26 – 27 Marzo 2015
Turkana_Boy_-_Forensic_facial_reconstruction
Si continua a parlare di evoluzione e di diversificazione nei primi Homo. Una nuova ricerca, pubblicata sul Journal of Human Evolution, evidenzia come il genere sia stato molto differenziato sin dalle sue origini, due milioni di anni fa.
320px-Turkana_Boy
[Dall’Abstract: ] La stima della dimensione corporea dei primi membri del genere Homo (2,4 – 1,5 milioni di anni fa) è centrale nelle interpretazioni della loro biologia. C’è ampio consenso sul fatto che l’Homo ergaster possedesse una dimensione maggiore in confronto a quelle dell’Homo habilis e dell’Homo rudolfensis, e che questo può esser stato un fattore nella dispersione dell’Homo “fuori dall’Africa”. Lo studio delle differenze tassonomiche nella dimensione corporea, comunque, è problematico, […] e poco è noto della variazione geografica e cronologica di questa dimensione nei primi Homo. Nella ricerca, si investigano proprio queste ultime utilizzando un approccio privo di taxon, e considerando le prove per la variazione della dimensione da resti isolati e frammentari postcraniali. […] I risultati dimostrano la variazione ma nessuna semplice tendenza temporale o geografica per l’evoluzione della dimensione del corpo nei primi Homo. […] Le migrazioni verso l’Eurasia non erano quindi contingenti su corpi più grandi. Le significative differenze nella dimensione corporea tra i resti di Koobi Fora e Olduvai supportano le prove craniali di almeno due morfotipi coesistenti nel Primo Pleistocene nell’Africa Orientale.
Lo studio “Spatial and temporal variation of body size among early Homo“, di Manuel Will, Jay T. Stock, è stato pubblicato su Journal of Human Evolution.
Link: Journal of Human EvolutionPast Horizons; Science Daily; Phys.org via University of Cambridge; Daily Mail
Ricostruzione facciale forense del ragazzo di Turkana/di Nariokotome (Homo ergaster), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata e di Cicero Moraes.
Ragazzo di Turkana, Claire Houck (da New York City, USATurkana Boy), foto da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da FunkMonk.