Category Archives: Storia – Ottocento e Novecento

A Capodimonte ancora attivo il forno dove fu cotta la ‘prima’ pizza margherita

PIZZA, A CAPODIMONTE ANCORA ATTIVO IL FORNO DOVE FU COTTA LA ‘PRIMA’ MARGHERITA

Al Casamento Torre nel Real Bosco di Capodimonte è ancora attivo il forno di campagna dove fu cotta la prima pizza margherita. Qui, nell’estate del 1889 il pizzaiolo Raffaele Esposito della pizzeria Brandi preparò le diverse pizze per la Regina Margherita di Savoia: Mastu Nicola bianca con strutto, basilico, pecorino e pepe; pomodoro, alici, aglio, origano e olio; pomodoro, mozzarella, basilico, olio e pecorino; calzone fritto con ricotta e cicoli secondo la tradizione dell’Ottocento. La regina preferì quella con la mozzarella e il pomodoro che, in suo onore, fu chiamata margherita.
Un sito storico da valorizzare, come ha annunciato ieri il direttore del Museo di Capodimonte, Sylvain Bellenger, che entro un mese aprirà le porte del Giardino Torre del Bosco di Capodimonte grazie a un bando europeo che coinvolgerà, a rotazione, i pizzaioli napoletani.
“Sarà un posto con il cibo prodotto dal Giardino Torre – ha affermato Bellenger – come per esempio la frutta che verrà dagli alberi che sono stati piantati qui 300 anni fa. Stiamo preparando un bando europeo per trovare un imprenditore che investa in questo progetto, dove vorremmo fossero coinvolti pizzaioli storici napoletani perché la pizza è napoletana”.
“L’arte dei pizzaioli napoletani è un mestiere antichissimo, parte del nostro patrimonio culturale” dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, che sottolinea  come “l’iscrizione nella lista dei beni culturali immateriali è un’ottima notizia che arriva proprio mentre sta per iniziare il 2018 Anno del Cibo Italiano”.
Roma, 7 dicembre 2017
Ufficio Stampa MiBACT

Come da MiBACT, redattore Renzo De Simone

Recuperata bolla papale “Singularis Romanorum Pontificum”

Firenze: i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale recuperano una bolla papale emessa nel 1822 da Papa Pio VII rubata a Massa (MS) presso l’Archivio Diocesano

I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze hanno recuperato una bolla papale intitolata «Singularis Romanorum Pontificum» con cui, nel febbraio 1822, veniva eretta la Diocesi di Massa Ducale, rubata dagli archivi Diocesani di Massa in epoca imprecisata. Il valore del bene, trentadue pagine in pergamena e sigillo plumbeo, è stimato in quindicimila euro.
Nel febbraio 2016, il Direttore dell’Archivio Storico Diocesano di Massa denunciava al Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze che, a seguito d’inventario, riscontrava l’ammanco del pregevole documento.
L’Archivio storico Diocesano massese è custode di numerosi atti provenienti da:
– Vescovo e Curia Vescovile (dal 1822);
– Capitolo della Cattedrale (dal 1629);
– archivi storici delle Parrocchie di Massa e Carrara.
A seguito della denuncia, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa, sono state condotte mirate indagini negli ambienti antiquari e tra gli appassionati del settore, attività che hanno consentito di rintracciare la bolla papale presso un collezionista residente nella provincia di La Spezia che, nel 1996, l’aveva acquistata in buona fede a Genova presso una nota libreria antiquaria.
Sono in corso ulteriori attività investigative per ricostruire i passaggi della Bolla Papale, dal momento del furto sino al suo ritrovamento.
La riconsegna del bene è avvenuta alle ore 11.00 di sabato 18 febbraio 2017 presso la Curia Vescovile di Massa, via Francesco Maria Zoppi n.14, alla presenza del Vescovo, S.E. Mons. Giovanni Santucci, e delle Autorità locali.
Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone

Il 79° Anniversario della Scoperta delle Grotte di Castellana

 

Il 79° Anniversario della Scoperta delle Grotte di Castellana

16 Gennaio 2016, Castellana Grotte – La mattina del 23 gennaio del 1938 il professor Franco Anelli si affacciò sull’orlo della Grave, seguito da Vito Matarrese, per scendere a 70 metri di profondità, nel buio più totale, armato di una flebile luce e di tanto coraggio, trovandosi infine davanti ad uno scenario di incomparabile bellezza.

Il 79° anniversario della scoperta delle Grotte di Castellana, Meraviglia di Puglia, si celebrerà come da tradizione il prossimo 23 gennaio, alle ore 11.30, con una Santa Messa officiata quest’anno dal Vescovo della Diocesi Conversano-Monopoli, S.E. Mons. Giuseppe Favale. Alla suggestiva Celebrazione Eucaristica nella Caverna della Grave parteciperanno il sindaco prof. Francesco Tricase in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, il Consiglio di Amministrazione delle Grotte di Castellana srl guidato dal Presidente Domi Ciliberti, il figlio di Franco Anelli, ed una delegazione di studenti delle Scuole Primarie di Castellana Grotte.

Al termine, uno speleologo del “Gruppo Puglia Grotte” si calerà dalla bocca della Grave per far rivivere l’emozione provata dal prof. Franco Anelli in quella discesa che cambiò la storia di Castellana.

Durante la giornata, il Museo Franco Anelli sarà aperto ai visitatori che vorranno scoprire e approfondire il meraviglioso mondo delle Grotte di Castellana con l’ausilio di materiale scientifico e fotografico.

In serata, alle ore 19.00, presso la Sala delle Cerimonie del Municipio, il Comune di Castellana Grotte e le Grotte di Castellana patrocineranno la presentazione del libro “Storia del personale delle Grotte di Castellana dalla scoperta fino ai nostri giorni. Più di settant’anni di storia delle Grotte di Castellana (1938 -2015)” a cura di Francesco Tinelli. Interverranno oltre all’autore, il sindaco prof. Francesco Tricase, il presidente della Società Grotte Domi Ciliberti e lo storico locale Domenico Bulzacchelli.

Testo e immagine da Ufficio Stampa Grotte di Castellana Srl

Roma: Me ne frego! Film documentario di Vanni Gandolfo – Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana

Incontro nell’ambito della mostra “Roma anni Trenta. La Galleria d’Arte Moderna e le Quadriennali d’arte 1931 – 1935 – 1939” in corso fino al 30 ottobre 2016 alla Galleria d’Arte Moderna di via F. Crispi (Roma)

Me ne frego! Film documentario di Vanni Gandolfo

Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana

14 Settembre 2016 ore 20.30

a cura di Vanni Gandolfo e Valeria Della Valle 

Produzione Istituto Luce-Cinecittà

image001 (10)

Il film documentario si presenta come un viaggio attraverso la bonifica della lingua italiana tentata dal regime fascista. La storia poco conosciuta di un esperimento destinato a fallire. Il documentario analizza le parole del duce, l’indottrinamento dell’infanzia, la repressione di tutto ciò che era diverso rispetto all’ideale dell’ “italiano nuovo” che doveva adeguarsi al dogma di “credere, obbedire, combattere”.

L’Italia della Marcia su Roma è un paese povero e ignorante che parla una miriade di dialetti e ME NE FREGO parla di questo, di un esperimento di manipolazione messo in atto per uniformare la lingua degli italiani, dimenticandosi che la lingua delle persone non è una divisa che si indossa. Dal 1931 il Luce abolisce la presa diretta, che viene sostituita da una voce narrante ufficiale, la voce del regime.

Questi rarissimi documenti sono il centro di ME NE Frego!, contraltare di un insieme di voci, propaganda e citazioni da testi d’epoca, che raccontano la follia dell’altra inevitabile disfatta del regime, quella sulla lingua degli italiani.

Continue reading Roma: Me ne frego! Film documentario di Vanni Gandolfo – Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana

Dai denti informazioni sulla Grande Carestia Irlandese

10 Agosto 2016

Direzione dello sviluppo della dentina in un molare umano. Credit: Beaumont et al. (2016)
Direzione dello sviluppo della dentina in un molare umano. Credit: Beaumont et al. (2016)

Un nuovo studio, pubblicato su PLOS One, ha utilizzato l’analisi degli isotopi sui denti degli individui colpiti dalla Grande Carestia Irlandese del diciannovesimo secolo. In questo modo, è possibile investigare i cambiamenti fisiologici e nella dieta, e quindi individuare coloro che morirono di fame all’epoca.

I ricercatori hanno individuato il passaggio dalle patate al mais – importato dall’America per fornire sollievo durante la carestia – e pure i segni dello stress fisiologico negli scheletri di adulti e giovani.

Continue reading Dai denti informazioni sulla Grande Carestia Irlandese