1 – 6 Giugno 2016
Neanderthal

Il genoma dei Neanderthal contiene mutazioni nocive che rendevano gli ominidi meno adatti alla riproduzione del 40% rispetto ai moderni umani. Questa la stima di un nuovo studio, pubblicato su Genetics.

I Neanderthal sono un affascinante argomento di studio per i genetisti, perché ci mostrano cosa avviene quando due gruppi umani si evolvono separatamente a lungo, per poi riunirsi. I Neanderthal erano una popolazione che rimase piccola, e tendeva a riprodursi all’interno del gruppo e con una minore diversità genetica rispetto ai moderni umani. L’accoppiamento tra parenti sembrerebbe essere stato comune. Le mutazioni nocive tendevano quindi a persistere, piuttosto che essere spazzate via.

Ai tempi del mescolamento tra moderni umani e Neanderthal, questi erano in un rapporto di dieci a uno: non stupisce quindi il ritrovare un 10% di genoma Neanderthal nei moderni umani al tempo del mescolamento. Molte delle mutazioni però si sono perse nel corso di poche generazioni: l’eredità genetica dei Neanderthal era dunque assai maggiore in passato.

L’aver ereditato del DNA dai Neanderthal è però avvenuto pagandone il prezzo: circa il 2% del DNA dei moderni umani non Africani proviene dai Neanderthal, e questo comporta una minore idoneità riproduttiva, stimata all’1%.


Lo studio “The Genetic Cost of Neanderthal Introgression”, di Kelley Harris, Rasmus Nielsen, è stato pubblicato su Genetics.
Link: Genetics; EurekAlert! via Genetics Society of America.
Ricostruzione della testa del fossile Shanidar 1, un maschio di Neanderthal che visse circa 70.000 anni fa (John Gurche 2010). Ricostruzione di John Gurche; fotografia di Tim Evanson (http://www.flickr.com/photos/[email protected]/7283199754/), da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Tim1965.