6 Giugno 2016

Scheletro dal nord della Grecia alla base dello studio. Foto ©: K. Kotsakis and P. Halstead, Paliambela Excavation Project Archive
Scheletro dal nord della Grecia alla base dello studio. Foto ©: K. Kotsakis and P. Halstead, Paliambela Excavation Project Archive

L’agricoltura e la sedentarietà apparvero per la prima volta nell’Asia sud occidentale all’inizio dell’Olocene, per poi diffondersi in Europa attraverso vie multiple di dispersione. L’Europa degli ultimi 45 mila anni è stata insomma abitata per la maggior parte del tempo da cacciatori raccoglitori. Questo avvenne fino all’inizio della diffusione dell’agricoltura, a partire da 8.500 anni fa circa: l’attività giunse poi nell’Europa Centrale attorno ai 7.500 anni fa e nelle isole britanniche attorno a 6.100 anni fa.

Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, dimostra ora che i primi agricoltori lungo l’Europa possiedono tracce della loro provenienza genetica dall’Egeo. Gli studiosi hanno difatti analizzato DNA dei primi agricoltori da Grecia e Turchia: i coloni neolitici avrebbero raggiunto l’Europa Centrale attraverso i Balcani, e la penisola iberica attraverso il Mar Mediterraneo. Durante l’espansione incontrarono i cacciatori raccoglitori che vivevano in Europa sin dall’Era Glaciale, ma i due gruppi si mescolarono molto limitatamente.

Lo studio ha insomma effettuato l’analisi del genoma per chiarire l’origine dei primi agricoltori europei, che per l’Europa Centrale e Sud Occidentale può essere fatta risalire direttamente alla Grecia e all’Anatolia nord occidentale. Non è ancora chiaro invece se i primi agricoltori provenissero in ultima analisi dalla Mezzaluna fertile.

Il laboratorio. Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU
Il laboratorio. Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU


Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU
Foto ©: AG Palaeogenetik, JGU

Lo studio “Early farmers from across Europe directly descended from Neolithic Aegeans”, di Zuzana HofmanováSusanne KreutzerGarrett HellenthalChristian SellYoan DiekmannDavid Díez-del-MolinoLucy van DorpSaioa LópezAthanasios KousathanasVivian LinkKarola KirsanowLara M. CassidyRui MartinianoMelanie StrobelAmelie ScheuKostas KotsakisPaul HalsteadSevi TriantaphyllouNina Kyparissi-ApostolikaDushka Urem-KotsouChristina ZiotaFotini AdaktylouShyamalika GopalanDean M. BoboLaura WinkelbachJens BlöcherMartina UnterländerChristoph LeuenbergerÇiler ÇilingiroğluBarbara HorejsFokke GerritsenStephen J. ShennanDaniel G. BradleyMathias CurratKrishna R. VeeramahDaniel WegmannMark G. ThomasChristina Papageorgopoulou, e Joachim Burger, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
Link: PNAS; AlphaGalileo 1, 2 via Universität Mainz.