Presentate le nuove stagioni teatrali dei TEATRI IN COMUNE:
Teatro Biblioteca Quarticciolo, Teatro del Lido di Ostia, Teatro Tor Bella Monaca e Teatro Villa Pamphilj

SI APRE IL SIPARIO IN TUTTA LA CITTÀ:

PARTE LA STAGIONE DEI TEATRI IN COMUNE

Al via le nuove stagioni

del Teatro Biblioteca Quarticciolo, del Teatro del Lido di Ostia,

del Teatro Tor Bella Monaca e del Teatro Villa Pamphilj

image001-38

Dal Quarticciolo a Villa Pamphilj, da Tor Bella Monaca ad Ostia.  Apre il sipario la nuova stagione dei Teatri in Comune, la rete di spazi per lo spettacolo diffusa sul territorio, prezioso strumento di coesione sociale e fondamentale presidio culturale per i cittadini di tutte le età.

Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale  – Dipartimento Attività Culturali e Turismo, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, sono lieti di poter presentare una offerta culturale così ricca e diversificata grazie alle programmazioni curate dai direttori artistici e dai gestori dei teatri.

Una programmazione in grado di stimolare e far conoscere realtà artistiche e creative locali anche attraverso i  diversi linguaggi del contemporaneo, dal teatro alla danza alla musica valorizzando le iniziative dedicate a tematiche sociali e con proposte di spettacoli e laboratori fruibili anche da spettatori con disabilità sensoriali così come le attività di formazione e didattica.

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo, con la direzione artistica di Veronica Cruciani (Compagnia Veronica Cruciani) in collaborazione con Fabbrica srl e Compagnia TeatroViola, torna nel panorama del teatro romano e nazionale con una grande attenzione al territorio e alla drammaturgia contemporanea italiana e internazionale. La stagione è stata aperta, il 23 settembre, dal progetto “Liber Liberanti – fiabe e favole dal carcere” con protagoniste le detenute della C.C. di Rebibbia e Lella Costa, Iaia Forte e Michela Cescon. Nel 2016/17 il cartellone sarà fitto di appuntamenti, dalla prosa al cinema, dalla danza alla musica, dalla performance al teatro ragazzi, alla formazione per adulti e bambini. Tanti gli attori e le compagnie ospiti già apprezzati da pubblico e critica, ma anche compagnie under 30. Non mancheranno proposte rivolte a persone diversamente abili come il “Concerto voci e mani bianche”, che affianca al linguaggio della musica quello dei segni della LIS, e il laboratorio “Il Quarticciolo  in tutti i sensi” rivolto a ragazzi con deficit sensoriali. Il Teatro collaborerà con il Teatro di Roma per il progetto QLAB, che coinvolgerà l’intero quartiere e in particolare i palazzi situati in via Ostuni,  e con Romaeuropa Festival che ospiterà il debutto della Compagnia Frosini/Timpano.

Il Teatro del Lido di Ostia pubblico e partecipato apre la sua IV stagione, forte di un modello di gestione ormai consolidato e di una rete territoriale sempre più capillare, la cui sinergia ha generato dal 2013 un aumento costante di pubblico. Anche quest’anno, il lavoro delle oltre 20 associazioni del territorio che compongono l’Associazione TdL ha prodotto una stagione ricca e articolata, a partire dai tavoli partecipati. Una programmazione organica, equilibrata sulle diverse aree, ricca di stimoli d’eccellenza nazionali e internazionali, che combina sapientemente l’attenzione al territorio, la formazione, il teatro ragazzi, la collaborazione con “Le Vie dei Festival”,  il sostegno agli artisti emergenti,  l’arte contemporanea e urbana, le tematiche di interesse sociale e civile, con la garanzia di accessibilità grazie a biglietti popolari e a numerosi eventi gratuiti.

L’apertura ufficiale di stagione, prevista per l’8 ottobre, è affidata a “La Paranza” di Nando Citarella, seguita il 9 dall’Accademia Nazionale di Danza, per un omaggio a Sylvano Bussotti, mentre nel foyer sarà allestita un’esposizione dedicata all’Ecodesign.

Il Teatro Tor Bella Monaca torna sulla scena romana con una grande stagione. Da ottobre 2016 parte la ricchissima offerta del Teatro che, senza sosta, accompagnerà il pubblico romano fino al giugno 2017. Prosa, danza, musica, cinema, le due sale del Tor Bella Monaca, dirette dal rinnovato e felice sodalizio Alessandro Benvenuti direttore artistico e Filippo D’Alessio con le Associazioni Seven Cults, La Casa dei Racconti e Teatro Potlach, saranno il palcoscenico di tanti nomi del teatro italiano, ma anche di giovani compagnie. Non mancheranno poi le proposte rivolte ai diversamente abili, il teatro ragazzi e i laboratori. Luogo di incontro e dialogo, il Teatro sarà sempre aperto al pubblico, per continuare a svolgere il suo ruolo di presidio culturale, avamposto della bellezza e del riscatto. Tra le novità “Last but not least” Teatro di Tor Bella Monaca e il Festival Outdoor Off.

Al Teatro Villa Pamphilj, sin dall’inizio, l’idea artistica è stata quella di creare a un Centro di Orientamento ai Mestieri delle Arti. Un luogo del fare e del vedere, un laboratorio culturale-artistico permanente nel cuore di Roma, in una delle ville più belle d’Europa, aperto dall’alba al tramonto, per tutte le età con tante attività in contemporanea nei diversi spazi del Villino Corsini.

Così, anche quest’anno, la programmazione sarà dedicata sì agli spettacoli, ma soprattutto alla formazione, ai workshop, alle conversazioni, incontri e conferenze sul teatro, la musica, la danza, sulle figure animate, sui libri e a laboratori di “teatro integrato” con Bottega Flaminio, di “danceability” e al progetto “Pane e Favole” in cui “la disabilità intrattiene, non viene intrattenuta”. La direzione artistica è di Veronica Olmi, affiancata nella gestione dal Teatro Verde e dalla Scuola Popolare di Musica di Donna Olimpia, insieme ad altre 5 importanti realtà italiane con vocazioni ed esperienze differenti. 

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo, il Teatro Tor Bella Monaca e il Teatro Villa Pamphilj  sono gestiti dai vincitori dell’Avviso Pubblico per l’affidamento in concessione della programmazione fino al 30 giugno 2017 in collaborazione con Zètema Progetto Cultura. La programmazione del Teatro del Lido di Ostia, invece, è a cura dell’Associazione TDL mentre Zètema Progetto Cultura gestisce i servizi organizzativi, gestionali e di comunicazione del Teatro .

————————————————————————————-

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO

tbq-ascanio-celestini-phmarinaalessi-b

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo, con la direzione artistica di Veronica Cruciani (Compagnia Veronica Cruciani) in collaborazione con Fabbrica srl e Compagnia TeatroViola, torna nel panorama del teatro romano e nazionale con una grande attenzione al territorio e alla drammaturgia contemporanea, italiana e internazionale. Nel 2016/17 il cartellone sarà fitto di appuntamenti, dalla prosa al cinema, dalla danza alla musica, dalla performance al teatro ragazzi e alla formazione per adulti e bambini. Tante le compagnie e gli attori ospiti già apprezzati da pubblico e critica, ma anche compagnie under 30. Non mancheranno proposte rivolte a persone diversamente abili come il “Concerto voci e mani bianche”, che affianca al linguaggio della musica quello dei segni L.I.S., e il laboratorio “Il Quarticciolo  in tutti i sensi”, rivolto a ragazzi con deficit sensoriali. Il Teatro collaborerà con il Teatro di Roma per il progetto QLAB, che coinvolgerà l’intero quartiere e in particolare i palazzi situati in via Ostuni, e con Romaeuropa Festival, per ospitare la prima nazionale di “Acqua di Colonia” della Compagnia Frosini/Timpano.

Il progetto artistico afferma la direttrice artistica Veronica Cruciani si basa sul portare avanti un teatro di qualità che sia contemporaneamente comprensibile a tutti. Un teatro popolare d’arte. Tutti gli spettacoli in programmazione toccano tematiche sociali in cui tutto il pubblico può riconoscersi, ma senza insistere sulle miserie che già quotidianamente molte delle persone sono costrette a vivere. Bensì rilanciando sempre verso la bellezza che regala un’alternativa e accende un desiderio. Per essere contemporanei al tempo presente non bisogna scegliere un genere piuttosto che un altro, quanto mettersi in una posizione di ascolto da cui non può non partire ogni atto di scrittura (o riscrittura): sia essa scrittura per parola, per voce, per corpo, per strumento musicale, per immagine. Quindi presentiamo linguaggi, modalità e stili incredibilmente diversi ed eterogenei, pur mantenendo come filo conduttore le tematiche che ci riportano al sociale e al titolo del progetto: i luoghi dell’eccezione (le periferie del mondo).

TEATRO – Apre la stagione del Teatro Biblioteca Quarticciolo il progetto “Liber Liberanti – fiabe e favole dal Carcere” con Lella Costa, Iaia Forte e Michela Cescon e le detenute della C.C. Femminile di Rebibbia, dirette da Francesca Rotolo; Accura Teatro con “Giacominazza” in un racconto siciliano sull’omosessualità femminile e sullo sguardo punitivo della gente; Collettivo Schlab con “Fäk fek fik”, vincitore Roma Fringe Festival 2015, presenta una generazione povera e avara, di denari e di passioni, costretta ad aspettare che il tempo scorra; “Alzheimer mon amour”, progetto in collaborazione con il Teatro di Roma, a cura di Veronica Cruciani, John Cascone e Riccardo Fazi in cui due adolescenti rispondono alle domande di un silenzioso, ipotetico intervistatore in un confronto delicato sulla loro intimità; Triestino/Pistoia nell’adattamento de “Li romani in Russia” del poeta romanesco, Elia Marcelli, in uno straordinario affresco che commuove e diverte; Ascanio Celestini, Alessio Lega e Guido Baldoni ne “Il nostro domani”, testimoni della storia di Davide Bifolco che muore a 16 anni per un colpo di pistola di una guardia; “Che gusti ci sono” di e con Rosario Lisma, un percorso a ritroso nel tempo di uno studente fuorisede che parte per il continente; Emanuela Grimalda ne “Le difettose”, con la regia di Serena Sinigaglia, mette in scena sette personaggi diversi intorno al tema della fecondazione assistita; Moni Ovadia in Salmodia della speranza” di David Maria Turoldo, sulla Resistenza, in una tragica cronologia della seconda guerra mondiale, apre la lunga collaborazione con il Circolo Gianni Bosio che vedrà numerose incursioni canore e teatrali fino a giugno 2017; “Lui e Leila”, il nuovo reading di Carlo Morici, racconta una storia d’amore nell’era globale; Oscar De Summa ne “La sorella di Gesucristo”, terzo capitolo della “trilogia della provincia” dà voce a una ragazza che con una pistola attraversa tutto il paese per andare a sparare al ragazzo che la sera prima, il venerdì santo della passione, l’ha costretta a subire una violenza; la Compagnia Frosini /Timpano torna al Romaeuropa Festival con “Acqua di colonia” affrontando il tema del Colonialismo italiano, sciorinando sul palco fatti storici, documenti e mitologie contemporanee e frantumando l’utopia (già in polvere) della società post-razziale; Maria Paiato legge Le due zittelle di Tommaso Landolfi e “Una e una notte” di Ennio Flaiano, due racconti che sanno regalare una profonda e divertita riflessione su come siamo ancora oggi noi italiani; Arianna Gaudio in “Votakurtcobain”; Federica Fracassi in “Eva” con la regia di Renzo Martinelli racconta l’amore e la paura di Eva Braun; Carlo De Ruggieri con “Tranquillo Prof la richiamo io”, un divertentissimo, spietato, dolente monologo di un professore alla rovescia, scritto da Christian Raimo a cura di Veronica Cruciani; Antonello Fassari ne “La ricotta” di Pier Paolo Pasolini.

TEATRO RAGAZZI – La stagione, a cura di Federica Migliotti, prevede come primo appuntamento la Compagnia Causa e “La divina commedia raccontata ai bambini – l’inferno”, poi la Compagnia TeatroViola con Martina Testadura spettacolo ispirato al racconto “La strada che non andava in nessun posto” di Gianni Rodari, con musiche originali suonate dal vivo e l’animazione a vista della lavagna luminosa. Appuntamento speciale per i bambini il pomeriggio di Halloween con il Teatro dell’illusione e lo spettacolo appositamente concepito “Jack lo Squarticciolo”. Si prosegue con “Vasilissa – la Cenerentola russa” della compagnia M.T.M, Garraffo TeatroTerra con “Pierino- storie di bambini due volte coraggiosi” e per la prima volta a Roma, dalla Francia, “Il gigante affamato” con il famoso cantastorie italofrancese Lugi Rignanese della Compagnie d’A, Accademia Perduta – Romagna Teatri con lo storico “Pollicino”; Teatri Imperfetti/Maria Ellero con “Biancanera”, spettacolo di teatrodanza sui temi dell’intercultura. Sotto le festività natalizie sono tre le proposte per le famiglie: a grande richiesta “Uno” del teatrodelleapparizioni compagnia Fuori Contesto con “Roma Bambina” e il concerto natalizio del “Coro e voci mani bianche” della Scuola Popolare di musica di Testaccio diretto da Isabelle Binet.

DANZA – Un segmento di stagione è dedicato alla danza, a cura di Valentina Marini, aprendo gli spazi a performance incentrate sui linguaggi del contemporaneo nelle sue più diverse sfumature con incursioni nel circo contemporaneo cosi come nel teatro danza. Il corpo e la corporeità sono dunque il mezzo per dare forma a suggestioni e pièce autorial divers, frutto di estetiche e metodi compositivi differenti tra loro ma tutti fortemente incentrati su un forte messaggio emozionale. In questa prima, “Cappuccetto rosso – C’era una volta il lupo e la fanciulla” della Compagnia Atacama e “Spellbound Junior” con la Compagnia Cie Twain.

FORMAZIONE E TERRITORIO – Molti i progetti appositamente concepiti per il territorio: Isola Teatro e BandaJorona presentano “Come cani senza padrone – dedica a Pierpaolo Pasolini nel giorno della sua morte”, passeggiata performativa di Tony Allotta su “Le Ceneri di Gramsci” con interventi visivi di Pier The Demon e Annalisa Maccagnino e a seguire “BandaJorona – concerto in musica e parole per Pierpaolo”; la Compagnia Veronica Cruciani in collaborazione con Teatro di Roma per il progetto “QLAB” che coinvolgerà l’intero quartiere e in particolare i palazzi situati in via Ostuni; laboratorio di formazione del pubblico per uno spettatore critico a cura di Teatro e Critica; il laboratorio “Il tempo del lavoro” a cura di Ascanio Celestini con il coinvolgimento di immigrati.

CINEMA – Numerosi gli appuntamenti di cinema curati da Ascanio Celestini con la presenza di attori, registi, sceneggiatori e giornalisti in fase di definizione.

MUSICA – Nel primo trimestre sono previsti undici concerti:Roma forestiera”, a cura del Circolo Gianni Bosio; “French girl – le più belle canzoni napoletane… in francese” con Daniela Fiorentino; Ottobre africano propone il concerto multietnico, “XdiGenerAzioni” con Baba&Djana Sissoko con apertura di Symo; Simone Nebbia in “Dr Livingstone”; Emanuele Parrini con Viaggio al centro del violino”; Giulia Anania con il nuovo concerto “Roma Bombay” con la partecipazione di Francesco Montanari; Pino Sallusti Group in concerto; Giovanna Marini con due appuntamenti: “Italia mia quanto sei lunga” a due voci con Francesca Breschi e “Musiche di scena” con il corso di Estetica dei canti contadini della Scuola Popolare di Musica di Testaccio; Antonella Morea nella doppia dimensione di attrice e cantante in “… Io la canto così! omaggio a Gabriella Ferri”, scritto e diretto da Fabio Cocifoglia; “BandaJorona – concerto in musica e parole per Pierpaolo”.

ANNO 2017: La seconda parte della stagione riserva sorprese e riscoperte: Arturo Cirillo con “Scende giù per Toledo”; “Tante facce nella memoria” di Alessandro Portelli per la regia di Francesca Comencini; “The black is the new black” di Gianluca Riggi; Teatro delle Ariette in ”Teatro naturale? Io, Il couscous e Albert Camus”; “Compagnia Lafabbrica” di Fabiana Iacozzilli; Motus con “Come un cane senza padrone reading”; Ascanio Celestini ripropone “Radio Clandestina”; Teatro delle Albe con “Amore e Anarchia”; Giuliana Musso con “La fabbrica dei preti”; gli spettacoli per ragazzi “Nascita di Roma” della Compagnia O’Thiasos Teatronatura, “Le calze e il Baule” con la regia di Federica Migliotti, “Out” il pluripremiato spettacolo per ragazzi della Compagnia Unterwasser; la Compagnia Carullo-Minasi con “De revolutionibus – sulla miseria del genere umano”; “Novantadue” su Falcone e Borsellino con la regia di Marcello Cotugno; la rassegna under 30 con sei compagnie; il concerto di Tosca “Appunti musicali dal mondo”; la compagnie di danza Giovanna Velardi, 320 chili, Excursus e altre in via di definizione; il Festival delle scuole e molto altro ancora.

————————————————————————————-

TEATRO DEL LIDO DI OSTIA

tdl-08-ott-nando-citarella_laboratorio_ph-michele-simolo

Anche quest’anno, il lavoro delle oltre 20 Associazioni del territorio che compongono l’Associazione TdL, responsabile della programmazione artistica, ha prodotto una stagione organica, equilibrata sulle diverse aree, ricca di stimoli d’eccellenza nazionali e internazionali, che combina sapientemente l’attenzione al territorio, la formazione, il teatro ragazzi, la collaborazione con Le Vie dei Festival, il sostegno agli artisti emergenti, l’arte contemporanea e urbana, le tematiche di interesse sociale e civile, con la garanzia di accessibilità, grazie a biglietti popolari e a numerosi eventi gratuiti. L’apertura di stagione, prevista per l’8 ottobre, è affidata a “La Paranza” di Nando Citarella, seguita il 9 dall’ Accademia Nazionale di Danza, per una serata omaggio a Sylvano Bussotti, mentre nel foyer sarà allestita per il mese di ottobre una esposizione dedicata all’Ecodesign.

PRIMO TRIMESTRE

TEATRO e TEATRO RAGAZZI: la programmazione teatrale prevede una proposta di grande qualità e originalità, dai linguaggi estremamente diversificati, contemporanei, multidisciplinari, ispirata ai grandi temi di interesse sociale evidenziati dai tavoli ma anche guidata dalla necessità di offrire nuovi stimoli d’immaginazione, bellezza e riflessione, senza dimenticare l’omaggio a William Shakespeare nell’anno del suo quadricentenario. La collaborazione con Le Vie dei Festival porterà in programmazione gli spettacoli “Quella notte che la notte non venne”, con Ottavia Leoni e Chiara Lombardo; “Ci scusiamo per il disagio” de Gli Omini; “Pulcinella di mare” di Gaspare Nasuto; “Nina” con Sara Borsarelli.

Nel primo trimestre verrà sviluppato soprattutto il tema dell’identità di genere, attraverso diverse forme ed eccellenze: “Birre e rivelazioni”, prodotto da Teatri Uniti, regia di Tony Laudadio con Andrea Renzi; “Sorry, boys” l’atteso ritorno di Marta Cuscunà (prima romana); “Pecore nere”, un’altra appassionante storia al femminile a cura di Stefano Benni, “Le Difettose” di Eleonora Mazzoni, con Emanuela Grimalda, sul tema della fecondazione assistita. A completare il ricco programma “Un intervento”, regia di Jacopo Gassman (anteprima nazionale), e “Edith – il Passerotto di Francia”, opera teatral-musicale interpretata da Sarah Biacchi. Il Teatro Ragazzi, area a cui il Comitato Artistico riserva particolare attenzione per la formazione di nuovo pubblico, vedrà avvicendarsi: il Teatro delle Briciole, Stabile d’Innovazione, con “Rosso Cappuccetto”; Valdrada Teatro, con “Sogno di un mattino d’inverno”; Luna e Gnac con “Bartali, eroe silenzioso” sul tema della memoria e della resistenza; Collettivo Cinetico con “Sherlock Holmes”, spettacolo di teatro danza; lo spettacolo di body percussion “Movement & Rhytm Project Show” di e con il tap dancer Jep Melèndez (U.S.A.) e Tupac Mantilla (Spagna), anche in pomeridiana per adulti.

DANZA: con il progetto OstiANDanza nasce una collaborazione con la scuola di coreografia dell‘Accademia Nazionale di Danza di Roma che proporrà, oltre alla serata omaggio a Sylvano Bussotti, “La Cina al Lido”, a cura della prof. Enrica Palmieri con i coreografi e danzatori cinesi del 2° biennio. Due gli spettacoli internazionali in questo primo trimestre: oltre al già citato “Movement & Rhytm Project Show ”, la prima italiana di “A palo seco” della bailaora spagnola Sara Cano (Madrid).

ARTI VISIVE: Il foyer del Teatro è un luogo sempre più vissuto, soprattutto dalle giovani generazioni, anche grazie agli allestimenti dedicati ai nuovi linguaggi del contemporaneo. Le mostre allestite nel primo trimestre riguardano: il design sostenibile con Ecodesign; la figura di Pasolini, sviluppata attraverso un percorso fotografico; i calligrammi di Daniele Tozzi in arte Pepsy; i teatrini di carta di Fernanda Pessolano, che ricordano gli esordi in giovanissima età della scrittrice Elsa Morante; il Corriere dei Piccoli.

FORMAZIONE E TERRITORIO: dal mese di ottobre il Tdl propone due laboratori teatrali, in collaborazione con gli istituti superiori del territorio. Il primo, condotto da Tamara Bartolini, ha per tema le frontiere e le migrazioni e prevede la partecipazione di studenti e giovani rifugiati. Il secondo, condotto da Giuditta Cambieri e Mally Mieli, dal titolo “Teatro oltre la barriera del suono” è un laboratorio rivolto a udenti e non udenti, in collaborazione con la comunità dei Sordi di Acilia. Una rinnovata attenzione al tema della salute mentale è rappresentata dal festival di corti “Lo Spiraglio”, in collaborazione con la ASL. Un laboratorio d’eccellenza sarà inoltre proposto da Nando Citarella, con le sue “Danze ai piedi del Vesuvio”. Ulteriori attività legate al territorio riguardano un percorso performativo sulla memoria e sulla seconda guerra mondiale, condotto da Theodor Rawyler con un gruppo di anziane che offriranno tre spettacoli ai centri anziani; progetti scolastici interculturali a cura di mediatori del territorio; lezioni di cinema nelle scuole a cura di Mauro Castagno. Inoltre, il Collettivo Territorio Narrante presenterà anche quest’anno la sua rassegna raccontando la realtà di Ostia e delle periferie, le controculture giovanili, attraverso letteratura, fumetto, musica e video. Sono previsti interventi sulla graphic novel con Toni Bruno e Zerocalcare; incontri con il collettivo di scrittori bolognesi Wu Ming sul tema della prima guerra mondiale; narrazioni ironiche e imprevedibili dello scrittore Claudio Morici accompagnato dall’attore Daniele Parisi, artista di eccezionale talento, da sempre sostenuto dal Teatro del Lido, recente vincitore del Premio Imaie per i nuovi talenti al Festival del Cinema di Venezia.

MUSICA: la programmazione attraverserà diversi mondi e diverse suggestioni, dalla tradizione all’innovazione, aprendosi ad impulsi differenti e nuovi. L’attenzione alla folk music italiana, oltre che con Nando Citarella, proseguirà con il concerto “RomaBombay” della cantautrice Giulia Anania, in prima nazionale: uno spettacolo sulla romanità contemporanea e le relazioni tra le diverse culture che la abitano. Lo sguardo si allargherà alle tradizioni musicali dei paesi che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo con il concerto dell’ensemble El Nouba, un organico multietnico con un repertorio dal Maghreb, dalla Turchia e dai Balcani, e con il Taiko Italy Meeting, il primo meeting nazionale dei gruppi di percussioni giapponesi. Il genere classico sarà presente con il concerto dell’Orchestra NuovaKlassica diretta dal M° Carlo Stoppoloni, che eseguirà un repertorio barocco per il tradizionale appuntamento del 26 dicembre.

Il Teatro del Lido apre la sua nuova stagione, forte di un modello di gestione ‘pubblico e partecipato’ che scaturisce da anni di elaborazione dal basso, consolidandosi come pratica virtuosa ed innovativa di co-progettazione tra ente pubblico, Zetema Progetto Cultura, associazioni, operatori culturali e cittadinanza.

Il Teatro del Lido è oggi un polo aggregativo socio-culturale fondamentale, un punto di riferimento aperto e operativo tutto il giorno, un luogo di condivisione e costruzione di immaginari, poetiche e realtà, laddove la comunità recupera il senso antico del teatro come spazio di concepimento di una identità culturale, civile, politica. Non a caso il TdL registra un incremento costante di pubblico mentre si infittisce la rete di collaborazioni con le istituzioni (Asl, Municipio, Scuole, associazioni, ecc).

I tavoli partecipati – momenti assembleari pubblici durante i quali il Comitato Artistico accoglie le esigenze del territorio per poi tradurle in una programmazione con un lavoro trasparente, capillare e non retribuito – danno vita a progettualità in divenire, messe in rete con persone ed organizzazioni del territorio.

Tutto questo, in un quadrante di città che comprende oltre 200.000 residenti, investito da un commissariamento per mafia che di fatto ha diradato fino ad interrompere quasi del tutto l’investimento culturale sul territorio.

————————————————————————————-

TEATRO TOR BELLA MONACA

tbm-pecore-nere-foto1

Il Teatro Tor Bella Monaca torna protagonista della scena romana con una nuova emozionante stagione. Da ottobre 2016 parte la ricchissima offerta del Teatro che senza sosta accompagnerà il pubblico romano fino a giugno 2017. Prosa, danza, musica, cinema; le due sale del Tor Bella Monaca, dirette dal rinnovato e felice sodalizio Alessandro Benvenuti direttore artistico e Filippo D’Alessio con le Associazioni Seven Cults, La Casa dei Racconti e Teatro Potlach, saranno il palcoscenico di tanti nomi del teatro italiano, ma anche di giovani compagnie. Non mancheranno poi le proposte rivolte ai diversamente abili, il teatro ragazzi e i laboratori. Luogo di incontro e dialogo, il Teatro sarà sempre aperto al pubblico, per continuare a svolgere il suo ruolo di presidio culturale, avamposto della bellezza e del riscatto.

9 mesi di grande spettacolo, con i protagonisti della scena nazionale, le compagnie di giovani emergenti, la danza, la musica, l’operetta, il cinema ma anche i laboratori, il Teatro Tor Bella Monaca sarà luogo di crescita e cultura, di divertimento e conoscenza. Tra le importanti novità la partnership con il Teatro Eliseo diretto da Luca Barbareschi che porterà alcuni suoi spettacoli sul palco di Tor Bella Monaca, e la collaborazione con il Teatro Parioli e il Teatro l’Argot e last but not least Teatro di Tor Bella Monaca e il Festival Outdoor Off.

Quello che ci chiede l’oggi con drammatica urgenza è attivarci con tutte le forze, competenze, affetto, volontà, per fare, pur nei nostri limiti, attraverso un lavoro a più cervelli, dei tentativi di produrre eccellenze. Per noi stessi, per chi ci ha dato fiducia, per coloro che ci scopriranno incontrandoci. Per tutto questo dovremo farci novità vitale, piacevole sorpresa, incoraggiamento al fare e fare bene. Mai come oggi il Teatro, ma la cultura in genere, sono diventati una trincea dove si combatte una dura guerra di posizione perché l’inciviltà non vinca sulle nostre speranze e sulle aspirazioni più alte e degne”.

Questa era la mia dichiarazione – afferma il Direttore Artistico Alessandro Benvenuti – letta durante la conferenza del marzo 2013 durante la quale ci presentammo come persone e progetto alla stampa.

Quello che segue è una sorta di consuntivo dopo un ‘primo tempo’ durato due anni e qualche mese. Tempo coronato da un incredibile successo di pubblico, critica e da un’attenzione dei media che mai ci saremmo immaginati quando battezzammo, un po’ timorosi ma determinati a fare del nostro meglio, la prima stagione teatrale. Quello che poteva sembrare un mero e divertente slogan pubblicitario: ‘Non proporremo un teatro degli effetti ma un teatro dell’affetto’, si rivelò un modo di pensare che il pubblico recepì premiandoci con la sua presenza e che catturò l’interesse di moltissimi artisti che da tutta Italia parteciparono alle nostre stagioni. Il segreto di questo straordinario risultato sta in un pensiero semplice: ‘Un teatro ha bisogno di un’identità che sia facilmente riconoscibile da coloro che vivono intorno ad esso, non deve sembrare un fortino assediato da una realtà che sente le sue mura ostili, lontane, altre da quelle delle loro case’.

Ecco, per noi fu fondamentale presentarci da subito come dei buoni vicini di casa capaci di portare in dote al quartiere un salotto in più, una stanza comune dove potersi incontrare e parlare di cose sensibili: affetti, impegno civile, arte, teatro, musica. Vita. Da persone ci calammo fra le persone, e come tali fummo riconosciuti dalle persone. Le porte del nostro teatro rimasero sempre aperte a chiunque avesse avuto voglia di entrare, chiedere e conoscerci meglio. Ora comincia il secondo capitolo. La nostra battaglia ricomincia con lo stesso struggente accanimento per la vita di prima … Anzi! Stateci vicini. Da soli si recita solo tristezza.

Dopo avere già staccato oltre 2000 biglietti dalla riapertura dello scorso luglio con un mese di teatro firmato da giovani compagnie e il cinema della Rassegna “Impressioni di settembre”, e dopo avere registrato il sold out il 24 settembre per l’anteprima generale dello spettacolo “Americani” di David Mamet con la direzione artistica di Luca Barbareschi, con Sergio Rubini, Gianmarco Tognazzi, Francesco Montanari e con Roberto Ciufoli, Gianluca Gobbi e Giuseppe Manfridi, il 29 settembre si inaugura ufficialmente la nuova stagione delle due sale del Teatro. In sala grande si parte con “Barbieri”, con Francesco Maria Cordella, Enzo Casertano e Carmen Di Marzo (dal 29 settembre al 2 ottobre) per proseguire poi, tra le tante proposte del Cartellone, con “Il club delle vedove”, con Caterina Costantini, Lorenza Guerrieri, Maria Cristina Fioretti (dal 21 al 23 ottobre) e “Cuori dannati”, scritto e diretto da Pino Di Buduo, con Daniela Regnoli. A novembre (dal 18 al 20) sarà protagonista la comicità di Cinzia Leone con “Disorient Express” e quindi sarà la volta di Ottavia Piccolo in “Enigma” (il 26 e 27). Dal 2 al 4 dicembre Nicola Pistoia, Ketty Roselli e Armando Puccio presentano l’esilarante “Flebowsky-Storie di ordinaria corsia” mentre dal 14 al 18 Duccio Camerini è tra i protagonisti del suo “Risorgi” con Simone Bobini, Barbara Bonafaccia, Marika De Chiara, Ciro Carlo Fico, Dario Guidi, Igor Mattei, Marco Damiano Minandri e Cristina Pedetta.

Il NATALE a Tor Bella Monaca sarà ancora più magico grazie al “Natale in casa Cupiello” di Eduardo, portato in scena da Luigi De Filippo dal 20 al 22 dicembre, mentre il Capodanno si festeggerà con “Toc Toc” di Laurent Baffie, con cena e brindisi in teatro.

Molte anche le proposte di spettacolo per RAGAZZI, tra cui “Cenerentola” con Sara Andreoli, Alessandra Cavallari, Luciano Giuliano, Alessandra Maccotta (dal 25 al 27 ottobre), “Ventimila leghe sotto i mari” di Pino Di Buduo (l’8 e 9 novembre) e “Baracca e burattini”, di Maurizio Stammati (il 12 e 13 novembre)e, tra le proposte di teatro/danza, “Cappuccetto rosso c’era una volta il lupo e la fanciulla” (dal 9 al 13 dicembre) di Patrizia Cavola e Ivan Truol e dal 26 al 28 dicembre “Il piccolo principe” con la regia di Amanda Sandrelli.

Per la MUSICA invece si comincia il 6 ottobre con il tributo a Lucio Battisti “Tu chiamale se vuoi … emozioni” per poi proseguire, tra i tanti appuntamenti, con “Concerto per Odysseo” con Maurizio Panici, suoni e canti di Raffaello Simeoni (dal 22 al 24 novembre) e con il Concerto di Natale dell’Orchestra Bottoni (il 23 dicembre).

Ricca anche l’offerta della DANZA con, tra i tanti appuntamenti, “Bailando Notre dame: amare … tanto da morire”, coreografie e regia Fiorenza Elisabetta e Gianni Antonucci (7-9 ottobre) “Amore amaro” , coreografia di Francesca Selva (28-30 ottobre), “Garbage girl” di Francesca La Cava (il 5 novembre) e “Meravigliosa Alice!” di Flavia Bucciero (28 e 29 novembre).

Da non perdere anche la programmazione della SALA PICCOLA del Teatro Tor Bella Monaca, che inaugura la stagione dal 14 al 16 ottobre con “Cosa abbiamo fatto per meritarci tutto questo” di Fabio Clemente e Eleonora Pariante. Si prosegue poi con un cartellone fitto di appuntamenti, tra i quali dall’11 al 13 novembre “Il folle e il divino” di Nogu Teatro, il toccante “Rose is a Rose” di Ivana Sajko (dal 18 al 20 novembre), l’esilarante “Delirio a tre” con Tiziana Foschi, Antonio Pisu e Piji (dal 25 al 27 novembre), e la grande Miranda Martino in “Me ne infischio” di David Norisco con la regia di Sandro Nardi (dal 9 all’11 dicembre). Per la Musica dal 7 al 9 ottobre Unavantaluna presenta “Lu grillu e la luna” mentre Rossella Seno e Primiano Di Biase sono i protagonisti, dal 28 al 30 ottobre, di “Cara Milly, parole di guerra e d’amore”, di Giuseppe De Grassi con la regia di Fabio Grisafi.

Il 2017 porterà sul palcoscenico del Teatro Tor Bella Monaca tante star della scena nazionale. A gennaio si alterneranno sul palco, tra gli altri, Luca Barbareschi con “L’anatra all’arancia”, Sebastiano Somma in “Uno sguardo da ponte”, Iaia Forte con “Tony Pagoda” e Enrico Lo Verso in “Uno, nessuno e centomila”. Febbraio vedrà in scena “D’Annunzio segreto” con Edoardo Sylos Labini e Luigi De Filippo in “Miseria e nobiltà” mentre a marzo sarà di scena Catherine Spaak nello spettacolo dedicato a “Colette”. Sempre a marzo 2017 Maddalena Rizzi sarà “Maria Stuarda”, di Francesco Fanuele da Schiller, il secondo spettacolo dedicato alle donne e il potere firmato da Filippo D’Alessio con Maria Cristina Fioretti, Carmen Di Marzo, Andrea Murchio, Marco Prosperini, Mario Focardi e Bruno Governale. Sarà poi la volta (ad aprile) di Cloris Brosca nell’“Eredità di Eszter”, Duccio Camerini con Sandro Calabrese, Maria Vittoria Pellecchia, Francesca Sgheri e Ciro Carlo Fico in “Zio Vanja”. Grande attesa, sempre ad aprile, per Asia Argento in scena insieme a Filippo Dini in “Rosalind Franklin. Il segreto della vita”, di Anna Ziegler. A maggio poi approderanno sul palco di Tor Bella Monaca Roberto Ciufoli in “Tipi”, Alessandro Benvenuti in “Chi è di scena” con Paolo Cioni e Maria Vittoria Argenti e Vinicio Marchioni con “La più lunga ora. Ricordi di Dino Campana, poeta, pazzo” con Milena Mancini e Ruben Rigillo.

Particolare attenzione verrà poi riservata ai LABORATORI e agli SPETTACOLI PER I DIVERSAMENTE ABILI, tra i quali ricordiamo “Figli di un dio minore”, il celebre testo teatrale di Mark Medoff e “La bambina dei fiammiferi” e “Il gigante egoista”, due spettacoli, con la regia di Mario Fracassi, di narrazione e suggestioni sensoriali con canzoni, suoni, odori, sapori … per sette attori, un musicista ed un piccolo gruppo di spettatori bendati.

————————————————————————————-

TEATRO VILLA PAMPHILJ

tvp-bravo-bravissimo-puppets-teatroverde

Spettacoli per tutti e di tutte le età, proiezioni, mostre, ma soprattutto formazione, conversazioni, incontri e conferenze sul teatro, la musica e la danza, sulle figure animate, sui libri e workshop che riguarderanno anche il benessere del corpo e dell’anima, per approfondire e conoscere, per socializzare, per condividere.

Questo il programma del Teatro Villa Pamphilj dove, sin dall’inizio, l’idea artistica è stata quella di creare un Centro di Orientamento ai Mestieri delle Arti. Un luogo del fare e del vedere, un laboratorio culturale-artistico permanente nel cuore di Roma, in una delle più belle ville d’Europa, aperto dall’alba al tramonto, per tutte le età.

Gestiscono questa terza stagione il Teatro Verde e la Scuola Popolare di Musica di Donna Olimpia, due realtà storiche del Municipio Roma XII, impegnate da oltre 30 anni nella produzione culturale, nella formazione e nella didattica.

La direzione artistica è di Veronica Olmi, che sarà come sempre affiancata nelle scelte della programmazione oltre che da Andrea Calabretta del Teatro Verde per il Teatro Ragazzi e il Teatro di Figura e da Francesco Galtieri, Stefano Ribeca, Paola Anselmi, della Scuola di Donna Olimpia per la musica, da cinque realtà italiane importanti, con vocazioni ed esperienze differenti: Raffaella Appià di Formazione Bartolomei per la danza: un’importante novità della programmazione; Valeriano Solfiti dell’Ass. Malalingua per prosa e cinema; l’Ass. Il Flauto Magico per le attività educative e didattiche di bambini e ragazzi; Enzo Pellegrino e Anna Maria Piccoli di Mulab per progetti nazionali ed europei, oltre a iniziative con Reti Europee che hanno al centro l’impresa cultura e la cultura intesa anche come business; il Dams Roma Tre e la Prof. Valentina Venturini per i corsi universitari sulle Culture Teatrali Comparate.

Si alterneranno sulla scena, tra gli altri, Pino Strabioli, Armando Traverso, Laura Curino, Santuzza Calì, Giancarlo Sammartano, Andrea Satta e i Tetes de Bois, Mimmo Cuticchio, Manuela Mandracchia, Corrado Olmi, i Manetti Bros., Fabio Magnasciutti, Cecilia Sanchietti, Milena Angelè, Federica Zammarchi e Monica Demuru per la rassegna “Women in Jazz”.

Grande attenzione verrà data alle ATTIVITÀ DEDICATE A PERSONE CON DISABILITÀ, con il laboratorio di “teatro integrato” a cura di Bottega Flaminio, i laboratori di “danceability” e il progetto “Pane e Favole”, in cui la disabilità intrattiene e non viene intrattenuta. Inoltre, grazie alla Compagnia Florian di Pescara, verranno messi in scena spettacoli di teatro sensoriale per tutti, in cui il pubblico assiste bendato.

Per la MUSICA Paolo Pecorelli, Federica Galletti, Alessandro De Angelis e Emanuela De Bellis, organizzano Tracce Sonore, un’orchestra integrata in collaborazione con la Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia, con la Asl Rm/E U.O.C. Tutela Salute Mentale e Riabilitazione nell’Età Evolutiva e disabili adulti.

Per il CINEMA segnaliamo, oltre all’atteso incontro con i Manetti Bros, la rassegna di documentari selezionati al Festival “Human Rights” di Todi, un ciclo di incontri dedicati al grande regista, recentemente scomparso, Giuseppe Ferrara e al cinema d’inchiesta e la rassegna sul tema Danza, video e nuove tecnologie.

Per gli INCONTRI, il Convegno Internazionale “Sentieri d’innovazione -Incontro aperto sulle tendenze del teatro di figura internazionale” in collaborazione, tra gli altri con l’Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare, UNIMA Italia, Unima Giappone, in cui il Prof. Alfonso Cipolla modera quattro osservatori d’eccezione, quattro testimoni di lungo corso, lontani geograficamente e con approcci molto differenti tra loro: John McCormick (Irlanda), Yasuko Senda (Giappone), Annett Dabbs (Germania) e Giovanni Moretti.

Verranno ospitate, oltre al Collettivo Teatrale Peter Pan, autogestito da giovani under 18, residenze per la nascita di nuovi spettacoli di teatro e danza: per quest’ultima, grazie alla Rassegna Assoli e Duetti, il pubblico selezionerà tra le performance e deciderà l’assegnatario di una residenza con spettacolo all’interno del cartellone del Teatro Villa Pamphilj 2017.

Tra i tanti LABORATORI, qualche novità e qualche conferma come “Danza il tuo clown” con Gianluigi Capone, (per la prima volta a Villa Pamphilj) rivolto a tutti coloro che vogliono sperimentarsi nella scena attraverso l’improvvisazione e un rapporto con il pubblico autentico, basato sul qui e adesso e i frequentatissimi “Sing-a-long” (laboratorio/spettacolo in lingua inglese rivolto a bambini 0-36 mesi (e 36-48) con Rachel Roddy e Diego Di Vella) e Musica in Culla©” (a cura di Paola Anselmi)

Altre due importanti novità di questa stagione saranno la WEB TV e la WEB RADIO ideate da Armando Traverso che diffonderanno dai luoghi di Villa Pamphilj le tante attività e le molteplici esperienze vissute tra le mura del teatro e nei suoi tanti spazi.

Per il NUOVO ANNO si preannunciano importanti appuntamenti (con date ancora da definire), come la mostra di Sergio Staino “Passione e matite” che verrà inaugurata con un incontro con l’autore, riconosciuto come uno dei più grandi disegnatori italiani, lo spettacolo di Sonia Bergamasco  in prima nazionale “Children’s postcard”, il laboratorio teatrale, che si concluderà con uno spettacolo, di Laura Curino e la celebrazione, il 21 marzo, della Giornata mondiale della marionetta.”

L’intuzione si è rivelata giusta dichiara la direttrice artistica Veronica Olmi e sebbene ancora ci capiti di cadere nella tentazione di gestire questo luogo come un “teatro normale” con gli orari abituali, con unimpostazione standard e un metodo classico, le caratteristiche e gli obblighi che il luogo ci impone ci riportano all’idea originaria. Vogliamo dire che spesso ci sentiamo con le ali legate, per non poter progammare gli spettacoli come tutti alle 21, ma poi ci ricordiamo che la sfida di questo progetto deve essere un’altra.

Siamo noi che dobbiamo immaginare attività adatte a questo luogo e non tentare di adattare il luogo alle consuetudini teatrali. Questo ci costringe ad immaginare altro e inventare nuove abitudini e a tirare fuori il meglio che le caratteristiche di un posto come questo – tra l’altro di rara bellezza – ci impongono.

Per questo troverete la prosa a pranzo, il concerto al tramonto, i burattini a colazione.

Per questo spesso troverete piu attività in contemporanea, nei diversi spazi del teatro (che da questa stagione comprende, oltre alle Scuderie anche il piano terra della ex Casa dei Teatri), compresi quelli all’aperto sul prato o nell’Orto Teatrale dove ci piace dire “coltiviamo cultura e germogliano favole”.

Come Centro di Orientamento ai Mestieri delle Arti il nostro obbiettivo è avvicinare la gente, le persone comuni all’arte: vogliamo che la frequentazione del Teatro Villa Pamphilj diventi un’abitudine, Vogliamo che sia un posto da abitare, un riferimento per il quartiere e per la città, un presidio culturale che migliora la qualità della vita.

Teatro Villa Pamphilj per noi è il luogo dove si cantano le immagini, si recita la musica, si suona il teatro, si danzano i libri.

————————————————————————————-
————————————————————————————-
————————————————————————————-

SCHEDA INFO

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO

Via Ostuni, 8 (Tra via Prenestina e viale Palmiro Togliatti)

Info e prenotazioni

Botteghino: tel. 06.98951725

(da martedì a sabato 18.00 – 21.00; domenica 16.00 – 18.00)

[email protected]

www.teatrobibliotecaquarticciolo.itwww.teatriincomune.it

pagina facebook Teatro Biblioteca Quarticciolo

pagina twitter @TBQuarticciolo

Biglietti

intero 10 euro, ridotto 8 euro

Orario Spettacoli

serale ore 21.00; pomeridiana ore 18.00

TEATRO DEL LIDO DI OSTIA

Via delle Sirene, 22 – Ostia

Info e prenotazioni

Tel. 060608 – 06.5646962

[email protected]
www.teatrodellido.itwww.teatriincomune.it

Biglietti

intero 10 euro, ridotto 7 euro
teatro ragazzi intero 7 euro, ridotto 5 euro

Laboratori 10 euro al giorno per partecipante salvo diversa indicazione

Spettacoli ad ingresso gratuito segnalati in calendario

Tutte le mostre sono ad ingresso gratuito

visitabili in orario di biglietteria (da venerdì a domenica dalle 16 alle 20)

Orario Spettacoli

Segnalati in programma

TEATRO TOR BELLA MONACA

via Bruno Cirino, all’angolo di viale Duilio Cambellotti con via di Tor Bella Monaca

Info e prenotazioni

Prenotazioni: tel 06 2010579

Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30

Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19

[email protected]

www.teatrotorbellamonaca.itwww.teatriincomune.it

Biglietti

intero 10 euro, ridotto 8 euro

Orario Spettacoli

dal martedì al sabato ore 21.00; Domenica ore 17.30

TEATRO VILLA PAMPHILJ

Villa Doria Pamphilj 

(ingresso Via di San Pancrazio, 10 angolo Via Aurelia Antica)

Info, biglietteria e prenotazioni

tel. 06 5814176

dal martedì alla domenica 10.00 – 18,00

[email protected]

www.teatrovillapamphilj.it  –  www.teatriincomune.it

Biglietti  

da 3 a 10 euro

Orario Spettacoli, Laboratori, Mostre, Incontri

Vedi programma

 
 
Testi e immagini da Ufficio Stampa Zètema – Progetto Cultura