23 Novembre 2015
A_Yakutian_horse_(9762345674)
In meno di ottocento anni, i cavalli della Jacuzia – una regione della Siberia orientale – si sono adattati al clima estremo che conduce fino a 70 gradi sotto zero. L’attuale popolazione dei cavalli ha seguito la migrazione degli Jacuti, arrivati qui tra il tredicesimo e il quindicesimo secolo.
L’adattamento ha riguardato geni che si possono ritrovare negli umani così come nei mammuth lanosi. La dimensione del loro corpo e la spessa pelliccia permettono di minimizzare le perdite di calore. Si tratta di un caso di adattamento in assoluto tra i più veloci presso i mammiferi.

Lo studio “Tracking the origins of Yakutian horses and the genetic basis for their fast adaptation to subarctic environments”, di Pablo LibradoClio Der SarkissianLuca ErminiMikkel SchubertHákon JónssonAnders AlbrechtsenMatteo FumagalliMelinda A. YangCristina GambaAndaine Seguin-OrlandoCecilie D. MortensenBent PetersenCindi A. HooverBelen Lorente-GaldosArtem NedoluzhkoEugenia BoulyginaSvetlana TsygankovaMarkus NeuditschkoVidhya JagannathanCatherine ThèvesAhmed H. AlfarhanSaleh A. AlquraishiKhaled A. S. Al-RasheidThomas Sicheritz-PontenRuslan PopovSemyon GrigorievAnatoly N. AlekseevEdward M. RubinMolly McCueStefan RiederTosso LeebAlexei TikhonovEric CrubézyMontgomery SlatkinTomas Marques-BonetRasmus NielsenEske WillerslevJuha KantanenEgor Prokhortchouk, e Ludovic Orlando, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
Link: University of Copenhagen – Faculty of Science; PNAS
Cavallo della Jacuzia, foto di Maarten Takens (from GermanyA Yakutian horse), da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Mr. Granger.