6 Settembre 2016

Un maiale selvatico delle Hawaii, che forse deve la sua pelliccia nera ad antenati polinesiani addomesticati. Credit: Jack Jeffrey Photography
Un maiale selvatico delle Hawaii, che forse deve la sua pelliccia nera ad antenati polinesiani addomesticati. Credit: Jack Jeffrey Photography

In un nuovo studio, pubblicato da Royal Society – Open Science, si sono presi in esame i maiali selvatici delle Hawaii, caratterizzati da una pelliccia nera. Normalmente gli animali tenderebbero a mimetizzarsi con l’ambiente circostante. Gli umani, al contrario, preferiscono pellicce colorate: quella nera, in particolare, sarebbe stata selezionata in maniera indipendente ben tre volte in Europa, in Asia e nel Pacifico.

Il dibattito finora si era incentrato sull’origine degli animali, da antenati domesticati dai Polinesiani o dai maiali domestici che viaggiarono con l’esploratore europeo Cook nel 1778. È risultato che effettivamente questi animali sono i discendenti di quelli introdotti dai polinesiani, identificando una nuova mutazione genetica responsabile per la colorazione.

Lo studio “A novel MC1R allele for black coat colour reveals the Polynesian ancestry and hybridization patterns of Hawaiian feral pigs”, diAnna Linderholm, Daisy Spencer, Vincent Battista, Laurent Frantz, Ross Barnett, Robert C. Fleischer, Helen F. James, Dave Duffy, Jed P. Sparks, David R. Clements, Leif Andersson, Keith Dobney, Jennifer A. Leonard, Greger Larson, è stato pubblicato su Royal Society – Open Science.

Link: Royal Society – Open ScienceEurekAlert! via University of Oxford.