8 Giugno 2016

Il dott. Adam Brumm del Centro per l'evoluzione umana dalla Griffith University. Credit: Adam Brumm
Il dott. Adam Brumm del Centro per l’evoluzione umana dalla Griffith University. Credit: Adam Brumm

L’Homo floresiensis è oggetto di dibattito tra gli studiosi: da una parte c’è chi lo considera risultato dell’evoluzione a partire dall’Homo erectus in un ambiente insulare, che ha determinato dimensioni ridotte del corpo e del cervello; dall’altra si ipotizza che possa essere derivato da un ominide come Homo habilis o da un Australopithecus, più antichi e caratterizzati da un cervello più piccolo. La discussione aveva però raggiunto una situazione di stallo.

Un nuovo studio, pubblicato su Nature, riporta ora dei fossili di ominidi scavati nel 2014 presso il sito di Mata Menge, nel bacino del So’a sull’isola indonesiana di Flores: risalgono al Pleistocene Medio. Si tratta di un frammento di mandibola e di sei denti appartenuti ad almeno tre individui (di cui due bambini), databili a circa 0,7 milioni di anni fa. Si tratta dei più antichi resti di ominidi per l’isola, e sono simili per dimensioni e caratteristiche morfologiche a quelli ritrovati a Liang Bua, e relativi all’Homo floresiensis. Sono in realtà persino più piccoli. L’unica eccezione è data dal primo molare della mandibola, che mantiene condizioni più primitive. Si sono ritrovati pure strumenti litici, identici a quelli usati dall’Homo floresiensis.

La scoperta tende dunque a supportare l’idea dell’evoluzione a partire dall’Homo erectus, anche noto come Uomo di Giava: questi raggiunse la vicina isola di Giava 1,5 milioni di anni fa circa. I nuovi fossili mostrano poi come caratteristiche dell’Homo floresiensis, in particolare la ridotta dimensione corporea, siano stati qui raggiunti in epoca assai antica. Si tratterebbe perciò di una conferma unica per gli ominidi della regola per la quale in ambiente isolano, con fonti limitate di cibo e mancanza di predatori, le dimensioni dei mammiferi isolati tendono a cambiare: quelli piccoli tendono a diventare grandi (gigantismo), quelli grandi tendono a diventare piccoli (nanismo). L’identificazione del vero antenato dell’Homo floresiensis richiederà però il ritrovamento di altri fossili.

800px-Homo_floresiensis_cave

L’Homo floresiensis è un ominide dalle dimensioni ridotte, scoperto nel 2003 nella grotta di Liang Bua sull’isola indonesiana di Flores. Visse nel Tardo Pleistocene. Si tratta di un ominide di appena un metro di altezza circa, e con un cervello di dimensioni inferiori a quelle di uno scimpanzé.


Lo studio “Homo floresiensis-like fossils from the early Middle Pleistocene of Flores”, di Gerrit D. van den BerghYousuke KaifuIwan KurniawanReiko T. KonoAdam BrummErick SetiyabudiFachroel Aziz & Michael J. Morwood, è stato pubblicato su Nature.
 
Link: NatureEurekAlert! via Griffith University.
La grotta sull’isola di Flores, foto di Rosino[1], da WikipediaCC BY-SA 2.0.