SISMA 24 AGOSTO: RECUPERATI DIPINTI E ARREDI DALLA CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO IN LOCALITÀ SANT’ANGELO MESSI IN SICUREZZA GLI AFFRESCHI DEL SANTUARIO DELLA FILETTA

1475508246974_img_20160928_155042

I tecnici delle squadre rilevamento danni del MiBACT insieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, hanno recuperato numerosi dipinti a olio su tela e arredi liturgici dalla chiesa di San Michele Arcangelo in località Sant’Angelo nel comune di Amatrice.
In particolare sono stati recuperati sei dipinti a olio su tela con le stazioni della via crucis del 1736, un dipinto su tela con Cristo crocifisso, la Madonna e Santa Maria Maddalena in stato di conservazione molto precario con molte spiegazzature e cadute di colore, un dipinto su tela di grandi dimensioni con Sant’Antonio Abate del XX secolo e il paliotto dell’altare maggiore dipinto su cuoio con San Michele Arcangelo che combatte Satana, sottratto bagnato dalle macerie di fronte all’altare in condizioni molto precarie e suddiviso in tre parti e molteplici frammenti.
1475508336728_p1320033_n-1
Le opere, grazie a due mezzi di trasporto messi a disposizione del Corpo Forestale dello Stato, sono state trasferite al deposito di Cittaducale, dove il dipinto della crocifissione e il paliotto sono stati rimossi dagli imballi e distesi per l’asciugatura.
Insieme ai restauratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro e con l’assistenza dei vigili del fuoco e dei carabinieri TPC, i tecnici del MiBACT hanno inoltre messo in sicurezza il ciclo di affreschi del Santuario della Madonna della Filetta nei pressi di Amatrice, procedendo alla velinatura con bende di carta giapponese e resina acrilica per il prefissaggio dello strato pittorico e all’ancoraggio dei bordi distaccati ma non ancora sollevati. Si sono recuperati e tracciati i frammenti caduti, ricoverati nel deposito di Cittaducale in vista del successivo restauro strutturale dell’edificio e la conseguente ricomposizione del ciclo pittorico.
“La preziosa opera dei professionisti della tutela – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – continua a porre in salvo il patrimonio culturale nelle aree del sisma. Si tratta di un prezioso contributo alla ricostruzione dell’anima di quei territori per il quale dobbiamo essere grati ai tanti tecnici dei beni culturali e della protezione civile che si stanno prodigando per condurre al meglio questo compito”.
Di seguito si riporta una scheda descrittiva dell’importante ciclo pittorico del Santuario della Filetta.
Santuario della Madonna di Filetta – sec XV
1475577226316_p1320135
La Chiesa di Santa Maria dell’Ascensione o Filetta venne costruita in memoria di un evento miracoloso verificatosi nel 1472 quando, il giorno dell’Ascensione, durante un temporale, la pastorella Chiara Valente avrebbe ritrovato un cammeo nel quale identificò l’immagine della Vergine. Da allora ogni anno viene ricordato questo evento con una processione solenne lungo il sentiero che da Amatrice conduce al Santuario e la Madonna di Filetta è divenuta la patrona di Amatrice.
La facciata è semplice con un portale ad arco acuto ed un campanile a doppia vela. All’interno le pareti sono ricoperte di affreschi, tra cui molto interessante è quello che ricopre l’abside, opera del pittore Pier Paolo da Fermo, che descrive dettagliatamente la solenne processione verso il Santuario.
1475577126841_p1320102
Roma, 4 ottobre 2016
Ufficio Stampa MiBACT
Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone
————————————————————————————-

SISMA 24 AGOSTO: RECUPERATE 40 OPERE DALLA CHIESA DI S. ANTONIO ABATE A CORNILLO NUOVO

1475678145332_selezione_cornillo_nuovo_ridotte4

I tecnici del MiBACT, insieme ai restauratori dell’Opificio delle Pietre Dure e con la collaborazione dei vigili del fuoco e dei carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, hanno recuperato 40 opere conservate all’interno della chiesa di Sant’Antonio Abate nella frazione di Cornillo Nuovo nel comune di Amatrice. Si tratta di suppellettili liturgiche, paramenti sacri e libri dell’archivio parrocchiale, tra i quali dei messali del XVII e XVIII secolo. Tra le opere trasportate al deposito presso la Scuola del Corpo Forestale a Cittaducale spicca il tabernacolo ligneo in forma di tempietto dipinto con l’immagine del Cristo risorto e dei santi Giovanni e Antonio Abate e siglato con la data 1568 e il nome del donatore, Cherubino de Jacobo.
1475677994543_cicloaffreschi_cornillo_nuovo_ridotte1
I cicli pittorici ad affresco, in particolare la pregevole raffigurazione delle dodici Storie di Sant’Antonio abate di Dionisio Cappelli, non risultano danneggiati e non destano particolare preoccupazione, mentre sono state messe in sicurezza in situ le due preziose statue in terracotta raffiguranti Sant’Antonio abate nella nicchia dell’altare maggiore e la Vergine orante con il Bambino sull’altre laterale destro, attribuite allo scultore abruzzese Saturnino Gatti (1463-1519 ca.) protagonista del rinascimento aquilano.
1475678233341_santonioabate_cornillo_nuovo_ridotte7
1475678197527_madonnaorante_cornillo_nuovo_ridotte6
“Donne e uomini del MiBACT – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – si stanno adoperando con dedizione e professionalità alla tutela del patrimonio culturale nelle aree terremotate. Ringrazio loro insieme ai vigli del fuoco e ai carabinieri del Comando TPC per la pregevole opera che stanno compiendo”.
1475678109963_selezione_cornillo_nuovo_ridotte5
Roma, 5 ottobre 2016
Ufficio Stampa MiBACT
1475678070092_selezione_cornillo_nuovo_ridotte3
Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone
1475678033174_selezione_cornillo_nuovo_ridotte2