppe Uncini (Fabriano, 1929 - Trevi, 2008). Spazi di ferro n. 49 (rilievo), 1989. Rete in ferro e resina a simulazione di malta cementizia. (foto Claudia Di Cera)

 

Informazioni:

MOSTRA "ARTE LIBERATA - DAL SEQUESTRO AL MUSEO"

- Quando: Dal 15 dicembre 2018 al 7 aprile 2019

- Ingresso libero

- Orario mostra:

Mattina: 9:00-13:00 (ultimo ingresso 12:30)

Pomeriggio: 16:00- 20:00 (ultimo ingresso 19:30)

- Dove: Palazzo Granafei Nervegna, via Duomo, 20, Brindisi.

- Visite guidate gratuite in lingua italiana, inglese e spagnola, necessaria prenotazione, telefonando al numero: 0831229784.

- Laboratori didattici e visita guidata, gratuita, telefonando al numero: 0831229784.

 

 


“O Amor Se Faz Revolucionário”, al PAC la mostra dedicata ad Anna Maria Maiolino

Cultura

“O Amor Se Faz Revolucionário”, al PAC la mostra dedicata ad Anna Maria Maiolino

In occasione di Milano Art Week, dal 2 al 7 aprile, il PAC prolunga l’apertura fino alle 22:30 con biglietto ridotto speciale a partire dalle 18. Performance inedita venerdì 5 alle 19

O Amor Se Faz Revolucionário mostra Anna Maria Maiolino PAC - Padiglione d’Arte ContemporaneaMilano, 31 marzo 2019 – È aperta al pubblico al PAC|Padiglione d’Arte Contemporanea la mostra “O Amor Se Faz Revolucionário”, la prima retrospettiva in un’istituzione pubblica italiana dell’artista italo-brasiliana Anna Maria Maiolino.
La mostra, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata dal PAC con Silvana Editoriale e con la curatela di Diego Sileo, è in programma fino al 9 giugno 2019. La mostra si sposterà a Londra nel settembre 2019 grazie alla collaborazione con la Whitechapel Gallery, con la curatela di Trinidad Fombella e Diego Sileo.

Con una selezione di oltre 400 opere che spaziano dai disegni di una giovanissima Maiolino - studentessa d’arte a Caracas - fino alle ultime sue creazioni, la mostra si configura come la più ampia retrospettiva dell’artista mai realizzata fino ad ora, e include opere provenienti dai più importanti musei Brasiliani come il MAM| Museo d’Arte Moderna di Rio de Janeiro, il MASP|Museo d’Arte di San Paolo e la Pinacoteca di Stato di San Paolo.

Si tratta di un’occasione unica per comprendere il percorso eclettico e rivoluzionario di un’artista che è riuscita a fondere in uno stile inimitabile la creatività italiana e la sperimentazione delle avanguardie brasiliane.
In mostra al PAC disegni, dipinti, sculture, fotografie, video e installazioni raccontano per decadi una storia artistica iniziata nei primi anni Sessanta e ancora oggi vitale e fertile, in grado di influenzare molti artisti delle nuove generazioni. Un’installazione site specific realizzata interamente in argilla, materiale iconico per l’artista, introdurrà il visitatore in mostra, dove per la prima volta si potranno ammirare anche le sue grandi pitture degli anni Novanta mai esposte prima.

In occasione di Milano Art Week, dal 2 al 7 aprile l’apertura della mostra è prolungata l’apertura fino alle 22:30 con biglietto ridotto speciale (4 euro) a partire dalle ore 18. Giovedì 4 aprile (ore 19) e domenica 78 (ore 18) sono previste due visite guidate gratuite, mentre venerdì 5 aprile, nel cortile del PAC, andrà in scena una performance inedita di Anna Maria Maiolino (insieme alla performer Gaya Rachel) dal titolo “Al di là di”.

Accompagna i visitatori una guida alla mostra gratuita, curata da Angela Maderna, che analizza i lavori di Maiolino e approfondisce con focus specifici le diverse tecniche o le tematiche imprescindibili per comprendere la ricerca dell’artista.

 

Come da Comune di Milano.


Taranto: mostra "Un secolo d'Azzurro"

MOSTRA

UN SECOLO D’AZZURRO – TARANTO 2019

 

Il Castello di Taranto è - ancora solo per poche ore - la sede della mostra antologica sulla Nazionale Italiana di calcio, intitolata "Un secolo d'Azzurro".

Si tratta una mostra itinerante, partita da Vercelli e che dopo Taranto proseguirà per Bari, Cava dei Tirreni, Rimini ed infine a Udine; mentre dal mese di ottobre ci saranno anche tappe europee.

L’esposizione che propone oltre duecento cimeli come maglie, foto, manifesti, ritagli di giornali, coppa Rimet (la prima coppa del mondo), scarpe, accessori tecnici, biglietti, e copre un arco temporale che va dal 1834  al 2006, ripercorrendo sia la storia del calcio sia, nello specifico, la storia della  nazionale italiana.

Una curiosità: il 10 maggio 1910 fu disputata la prima partita della nostra nazionale di calcio che gareggiava contro la Francia. L’Italia vinse con 6 gol in opposizione ai 2 della Francia. La maglia indossata dall'Italia era di colore bianco e dal 1911, indossò una maglia di colore azzurro, in ossequio ai Savoia.

 

(foto ufficio stampa mostra "Un secolo d'Azzurro")

 

(foto ufficio stampa mostra "Un secolo d'Azzurro")

 

mostra un secolo d'azzurro Taranto
(foto ufficio stampa mostra "Un secolo d'Azzurro")

 

mostra un secolo d'azzurro Taranto
(foto ufficio stampa mostra "Un secolo d'Azzurro")

 

mostra un secolo d'azzurro Taranto
(foto ufficio stampa mostra "Un secolo d'Azzurro")

 

Dove: Taranto, Castello Aragonese

Quando: dal 29 marzo al 2 aprile

Orario: 9-19 (orario continuato)

Ingresso: Libero

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Un-Secolo-dAzzurro-Taranto-2019-2232470220304511/

 

https://www.facebook.com/2232470220304511/videos/2252043268366917/

 


La Cineteca Nazionale rende omaggio ai fratelli Bolognini

Fratelli nella vita e nel cinema: a Casa del Cinema il ricordo di Mauro & Manolo Bolognini nell’omaggio di Cineteca Nazionale

Lunedì 1 aprile alle 16.30 proiezione del film La corruzione e, a seguire, incontro moderato da Graziano Marraffa con Carlotta Bolognini, Barbara Bouchet, Massimo Cristaldi, Antonella Lualdi e Claudio Risi

Roma, 29 marzo 2019 – A poco più di un anno dalla scomparsa del grande produttore cinematografico Manolo Bolognini (Pistoia, 26 ottobre 1925 - Roma, 23 dicembre 2017), la Cineteca Nazionale rende omaggio lunedì 1 aprile dalle ore 16.30 alla Casa del Cinema non solo a questo originale “capitano coraggioso”, ma anche al fratello Mauro (Pistoia, 28 giugno 1922 - Roma, 14 maggio 2001), definito giustamente dallo storico del cinema Gian Piero Brunetta come «l’uomo dei fili del cinema italiano, l’autore che in maniera più sistematica ha tentato di raccordare i vari sistemi espressivi all’interno di una trama e un ordito che hanno prodotto un disegno pressoché unico per ampiezza e coerenza, una sorta di panorama o di gigantesca veduta che rappresenta nella sua continuità lo sviluppo coeso e continuo della storia e geografia dell’Italia dall’Unità agli anni del boom».

E in tal senso i due fratelli sono stati, come un ipotetico vinile, il fronte e il retro del cinema italiano. Il fronte: Mauro che ha riportato fin dai suoi esordi un gusto figurativo e letterario insieme, muovendosi in un realismo anche di derivazione francese, con un gusto sempre più maturo e consapevole verso una contaminazione lirica fra realtà e pittura. Il retro: Manolo, ovvero colui che è riuscito a tradurre i sogni in realtà e spesso in grandissimi successi non solo del fratello Mauro, ma anche di Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini, Sergio Corbucci, Andrej Tarkovskij. Senza di loro, il cinema (non solo) italiano sarebbe stato un’altra cosa.

ore 16.30 La corruzione di Mauro Bolognini (1963, 83’)

Il giovane Stefano (Jacques Perrin), figlio di un ricco industriale, terminati gli studi, vorrebbe farsi frate. Tornato a casa del padre (Alain Cuny) lo informa del suo desiderio, ma questi si oppone e lo fa buttando il giovane tra le braccia della sua amante Adriana (Rosanna Schiaffino). Dopo una vacanza in yacht, Stefano assiste impotente al suicidio di un dipendente della fabbrica di famiglia, accusato ingiustamente dal padre. «Il film affronta una questione in apparenza semplice: l'impossibilità per la gioventù di seguire la propria vocazione, attorniata da obblighi famigliari, pressioni esterne e richiami prosaici irresistibili (su tutti, il denaro)» (Bocchi-Pezzotta). Organizzatore generale: Manolo Bolognini.

a seguire incontro moderato da Graziano Marraffa con Carlotta BologniniBarbara BouchetMassimo CristaldiAntonella LualdiClaudio Risi.

Leggere di più


30 marzo 1748. Iniziano gli scavi ufficiali a Pompei

Il 30 marzo 1748 si diede ufficialmente avvio agli scavi nel sito di Pompei. Non essendo stato ancora inventato il metodo stratigrafico, le operazioni di sterro furono eseguite sotto la direzione dell’ingegnere militare spagnolo Rocco Gioacchino de Alcubierre, colonnello del genio borbonico e lo stesso che a partire dal 1738 intraprese gli scavi dei cunicoli di Ercolano utilizzando manovalanza più varia scelta tra la popolazione locale.

Complesso di Giulia Felice. Foto: Alessandra Randazzo

Nelle operazioni fu coadiuvato dall’ingegnere svizzero Karl Weber e poi da Francesco La Vega i quali compilavano i Giornali di scavo o stilavano le planimetrie dei siti esplorati assicurando quanto più una ricca descrizione dei lavori e non solo una lista degli oggetti ritrovati così come richiesto dalla corte. I disegni tecnici, ancora oggi, stupiscono per i tratti precisi e i dettagli, soprattutto se si pensa alle condizioni in cui questi venivano realizzati.

Anfiteatro di Pompei. Foto: Alessandra Randazzo

L'individuazione del sito dell’antica Pompei non era però certa. L’Alcubierre era convinto che le operazioni di sterro si stessero effettuando nell’antica Stabia e solo quando nel 1763 venne scoperta fuori porta Ercolano l’iscrizione di T. Suedius Clemens con esplicito riferimento alla “republica Pompeianorum” ci si rese conto che il colle della Civita corrispondeva al sito di Pompei.

Nella fase iniziale delle esplorazioni, due furono le aree maggiormente interessate dagli scavi: l’area dell’Anfiteatro e quella della necropoli di Porta Ercolano con gli edifici vicini. Data l’estrema facilità con la quale si poteva scavare il lapillo, non si dovettero utilizzare cunicoli per accedere all’interno degli edifici. In particolare nel 1754 venne esplorata e poi rinterrata la cosiddetta Villa di Cicerone fuori Porta Ercolano, già individuata nel 1749, mentre a nord dell’Anfiteatro venne scoperto il complesso di Giulia Felice.


Poeti a Roma. Resi superbi dall'amicizia mostre Roma

Mostra "Poeti a Roma. Resi superbi dall'amicizia"

POETI A ROMA.

RESI SUPERBI DALL’AMICIZIA

a cura di Giuseppe Garrera e Igor Patruno

dalla collezione privata di Giuseppe Garrera

WEGIL

Largo Ascianghi 5, Trastevere - Roma

dal 30 marzo al 23 giugno 2019

Inaugurazione 29 marzo ore 18.30

Pier Paolo Pasolini, Attilio Bertolucci, Giorgio Caproni, Sandro Penna, Giuseppe Ungaretti, Alberto Moravia, Giorgio Bassani, Carlo Emilio Gadda, Anna Maria Ortese, Elsa Morante, Amelia Rosselli, Natalia Ginzburg, Alfonso Gatto, Dacia Maraini, Enzo Siciliano, Dario Bellezza, Renzo Paris, solo per citarne alcuni.

La mostra "Poeti a Roma. Resi superbi dall'amicizia", promossa dalla Regione Lazio, organizzata da AGCI Lazio in collaborazione con LAZIOcrea e aperta al pubblico dal 30 marzo al 23 giugno 2019, raccoglie oltre 250 fotografie originali che ritraggono questi scrittori e poeti per le vie della capitale, durante perlustrazioni, serate di presentazione, cene, feste in casa, fino a giungere al ricordo della morte di Pier Paolo Pasolini all'Idroscalo di Ostia, con scatti di Antonio Sansone, Tazio Secchiaroli, Rodrigo Pais, Dario Bellini, Guglielmo Coluzzi, Francesco Maria Crispolti, Jerry Bauer, Ezio Vitale,  Alberto Durazzi ecc.. Inoltre saranno esposti prime edizioni, inserti, riviste e rare incisioni discografiche.

L’esposizione, a cura di Giuseppe Garrera e Igor Patruno, è il racconto di un’intera stagione, di un momento incantato della città di Roma, tra gli anni ’60 e ’70, quando poeti e scrittori, felici e desiderosi di creare, costituirono una sorta di comunità d’amicizia.

Attraverso centinaia di foto e documenti in mostra vengono narrati progetti, pubblicazioni, aiuti e scambi di ammirazione reciproca, e, soprattutto, il beato scorribandare per la città di Roma di poeti insuperabili e che della poesia fecero vita (sono Penna e Pasolini a indicare a tutti la polvere e il sole delle strade di Roma). Soprattutto le fotografie, molte inedite, restituiscono la traccia luminosa e viva di questa stagione straordinaria e la forza e lo splendore di legami unici. 

Un omaggio, che vede il fiorire, anche solo per un momento, di una civiltà, con al centro la grazia di Pier Paolo Pasolini, la lucidità di Alberto Moravia, la generosità di Attilio Bertolucci, le alte visioni di Amelia Rosselli, Anna Maria Ortese ed Elsa Morante, e la lezione di felicità, irraggiungibile, di Sandro Penna.

Un momento esemplare di esistenze poetiche.

"La violenza, l’intolleranza, l’ottusità del mondo - dichiarano i curatori della mostra - sanciranno la fine di questa avventura (l’esposizione si ferma al 1975). L’uccisione di Pasolini, il massacro del suo corpo, in questa prospettiva, assumeranno il valore di una precisa presa di posizione, di un rancore e di una insofferenza del mondo ad ogni felicità e vita diverse. Il mondo certe cose non le tollera. L’avventura poetica è destinata al lutto, e ad una parabola catastrofica d’amicizia e di felicità, per far più forte una società e le sue certe certezze".

L’esposizione sarà accompagnata da incontri, dibattiti, proiezioni, approfondimenti con protagonisti ed esperti di quella stagione.

Poeti a Roma. Resi superbi dall'amicizia mostre Roma

Leggere di più


Nuovi eventi serali e la mostra "Poeti a Roma" da oggi 30 marzo al WeGil

WEGIL: DAL 30 MARZO NUOVI EVENTI SERALI E LA MOSTRA

“POETI A ROMA. RESI SUPERBI DALL’AMICIZIA”

Proseguono gli eventi culturali del WeGil, l’hub culturale della Regione Lazio che, con una nuova programmazione trimestrale frutto dell’ultimo avviso pubblico, offre un ricco calendario di spettacoli, performance, dj set, concerti, festival e incontri in programma il venerdì e il sabato sera dal 30 marzo al 22 giugno 2019. In calendario anche 3 appuntamenti dedicati all’enogastronomia a cura di Agro Camera e, dal 30 marzo al 23 giugno 2019, la nuova mostra “Poeti a Roma. Resi superbi dall’amicizia”, promossa dalla Regione Lazio e organizzata da AGCI Lazio in collaborazione con LAZIOcrea, a cura di Giuseppe Garrera e Igor Patruno.

L’esposizione raccoglie oltre 250 fotografie originali, molte delle quali inedite, che ritraggono la vita di scrittori e poeti per le vie della capitale tra gli anni ’50 e ‘70, tra presentazioni, passeggiate, cene e feste, fino a giungere al ricordo della morte di Pier Paolo Pasolini all'Idroscalo di Ostia, con scatti di Antonio Sansone, Tazio Secchiaroli, Rodrigo Pais, Dario Bellini, Guglielmo Coluzzi, Francesco Maria Crispolti, Jerry Bauer, Ezio Vitale,  Alberto Durazzi ecc. Inoltre saranno esposti prime edizioni, inserti, riviste e rare incisioni discografiche. È il racconto di un’intera stagione, di un momento incantato della città di Roma, quando poeti e scrittori, felici e desiderosi di creare, costituirono una sorta di comunità d’amicizia.

GLI EVENTI SERALI

 

Il primo appuntamento, sabato 30 marzo alle 21, è con lo spettacolo comico dei due amici cabarettisti Sergio Giuffrida e Gianluca Irti “Lui è più cattivo di me”, a cura del Centro Culturale Artemia, che alterna monologhi di satira a divertentissimi sketch, nato dal successo della pagina Facebook “Grilletto Facile”.

Venerdì 5 aprile alle 21 un monologo di Michele Santeramo intitolato “Storie dal Decamerone – Una guerra” con Anna Foglietta che affronta un tema caldo del momento, raccontando la storia di una donna che per salvare i due figli dal suo paese in guerra decide di affrontare il viaggio che molti si trovano costretti a intraprendere, attraverso il mar Mediterraneo. A cura di A.C. Playtown Roma insieme aEverychildismychild Onlus.

Sabato 6 il WeGil ospita un evento a cura di Artestudioalle 20 il workshop “Animalità a teatro”alle 21.15 “Ofelia o la macellazione degli animali domestici”, uno spettacolo di Riccardo Vannuccini seguito, alle 22.30, dallo showcooking “Cena senza animali”.

Una frizzante serata di danze sudamericane, la Chacarera e la Zamba, è prevista venerdì 12 aprile alle ore 20 con una lezione introduttiva ai balli di Antonella Mazzetti accompagnata da una selezione musicale di Marco Pasquali, per poi partecipare alla Milonga Peña Folklorica. A cura di Zip_Zone d’Intersezione Positiva.

Sabato 13 alle 20, WeGil ospita una serata di comicità, clown, giocolerie, burlesque e DJ-night nata dalla sinergia del NaufragarMèDolcecon Movimento Comico e INCA Italia per trascinare il pubblico nel turbine del divertimento: fino all’una di notte, cinque ore di sana follia dove si ride, si mangia, si balla, ci si conosce… nella leggerezza di una “Follerie!”.

Il 19 e il 20 aprile dalle 20 con “LPM 2019 Preview” in programma un week-end ad ingresso gratuito dedicato Audio Visual Digital Art. Previsti due eventi, RomeAge e Gravitationawaves con Screenings e Live Performance Audio Video. A cura di Flyer in comunicazionecon LPM Live Performers Meeting, Live Cinema Festival, Fotonica Festival, FLxER, AVnode.

“Little Italy - Vintage Festival” è un festival inedito di musica swing, jazz e rocknroll che fonde le molteplici varianti musicali del primo novecento con le forme contemporanee di danza sociale o artistica ad essi ispirati. È proprio il WeGil a ospitare il 26-27 aprile dalle 20questa prima edizione in un susseguirsi di lezioni, workshop, concerti e momenti di collettività.

Chiara Becchimanzi, premio Comedy Roma Fringe 2016, tra le 100 eccellenze creative del Lazio 2018, il 3 maggio alle 21, conduce una sensuale, emozionante e autoironica terapia di gruppo dal titolo “Girls just wanna have…??? – fearless”, accompagnata dalla musica di Alessio Righi, per smontare tabù sessuali ancora attuali. Evento a cura di Valdrada Compagnia Teatrale.

Segue “We Circus”venerdì 10 maggio dalle 20, con due spettacoli (alle 20 e alle 22) e un intermezzo musicale-mangereccio (alle 21) accompagnati da un poetico bigliettaio e diversi bizzarri personaggi ...  in un'unica e variegata serata interamente dedicata al circo e al clown teatrale. A cura di Associazione Culturale RYTO.

Per rivivere gli anni ’90 e 2000, sabato 11 maggio alle 20.30 è in programma, invece, l’evento “Storia interattiva della canzone italiana”, un viaggio nei 20 anni di grandi successi della musica italiana: dagli 883 a Vasco, da Daniele Silvestri ai Lunapop, per concludere con gli inizi della scena Indie. Una serata per ascoltare e raccontare 20 canzoni di quegli anni, scelte dal pubblico ed eseguite dal vivo dalla Spaghetti Band e da alcune giovani voci della nuova scena romana. A cura di Arte2o.

Un nuovo appuntamento con il teatro, invece, è in programma venerdì 17 maggio alle 21 con “La vita è una beffa” di e con Daniele Parisi, un one man show tra cibo, amore, malattia ed esistenzialismo. Spettacolo in continua evoluzione che sistematizza pezzi di repertorio con pezzi inediti. Il linguaggio teatrale prova a scendere dal palco e a dialogare tra il pubblicoA cura di 369gradi.

Sabato 18 maggio alle 20 è la volta di una giornata dedicata all’arte di Antonio Rezza Flavia Mastrella, un combinato artistico inimitabile nel panorama teatrale contemporaneo, Leoni d’oro alla carriera per il Teatro 2018. “Incontri d’autore. Retrospettiva Rezza Mastrella” parte con la proiezione di alcuni estratti video e prosegue con il confronto dei due artisti con il pubblico. A seguire concerto e sonorizzazione live di brani scelti declamati da Antonio Rezza a cura di Federico Carra. Evento a cura di Artinconnessione Nuova.

“Errore Digitale @WeGil!” in programma il 24 e 25 maggio presenta un’inedita rassegna di opere e performance di Glitch portando per la prima volta a Roma alcuni tra gli esponenti più̀ influenti della scena europea e italiana. Due giorni di live audio visivi, performance, installazioni audio-video, lectures e talk durante i quali il pubblico viene coinvolto in un percorso esplorativo del WeGil: la “palestra del razionalismo” diviene il centro temporaneo dell’irrazionale.

Venerdì 31 maggio ore 21 è la volta del concerto “Musica da ripostiglio”, una realtà musicale nata dal ventennale sodalizio artistico diLuca Pirozzi e del chitarrista Luca Giacomelli, a cui si sono aggiunti Raffaele Toninelli al contrabbasso ed Emanuele Pellegrini alla batteria. Vengono presentati in anteprima alcuni brani tratti dal nuovo disco e una selezione di classici italiani e internazionali. A cura diAssociazione Culturale InArte.

Con il titolo “Juliette on the road” sabato 1 giugno alle 20Twain Centro di Produzione Danza Regionale presenta in anteprima assoluta un percorso di performances negli spazi di WeGil, ultima opera di Loredana Parrella che rivista il classico shakespeariano. Dieci danzatori invaderanno gli spazi, con azioni site-specific, corpi, musica, voce, in un racconto corale, con l'accompagnamento innovativo di un dj set.  A cura di Circolo Culturale Argostudio realizzato da Cie Twain.

Venerdì 7 giugno alle 20 in programma “Zama Zalib Music & Arts Festival” festival di musica alternativa della scena giovane romana che unisce live painting, performance teatrali e video mapping. Evento a cura di Zalib & i Ragazzi di Via della Gatta.

Una serata di teatro e musica per riflettere sulla giustizia, sul senso della condanna e della detenzione e sul tempo che compone l’esistenza di chi si trova a vivere o combattere il mondo della delinquenza: sabato 8 giugno alle 20.30 in scena con lo spettacolo“Prigionieri dell’Arte: Ora d’aria” e, a seguire, “Terapia d’urto”, con un trio rock&blues composto da Paolo Petrilli, Enzo Pitta eRoberto Turco. A cura di VOX Communication.

Josephine WeGilVenerdì 14 giugno alle 20 una serata a cura di Triangolo Scaleno Teatro che prevede un laboratorio pratico sulla tessitura per bambini dai 6 ai 12 anni e la performance “Josefine - Conversazione_Primo tempo” che parte dal racconto di Kafka “Josefine, la cantante ovvero il popolo dei topi” rappresenta come l’affermarsi di atti che sembrano impossibili sposti la percezione collettiva e faccia compiere un salto alla storia. A seguire aperitivo e DJ set.

Sabato 15 giugno alle 21 va in scena dello spettacolo “Sulla luna ci siamo stati (e non abbiamo trovato alcuna bufala!)”: un lungo racconto sulla "smontatura" di tutte le teorie di chi non crede che l'uomo sia sbarcato sulla luna, tra curiosità e aneddoti sconosciuti al grande pubblico. A cura di Imprenditori di Sogni.

Un ensemble musicale venerdì 21 giugno alle 21 presenta “Toccata & fuga. Vacanze romane. Un’emozione senza fine” per accompagnare lo spettatore in un viaggio nel melodramma e nel repertorio italiano tra Verdi, Rossini, Puccini, Bellini, Leoncavallo, con contaminazioni create ad arte da brani della migliore tradizione musicale, italiana ed internazionale. A cura di GV srl.

La programmazione del trimestre si chiude sabato 22 giugno alle 21 con lo spettacolo “Sobre las olas” degli artisti di Algeciras Flamenco. Un insieme di palos flamencos - milonga, rumba, vidalita, colombiana e guajira - che conducono lo spettatore in uno spazio immaginario e colorato, attraverso cuadros flamencos, chitarra, cantebaile. Evento a cura di Fondamenta

 

Testi e immagini da Ufficio Stampa Regione Lazio


Incroci di civiltà 2019

Jonathan Coe inaugura la dodicesima edizione di Incroci di Civiltà

JONATHAN COE INAUGURA

INCROCI DI CIVILTÀ

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI LETTERATURA

A VENEZIA

Mercoledì 3 aprile alle ore 17.30 al Teatro Goldoni di Venezia

la dodicesima edizione del Festival

Incroci di civiltà 2019VENEZIA - Sarà lo scrittore inglese Jonathan Coe l’autore di La casa del sonnoLa banda dei brocchi, Circolo Chiuso, La pioggia prima che cada e, più recentemente, di quello che è considerato il libro emblema della Brexit, Middle England ad inaugurare al Teatro Carlo Goldoni mercoledì 3 aprile alle ore 17.30 la dodicesima edizione di Incroci di civiltà, il Festival internazionale di letteratura a Venezia, ideato e organizzato dall’Università Ca’ Foscari Venezia – in collaborazione con Fondazione di VeneziaComune di Venezia all’interno del programma ‘le Città in Festa’ e Città Metropolitana di Venezia, con la partnership di BAUER Venezia, Fondazione Musei Civici Venezia  e Marsilio.

 L’inaugurazionemercoledì 3 aprile alle ore 17.30, al Teatro Carlo Goldoni, vedrà la consegna del Premio BAUER – Ca’ Foscari a Jonathan Coe che dialogherà con Flavio Gregori. I temi saranno quelli di Middle England (Feltrinelli), suo ultimo romanzo appena tradotto che descrive la parabola che ha portato l’Inghilterra alla Brexit e lo smarrimento della classe media di fronte a questo nuovo ordine di cose. L’inaugurazione vedrà anche la consegna del Premio BAUER – Giovani alla scrittrice cilena Paulina Flores, autrice giovanissima insignita del premio Bolaño con il suo libro di esordio Che vergogna (Marsilio).

Sempre nello spirito del Festival, anche in questa dodicesima edizione autori prestigiosi e scrittori emergenti verranno accostati in un susseguirsi di presentazioni, dibattiti, riflessioni in cui protagonista è la letteratura in tutte le lingue del mondo. Un palcoscenico che offrirà al vasto pubblico di lettori appassionati una prospettiva privilegiata sulla letteratura contemporanea mondiale.

Dal 3 al 6 aprile 2019 si incontreranno a Venezia ventotto scrittori provenienti da diciannove Paesi: Gran Bretagna, Cina, Russia, Islanda, Germania, Italia, Spagna, Messico, Giamaica, Francia, Stati Uniti, Lituania, Sudafrica, Australia, Svezia, Cile, Svizzera, Iran, Norvegia.

Tanti ospiti, notissimi e appena affacciatisi sul panorama letterario internazionale, tante tematiche in un incrocio di vite, opinioni e culture come nella tradizione di questo festival internazionale.

Università Ca’ Foscari, Marsilio Editori e Fondazione di Venezia annunceranno inoltre, durante l’inaugurazione, l’istituzione del Premio Manuzio dedicato a Cesare De Michelis la cui prima edizione coinciderà con Incroci di Civiltà 2020. Il premio andrà di anno in anno a quegli editori internazionali che si sono distinti per aver saputo interpretare al meglio con progetti editoriali innovativi lo spirito di confronto e dialogo tra culture che sta alla base di Incroci.

PRENOTAZIONI

Tutti gli appuntamenti di Incroci sono a ingresso libero con prenotazione obbligatoria online su www.incrocidicivilta.org

 

COLLABORAZIONI

Anche per l’edizione 2019, il Festival Incroci di civiltà si giova di una ricca rete di collaborazioni:

 

Partner BAUER Venezia / Fondazione Musei Civici Venezia / Marsilio.

Con il sostegno di Beit Venezia. Casa della cultura ebraica / Center for the Humanities and Social Change / Centro Tedesco di Studi Veneziani / Collegio Internazionale Ca’ Foscari / Consolato generale degli Stati Uniti d’America a Milano / Consolato generale di Svizzera a Milano - Consolato di Svizzera a Venezia / Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati / Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea / Fondazione Querini Stampalia / Fondazione svizzera per la Cultura Pro Helvetia / Grafiche Veneziane / Icelandic Literature Center / Il Volta Pagina / Istituto Confucio Venezia / LEI–Center for Women’s Leadership / L’Incaricata del Governo Federale di Germania per la Cultura e i Media / Lithuanian Culture Institute / NORLA–Norwegian Literature Abroad / Palazzo Grassi–Punta della dogana / Poetry Vicenza / San Servolo s.r.l. / Science Gallery Venice / Società Dante Alighieri / Swedish Arts Council / TBA21-Academy / T Fondaco dei Tedeschi–DFS / University of Warwick / Waterlines–Residenze letterarie e artistiche a Venezia.

In collaborazione con Casa di Reclusione Femminile della Giudecca / Closer–Associazione Culturale / Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali / EDT / Fondazione

Il Campiello / Giangiacomo Feltrinelli Editore / Giulio Einaudi editore / Iperborea / Laboratorio sulla Traduzione delle Lingue Orientali / lineadacqua, "Ristorante Riviera".

Librerie partner Cafoscarina / Libreria MarcoPolo / Libreria

Studium / Punto Einaudi Venezia.

Organizzazione Fondazione Università Ca’ Foscari Venezia.

 

Testo e immagini da Ufficio Stampa Università Ca’ Foscari Venezia


Martina Frezzotti

Martina Frezzotti per Passione e impeto di Palermo Classica

PALERMO CLASSICA winter

PASSIONE E IMPETO | Rachmaninov  Tchaikovsky  Liszt

Domenica 31 marzo | Martina Frezzotti

Cambio in corsa nel programma di Palermo Classica: un problema di salute ha bloccato la pianista giapponese Anna Kurasawa che è stata sostituita in queste ore dalla giovane friulana Martina Frezzotti. Ricercata, versatile, dal piglio sicuro, la pianista si misurerà conTchaikovsky, Rachmaninov e Liszt, ma con una sorpresa – domenica prossima 31 marzo, alle 19 all’ex oratorio di San Mattia ai Crociferi – per il penultimo appuntamento del cartellone.

Mutato anche il programma previsto per il recital: Martina Frezzotti affronterà infatti ilNotturno in do  minore” di Tchaikovsky e tre brani dai “Dai 18 Pieces, Op.72”, ovvero “Dialogo”, “Un poco di Chopin" e “Méditation”; seguiti da “Consolation III, S.172” e dalla “Rapsodia Spagnola S.254” di Liszt, sua  personale versione dei temi musicali - “Follie di Spagna” e “Jota Aragonese” - del francese Jean Baptiste Lully.  Dalla raccolta degli scorrevoli e chiari “Études-tableaux Op. 39” di Rachmaninov, Martina Frezzotti ha scelto i pezzi n.5, n.2 e n.1, con i “Preludi op. 32: n.10, n.12”; inoltre la pianista ha voluto chiudere il suo concerto con la “Ballata N. 1 op. 23 in sol minore” di Chopin. Friulana, Martina Frezzotti è stata sin da giovanissima molto legata alla scuola pianistica russa, allieva di Lazar Berman e unica italiana ammessa al Conservatorio di Mosca. Si è esibita in Europa, Asia e Stati Uniti, ha debuttato alla Carnegie Hall e ha già inciso diversi cd, uno dei quali per la Nippon di Tokyo, di musica da camera di compositori italiani contemporanei. Fa parte della rete di musicisti e medici “Donatori di musica” che porta le note negli ospedali. Biglietto: 14,50 euro.

 

Programma concerto 

 Tchaikovsky

Notturno in do# minore 

Dai 18 Pieces, Op.72: 

- Dialogo. Allegro moderato 

- "Un poco di Chopin". Tempo di Mazurka

- Méditation. Andante mosso

Franz Liszt

Consolation III, S.172: Lento placido

Rapsodia Spagnola S.254

Sergey Rachmaninov 

Preludi op. 32: n.10, n.12

Etude-tableaux op. 39: n.5, n.2, n.1

Frederik Chopin

Ballata N. 1 op. 23 in sol minore 

Rapsodia Ungherese No. 2

 Nata a Udine nel 1986, Martina Frezzotti si è avvicinata al piano a sei anni, e a 17 è diventata allieva del leggendario pianista russo Lazar Berman, all’Accademia pianistica internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. Sotto la sua guida ha preparato un interessante repertorio lisztiano con il quale ha poi avuto grande successo di critica negli anni a venire. Dopo il diploma in Conservatorio, Martina si è trasferita in Russia per continuare gli studi con Berman, fino alla sua scomparsa. Nel 2008 è stata la prima italiana ad essere ammessa al dottorato di laurea del Conservatorio Statale “P. I. Tchaikovsky” di Mosca, dove ha studiato con Elissò Virsaladze, e si è laureata con una tesi in russo sulla paura dell’esibizione e allo scontro tra arte e Ego nel mondo del concertismo. Martina Frezzotti si è esibita in recital solistici in Europa, Russia, America e Asia, e ha debuttato alla Carnegie Hall nel 2012. Si è esibita in due acclamati recital al Museo memoriale di Sviatoslav Richter, che occupa l’appartamento moscovita del grande compositore. Ha vinto premi, riconoscimenti e borse di studio. Nel 2004 ha vinto la XIV edizione del Concorso Nazionale della Società Umanitaria di Milano, tra tutti i musicisti dei Conservatori italiani e le è stata offerta la possibilità di incidere un CD (Sarx Records), su musiche di Schumann. Martina Frezzotti è stata una dei 4 italiani in gara al Concorso Internazionale "F. Chopin" di Varsavia, nel 2015, e lo stesso anno è stata invitata dall’etichetta discografica Nippon Acoustic Records di Tokyo, per incidere un CD di musica da camera di compositori italiani contemporanei, in ensemble con il trombettista Ottaviano Cristofoli. Il 2019 vedrà due suoi dischi solistici (Brilliant Classic) con una monografia della compositrice Fanny Hensel-Mendelssohn e un doppio CD con tutta l'opera pianistica di Ivan Karabyts, compositore novecentesco ucraino (Toccata Classic); e vedrà anche la giovane pianista friulana impegnata nell'esecuzione dell'Integrale di Ballate e Mazurke di Chopin e del “Clavicembalo Ben Temperato” di Bach. Da quest'anno suona regolarmente e con grande orgoglio per il progetto "Donatori di Musica", la rete di musicisti, medici e volontari, nata nel 2009 per realizzare e coordinare stagioni di concerti negli ospedali.

PROSSIMI CONCERTIPalermo Classica chiuderà i battenti di questa stagione invernale,  il 7 aprile, con l’amatissima Primavera Shima, vera beniamina del pubblico di Palermo Classica. La stagione estiva inizierà il 27 luglio alla GAM, a breve saranno proposti gli abbonamenti presso la sede dell’Accademia Palermo Classica in via Paolo Paternostro, 94; online su CiaoTickets.com. Info: 091.332208 | 366.4226337 | www.palermoclassica.it.

Martina Frezzotti


I giovedì del Parco Archeologico del Colosseo

Una battaglia ritrovata nelle acque delle Egadi, in ricordo di Sebastiano Tusa

Giovedì 4 aprile, alle ore 16.30, il Parco archeologico del Colosseo ricorda il Prof. Sebastiano Tusa, la cui recente e improvvisa scomparsa costituisce una grave perdita per il mondo della cultura.

Era atteso al Parco, nella Curia Iulia, proprio il prossimo 4 aprile per una conferenza, quale primo segno tangibile della collaborazione attivata nei mesi scorsi in vista dell’apertura della mostra Carthago. Il mito immortale, che sarà allestita nei luoghi del Parco a partire dal 27 settembre 2019 e del cui comitato scientifico Sebastiano Tusa faceva parte. Sarà Adriana Fresina, Soprintendente del mare della regione Sicilia, a ricordare le numerose ricerche condotte da Sebastiano Tusa nella sua carriera, illustrando al pubblico forse una delle più straordinarie: il ritrovamento delle navi restituite dalle acque delle Isole Egadi.

Biografia Sebastiano Tusa

Archeologo di origini palermitane, Sebastiano Tusa è stato docente in numerose università italiane: professore dal 2000 di Paletnologia presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha ricoperto il ruolo di docente di Archeologia Subacquea per il corso di laurea in Archeologia navale dell’Università degli Studi di Bologna, presso la sede distaccata a Trapani. Per un anno, dal 2015 al 2016, è stato inoltre professore a contratto per l'Università Philipps di Morburgo. La sua attività di ricerca include la partecipazione e la direzione di numerose missioni archeologiche in Italia, Iraq, Iran, Pakistan, Libia, Turchia e Tunisia. Prima Soprintendente per i beni culturali e ambientali di Trapani, nel 2012 diviene Soprintendente del mare per la regione Sicilia. Da aprile 2018 ha ricoperto invece l’incarico di Assessore regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana. Tra le sue pubblicazioni si distaccano monografie, articoli e saggi scientifici che affrontano il tema dell’Archeologia subacquea, prediligendo la Sicilia come zona di analisi e ricerca.

L’iniziativa I giovedì del PArCo, ciclo di conferenze previste i giovedì pomeriggio nella splendida sede della Curia Iulia, promossa dal Parco archeologico del Colosseo, conferma la vocazione del monumento a spazio culturale vivo e per questo designato al dibattito, dedicato non solo a presentazioni di volumi, dialoghi tra specialisti e protagonisti del mondo della cultura, ma anche ad approfondimenti sulle mostre in corso e di progetti futuri, fornendo, al contempo, una pluralità di occasioni per rafforzare il legame della città con l’archeologia e confermare la strategia che il Parco archeologico del Colosseo, diretto da Alfonsina Russo, persegue con costanza.

Il primo appuntamento della rassegna si è tenuto il 14 febbraio con Aldo Schiavone, professore di Istituzioni di diritto romano, intervenuto sul tema La dinastia dei Severi e i suoi giuristi. Come nasce lo Stato in Occidente. È stata poi la volta di Francesca Ghedini, professore emerito di archeologia classica presso l’Università degli Studi di Padova, che ha approfondito il ruolo delle donne della dinastia dei Severi. Hanno fatto seguito Luisa Musso, professoressa di archeologia delle province romane presso l’Università di Roma Tre, e Matthias Bruno, archeologo, con un ulteriore intervento nell’ambito della mostra Roma Universalis.

L’impero e la dinastia venuta dall’Africa, illustrando i forti legami tra la dinastia dei Severi e la città di Leptis Magna e descrivendo i risultati dei recenti scavi condotti in Libia. L’incontro del 14 marzo con Rossella Rea, funzionario archeologo responsabile delle indagini al Templum Pacis, e Riccardo Santangeli Valenzani, professore di archeologia medievale e archeologia urbana di Roma presso l’Università di Roma Tre, ha indagato le trasformazioni del paesaggio urbano dall’antica topografia di Roma all’età moderna.

Moncef Ben Moussa, direttore dello sviluppo museografico presso l’Institut National du Patrimoine de Tunis, ha condotto il quinto appuntamento della rassegna, analizzando la politica museale tunisina.

La programmazione prosegue come da calendario seguente:

18 aprile
Ore 16.30
Il salotto culturale della contessa Ersilia Caetani Lovatelli
Paolo Sommella, linceo e professore emerito di topografia antica presso la Sapienza Università di Roma, parlerà del momento di transizione dalla Roma papale alla Capitale d’Italia, visto attraverso le presenze dei politici, degli artisti e degli studiosi al salotto letterario di Ersilia Caetani Lovatelli, archeologa e studiosa di storia e antichità romane, prima donna eletta membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei (1879)

9 maggio
Ore 16.30
Azedine Beschaouch, direttore del sito archeologico cambogiano Angkor Wat
(Titolo in definizione)

16 maggio
Ore 16.30
Adriano. Roma e Atene
Eugenio La Rocca, professore di archeologia classica presso l’Università la Sapienza di Roma, è stato Soprintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma, direttore degli scavi dei Fori Imperiali, e dal 2004 degli scavi nel palazzo della Provincia di Roma. I suoi principali lavori scientifici vertono sulla cultura figurativa di età greca e romana, sui rapporti tra arte ed ideologia politica, sulla topografia e sui monumenti di città ellenistiche e principalmente di Roma. In occasione de I giovedì del PArCo, presenterà al pubblico il volume curato da Andrea Carandini ed Emanuele Papi Adriano. Roma e Atene, edito da Utet: un ritratto bifronte dell’imperatore, il cui sguardo è stato in grado di coprire le distanze che separano Occidente e Oriente, in una sintesi forse irripetibile che non ha mai smesso di nutrire una civiltà, la nostra, radicata nella classicità adrianea.