India: insediamento buddista dalla collina di Seethanagaram

4 Marzo 2016
800px-India_Seemandhra_locator_map.svg
Un insediamento buddista con tracce relative a due stupa, chaitya e vihara è stato scoperto sulla collina di Seethanagaram, nei pressi di Vijayawada, nello stato indiano dell'Andhra Pradesh.
I vihara in mattoni sarebbero datati dal primo secolo a. C. al secondo d. C. Scoperti pure due idoli di Vishnu in khondalite, e uno di Govardhana Giridhara, databile dal sesto al decimo secolo.
Link: The Hindu
Lo stato di Andhra Pradesh, da WikipediaCC BY-SA 3.0 PlaneMad/Wikimedia, caricata da RaviC (This Image was created by User:PlaneMad. Updated by RaviCOwn work International Borders: University of Texas map libraryIndia Political map 2001 Disputed Borders: University of Texas map libraryChina-India BordersEastern Sector 1988 & Western Sector 1988Kashmir Region 2004Kashmir Maps. State and District boundaries: Census of India2001 Census State MapsSurvey of India Maps. Other sources: US Army Map Service, Survey of India Map Explorer, Columbia University ).


Australia: una lunga storia genetica indipendente

25 Febbraio 2016
800px-Bradshaw_rock_paintings
L'Australia è stato una delle prime regioni ad essere colonizzate dai moderni umani, attorno a 50 mila anni fa. Le prime prove archeologiche per la presenza umana si collocano attorno ai 47 mila anni fa, e sono ampiamente accettate. Questi coloni, tra i primi ad uscire "fuori dall'Africa", hanno costituito gli antenati dei moderni Aborigeni australiani.
Un nuovo studio, pubblicato su Current Biology, ha sequenziato 13 cromosomi Y da Aborigeni australiani, concludendo che la divergenza con quelli presenti in altri continenti risale a 50 mila anni fa circa. La divergenza rispetto ai cromosomi Y di Papua Nuova Guinea si colloca immediatamente dopo questo evento. Non vi sarebbero invece prove di un flusso genetico maschile dall'Asia meridionale in Australia, per l'Olocene.
800px-Nullarbor_Dingo
Lo studio dunque confuterebbe l'esistenza di un flusso dall'India in Australia, da collocarsi attorno a 4-5 mila anni fa, e supporterebbe la tesi di una lunga storia genetica indipendente per l'Australia. L'arrivo dei dingo in Australia si colloca attorno ai cinquemila anni fa, e nella stessa epoca si verifica una modificazione negli strumenti litici utilizzati e nel linguaggio. Era perciò sorto il dubbio circa possibili modificazioni genetiche da associare a questi cambiamenti. Due studi recenti proposero di collegarli a un mescolamento con popolazioni indiane di cinquemila anni fa, mescolamento che per il nuovo studio sarebbe però da escludere. Ulteriori studi per spiegare questi eventi - ed altri, come la mancata colonizzazione polinesiana - si rendono perciò necessari.
Leggere di più


India: arte rupestre dalle foreste di Pooyamkutty

15 Febbraio 2016
640px-India_Kerala_locator_map.svg
Un nuovo sito di arte rupestre è stato scoperto nelle foreste di Pooyamkutty, alla periferia del distretto di Ernakulam dello stato indiano di Kerala. Si tratta di petroglifi, e iscrizioni che sembrerebbero essere in Tamil-Brahmi.
Link: The Hindu
Lo stato indiano di Kerala, da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata da e di Planemad.
 


India: pittogrammi da Hampi

13 Febbraio 2016
640px-India_Karnataka_location_map.svg
Emergono prove della probabile occupazione di Hampi, nello stato indiano di Karnataka, da parte di tribù provenienti dalle Civiltà della Valle dell'Indo.
Si tratta di 20 iscrizioni, pittogrammi Sindu (relativi alla cultura di Harappa) in dialetto Gondi, su di un masso presso Taalrighatta.
Link: Deccan Chronicle
Lo stato di Karnataka, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Nayvik (Karnataka_locator_map.svg: by User:Planemad derivative work: User:Nayvik Karnataka_locator_map.svg, Census India).


India: resti buddisti da un tempio di Tripuranthakam

18 Gennaio 2016
800px-India_Seemandhra_locator_map.svg
Il tempio del tredicesimo secolo di Tripuranthakam, nel distretto Prakasham dell'Andhra Pradesh, fu costruito dove sorgeva un padiglione buddista.
Si sarebbero infatti ritrovati due pilastri calcarei con iscrizioni buddiste del primo secolo d. C., e con medaglioni dal mezzo loto. Un'iscrizione del decimo secolo indica forse che furono utilizzati per innalzare il tempio dedicato alla dea Bala Tirupura Sundari.
Link: Deccan Chronicle
Lo stato di Andhra Pradesh, da WikipediaCC BY-SA 3.0 PlaneMad/Wikimedia, caricata da RaviC (This Image was created by User:PlaneMad. Updated by RaviCOwn work International Borders: University of Texas map libraryIndia Political map 2001 Disputed Borders: University of Texas map libraryChina-India BordersEastern Sector 1988 & Western Sector 1988Kashmir Region 2004Kashmir Maps. State and District boundaries: Census of India2001 Census State MapsSurvey of India Maps. Other sources: US Army Map Service, Survey of India Map Explorer, Columbia University ).


India: sette grotte usate da buddisti presso il Parco Nazionale Sanjay Gandhi

17 Gennaio 2016
640px-India_Maharashtra_locator_map.svg
Sette grotte, con datazione stimata tra il primo secolo a. C. e il quinto-sesto secolo d. C., sono state scoperte nel Parco Nazionale Sanjay Gandhi, nello stato indiano di Maharashtra. Erano usate da monaci buddisti come residenza.
Link: Times of India
Lo stato indiano di Maharashtra, da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata da e di Planemad.


India: muro fortificato e reperti dal villaggio di Utkottai Maligaimedu

11 Gennaio 2016
640px-India_Tamil_Nadu_locator_map.svg
Dagli scavi al sito presso il villaggio di Utkottai Maligaimedu (nello stato indiano di Tamil Nadu), sono emersi vari reperti, datati tra il decimo e il tredicesimo secolo, che evidenziano il legame tra la dinastia Chola e il Sud Est asiatico.
Oltre al muro fortificato, si segnalano i seguenti reperti: frammenti ceramici, maniglie decorate e una porzione di coperchio, mattonelle Chola, frammenti di ceramica cinese Celadon e porcellane.
Link: The Hindu
Lo stato di Tamil Nadu in India, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata e di Planemad.


India: reperti da un possibile monastero buddista a Vommili

20 Dicembre 2015
800px-India_Seemandhra_locator_map.svg
Reperti che testimonierebbero la presenza di un monastero buddista si sono ritrovati presso il villaggio di Vommili, nello stato indiano dell'Andhra Pradesh. Si tratta di frammenti ceramici risalenti al periodo compreso tra il terzo secolo a. C. e l'ottavo d. C. e un idolo di Heruka.
Link: The Hindu
Lo stato di Andhra Pradesh, da WikipediaCC BY-SA 3.0 PlaneMad/Wikimedia, caricata da RaviC (This Image was created by User:PlaneMad. Updated by RaviCOwn work International Borders: University of Texas map libraryIndia Political map 2001 Disputed Borders: University of Texas map libraryChina-India BordersEastern Sector 1988 & Western Sector 1988Kashmir Region 2004Kashmir Maps. State and District boundaries: Census of India2001 Census State MapsSurvey of India Maps. Other sources: US Army Map Service, Survey of India Map Explorer, Columbia University ).
 


Il miglio e la transizione da cacciatori raccoglitori ad agricoltori

14 Dicembre 2015

Il miglio: il pezzo mancante nel puzzle della transizione degli umani preistorici da cacciatori raccoglitori ad agricoltori

Martin Jones con il miglio nel Nord della Cina (Foto di Martin Jones)
Martin Jones con il miglio nel Nord della Cina (Foto di Martin Jones)

Una nuova ricerca mostra come il cereale oggi familiare ai più come mangime per uccelli, fu trasportato lungo l'Eurasia da antichi pastori e mandriani che posero le basi, in combinazione con le nuove colture che incontravano, dell'agricoltura ‘multi-coltura’ (NdT: ‘multi-crop’ in Inglese) e il sorgere di società stanziali. Gli Archeologi spiegano che il miglio ‘dimenticato’ ha un ruolo da giocarsi nella moderna diversità delle colture e nel dibattito sull'odierna sicurezza alimentare.

La domesticazione del miglio, cereale dai piccoli semi, nel Nord della Cina attorno a 10.000 anni fa, creò la coltura perfetta per fare da ponte tra i cacciatori raccoglitori nomadi e l'agricoltura organizzata nell'Eurasia del Neolitico, e potrebbe offrire soluzioni alla moderna sicurezza alimentare, secondo una nuova ricerca.
Ora una coltivazione dimenticata nell'Occidente, questo cereale robusto – diffuso nell'Occidente oggi come mangime per uccelli – era ideale per gli antichi pastori e mandriani, che lo trasportarono proprio lungo l'Eurasia, dove fu mescolato a coltivazioni come frumento e orzo. Questo diede vita alla ‘multi-coltura’, che in turno gettò i semi delle società urbane complesse. Così nella spiegazione degli archeologi.
Un team composto da membri dal Regno Unito, dagli Stati Uniti e dalla Cina ha tracciato la diffusione del cereale domesticato dal Nord della Cina e dalla Mongolia Interiore nell'Europa, attraverso un “corridoio collinoso” lungo le colline pedemontane dell'Eurasia. Il miglio predilige collocazioni in altezza, non richiede molta acqua, e ha una stagione di crescita breve: può essere raccolto 45 giorni dopo la semina, in confronto ai 100 giorni del riso, permettendo una forma molto mobile di coltivazione.
Le tribù nomadi furono in grado di combinare coltivazioni di miglio con la caccia e il foraggiamento, mentre viaggiavano lungo il continente, tra il 2500 e il 1600 a. C. Il miglio fu infine mescolato con altre coltivazioni nelle popolazioni emergenti, per creare una diversità ‘multi-coltura’, che estese le stagioni di crescita e fornì ai nostri antichi antenati sicurezza alimentare.
Il bisogno di gestire differenti coltivazioni in diversi luoghi, e le risorse idriche richieste, contarono sugli elaborati contratti sociali e sul sorgere di comunità più stanziali, stratificate, e infine di complesse società umane ‘urbane’.
I ricercatori affermano che dobbiamo imparare dai primi agricoltori, quando pensiamo al nutrimento delle popolazioni odierne, e il miglio potrebbe avere un ruolo da giocarsi nel proteggerci da moderne perdite del raccolto e carestie.
“Oggi il miglio è in declino e attrae relativamente poca attenzione scientifica, ma un tempo era tra i cereali più estesamente coltivati, in termini geografici. Siamo stati in grado di seguire il movimento del miglio nelle profondità della storia, da quando si originò in Cina e si diffuse lungo l'Europa e l'India.” Così il professor Martin Jones del Dipartimento di Archeologia e Antropologia dell'Università di Cambridge, che ha presentato oggi (NdT: ieri) le sue scoperte al Forum Archeologico di Shanghai.

“Questi ritrovamenti hanno trasformato la nostra comprensione della prime forme di agricoltura e società. In precedenza si è presunto che la prima agricoltura fosse concentrata nelle valli dei fiumi dove vi è abbondante accesso a fonti idriche. Ad ogni modo, i resti di miglio dimostrano che la prima agricoltura era invece centrata più in alto sulle colline pedemontane – permettendo questo primo sentiero per i cereali ‘esotici’, per il loro trasportoverso  Occidente.”

Coltivatore di miglio a Chifeng nella Mongolia Interna (Foto di Martin Jones)
Coltivatore di miglio a Chifeng nella Mongolia Interna (Foto di Martin Jones)

Leggere di più


India: pitture rupestri del Mesolitico da Rukalagundu

25 Novembre 2015
800px-India_Seemandhra_locator_map.svg
 
Pitture rupestri del Mesolitico sono state ritrovate presso la roccia nota come Rukalagundu, nel tehsil di Kadiri del distretto di Anantapur nello Stato indiano dell'Andra Pradesh. Le pitture comprendono una lucertola, un uomo che danza, strumenti per la caccia e disegni geometrici, e daterebbero al 10.000 - 8.000 a. C.
Link: Deccan Chronicle
Lo stato di Andra Pradesh, da WikipediaCC BY-SA 3.0 PlaneMad/Wikimedia, caricata da RaviC (This Image was created by User:PlaneMad. Updated by RaviCOwn work International Borders: University of Texas map libraryIndia Political map 2001 Disputed Borders: University of Texas map libraryChina-India BordersEastern Sector 1988 & Western Sector 1988Kashmir Region 2004Kashmir Maps. State and District boundaries: Census of India2001 Census State MapsSurvey of India Maps. Other sources: US Army Map Service, Survey of India Map Explorer, Columbia University ).