29 Marzo 2016
NeanderthalFino a 40 mila anni fa, l’Homo sapiens convisse coi Neanderthal, addirittura mescolandosi pure ad essi. Tra le differenze di spicco tra le due specie, spicca il fatto che i Neanderthal fossero più bassi e tozzi, con bacini e gabbie toraciche più ampie di quelle dei moderni umani.
 
Un nuovo studio, presentato sull’American Journal of Physical Anthropology, suggerisce ora l’ipotesi che il torace “a campana” e un ampio bacino siano la conseguenza di un’evoluzione che nei Neanderthal sarebbe almeno parzialmente un adattamento a una dieta altamente proteica. Questa avrebbe richiesto un fegato e un sistema urinario di dimensioni maggiori.
Lo studio ha dunque verificato l’ipotesi con dei test. Negli animali, una dieta altamente proteica è associata a fegato e reni più grandi. Similmente, nelle popolazioni artiche vi è un fegato di dimensioni maggiori e si beve più acqua, segno di maggiore attività renale. Durante i duri inverni dell’Era Glaciale, i carboidrati erano scarsi e il grasso era presente in quantità limitata. Al contrario, grandi prede erano presenti in abbondanza.
Già nel 2011, gli autori dello studio presentarono un lavoro sull’Homo erectus nel Levante, nel quale dieta ed evoluzione erano messe in relazione.

Lo studio “Neandertals’ large lower thorax may represent adaptation to high protein diet“, di Miki Ben-Dor, Avi Gopher e Ran Barkai, è stato pubblicato sull’American Journal of Physical Anthropology.
Link: American Journal of Physical AnthropologyEurekAlert! via American Friends of Tel Aviv University
Ricostruzione della testa del fossile Shanidar 1, un maschio di Neanderthal che visse circa 70.000 anni fa (John Gurche 2010). Ricostruzione di John Gurche; fotografia di Tim Evanson (http://www.flickr.com/photos/[email protected]/7283199754/), da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Tim1965.