Il bambino che inventò lo zero Amedeo Feniello

Incontro "Il bambino che inventò lo zero" a Monte Castello di Vibio

Venerdì 3 maggio 2019, ore 11.00
Teatro della Concordia - Monte Castello di Vibio

Il bambino che inventò lo zero

INCONTRO
con lo storico
Amedeo Feniello
Introduce Federico Fioravanti

ingresso libero

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloLA STORIA - È una di quelle che hanno cambiato il mondo. I numeri dall'1 al 9 e il misterioso zero vengono da lontano. Li ha portati nel nostro continente Leonardo Fibonacci, che nel 1202 pubblicò il libro che ne svelava simboli e segreti. Il Liber Abaci inizia così: "Le nove figure degli indiani sono queste: 9 8 7 6 5 4 3 2 1. Con queste nove cifre, assieme al simbolo 0 che gli indiani chiamano zephirum, è possibile scrivere qualunque numero”. Leggi qui tutta la storia.

IL LIBRO - Leonardo, il protagonista del libro, è una vera peste. A Bugia, dove è arrivato con suo padre, porta scompiglio, fa scherzi, combina guai nelle viuzze tortuose della città. Ma ha una dote straordinaria: in men che non si dica, apprende la scienza dei numeri arabi da un grande matematico del posto: «Tu che sai tutto, tu che sai come è stato creato il mondo, dimmi, esiste un numero da cui sono discesi tutti gli altri?». Amedeo Feniello, Il bambino che inventò lo zero, ed. Laterza.

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloL'AUTORE - Amedeo Feniello è uno storico e autore di numerosi saggi. Per la casa editrice Laterza ha pubblicato, oltre a Il bambino che inventò lo zeroSotto il segno del leone. Storia dell’Italia musulmana e Dalle lacrime di Sybille. Storia degli uomini che inventarono la banca. Ha anche partecipato alla stesura del volume Storia mondiale dell’Italia, una raccolta di saggi curata dallo storico Andrea Giardina. Pubblica anche con Mondadori e collabora con La Lettura, l’inserto culturale del Corriere della Sera. Leggi di più sull'autore.

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloL'evento è organizzato dal Festival del Medioevo
con la collaborazione del Comune di Monte Castello di Vibio.

 

Testo e immagini da Festival del Medioevo

Copyright © 2019 Associazione culturale Festival del Medioevo, all rights reserved.


Torna a giugno "Letterature. Festival Internazionale di Roma"

LETTERATURE

Festival Internazionale di Roma

Edizione 2019

IL DOMANI DEI CLASSICI

Quand’è che un testo contemporaneo si dà come classico?”

Dal 4 al 28 giugno alla Basilica di Massenzio

Mostre e incontri nelle Biblioteche di Roma a partire da maggio

Letterature Festival di Roma edizione 2019 Basilica di Massenzio il domani dei classici

Roma, 23 aprile 2019 - Torna dal 4 al 28 giugno LETTERATURE - Festival Internazionale di Roma, storica manifestazione della Capitale a cura dell'Istituzione Biblioteche di Roma, promossa da Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale di Roma e organizzata da Zètema Progetto Cultura.

Al centro dell’edizione 2019 del Festival saranno le otto serate alla Basilica di Massenzio al Foro Romano, ideate e dirette da Maria Ida Gaeta con la regia di Fabrizio Arcuri.

Protagonisti degli appuntamenti saranno gli autori più interessanti della scena letteraria internazionale. Il tema scelto per l’edizione 2019, che farà da filo rosso a tutti gli incontri, è “Il domani dei classici – Quand’è che un testo contemporaneo si dà come classico?”.

Ogni autore ospite risponderà a questa domanda leggendo, come da tradizione, un testo inedito scritto appositamente per la manifestazione.

Tra gli autori si segnalano Antonio Scurati, che il via alla manifestazione, Alberto Manguel, Chiara Gamberale, Valerio Massimo Manfredi, Alicia Jimenez Bartlett.

Chiude il Festival Roberto Saviano.

Il 13 giugno il Festival ospiterà i 5 autori finalisti del Premio Strega 2019 e due vincitori di edizioni del Premio Internazionale di Letteratura Formentor.

Ma il Festival LETTERATURE voluto dall'Istituzione Biblioteche di Roma, dal presidente Paolo Fallai e dal Consiglio di Amministrazione, andrà oltre gli otto appuntamenti alla Basilica di Massenzio, che avranno un’anteprima il 16 maggio all’Auditorium del Macro Asilo. Tornerà la grande musica con un concerto il 9 giugno, realizzato in collaborazione con i musicisti dell’Accademia di Santa Cecilia che torna dopo quaranta anni a suonare a Massenzio, e con il film-spettacolo su Il flauto magico dell’Orchestra di Piazza Vittorio il 14 giugno.

Mentre questa edizione del Festival sarà caratterizzata da una mini rassegna di classici del cinema, in collaborazione con la Casa del Cinema, nell'arena all'aperto di Villa Borghese.

Il Festival anche quest'anno - è il terzo anno della "gestione" affidata all'Istituzione Biblioteche di Roma - si svolge in tutta la città grazie al coinvolgimento dell'intera rete delle Biblioteche di Roma e dei Bibliopoint.

Dal 3 maggio al 5 giugno si terranno gli incontri presso la Casa delle Letterature e la Biblioteca Flaminia con i dodici semifinalisti dello Strega 2019. Il prestigioso premio letterario sarà anche al centro di una mostra, curata dell’Archivio Riccardi, visitabile fino a fine giugno presso la Biblioteca Flaminia.

Mostre e attività di approfondimento saranno dedicate ai fondi storici delle Biblioteche di Roma: i fondi Giorgio Caproni, Don Roberto Sardelli, la collezione completa del Corriere dei Piccoli, il fondo Enzo Siciliano e il fondo Bia Sarasini, posseduti rispettivamente dalle biblioteche Marconi, Raffaello, Tortora, Casa delle Letterature e Mameli.
Il rapporto tra classici e letteratura per l’infanzia vivrà una sua anteprima il 23 maggio alla biblioteca Europea quando sarà presentata, in collaborazione con Ibby Italia, la nuova bibliografia delle Biblioteche della Legalità dedicata appunto ai classici.

Nell’ambito di Letterature Off, sezione del Festival inaugurata lo scorso anno, verrà presentato a giugno nelle biblioteche Quarticciolo, Mameli, De Mauro e Mandela, il progetto "Mamme narranti", quattro letture spettacolarizzate, in collaborazione con Andrea Satta e l’Associazione Culturale Têtes de Bois, incentrate sulle fiabe raccontate da madri italiane e straniere. Altrettante letture spettacolarizzate saranno realizzate anche nelle stazioni della Metro C di riferimento delle quattro biblioteche.

Tra gli eventi che saranno ospitati alla Casa delle Letterature da segnalare infine la mostra fotografica dell’artista Sze Tsung Nicolas Leong, dedicata ai luoghi del Festival e realizzata in collaborazione con l’American Academy in Rome, al via il 30 maggio; l’incontro il 6 maggio con i giurati del Premio Formentor in collaborazione con l’Ambasciata di Spagna; i convegni "Il domani dei classici: tra le lingue – Il racconto italiano ieri, oggi e domani (30 maggio) e "Il domani dei classici: Generative Art, Futuring Past" (7 giugno).

LETTERATURE è realizzato con la collaborazione di Ambasciate, Università e Istituti culturali italiani e stranieri.

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma

Basilica di Massenzio, Foro Romano

con accesso dal Clivo di Venere Felice (Via del Fori Imperiali)

Le serate hanno inizio alle ore 21.00

Accesso alla Basilica dalle ore 20.30

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

previo ritiro del biglietto a partire dalle 20.00 presso il botteghino in via dei Fori Imperiali

Per informazioni al pubblico

060608 (tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.00)

www.festivaldelleletterature.it

#letterature2019

www.bibliotechediroma.it

Il programma della manifestazione Letterature Festival 2019 è curato dal gruppo di lavoro delle Biblioteche di Roma: Direttore Vincenzo Vastola, Maria Ida Gaeta – responsabile Casa delle Letterature, Simona Cives - coordinamento dei programmi, Leila Maiocco - ufficio di Presidenza, Antonio Trimarco - programma Bibliopoint, Maria Carla Mancinelli - programma Mamme Narranti, Stefano Gambari - Fondi Storici.

Leggere di più


Premio Strega Europeo 2019 sesta edizione Torino

Il Premio Strega Europeo giunge alla sesta edizione

PREMIO STREGA EUROPEO 2019

SESTA EDIZIONE

Premio Strega Europeo 2019 sesta edizione TorinoIl Premio Strega Europeo, giunto alla sesta edizione, consolida la collaborazione con il Salone internazionale del libro di TorinoLe autrici e gli autori candidati presenteranno anche quest’anno al Salone i rispettivi libri in gara, ciascuno in un incontro individuale, tra venerdì 10 e domenica 12 maggio. La cerimonia di premiazione avrà luogo domenica 12 maggio alle ore 18.30 presso il Circolo dei Lettori.

 Il Premio Strega Europeo, nato nel 2014 in occasione del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea per diffondere la conoscenza di alcune tra le voci più originali e profonde della narrativa contemporanea, è promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, dall’azienda Strega Alberti Benevento, dalla Casa delle Letterature di Roma e in collaborazione con BPER Banca.

Concorrono a ottenere il riconoscimento cinque romanzi recentemente tradotti in Italia, provenienti da diverse aree linguistiche e culturali, che hanno vinto nei Paesi europei in cui sono stati pubblicati un importante premio nazionale. È previsto inoltre un riconoscimento al traduttore del libro premiato, offerto dalla FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori).

I cinque libri candidati al Premio Strega Europeo 2019:

 

  • David DiopFratelli d’anima (Neri Pozza), traduzione di Giovanni Bogliolo

     Prix Goncourt des Lycéens 2018

 

  • Catherine DunneCome cade la luce (Guanda), traduzione di Ada Arduini

2018 Irish PEN Award

 

  • Robert MenasseLa capitale (Sellerio), traduzione di Marina Pugliano-Valentina Tortelli

Deutcher Buchpreis 2017

  • Ilja Leonard PfeijfferLa Superba (Nutrimenti), traduzione di Claudia Cozzi

Libris Literatuur Prijs 2014

  • Sasha Marianna SalzmannFuori di sé (Marsilio), traduzione di Fabio Cremonesi

Literaturpreis der Jürgen Ponto-Stiftung 2017

Il riconoscimento sarà assegnato da una giuria composta da scrittori vincitori e finalisti del Premio Strega  Laura Bosio, Giuseppe Catozzella, Teresa Ciabatti, Antonella Cilento, Maria Rosa Cutrufelli, Paolo Di Paolo, Mario Fortunato, Helena Janeczek, Paolo Giordano, Nicola Lagioia, Lia Levi, Dacia Maraini, Wanda Marasco, Paola Mastrocola, Melania G. Mazzucco, Edoardo Nesi, Valeria Parrella, Lorenzo Pavolini, Romana Petri, Domenico Starnone, Sandro Veronesi Andrea Vitali – a cui si aggiungono i responsabili della istituzioni che promuovono il premio.

I vincitori delle scorse edizioni:

2018    Fernando AramburuPatria (Guanda), tradotto da Bruno Arpaia

2017   Jenny ErpenbeckVoci del verbo andare (Sellerio), tradotto da Ada Vigliani

2016    Annie ErnauxGli anni (L’orma), tradotto da Lorenzo Flabbi

2015    Katja PetrovskajaForse Esther (Adelphi), tradotto da Ada Vigliani

2014    Marcos Giralt TorrenteIl tempo della vita (Elliot), tradotto da Pierpaolo Marchetti

Le schede dei libri, degli autori e dei traduttori sono disponibili su www.premiostrega.it/PSE.

    

Seguici anche su

 

     facebook.com/fondazionebellonci

@FondBellonci @PremioStrega #strega71

@fondazionebellonci

 

Testo da Ufficio stampa “d’&FAgency”


Giorgio Ceraudo L'arte e il paesaggio Catanzaro

Catanzaro: presentazione libro "L'arte e il paesaggio. Le belle contrade" di Giorgio Ceraudo

Presentazione volume

L’ARTE E IL PAESAGGIO

Le belle contrade

Salone del Palazzo della Provincia di Catanzaro

Catanzaro

Venerdì 26 aprile 2019 – Ore 17.00

Giorgio Ceraudo L'arte e il paesaggio Catanzaro

Venerdì 26 aprile 2019, alle ore 17.00, a Catanzaro, presso il Salone del Palazzo della Provincia, verrà presentato il volume di Giorgio Ceraudo dal titolo L’ARTE E IL PAESAGGIO Le belle contrade (Rubbettino Editore).

Interverranno all’iniziativa, moderata dallo scrivente, Ivan Cardamone, vicesindaco e assessore comunale alla cultura; Teresa Gualtieri, presidente nazionale federazione Club per l’Unesco; Francesco Cuteri, archeologo; Rosanna Caputo, storico d’arte e l’autore del volume.

Giorgio Ceraudo, architetto, già Soprintendente per i Beni Culturali della Calabria, ha presentato a Cosenza, Palazzo Arnone, il suo lavoro evidenziando i tanti lavori espletati durante la sua gestione riscuotendo attenzione e interesse.

Nell’incontro catanzarese si farà il punto sull’impegno profuso dall’arch. Ceraudo per dare centralità al Complesso monumentale del San Giovanni, al Palazzo Fazzari, al Palazzo Alemanni, al restauro e alla valorizzazione del Parco Archeologico e Museale della Roccelletta di Borgia e agli altri gioielli architettonici che contraddistinguono la città di Catanzaro e la sua provincia.

Non mancheranno, ancora, analisi e approfondimenti sui tanti tesori d’arte del catanzarese presentati in mostre di straordinaria valenza culturale: “Andrea Cefaly e la scuola di Cortale”; la mostra internazionale “Mattia Preti il Cavaliere Calabrese”, etc..

L’iniziativa metterà in primo piano le potenzialità che detiene la nostra Regione in un settore strategico, la cultura appunto, per uno sviluppo e una crescita economica e sociale non più rinviabile.

Leggere di più


Il Piacere del Male. Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000) Ca' Foscari Venezia

Venezia: incontro di studi “Il Piacere del Male. Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000)”

INCONTRO DI STUDI A CA’FOSCARI SU “IL PIACERE DEL MALE”

  

Incontro di studi su “Il Piacere del Male. Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000)”

Aula Baratto, 15 aprile 20019, ore 15.30

in occasione della pubblicazione dell’opera edita nella collana Studi di letterature comparate “I Libri dell’Associazione Sigismondo Malatesta”, 2 voll., Pacini Editore, Pisa 2018

Il Dipartimento di studi linguistici e culturali comparati dell’Università Ca’ Foscari organizza l’incontro di studi su “Il Piacere del Male. Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000)” lunedì 15 aprile alle ore 15.30

Le letterature occidentali fin dalle origini hanno rappresentato l’antitesi tra bene e male in forme diverse, sia nella tradizione biblica che in quella pagana: vizi-virtù, giustizia-ingiustizia, ecc.

A partire dalla fine del Cinquecento tra questi due valori si instaura progressivamente una relazione non più antitetica ma ossimorica e complementare, quella de Il Piacere del Male, di cui per fare esempi famosi si possono citare lo Iago di Shakespeare e il fascinoso Satana del Paradiso perduto di Milton. Una relazione che capovolge la gerarchia tra vizi e virtù rispetto alla tradizione e inaugura una simbiosi che rivendica la duplicità della natura umana, il fascino della seduzione e della perversione.

Un complesso e ampio progetto dell’Associazione Sigismondo Malatesta, ideato e diretto da Paolo Amalfitano, ha indagato con il concorso di sessantadue studiosi delle diverse letterature occidentali questo difficile e paradossale rapporto dal Cinquecento fino ai giorni nostri, attraverso personaggi, testi e autori che ne hanno segnato le metamorfosi: Don Giovanni, Dracula, Swift, Sade, Byron, Poe, Baudelaire, Kafka, Nabokov, Bulgakov, Siti.

De Il Piacere del Male e dei saggi contenuti nei due volumi recentemente pubblicati discuteranno con il curatore Paolo Amalfitano, lunedì 15 aprile alle 15.30, presso l’Aula Baratto a Ca’ Foscari, alcuni illustri studiosi: Mariolina Bertini, Arturo Cattaneo, Stefano Ercolino. Introduce e presiede Flavio Gregori.

Il Piacere del Male. Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000) Ca' Foscari Venezia

Il Piacere del Male

Le rappresentazioni letterarie di un’antinomia morale (1500-2000)

Il Piacere del Male” è un Progetto Malatestiano, ideato e diretto da Paolo Amalfitano, che affronta un argomento le cui radici sono, com’è noto, molto antiche. La ricerca prende le mosse, con alcune indagini retrospettive, da un momento tra sedicesimo e diciassettesimo secolo che segna nelle letterature occidentali una sorta di turning point nella millenaria rappresentazione del bene e del male in cui a quest’antitesi, prima pagana ma soprattutto cristiana, si sostituisce progressivamente un ossimoro: Il Piacere del Male. Una figura che istituisce una relazione capovolta tra vizi e virtù, in cui si rivendica la duplicità della natura umana, si presenta la deviazione dalla norma riconosciuta come un momento di libertà e si propugna, fino al mito decadente della bellezza scissa dalla morale, un ideale, per lo più tragico del piacere, fino agli estremi novecenteschi in cui il bene, ormai cancellato, si manifesta forse solo nel ritorno del “vecchio” ed espulso senso di colpa.

Il Progetto, articolato in cinque gruppi di ricerca, ha dato vita nel 2014 a cinque seminari, coordinati ciascuno da un responsabile scientifico: sul ’500 e ante, Sergio Zatti (Università di Pisa); sul ’600, Loretta Innocenti (Università Ca’Foscari Venezia); sul ’700, Paolo Amalfitano (Università di Napoli “L’Orientale”); sull’800, Luca Pietromarchi (Università di Roma Tre); sul ’900, Stefano Brugnolo (Università di Pisa).

Paolo Amalfitano

Apertura dei lavori

Luis Fernando Beneduzi

Vice Direttore del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati

Loretta Innocenti

Università Ca’ Foscari Venezia

Presiede e introduce

Flavio Gregori

Università Ca’ Foscari Venezia

Intervengono

Mariolina Bertini

Università di Parma

Arturo Cattaneo

Università Cattolica del Sacro Cuore Milano

Stefano Ercolino

Università Ca’ Foscari Venezia

Sarà presente il curatore

Paolo Amalfitano

Università di Napoli “L’Orientale”

 

Testi e immagine da ufficio Comunicazione e Promozione di Ateneo, Università Ca' Foscari Venezia


Locri in acquerello Rossella Agostino libri

Reggio Calabria: presentazione del volume "Locri in acquarello"

Presentazione volume

Locri in acquarello

Accademia di Belle Arti - Aula Magna “G. Marino”

Reggio Calabria

Giovedì 11 aprile 2019 – Ore 17.00

Locri in acquarello Rossella Agostino libriGiovedì 11 aprile 2019, alle ore 17.00, a Reggio Calabria, presso l’Accademia di Belle Arti - Aula Magna “G. Marino”, verrà presentato l’interessante volume Locri in acquarello, curato da Rossella Agostino, direttore Musei e Parco Archeologico Nazionale di Locri.

L’iniziativa è indetta da Italia nostra - Sezione di Reggio Calabra e dall’Accademia delle Belle Arti di Reggio Calabria.

Il volume è stato stampato dal Polo museale della Calabria in occasione dei 20 anni di dichiarazione del museo di Locri quale Museo nazionale e riporta articoli legati alla storia del museo, a cura dell’archeologo Claudio Sabbione; un articolo della studiosa, accademica dei Lincei, professoressa Elisa  Lissi Caronna che ha scavato con Oliverio negli anni’50 a Locri; l’articolo della professoressa Letizia Lazzarini sulla figura del professore Gaspare Oliverio nonché le opere degli  acquarellisti che hanno lavorato en plein air presso il parco archeologico in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio del 2018, opere che poi hanno donato allo stesso Museo.

Leggere di più


Prossimi eventi di aprile al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Scopri i prossimi eventi a Villa Giulia - Aprile 2019 


Piazzale di Villa Giulia 9, Roma
Apertura: dal martedì alla domenica Orari: 9-20 (ultimo ingresso ore 19)
[email protected]beniculturali.it
Telefono: 063219698 


Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia Aprile 2019CONFERENZA

Roma o morte

Mercoledì 10 aprile 2019 ore 17.45
Sala della Fortuna 

Conferenza a cura dell'Associazione AMUSE sulla Repubblica Romana (1849) e sulla sua caduta, con particolare riferimento alle battaglie tra l'esercito francese e i difensori condotte lungo la via Flaminia, da Ponte Milvio alle mura di Porta del Popolo.
Relatori: prof. Carlo De Bac e arch. Andrea Ventura

Ingresso libero in Sala della Fortuna consentito fino ad esaurimento posti.
Ingresso al Museo secondo bigliettazione vigente.


Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia Aprile 2019PRESENTAZIONE LIBRO FOTOGRAFICO

Il risveglio degli Etruschi/The Awakening of Etruscans 
di Enzo Trifolelli

Giovedì 11 aprile 2019 ore 17.00
Sala della Fortuna
Intervengono con l'Autore: Marcello Forgia, Francesca Ceci, Stephan Steingräber,
Roberto Salbitani, Gianpiero AscoliIngresso libero in Sala della Fortuna consentito fino ad esaurimento posti.
Ingresso al Museo secondo bigliettazione vigente.

LABORATORIO DIDATTICO

ANIMALI FANTASTICI

Sabato 13 aprile 2019 ore 16.00
Sale espositive del Museo  

Siete pronti per un viaggio avventuroso fra animali fantastici e figure eroiche della mitologia antica?

Sabato 13 aprile alle 16 vi aspettiamo per esplorare un mondo animato da creature sovrannaturali ed eroi mitologici. Una visita guidata fra le opere del Museo che ci mostrano la dimensione ultraterrena dei popoli antichi. E poi tutti in laboratorio a disegnare con la creatività il proprio animale fantastico.

Prenotazione obbligatoria entro le ore 16.00 di venerdì 12 aprile

Costo del laboratorio: 6 euro a bambino; 4 euro a partire dal secondo figlio.
Per info e prenotazioni: tel. 06 8803562 - 333.9533862. E-mail: [email protected][email protected]

 

 

 


VISITA GUIDATA

Fasceggiate Romane al Museo di Villa Giulia 

Primo appuntamento
Domenica 14 aprile 2019 ore 10.30 

Visita guidata alla mostra 'Mæternità. Maternità e allattamento nell'Italia antica' allestita nelle sale del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia fino al 2 giugno. Ci accompagneranno la dr.ssa Maria Cristina Richiardi, storica dell'arte e guida turistica di Roma, e le Ostetriche di Nascere e Crescere.
Un'iniziativa per bimbi in fascia, col passeggino, mano nella mano con mamma, papà, nonni, zii... e per tutta la famiglia!
La visita guidata è compresa nel costo del biglietto di ingresso al Museo 

Per info e prenotazioni [email protected] 0625392753 - 3482546591


Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia Aprile 2019

PRESENTAZIONE LIBRI

Dialoghi di Archeologia - 6° incontro

Mercoledì 17 aprile 2019 ore 17.00
Sala della Fortuna

Dialoghi di Archeologia di primavera torna il 17 aprile per parlare dell’affascinante figura di Heinrich Schliemann che nel 1858 compie il suo primo viaggio in Italia da turista e uomo di affari. Non è ancora il personaggio famoso che il mondo celebrerà come lo scopritore di Troia.
Quale è stato il rapporto tra lo studioso tedesco e l’Italia? Quali i suoi contatti con gli ambienti accademici nazionali, ma anche con personalità del mondo della politica e della cultura? Con noi per rispondere a queste e molte altre domande ci sarà Massimo Cultraro che presenterà il suo nuovo libro: “L’ultimo sogno dello scopritore di Troia. Heinrich Schliemann e il suo viaggio in Italia”.

Ingresso in Sala della Fortuna libero e consentito fino ad esaurimento posti
Ingresso al Museo secondo bigliettazione ordinaria

 


Diventa protagonista del nostro Patrimonio.

Regalati e regala un abbonamento speciale al

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia!

Scopri come fare qui

 


SEGUI IL MUSEO NAZIONALE ETRUSCO DI VILLA GIULIA SUL CANALE YOUTUBE "ETRUSCHANNEL"

QUESTA SETTIMANA L'OPERA DI #ETRUScopri"Urnetta cineraria da Cerveteri - Necropoli della Banditaccia - 550-510 a. C."

 

Raccontiamo di un'opera che faceva parte di un corredo funerario legato alla sfera femminile, ma ben poco sappiamo della defunta cui era destinata e alcune incertezze si hanno sulla sua datazione. Certo è che siamo di fronte a un oggetto rarissimo, dotato di un significato simbolico molto forte in rapporto sia alla nascita che alla morte. In questo video vi offriamo una sua possibile interpretazione...

 


Festival dell'Editoria sul mondo antico 2019 prima edizione Università La Sapienza Roma Museo dell'Arte classica La Sapienza Roma

Prima edizione del Festival dell’Editoria sul mondo antico

Festival dell’Editoria sul mondo antico 2019 – Sapienza Università di Roma/ Centrum Latinitatis Europae

Festival dell’Editoria sul mondo antico 2019 prima edizione Università La Sapienza Roma Museo dell'Arte classica La Sapienza RomaGiovedì 11 aprile, dalle 9 alle 18, si svolgerà, nel Museo dell’arte classica dell’università La Sapienza di Roma, il primo Festival dell’Editoria sul mondo antico, organizzato dal Centrum Latinitatis Europae e dalla Sapienza stessa.

Per la prima volta un appuntamento dedicato in modo esclusivo all’attività editoriale sul mondo antico, in particolare sulle civiltà greca e romana: per dare spazio alle diverse e numerose voci di ricerca, didattica e divulgazione che costituiscono un’importante settore dell’editoria italiana.

Nelle suggestive sale del Museo dell’arte classica della Sapienza gli editori presenteranno su appositi stand le loro novità, mentre nella sala Odeion, al centro del Museo, si susseguiranno oltre venti presentazioni di volumi sul mondo antico.

Aprirà la chermesse una sessione dedicata all’editoria per ragazzi, settore sempre più in crescita, strategicamente importante per appassionare i giovanissimi lettori alla cultura classica, attraverso riscritture di miti e biografie dei grandi personaggi del passato, anche attraverso il fumetto.

La seconda parte della mattinata sarà dedicata all’ambito della ricerca e della divulgazione: da Omero al collezionismo di antichità, passando per temi trasversali quali il vino nel mondo antico.

Nel pomeriggio la sezione di didattica: manuali, testi scolastici e universitari, nuove strategie per il liceo classico e l’insegnamento del greco e del latino saranno protagonisti degli incontri, conclusi da un “non classicista” eccellente, il matematico e storico del pensiero scientifico Lucio Russo, autore di un volume che racchiude, in una domanda, il senso generale dell’evento: Perché la cultura classica?

Tra una presentazione e l’altra, i flash mob del gruppo Theatron- Teatro antico alla Sapienza, e le visite guidate degli archeologi del Museo dell’arte classica.

Decine di Autori, performance teatrali, visite guidate, stand di esposizione, novità editoriali ed esperimenti didattici: giovedì 11 aprile, dalle 9 alle 18, presso il Museo dell’arte classica dell’università La Sapienza di Roma.

Editori presenti: Arbor Sapientiae, Bompiani, Delta Tre, Einaudi, Efesto Edizioni, La Nuova Frontiera, L’Asino d’oro, Laterza, L’Erma di Bretschneider, Loescher, Mondadori, Pearson, Salentina Editrice, Serra.

Autori presenti: Calcani, Cavallero, Ciuffarella, De Cristofaro, Guidorizzi, Marandino, Neri, Pepe, Reali, Ruggiero, Russo, Susani.

Leggere di più


Roma: mostra "La ferita della bellezza. Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina"

La ferita della bellezza.

Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina

Al Museo Bilotti, una rilettura del percorso dell'artista a partire dall'opera di Land Art più grande al mondo. A cura di Massimo Recalcati

Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese

23 marzo | 9 giugno 2019

Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina
Alberto Burri, Grande Cretto Gibellina, 1985-2015, Gibellina (Trapani).
Fotografia di Aurelio Amendola prima del completamento dell'opera, 2011 ©Aurelio
Amendola. Courtesy Magonza, Arezzo

Roma, 22 marzo 2019. Alberto Burri, chiamato a realizzare un intervento per la ricostruzione del paese distrutto dal terremoto nella Valle del Belice del 1968, decide di intervenire sulle macerie della città di Gibellina, creando l’opera di Land Art più grande al mondo. Le ricopre di un sudario bianco, di un’enorme gettata di cemento che ingloba i resti e riveste, in parte ricalcandola, la planimetria della vecchia Gibellina.

La mostra, al Museo Carlo Bilotti dal 23 marzo al 9 giugno 2019, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Curato da Massimo Recalcati con il coordinamento scientifico di Alessandro Sarteanesi, prodotto e realizzato da Magonza editore, il progetto espositivo itinerante La ferita della bellezza. Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina, partendo da questo grande intervento, risale il percorso dell'artista con una selezione di lavori esemplari, letti in relazione alla poetica della ferita, tema che nell’interpretazione di Massimo Recalcati attraversa la sua intera opera, incidendo la materia, disegnando strappi, lacerazioni, crettature, bruciature, giungendo sino a declinazioni inedite che pensano ad una genesi e a un processo di carattere spirituale.

La mostra è patrocinata dalla Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri, dalla Regione Lazio e dalla Regione Sicilia, dal Comune di Gibellina e dalla Fondazione Orestiadi con un prestito della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Dopo la tappa romana l'esposizione sarà riallestita da giugno ad ottobre al MAG Museo Alto Garda a Riva del Garda in collaborazione con il MART Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.

Culmine del percorso interpretativo sono le fotografie in bianco e nero di Aurelio Amendola sul Grande Cretto. Fotografo che per eccellenza ha raccolto le immagini di Burri, dei suoi lavori e dei processi creativi, Amendola ha realizzato gli scatti in due riprese, nel 2011 e nel 2018, a completamento avvenuto dell’opera (2015). Nel percorso inoltre, il video di Petra Noordkamp – prodotto e presentato nel 2015 dal Guggenheim Museum di New York, in occasione della grande retrospettiva The Trauma of Painting – filma in un racconto poetico e di grande sapienza tecnica l’opera di Burri e il paesaggio circostante.

Alcune opere uniche dell’artista, veri e propri capolavori, inoltre, estendono non solo ai Cretti ma anche ai Sacchi, ai Legni, ai Catrami, alle Plastiche e a una selezione di opere grafiche la lettura proposta dal celebre psicanalista. È una ferita che è dappertutto, che trema ovunque. Una scossa, un tormento, un precipitare di fessurazioni infinite ed ingovernabili. Come scrive Recalcati in Alberto Burri e il Grande Cretto di Gibellina, nei Legni la ferita è generata dal fuoco e dalla carbonizzazione del materiale ma, soprattutto, dal resto che sopravvive alla bruciatura. Nelle Combustioni, lo sgretolamento della materia, la manifestazione della sua umanissima friabilità, della sua più radicale vulnerabilità, viene restituita con grande equilibrio poetico e formale. È ciò che avviene anche con le Plastiche dove, ancora una volta, è sempre l’uso del fuoco a infliggere su di una materia debole ed inconsistente come la plastica, l’ustione della vita e della morte.

In occasione della mostra sarà realizzato dalla casa editrice Magonza un importante volume stampato su carta di pregio e di grande formato con testimonianze e ricerche inedite su Alberto Burri, la sua opera e Il Grande Cretto di Gibellina. Un nuovo testo di Massimo Recalcati raccoglierà gli sviluppi ulteriori della sua ricerca, insieme a interventi di storici dell'arte quali Gianfranco Maraniello e Aldo Iori. Sarà inoltre organizzata una conferenza ad hoc tenuta da Massimo Recalcati che sarà occasione di una riflessione ampia sull'opera di Alberto Burri e sulla mostra.

Il Museo Carlo Bilotti ha sede nell'antica Aranciera di Villa Borghese, nota nel Settecento come Casino dei Giuochi d'Acqua per la presenza di fontane e ninfei. Accoglie le opere di arte contemporanea donate alla città di Roma da Carlo Bilotti, imprenditore italo-americano e collezionista di fama internazionale. La raccolta comprende un consistente nucleo di dipinti e sculture di Giorgio de Chirico, affiancato da opere di Gino Severini, Andy Warhol, Mimmo Rotella, Larry Rivers e Giacomo Manzù. Negli anni successivi alla sua apertura il Museo si è arricchito di opere di Consagra, Dynys, Greenfield-Sanders e Pucci. Le sale del pianoterra e alcune sale del primo piano ospitano mostre temporanee.

Leggere di più


Stan Laurel Oliver Hardy risata lunga una vita

Roma: presentazione libro "Una risata lunga 90 anni. Laurel e Hardy amici per la vita"

Cineteca Nazionale e Casa del Cinema presentano il libro

 

Una risata lunga 90 anni. Laurel e Hardy amici per la vita

 

Martedì 26 marzo incontro con l’autore Enzo Pio Pignatiello

preceduto dalla proiezione di quattro corti della coppia inglese e un documentario dello stesso PignatielloStan Laurel Oliver Hardy risata lunga 90 anni

Il libro Una risata lunga 90 anniLaurel e Hardy amici per la vita è un omaggio alla più geniale coppia comica della storia del cinema. Ne è l’autore Enzo Pio Pignatiello, archivista ed esperto di cinema comico retrò che martedì 26 marzo presenterà il proprio lavoro durante un incontro alla Casa del Cinema a cura del Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca NazionaleSi comincerà alle ore 16 con la proiezione di alcune “chicche cinetecarie” del duo comico britannico, seguita dal documentario di Enzo Pio Pignatiello a loro dedicato e dall’incontro moderato da Ignazio Gori con lo stesso autore, Sergio BrunoGiancarlo Governi e Maurizio Nichetti.

Sono passati più di novant’anni da quel 1927, quando Laurel e Hardy hanno iniziato a farci ridere e sognare. Enzo Pio Pignatiello ha composto un saggio completo sulla cronistoria umana e artistica di Stanlio e Ollio, le loro perle comiche, la loro amicizia fuori dal set, approfondendo anche i messaggi nascosti della loro comicità, il loro rapporto con le donne, il loro ultimo malinconico manifesto anarco-pacifista Atollo K e molto altro. Non può mancare un ritratto di Alberto Sordi, voce italiana di Ollio e autentico ammiratore, nonché divulgatore, della loro comicità. Con una introduzione di Ignazio Gori e un nutrito apparato fotografico, Una risata lunga 90 anni è un viaggio leggero, gustoso e divertente alla scoperta di Stanlio e Ollio e una guida per chi ancora non li conoscesse.

ore 16.00 Allegri poeti Il vascello stregato (1951, 60’)

Due film di montaggio del 1951 contenenti 4 cortometraggi sonori degli anni Trenta (The Live Ghost, 1934, Tit for Tat,1934, A Perfect Day, 1929 e The Fixer-Uppers, 1935), magistralmente doppiati da Alberto Sordi (Ollio) e Mauro Zambuto (Stanlio), scomparsi dalla circolazione per più di sessant’anni: l’unica copia esistente del film (che li univa in un’edizione uscita al cinema nel 1959) è stata recuperata, nella sua integrità, da un positivo in pellicola 16mm. Entrambi i film saranno nuovamente proiettati al pubblico, in una edizione restaurata in HD, con l’audio dei singoli corti ricavato da elementi sopravvissuti in 35mm e titoli d’epoca disegnati dal cartellonista De Seta. Seguirà proiezione del trailer cinematografico italiano originale della durata di due minuti.

ore 17.00 Laurel e Hardy: una risata per due! di E.P. Pignatiello (2018, 60’)

Documentario dedicato alla comicità di Stanlio e Ollio, alla loro mimica, ai loro lazzi e manierismi, al loro straordinario humour, tutto basato su sequenze tratte dai loro migliori film muti. Musiche di Marvin T. Hatley e Paolo Venier, con improvvisazioni eseguite all’organo Wurlitzer, voce di Andrea Benfante, coordinamento e sceneggiatura di Enzo Pio Pignatiello.

a seguire incontro moderato da Ignazio Gori con Sergio BrunoGiancarlo GoverniMaurizio NichettiEnzo Pio Pignatiello

Nel corso dell’incontro sarà presentato il libro di Enzo Pio Pignatiello Una risata lunga 90 anni. Laurel e Hardy amici per la vita (Ponte Sisto, 2018).

CASA DEL CINEMA

Spazio culturale di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale

Gestione Zètema Progetto Cultura

Direzione Giorgio Gosetti

in collaborazione con Rai; Rai Cinema 01 distribution

 

INDIRIZZO Largo Marcello Mastroianni, 1

INFO tel. 060608 www.casadelcinema.it www.060608.it

INGRESSO GRATUITO

 

Testo e immagine da Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura