Le nuvole, un campo, l’acqua di un canale, un anziano che torna a casa. Il tempo scorre piano nella campagna veneta di Angelo e Gabriella. È maggio e, come molti altri in paese, si adoperano peraccogliere la processione delle Rogazioni, con cui si affida a Dio il territorio e coloro che vi abitano.
Maria vola via, una tenera dichiarazione di amore del regista Michele Sammarco alle sue radici, verrà proiettato venerdì 19 ottobre alle 21.30 nell’ambito di Cinema ed etnoantropologia per l’ottava edizione della Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica di Licodia Eubea.

Maria vola via

Nazione: Italia

Regia: Michele Sammarco

Consulenza scientifica: Dino Coltro

Durata: 16’

Anno: 2017

Produzione: Michele Sammarco

 

Sinossi:Le nuvole, un campo, l’acqua di un canale, un anziano che torna a casa.  Il tempo scorre piano nella campagna veneta di Angelo e Gabriella. È maggio e, come molti altri in paese, si adoperano per accogliere la processione delle Rogazioni, con cui si affida a Dio il territorio e coloro che vi abitano. Preparano ciò di cui hanno bisogno per chiedere la protezione dalle calamità naturali che potrebbero, come già accaduto in passato, colpire il paese.

 

Partecipazioni ad altri film festival e/o proiezioni pubbliche:

  • Accademia del Cinema Italiano – Premio David di Donatello 2018 – Roma
  • XVIII Lucania Film Festival – Pisticci, Matera
  • International Festival of Ethnological Film 2017 – Belgrado, Serbia
  • Edera Film Festival 2018 – Treviso
  • Rassegna Internazionale “Vittorio De Seta” del documentario etnografico (ottobre 2018) – Castrovillari (Cosenza)

 

Premi e riconoscimenti:

  • Premio Migliore Soggetto Cortometraggi Documentari – XVIII Lucania Film Festival
  • Candidatura alla 57a Edizione dei Globi D’Oro – Associazione Stampa Estera in Italia

 

Informazioni regista: Classe 1991. Nato e cresciuto in provincia di Padova. Diplomato in Regia Cinematografica presso la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano. Laureato in Arti Visive e dello Spettacolo, facoltà Design e Arti dell’Università IUAV di Venezia con una tesi sui percorsi e confronti tra cinema e arte contemporanea. Ha parallelamente seguito corsi singoli presso l’Università Ca Foscari di Venezia. Appassionato di cinema del reale e opere ibride ai confini tra le arti. Il suo primo cortometraggio è “Questo sono io” (ITA, 2015). Ha curato la regia dell’Installazione multimediale “Un secolo di Abissi. Principessa Mafalda 1927”. Filmografia: “Setteporti Walkabout” (2018) – Soggetto, sceneggiatura e regia; “Maria Vola Via” (2017) – Soggetto, sceneggiatura, montaggio, fotografia, suono e regia; “Questo sono io” (2015) – Soggetto, sceneggiatura, fotografia, montaggio, suono, produzione e regia.

 

Altro (articoli dedicati al film, curiosità, approfondimenti):

http://www.giovaniartisti.it/michele-sammarco/maria-vola

http://www.fitp.org/news/la-rassegna-internazionale-vittorio-de-seta-del-documentario-etnografico-46

http://www.etnofilm.org/index.php/en/archive/ifef2017/ifef-2017-programme/informative-programme-2017/maria-vola-via

 

Scheda a cura di: Fabio Fancello