La mostra “Queens of Egypt”, visitabile al National Geographic Museum di Washington D. C. fino al 2 settembre 2019, si presenta come un’ambiziosa occasione per ripercorrere migliaia di anni di civiltà egiziana, esaminando il ruolo della donna in quelle società.

Non ci sono solo regine in questa mostra, insomma, ma l’attenzione alle modalità con le quali le donne risultavano centrali nella gestione del potere nell’antico Egitto rappresenterà sicuramente uno degli aspetti in grado di suscitare il maggior interesse verso questa iniziativa.

Come illustra la guida alla mostra, la narrazione museale comincia con il Nuovo Regno e la XVIII dinastia, con la potente Ahmose-Nefertari, per poi passare alla regina e faraone Hatshepsut, all’importante ruolo diplomatico giocato dalla regina Tiye, alla moglie del controverso faraone Akhenaten, Nefertari. Della XIX dinastia il percorso ricorda in particolare Nefertari, moglie di Ramesse II che era a lei particolarmente legato. Il percorso di queste celebri regine non poteva poi non concludersi con Cleopatra VII, ultima a regnare sull’antico Egitto.

Non ci si faccia però cogliere dai nostri condizionamenti culturali, perché il potere delle regine egizie costituiva il modo migliore di garantire stabilità per il trono durante periodi di transizione, ad esempio quando il faraone poteva essere troppo giovane. Come ha recentemente spiegato la professoressa Kara Cooney, scegliere una donna durante un periodo di vuoto di potere poteva rappresentare l’opzione meno rischiosa. Il potere femminile era insomma necessario per difendere la sovranità e l’autorità divina del sistema.

Non solo regine, si diceva: c’è spazio per le divinità femminili egiziane, come Iside, Bastet, Hathor e Sekhmet, e per differenti altri aspetti della vita nell’antico Egitto.

Con oltre 300 manufatti, il tour virtuale della tomba di Nefertari, nota come la “Cappella Sistina dell’antico Egitto”, e diverse esperienze sensoriali per “sentire” la vita dell’epoca, “Queens of Egypt” si preannuncia come una delle mostre più interessanti per questo 2019.

La mostra “Queens of Egypt”, inaugurata il 1° marzo, sarà visitabile fino al 2 settembre 2019. Aperta dalle 10 della mattina, chiude alle 6 del pomeriggio (ora locale), con l’ultimo biglietto venduto alle ore 5. Il costo del biglietto è di 15 $, con sconti per anziani, studenti, militari e bambini.

Queens of Egypt