Taranto, MArTA: Open Day e XIII Giornata Nazionale Amici dei Musei

OPEN DAY – Una Domenica al Museo

OPEN DAY – “Una Domenica al Museo”

 Domenica 2 Ottobre giornata dedicata al tema nazionale “Vendemmia e vino”
Ingresso gratuito per tutti al Museo Archeologico Nazionale Di Taranto – MArTA
Previste visite guidate erogate dal concessionario “Nuova Apulia” al costo promozionale di 3 euro a persona e gratuito per i minori di anni 12 alle ore 10.30, 11.30, 12.30, 16.30 e 17,30.
Prenotazione obbligatoria.
Info e prenotazioni: Tel: 0994538639 o mail: museo.taranto@novaapulia.it

Come da MiBACT, Redattrice Rosa Zampa

“XIII Giornata Nazionale degli Amici dei Musei”

20a3845058846e5d6a7f978b36afaa65cc1dbe9f

Domenica 2 ottobre in occasione della “XIII Giornata Nazionale degli Amici dei Musei” il Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA in collaborazione con l’Associazione “Gli amici dei Musei di Taranto organizza una giornata di studi sul tema “Musica e Arte durante la Prima Guerra Mondiale”. La conferenza prevista nella “Sala Incontri” del Museo Archeologico Nazionale Di Taranto – MArTA inizierà alle ore 9.30 e si concluderà alle ore 13.30. L’accesso sarà gratuito.
“La XIII giornata Nazionale degli Amici dei Musei” seguirà il seguente programma:
Ore 9.30 – Introduzione a cura della Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto Dott.ssa Eva Degl’Innocenti
Ore 10.00 – Lorenzo Fico – Direttore dell’Istituto Paisiello “Dalla Bella Epoque alla Grande Guerra: La crisi dei linguaggi musicali”
Ore 10.30 – Antonio Basile – Direttore di Antropologia Culturale dell’Accademia di Belle Arti di Lecce
Ore 11.00 – Mina Chirico Vice Direttore dell’Archivio Di Stato di Taranto “ Il monumento al Fante di Eugenio Baroni
Interverranno la soprano Antonia Cifone e, al pianoforte Mariantonietta Saccomanni
Info: Tel: 0994538639 o mail: museo.taranto@novaapulia.it

Come da MiBACT, Redattrice Rosa Zampa

Milano, MUDEC: presentate prime mostre e attività autunnali

Cultura

Mudec, presentate oggi (ieri, NdR) le prime mostre e attività dell’autunno

Del Corno: “Un programma importante e perfettamente coerente con lo spirito che anima l’attività del Mudec, dedicato alla conoscenza e al dialogo tra tutte le culture del mondo”. ‘Homo Sapiens’ racconta la nuova storia dell’evoluzione umana e ‘Salone Ducale’ stupisce con l’intreccio creativo tra tradizione maori e materiali ultramoderni

mostra_homo_sapiens_450-jpg

Milano, 29 settembre 2016 – “L’avvio dell’autunno del MUDEC, il Museo che Milano ha dedicato alla conoscenza e al dialogo tra tutte le culture del mondo, propone un programma importante e perfettamente coerente con lo spirito che anima l’attività di questo centro di ricerca multidisciplinare, reso vivo e stabile attraverso la presenza e le attività del Forum e dell’Associazione Città Mondo che riunisce centinaia di associazioni rappresentative delle numerosissime comunità internazionali che abitano la nostra città – così l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno commentando la presentazione delle mostre autunnali del MUDEC.

Continue reading Milano, MUDEC: presentate prime mostre e attività autunnali

Milano: al via la prima edizione della Fall Design Week

Design

Al via la prima edizione della Fall Design Week, nove giorni tra eventi, mostre e installazioni

Tajani: “Non si tratta di un secondo Fuorisalone ma della messa a sistema delle idee, delle proposte e dei progetti sviluppati spontaneamente da operatori di alto profilo nazionale e internazionale all’interno di un palinsesto, coordinato dal Comune, di attività e di eventi diffusi sul territorio”

fall_design_week_450-jpg

Milano, 29 settembre 2016 –  Oltre 200 tra incontri, convegni, film, mostre e installazioni  ideati e realizzati da oltre 25 tra i principali operatori del design e dell’architettura. Sono  questi i numeri della prima edizione della Fall Design Week in programma dall’1 al 9 ottobre in città: da Brera a Lambrate sino al mercato comunale di Viale Monza passando per Palazzo Morando e la Fabbrica del Vapore.

Continue reading Milano: al via la prima edizione della Fall Design Week

Il nano-movie interamente recitato da atomi

Ciak si gira!

In anteprima assoluta il nano-movie interamente recitato da atomi

Al Dipartimento di Fisica della Sapienza va in scena la ripresa in slow motion del moto atomico 800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza

Con la fotografia si fissa un momento ben preciso senza che degli attimi che seguono rimanga più nulla. Questo vale anche quando a essere immortalati sono gli atomi, attraverso le moderne tecniche di microscopia. Che ne e’ dunque della “vita” di un atomo dopo che è stato fotografato, ovvero dei processi primari che governano i fenomeni fisici, chimici e biologici?

Riuscire a filmare il movimento degli atomi è stato l’obiettivo di uno studio condotto dal gruppo Femtoscopy, coordinato da Tullio Scopigno del dipartimento di Fisica della Sapienza, in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’Ecole Polytechnique di Parigi.

I ricercatori sono riusciti a realizzare un vero e proprio film molecolare, riprendendo direttamente il movimento degli atomi in risposta ad una sollecitazione impartita attraverso un brevissimo flash luminoso.

“Nonostante la semplicita’ della sceneggiatura, l’impresa è stata particolarmente complessa, perché l’atomo nei suoi movimenti è rapidissimo: l’intervallo tra il ciak e il primo fotogramma e’ durato una manciata di femtosecondi. Basti pensare che la luce – che in un secondo viaggia dalla terra alla luna- in un tempo cosi’ piccolo copre una distanza pari alle dimensioni di un batterio”, spiega Tullio Scopigno.

Per giungere a questo risultato, il gruppo di ricerca della Sapienza ha sviluppato la Femtosecond Stimulated Raman Spectroscopy, una innovativa tecnica in grado di fornire informazioni vibrazionali e strutturali con altissima risoluzione temporale, in modo da poter ricostruire in tempo reale il moto atomico.

“Abbiamo utilizzato dei flash luminosi di durata brevissima, ottenuti da un laser a femtosecondi, per depositare energia in forma estremamente localizzata all’interno della Mioglobina, una proteina molto importante nei processi di consumo di ossigeno del corpo umano per la produzione di energia” aggiungono Carino Ferrante ed Emanuele Pontecorvo, primi autori dell’articolo appena pubblicato su Nature Chemistry.

Questo importante esperimento, proposto quasi dieci anni fa attraverso un ERC-Starting grant e realizzato grazie al relativo finanziamento, risolve nello specifico una controversia sul trasporto energetico nelle emo-proteine, ed apre una prospettiva nuova per la visualizzazione dei fenomeni ultraveloci nelle biomolecole.  Continue reading Il nano-movie interamente recitato da atomi

Sisma 24 Agosto: recuperate opere ad Accumoli

SISMA 24 AGOSTO: RECUPERATE LE OPERE PRESENTI NEL PALAZZETTO DEL PODESTÀ E NELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA DI ACCUMOLI

31431111d77cb1c45fb7a19a164204b7c991943

I tecnici delle squadre rilevamento danni del MiBACT insieme ai restauratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro e dell’Opificio delle Pietre Dure, con la collaborazione dei vigili del fuoco e i carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, hanno portato a compimento il recupero delle opere conservate presso il Palazzetto del Podestà, sede del Comune di Accumoli: un trittico del XIV e XVII secolo raffigurante la Madonna del Latte, dipinto di ambito abruzzese con cuspide centrale della prima metà del Trecento e sportelli laterali ridipinti nel Seicento, un gruppo ligneo policromo con la Madonna in trono con Bambino risalente al XIV secolo e proveniente dalla frazione di Poggio d’Api, due sculture lignee policrome e dorate con angeli reggi cortina del XVIII secolo e una teca con gli ex voto della statua della Madonna Addolorata. Sempre a Accumoli è stato poi condotto a termine il recupero delle opere d’arte della chiesa di Santa Maria della Misericordia, con il prelievo in sicurezza del ritratto di Filippo Pasqualoni, olio su rame del XVII prelevato dal monumento funebre marmoreo in opera sul lato sinistro della controfacciata, della tela con la Madonna con Bambino sul fastigio dell’altare sulla testata sinistra della navata del XVII secolo, della grande tela con la Madonna del Carmelo del XVII secolo, della statua lignea di Sant’Emidio del XIX secolo e di alcuni frammenti di decorazione plastica del controsoffitto crollato della navata centrale. Nella frazione di Sant’Angelo di Amatrice infine sono stati messi in sicurezza i frammenti della campana bronzea della chiesa di San Giovanni in Monte, risalente al 1734.

Continue reading Sisma 24 Agosto: recuperate opere ad Accumoli