Scansione delle pitture rupestri di animali ad Abri Faravel

25 Maggio 2016
figure2th
Archeologi dell'Università di York e del Centre Camille Jullian di Aix-en-Provence hanno intrapreso un'opera di scansione di raffigurazioni di animali presso il rifugio roccioso di Abri Faravel, situato sulle Alpi francesi meridionali a 2133 metri sul livello del mare.
Il luogo ha visto la presenza umana a partire dal Mesolitico e fino ad epoca medievale: le pitture rupestri costituiscono le raffigurazioni di animali preistoriche ad altitudine più elevata in Europa.
Nel sito è perciò possibile ritrovare pure complesse strutture dell'Età del Bronzo ad alta quota, manufatti per Mesolitico e Neolitico, ceramiche dell'Età del Ferro, una fibula romana e oggetti in metallo di epoca medievale.
Leggere di più


Formazioni naturali e non arte rupestre nella grotta di Mäanderhöhle

27 Aprile - 12 Maggio 2016
800px-Locator_map_RB_Oberfranken_in_Bavaria.svg
La grotta di Mäanderhöhle, vicino Bamberg, era considerata straordinaria da un punto di vista archeologico, per la presenza di arte rupestre dell'Età della Pietra.
Julia Blumenröther ha ora dimostrato che i suddetti segni non sarebbero stati prodotti dall'uomo, ma sarebbero il risultato di processi naturali.
Link: EurekAlert! via University of Erlangen-Nuremberg.
Il Distretto dell'Alta Franconia, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work, based on: Locator map of Regierungsbezirk Oberfranken in Bavaria, Germany).


Egitto: arte rupestre scoperta in Assuan

16 Marzo 2016

Arte rupestre scoperta in Assuan————————————————————————————————————

1610011_471566713048478_2428935898991143240_n
Un gruppo artistico di epoca predinastica presso l'Area delle Tombe dei Nobili – Aswan è stato recentemente scoperto durante i lavori di scavo effettuati dalla Missione dell'Università di Bonn – Germania. Così ha dichiarato il dott. Eldamaty, Ministro delle Antichità.
1935826_471566853048464_2769600128734378937_n
La scoperta è molto importante, ha commentato Eldamaty, perché prova l'occupazione del sito in epoca preistorica, aggiungendo che le iscrizioni ritrovate sono considerate le più antiche finora per il sito stesso.
10320471_471566719715144_6908175248509923693_n
Da parte sua, il Direttore del Settore Antico Egiziano del Ministero delle Antichità ha affermato che la missione è riuscita a scoprire più di 15 rappresentazioni di arte rupestre predinastica, relative ad animali selvaggi (Ibex, vacche e cervi) e scene di rituali religiosi riguardanti struzzi e giraffe.
12512495_471566716381811_8573128144982920256_n
Amr Alhawary, Direttore della Missione Tedesca al lavoro presso il sito, ha affermato che l'arte rupestre scoperta rappresenta rituali di caccia ed è prova del controllo dell'uomo sulla natura selvaggia. Si credeva che queste iscrizioni potessero aiutare i cacciatori nella loro missione.
524682_471566959715120_3019128778686428924_n
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
12494925_471566843048465_9022346081571580685_n
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa: scritto da Asmaa Mostafa, tradotto da Eman Hossni. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto dal Ministero delle Antichità Egizie.
12814278_471566846381798_1347256811192333239_n


Impronte di rettili nella Grotta delle Bestie?

29 Febbraio - 2 Marzo 2016
Bestias4
La Grotta delle Bestie (anche Grotta Mestikawi-Foggini o Grotta Foggini o Grotta Wadi Sūra II), scoperta nel 2002, si trova al confine sud occidentale dell'Egitto con la Libia. Il sito è celebre per l'arte rupestre che accoglie, nella forma di animali, figure umane e prive di testa. Assieme a queste forme d'arte di 8.000 anni fa si trovano pure contorni di mani, più che in qualsiasi altro sito nel Sahara. Alcune di queste sono minuscole, e sono state finora interpretate come appartenenti a neonati.
Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Archaeological Science: Reports, sfida ora quell'interpretazione, consegnandocene una che è forse persino più inaspettata. Le 13 piccole mani non coinciderebbero con quelle di neonati (nel campione, tra le 37 e le 41 settimane di vita, e comprendendo pure prematuri tra le 26 e le 36). Risultano più piccole, mentre le dita sarebbero invece più lunghe e affusolate: si suggerisce che possa trattarsi di impronte di rettili. In particolare, potrebbe trattarsi di varano del deserto (Varanus griseus) o di giovani coccodrilli. Se davvero così fosse, si tratterebbe da una parte di un'indicazione della presenza di questi animali in quest'area, e dall'altra di possibili informazioni sull'universo simbolico di quelle popolazioni.
Leggere di più


India: arte rupestre dalle foreste di Pooyamkutty

15 Febbraio 2016
640px-India_Kerala_locator_map.svg
Un nuovo sito di arte rupestre è stato scoperto nelle foreste di Pooyamkutty, alla periferia del distretto di Ernakulam dello stato indiano di Kerala. Si tratta di petroglifi, e iscrizioni che sembrerebbero essere in Tamil-Brahmi.
Link: The Hindu
Lo stato indiano di Kerala, da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata da e di Planemad.
 


Archeologia vivente in Tanzania

19 Agosto 2015

Archeologia vivente in Tanzania

Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Pitture rupestri fino ad oggi sconosciute, che coprono rifugi rocciosi nel Distretto di Kondoa nella Tanzania centrale, sono state scoperte da Maciej Grzelczyck, vincitore del programma "Diamond Grant"del Ministero della Scienza. Allo stesso tempo, il ricercatore ha cominciato un progetto di ricerca etnologica intensivo, attraverso il quale spera di comprendere l'importanza delle pitture scoperte.
Il distretto di Kondoa è famoso per il gran numero di pitture rupestri prodotte su migliaia di anni. Ad ogni modo, solo un'area selezionata è sulla lista dei Beni Patrimonio dell'Umanità UNESCO. La riserva di Kondoa fu istituita sulla base della ricerca di Mary Leakey, condotta negli anni cinquanta. La ricercatrice e la sua famiglia sono noti principalmente per aver cercato i primi ominidi nella vicina Gola di Olduvai.
Leggere di più

India: pitture dal villaggio Kombakaidu nel Tamil Nadu

29 Maggio 2015
640px-India_Tamil_Nadu_locator_map.svg
Scoperte pitture presso il villaggio Kombaikadu, a mille metri sul livello del mare, sulla strada Palani-Kodaikanal, nello stato indiano di Tamil Nadu. I due dipinti sopravvissuti sono danneggiati, tra le immagini: mani, la lancia sacra di origina shivaita, due persone sedute su di un animale e una persona seduta sulle spalle di un'altra.
Link: The Hindu; Archaeology News Network
Lo stato di Tamil Nadu in India, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata e di Planemad.
 


New Mexico: le piante allucinogene spiegano l'arte rupestre

17 Ottobre 2014
Chihuahuan_Desert_from_South_Rim_BIBE
L'arte rupestre del Sud Est degli Stati Uniti, e in particolare del New Mexico, nel deserto del Chihuahua, avrebbe trovato una chiave di lettura.
Almeno 24 pittogrammi rappresenterebbero triangoli in serie contrapposte in diversi colori. Nei pressi di questi pittogrammi si sarebbero ritrovate piante psicotrope e allucinogene, come la potenzialmente letale datura o specie selvagge e molto potenti di tabacco. A queste conclusioni sarebbe giunto il Dr. Lawrence Loendorf, della Sacred Sites Research.
Link: Western Digs
Chihuahuan Desert from South Rim BIBE, foto da Wikipedia, CC BY 2.0,  di daveynin, caricata da Ricraider.