PALERMO CLASSICA winter

PASSIONE E IMPETO | Rachmaninov  Tchaikovsky  Liszt

Domenica 31 marzo | Martina Frezzotti

Cambio in corsa nel programma di Palermo Classica: un problema di salute ha bloccato la pianista giapponese Anna Kurasawa che è stata sostituita in queste ore dalla giovane friulana Martina Frezzotti. Ricercata, versatile, dal piglio sicuro, la pianista si misurerà conTchaikovsky, Rachmaninov e Liszt, ma con una sorpresa – domenica prossima 31 marzo, alle 19 all’ex oratorio di San Mattia ai Crociferi – per il penultimo appuntamento del cartellone.

Mutato anche il programma previsto per il recital: Martina Frezzotti affronterà infatti ilNotturno in do  minore” di Tchaikovsky e tre brani dai “Dai 18 Pieces, Op.72”, ovvero “Dialogo”, “Un poco di Chopin” e “Méditation”; seguiti da “Consolation III, S.172” e dalla “Rapsodia Spagnola S.254” di Liszt, sua  personale versione dei temi musicali – “Follie di Spagna” e “Jota Aragonese” – del francese Jean Baptiste Lully.  Dalla raccolta degli scorrevoli e chiari “Études-tableaux Op. 39” di Rachmaninov, Martina Frezzotti ha scelto i pezzi n.5, n.2 e n.1, con i “Preludi op. 32: n.10, n.12”; inoltre la pianista ha voluto chiudere il suo concerto con la “Ballata N. 1 op. 23 in sol minore” di Chopin. Friulana, Martina Frezzotti è stata sin da giovanissima molto legata alla scuola pianistica russa, allieva di Lazar Berman e unica italiana ammessa al Conservatorio di Mosca. Si è esibita in Europa, Asia e Stati Uniti, ha debuttato alla Carnegie Hall e ha già inciso diversi cd, uno dei quali per la Nippon di Tokyo, di musica da camera di compositori italiani contemporanei. Fa parte della rete di musicisti e medici “Donatori di musica” che porta le note negli ospedali. Biglietto: 14,50 euro.

 

Programma concerto 

 Tchaikovsky

Notturno in do# minore 

Dai 18 Pieces, Op.72: 

– Dialogo. Allegro moderato 

– “Un poco di Chopin”. Tempo di Mazurka

– Méditation. Andante mosso

Franz Liszt

Consolation III, S.172: Lento placido

Rapsodia Spagnola S.254

Sergey Rachmaninov 

Preludi op. 32: n.10, n.12

Etude-tableaux op. 39: n.5, n.2, n.1

Frederik Chopin

Ballata N. 1 op. 23 in sol minore 

Rapsodia Ungherese No. 2

 Nata a Udine nel 1986, Martina Frezzotti si è avvicinata al piano a sei anni, e a 17 è diventata allieva del leggendario pianista russo Lazar Berman, all’Accademia pianistica internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. Sotto la sua guida ha preparato un interessante repertorio lisztiano con il quale ha poi avuto grande successo di critica negli anni a venire. Dopo il diploma in Conservatorio, Martina si è trasferita in Russia per continuare gli studi con Berman, fino alla sua scomparsa. Nel 2008 è stata la prima italiana ad essere ammessa al dottorato di laurea del Conservatorio Statale “P. I. Tchaikovsky” di Mosca, dove ha studiato con Elissò Virsaladze, e si è laureata con una tesi in russo sulla paura dell’esibizione e allo scontro tra arte e Ego nel mondo del concertismo. Martina Frezzotti si è esibita in recital solistici in Europa, Russia, America e Asia, e ha debuttato alla Carnegie Hall nel 2012. Si è esibita in due acclamati recital al Museo memoriale di Sviatoslav Richter, che occupa l’appartamento moscovita del grande compositore. Ha vinto premi, riconoscimenti e borse di studio. Nel 2004 ha vinto la XIV edizione del Concorso Nazionale della Società Umanitaria di Milano, tra tutti i musicisti dei Conservatori italiani e le è stata offerta la possibilità di incidere un CD (Sarx Records), su musiche di Schumann. Martina Frezzotti è stata una dei 4 italiani in gara al Concorso Internazionale “F. Chopin” di Varsavia, nel 2015, e lo stesso anno è stata invitata dall’etichetta discografica Nippon Acoustic Records di Tokyo, per incidere un CD di musica da camera di compositori italiani contemporanei, in ensemble con il trombettista Ottaviano Cristofoli. Il 2019 vedrà due suoi dischi solistici (Brilliant Classic) con una monografia della compositrice Fanny Hensel-Mendelssohn e un doppio CD con tutta l’opera pianistica di Ivan Karabyts, compositore novecentesco ucraino (Toccata Classic); e vedrà anche la giovane pianista friulana impegnata nell’esecuzione dell’Integrale di Ballate e Mazurke di Chopin e del “Clavicembalo Ben Temperato” di Bach. Da quest’anno suona regolarmente e con grande orgoglio per il progetto “Donatori di Musica”, la rete di musicisti, medici e volontari, nata nel 2009 per realizzare e coordinare stagioni di concerti negli ospedali.

PROSSIMI CONCERTIPalermo Classica chiuderà i battenti di questa stagione invernale,  il 7 aprile, con l’amatissima Primavera Shima, vera beniamina del pubblico di Palermo Classica. La stagione estiva inizierà il 27 luglio alla GAM, a breve saranno proposti gli abbonamenti presso la sede dell’Accademia Palermo Classica in via Paolo Paternostro, 94; online su CiaoTickets.com. Info: 091.332208 | 366.4226337 | www.palermoclassica.it.

Martina Frezzotti