7 Gennaio 2016

Frequenza del DNA TLR analogo a quello dei Neanderthal, sulla base di un set di 1000 genomi. Dannemann et al./American Journal of Human Genetics 2016
Frequenza del DNA TLR analogo a quello dei Neanderthal, sulla base di un set di 1000 genomi. Dannemann et al./American Journal of Human Genetics 2016

Quando, in epoca preistorica, umani e Neanderthal si mescolarono in Europa, si determinarono modificazioni genetiche che hanno aumentato la nostra capacità di allontanare le infezioni, ma al contempo la nostra predisposizione alle allergie si sarebbe pure incrementata.
Due nuovi studi pubblicati sull’American Journal of Human Genetics hanno rilevato come il mescolamento degli antichi umani con i Neanderthal e i Denisovan abbia influenzato l’attuale diversità genetica. Si sottolinea pure quanto il movimento dei geni tra le specie sia stato importante per l’immunità innata nell’uomo.
Studi precedenti avevano sottolineato come percentuali fino al 6% del genoma umano in Eurasia derivassero da quello di quegli antichi ominidi come Neanderthal e Denisovan. Uno dei due nuovi studi ha esaminato il ruolo di questa parte del genoma in relazione al sistema immunitario, scoprendo pure che per certi geni relativi alle immunità innate pochi cambiamenti sarebbero intervenuti per lunghi periodi di tempo. Per altri, invece, a causa delle epidemie la selezione sarebbe stata più rilevante, emergendo alcune varianti. La maggior parte degli adattamenti si colloca tra i sei e i tredicimila anni fa.
In conclusione, l’importanza del mescolamento degli antichi umani con Neanderthal e Denisovan ha contribuito al nostro adattamento all’ambiente, sia riguardo la reazione agli agenti patogeni che nel metabolizzare i cibi.

Lo studio “Genomic Signatures of Selective Pressures and Introgression from Archaic Hominins at Human Innate Immunity Genes”, di Matthieu Deschamps, Guillaume Laval, Maud Fagny, Yuval Itan, Laurent Abel, Jean-Laurent Casanova, Etienne Patin, Lluis Quintana-Murci, è stato pubblicato sull’American Journal of Human Genetics.
Lo studio “Introgression of Neandertal- and Denisovan-like Haplotypes Contributes to Adaptive Variation in Human Toll-like Receptors”, di Michael Dannemann, Aida M. Andrés, Janet Kelso, è stato pubblicato sull’American Journal of Human Genetics.
Link: The American Journal of Human Genetics 1, 2EurekAlert! via Cell Press