Allevamento di leporidi a Teotihuacán

17 Agosto 2016

Scultura di leporide dal complesso di Oztoyahualco a Teotihuacán. Credit: F. Botas
Scultura di leporide dal complesso di Oztoyahualco a Teotihuacán. Credit: F. Botas

Secondo un nuovo studio, pubblicato su PLOS One, gli abitanti di Teotihuacán avrebbero allevato lepri e conigli per ricavarne cibo, pelliccia e strumenti in osso.

Analisi dei resti di 134 tra conigli e lepri dall'antica città, confrontati con quelle relative alle moderne specie selvatiche, hanno evidenziato la loro dieta. I primi mostravano prove del consumo di vegetali da coltivazioni umane, ad esempio mais. Gli esemplari con i valori più alti provenivano dal complesso residenziale di Oztoyahualco, dove si sono pure ritrovati segni di macellazione animale e la statua di un leporide.

Poiché grandi mammiferi come capre, mucche o cavalli non erano disponibili per l'allevamento nel Messico preispanico, molti pensano che i Nativi americani non vivessero affatto intense relazioni tra umani e animali, come nel Vecchio Mondo. Risultati come quelli prodotti da questo studio, e verificati per Teotihuacán (che esistette tra l'1 e il 600 d. C. a nord est dell'odierna Città del Messico), dimostrano invece il contrario.

Leggere di più


Nuove interpretazioni per il Mound 72 a Cahokia

5 Agosto 2016

Credit, Graphic: Julie Mahon
Credit, Graphic: Julie Mahon

Un nuovo studio, pubblicato su American Antiquity, ha preso in esame il Mound 72 (Tumulo 72) a Cahokia, confutando alcune precedenti interpretazioni. In particolare, la zona centrale con la sepoltura che si riteneva un monumento al potere maschile (nota come "beaded burial", sepoltura imperlata) presenterebbe invece tanto uomini quanto donne di alto rango.

Il tumulo fu scoperto nel 1967 da Melvin Fowler: contiene 5 fosse comuni (ognuna contenente da 20 a 50 corpi), con dozzine di altri corpi pure seppelliti individualmente o in gruppi, anche direttamente sopra le fosse comuni, per un totale di 270 corpi. Tutte le sepolture sarebbero da datarsi tra il 1000 e il 1200, all'apice della potenza di Cahokia: alcune sarebbero da riferirsi ad individui di alto rango.

Credit, Graphic: Julie Mahon
Credit, Graphic: Julie Mahon

Le interpretazioni di Fowler - relativamente a questi tumuli -divennero allora il modello sul quale tutti gli altri studiosi dell'area si basarono per comprendere lo status, i simbolismi e il ruolo dei sessi. La nuova ricerca rileva come alcune di queste interpretazioni si basassero su informazioni incomplete o erronee, in particolare per la sepoltura centrale di cui sopra. Le due figure centrali non sarebbero due maschi di alto rango circondati dai loro servi, ma un uomo e una donna; inoltre gli individui in totale sarebbero 12 e non 6. La disposizione dei reperti - a formare un uccello - fu riferita alla cultura guerriera maschile; quella che si trova a Cahokia, però, non sarebbe solo una nobiltà esclusivamente maschile, ma che vede la presenza di esponenti dei due sessi, con importanti ruoli per entrambi.

Il simbolismo al Mound 72 sarebbe perciò da riferirsi alla rigenerazione, alla fertilità e all'agricoltura, coerentemente con quanto già noto circa simbolismo e religione a Cahokia. All'arrivo di Spagnoli e Francesi qui, questi ritrovarono una società nella quale tanto gli uomini quanto le donne potevano avere uno status importante.


Leggere di più


Sostenibilità della raccolta delle ostriche nella Baia di Chesapeake

23 Maggio 2016

Deposito di ostriche dei Nativi Americani. Credit: Torben Rick
Deposito di ostriche dei Nativi Americani. Credit: Torben Rick

Le ostriche giocano un ruolo importante, influenzando la qualità delle acque, l'habitat di costruzione negli estuari, e fornendo cibo a umani e fauna. A causa della pesca intensiva, dell'inquinamento, delle malattie e del peggioramento dell'habitat, però, nella Baia di Chesapeake la loro presenza è diminuita in maniera drammatica.
Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, ha preso in considerazione la raccolta delle ostriche nell'area su una scala millenaria, al fine di rivelare un modello sostenibile per il futuro. Si sono presi in considerazione diversi intervalli temporali: il Pleistocene (780-13 mila anni fa), l'occupazione preistorica da parte dei Nativi (3.200-400 anni fa), il periodo storico (400-50 anni fa) e i tempi moderni (dal 2000 al 2014). Ne è risultato che lo sfruttamento da parte dei Nativi Americani sarebbe stato in gran parte sostenibile, con una variabilità limitata per quanto riguarda abbondanza e dimensione delle ostriche. Allora però vi sarebbe stata una densità inferiore della presenza umana, e la raccolta sarebbe stata più intensa durante alcuni periodi e meno in altri.
Leggere di più


Informazioni genetiche ricavate dal tartaro

28 Marzo 2016
Mississippian_cultures_HRoe_2010
Il tartaro, che è una forma di placca batterica indurita, negli ultimi anni si è rivelato essere un'importante fonte di informazioni genetiche riguardo dieta e microbi. Gli antropologi dell'Università dell'Oklahoma sono ora riusciti a dimostrare che è possibile ricavare DNA umano antico da questa fonte.
Appena 25 milligrammi per individuo sono necessari per le analisi. Gli studiosi sono giunti a queste conclusioni dopo aver estratto il DNA da sei individui in un cimitero Oneota di 700 anni fa, presso le fattorie di Norris, ricostruendo così il DNA mitocondriale (trasmesso dal lato materno).
Quella Oneota fu una cultura di nativi americani vissuti tra l'anno mille e il 1650, che declinò rapidamente con l'arrivo degli Europei.
Link: EurekAlert! Via University of Oklahoma
Culture del Mississipi e connesse, di Herb Roe, da WikipediaCC BY-SA 3.0.


Alla scoperta dei Paleoindiani e del bisonte a Water Canyon

16 Marzo 2016
1024px-New_Mexico_in_United_States.svg
Il paesaggio degli Stati Uniti sud occidentali di 13-9 mila anni fa doveva apparire attraente per i cacciatori di allora, che potevano trovare i bisonti nelle paludi ad ovest di Socorro, nel New Mexico.
Così presso il sito paleoindiano di Water Canyon (e in altri siti degli inizi dell'Olocene) si stanno ritrovando oggi sempre più prove circa quegli antichi cacciatori. Si sono ritrovate lance e propulsori (atlatl) della cultura Clovis (13 mila anni fa), della cultura Folsom (12 mila), del complesso Cody (10,8 mila) e degli ultimi Paleoindiani nell'area (9,2 mila anni fa).
Questo particolare sito può offrire la possibilità di comprendere l'evoluzione del bisonte, che nella moderna specie è del 10-20% più piccolo di quella più antica. Rilevante è pure la possibilità di ritrovare qui i resti di quelle antiche paludi.
Link: University of New Mexico
Il New Mexico, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).


Gli insediamenti Cherokee spiegano la distribuzione dello spino di Giuda

15 Marzo 2016
Gleditsia_triacanthos_Maryhill_Museum_01
La distribuzione degli alberi nelle foreste della parte orientale degli Stati Uniti potrebbe riflettere l'agricoltura dei Nativi Americani, più che altri fattori naturali. Questi avrebbero influenzato la concentrazione delle specie di piante presenti nell'America settentrionale, molto prima dell'arrivo degli Europei.
800px-HoneyLocustThorn
Queste le conclusioni di un nuovo studio, pubblicato su PLOS One, che ha verificato la distribuzione dell'albero noto come spino di Giuda (Gleditsia triacanthos) in relazione alle coltivazioni dei Cherokee. L'autore dello studio, il prof. Robert J. Warren II, si è spinto in questa ricerca dopo aver intuito il possibile legame: ogni volta che vedeva uno spino di Giuda, un sito archeologico Cherokee era nelle vicinanze. L'albero avrebbe fornito zuccheri, ma pure legno per bastoni e armi. Warren non esclude che la cosa possa essere vera per altri alberi. Teorie formulate in passato, in merito alla diffusione dell'albero, lo collegano alla dispersione di piccoli animali, del bestiame introdotto dagli Europei, al trasporto acquatico.
[Dall'Abstract:] Da lungo tempo un presupposto nell'ecologia è che la distribuzione delle specie corrisponde coi loro requisiti di nicchia, ma le prove che specie possono persistere anche in habitat non adatti per secoli mina il legame tra specie e habitat. Inoltre, le specie possono essere più dipendenti da partner di simbiosi mutualistica che da habitat specifici. La maggior parte delle prove che collegano le culture indigene con la dispersione delle piante è aneddotica, ma le registrazioni storiche suggeriscono che i Nativi Americani coltivavano e trasportavano molte specie, compresa lo Gleditsia triacanthos ("spino di Giuda"). Lo Gleditsia triacanthos era un albero importante da un punto di vista medicinale e culinario (ad es.: zucchero), culturale (ad es.: bastoni da gioco) e spirituale per i Cherokee (Nativi Americani del sud est degli Stati Uniti). Lo studio verifica l'ipotesi che un'eredità nelle coltivazioni Cherokee guidi gli attuali pattern di distribuzione dello G. triacanthos. Lo Gleditsia triacanthos si trova in altipiano rocciosi e campi molto asciutti, ma inesplicabilmente pure nei corridoi sulle rive dei fiumi con umidità moderata o ben bilanciata, e nelle pianure alluvionali nelle quali i Cherokee si insediarono e coltivarono. Si sono combinati gli esperimenti sul campo e i rilevamenti nella regione montuosa degli Appalachi meridionali (Stati Uniti) per investigare i requisiti di selezione dello G. triacanthos e i pattern di distribuzione per determinare se c'è un'associazione quantificabile tra G. triacanthos con gli antichi insediamenti Cherokee. Inoltre, si sono pure investigati meccanismi di dispersione alternata, come il trasporto fluviale e il bestiame domestico. I risultati indicano che un'eredità secolare delle coltivazioni dei Nativi Americani rimane intatta, poiché l'attuale distribuzione dello G. triacanthos negli Appalachi meridionali sembra spiegarsi meglio con i pattern degli insediamenti Cherokee che con l'habitat. I dati indicano che l'albero è caratterizzato da una grave limitazione della dispersione nella regione, percorrendo distanze apprezzabili dagli antichi insediamenti Cherokee dove i pascoli del bestiame sono prevalenti. L'eredità determinata dall'utilizzo umano della terra può giocare un ruolo di lungo periodo nel modellare la distribuzione delle specie, e l'attività degli insediamenti precedenti l'arrivo degli Europei appare sottovalutata come fattore che influenza le distribuzioni delle specie di alberi oggi.
Leggere di più


I segni della conquista spagnola nei geni dei maschi di Panama

22 Febbraio 2016

I volti dei membri del team dello Smithsonian Tropical Research Institute testimoniano la diversità umana a Panama. Credit: Jorge Aleman, STRI
I volti dei membri del team dello Smithsonian Tropical Research Institute testimoniano la diversità umana a Panama. Credit: Jorge Aleman, STRI

Le conseguenze in America della conquista spagnola furono notevolissime. Le popolazioni di nativi furono colpite in maniera molto pesante, e molti uomini morirono nei conflitti. I coloni spagnoli spesso presero delle donne locali come mogli. Questo si riflette oggi, ad esempio, nella composizione genetica delle popolazioni panamensi, esaminato da un nuovo studio pubblicato su PLOS One.
Anche se vi è una forte differenziazione su base geografica, solo il 22% degli uomini ha un cromosoma Y derivante dai nativi, con il 60% dello stesso proveniente dall'Eurasia occidentale e dal Nord Africa. Il 6% di derivazione subsahariana si spiega col commercio coloniale degli schiavi. Nondimeno, il DNA mitocondriale (che si trasmette per via materna) rimane per la maggior parte di origine indigena.
journal.pone.0144223.g001
Dopo il 1519, gli Spagnoli colonizzarono soprattutto il lato del Pacifico del paese: qui un clima più asciutto favoriva l'agricoltura e l'allevamento. Gli indigeni invece trovarono rifugio nelle montagne più remote o nelle dense foreste tropicali dal lato del Mar dei Caraibi.

[Dall'Abstract:] Geologicamente, Panama appartiene al ponte di terra centroamericano tra America settentrionale e meridionale, attraversato dall'Homo sapiens più di 14 migliaia di anni fa. [...] Oggi, sette gruppi etnici indigeni spiegano il 12,3% della popolazione di Panama. Cinque parlano le lingue chibcha e sono caratterizzate da una bassa diversità genetica e un elevato livello di differenziazione. Inoltre, nessuna prova di una strutturazione differenziale tra geni ereditati per via di madre o padre è stata segnalata nei gruppi culturali istmici chibcha. Dati recenti hanno mostrato che l'83% del mtDNA (DNA mitocondriale) della popolazione generale ospite è di stirpe nativo americana.  Considerando il differenziale di mortalità maschile/femminile al tempo del contatto con gli Europei e i molteplici gradi di isolamento geografico e genetico nei successivi cinque secoli, ci si aspetta che la componente del cromosoma Y dei Nativi Americani vari lungo le diverse regioni geografiche e comunità panamensi. Per affrontare questo problema, si è investigata la variazione del cromosoma Y in 408 moderni maschi dalle nove province panamensi e in un territorio indigeno (la comarca di Kuna Yala). Diversamente dal mtDNA, la componente Nativo Americana del cromosoma Y (aplogruppo Q) supera il 50% solo in tre popolazioni che si affacciano sul Mar dei Caraibi: la comarca di Kuna Yala e la provincia di Bocas del Toro, dove le lingue chibcha sono parlate dalla maggioranza della popolazione, e la provincia di Colón dove vivono molti Kuna e popolazioni di stirpe mista indigena, africana e africana. In altri luoghi la componente dal Vecchio Mondo è dominante e rappresentata per la maggior parte da aplogruppi dell'Eurasia Occidentale, che segnalano il forte impatto genetico maschile degli invasori. L'input degli Africani subsahariani spiega il 5,9% degli aplotipi maschili. Questo riflette le conseguenze del commercio coloniale di schiavi nel Mar Atlantico e i più recenti influssi dalle Indie occidentali (di retaggio africano). Complessivamente, le scoperte dello studio rivelano un'evoluzione locale del gruppo genetico ancestrale maschile dei Nativi Americani, e una forte (ma geograficamente differenziata) predilezione unidirezionale su base sessuale nella formazione delle moderne popolazioni panamensi.
Leggere di più


Grandi cambiamenti di popolazioni in Europa alla fine dell'Era Glaciale

4 Febbraio 2016

Hohle Fels, dalle Alpi Sveve in Germania. Credit: © Alb-Donau-Kreis Tourismus
Hohle Fels, dalle Alpi Sveve in Germania. Credit: © Alb-Donau-Kreis Tourismus

Un nuovo studio ha preso in esame il mtDNA dai resti (ossa e denti) degli antichi abitanti dell'Europa per un periodo di circa 30 mila anni, compreso tra il Tardo Pleistocene e gli inizi dell'Olocene. La sorpresa maggiore per gli studiosi è venuta dal rilevamento di un cambiamento considerevole, di uno vero e proprio sconvolgimento verificatosi attorno a 14.500 anni fa.
Il materiale preso in considerazione dallo studio riguarda 55 DNA mitocondriali (mtDNA) completi di cacciatori raccoglitori provenienti da Italia, Germania, Belgio, Francia, Repubblica Ceca, Romania, per un periodo che va da 35 mila a 7 mila anni fa. Il DNA mitocondriale viene trasmesso per via materna. Lo studio ha rilevato che il più recente antenato comune dei moderni mtDNA non africani rivela un'unica, tarda e rapida dispersione non meno di 55 mila anni fa.
Foto da les Closeaux at Rueil-Malmaison, Bacino di Parigi, Francia. Credit: L. Lang
Foto da les Closeaux at Rueil-Malmaison, Bacino di Parigi, Francia. Credit: L. Lang

Alla fine dell'ultima Era Glaciale si sarebbe verificato un notevole ricambio della popolazione europea. Tre individui provenienti da Belgio, Francia, Germania, presentavano tutti l'aplogruppo M, assente nei moderni europei ma invece tipico delle moderne popolazioni dell'Asia, dell'Australasia, e dei Nativi Americani. Gli individui datano a prima del collo di bottiglia dell'Ultimo Massimo Glaciale, un periodo di instabilità climatica alla fine del Pleistocene.
La dispersione umana in Eurasia e Australasia è dibattuta, per numero di espansioni e tempistiche relative. Le proposte riguardanti la dispersione dei non africani comprendono due modelli: una singola dispersione o dispersioni multiple. Molte varianti sono state presentate. La scoperta dell'aplogruppo M fa ritenere agli autori dello studio che non tutti i non Africani si dispersero rapidamente da una sola popolazione. A partire dall'Ultimo Massimo Glaciale (25 mila anni fa), popolazioni di cacciatori raccoglitori si sarebbero ritirate in supposti rifugi, per essere sostituite attorno a 14.500 anni fa da popolazioni provenienti da altri luoghi. Un importante capitolo della storia umana che finora era sconosciuto.
Leggere di più


Canada: argilla utilizzata dalle Prime Nazioni contro patogeni ESKAPE

26 Gennaio 2016
800px-British_Columbia_in_Canada.svg
L'argilla che si trova in natura presso la Baia di Kisameet, nella Columbia Britannica, e utilizzata a fini medici dalle Prime Nazioni locali,  si è rivelata essere efficace contro i patogeni raggruppati col nome ESKAPE (Enterococcus faecium, Staphylococcus aureus, Klebsiella pneumoniae, Acinetobacter baumannii, Pseudomonas aeruginosa, e specie Enterobacter).
Questi patogeni stanno riuscendo sempre più ad eludere gli antibiotici disponibili, oltre alle risposte immunitarie, determinando un crescente numero di infezioni a livello mondiale. Un nuovo studio è giunto a queste conclusioni, dimostrando l'attività antibatterica di questa argilla naturale contro i ceppi più resistenti, e suggerendone l'utilizzo per lo sviluppo di un'opzione terapeutica per le infezioni causate da tali patogeni.
Leggere di più


Il collasso delle popolazioni native Jemez nel New Mexico

26 Gennaio 2016

Foto del 2012 dei resti dei muri nel villaggio Jemez considerato nello studio. Credit: Christopher Roos, SMU
Foto del 2012 dei resti dei muri nel villaggio Jemez considerato nello studio. Credit: Christopher Roos, SMU

In seguito all'arrivo degli Europei, i Nativi Americani furono decimati, a causa di malattie e conflitti, e fino al 1900. Le modalità, l'ordine di grandezza e le tempistiche di questo fenomeno sono state oggetto di numerose discussioni, che hanno anche riguardato gli effetti di questa diminuzione della popolazione. Taluni affermano difatti che le malattie colpirono i nativi subito dopo il contatto, altri affermano che si trattò di un fenomeno più graduale.
Foto del 2013 di foresta di pini gialli nell'area. Credit: Christopher Roos, SMU
Foto del 2013 di foresta di pini gialli nell'area. Credit: Christopher Roos, SMU

Un nuovo studio ha preso in esame questo problema, giungendo alla conclusione che il collasso delle popolazioni di nativi americani in New Mexico non avvenne nell'immediato, all'arrivo dei conquistadores Spagnoli, ma solo in seguito, con il contatto prolungato con le missioni cattoliche di frati francescani che si erano insediate.
Foto del 2012 di albero colpito dal fuoco. Credit: TJ Ferguson, U Arizona
Foto del 2012 di albero colpito dal fuoco. Credit: TJ Ferguson, U Arizona

Gli effetti delle malattie furono devastanti: in pochi decenni (dagli anni venti agli anni novanta del Seicento), da una popolazione considerata di circa 6500 persone in 18 villaggi si scese a meno di 900 individui. Una diminuzione della popolazione dell'87%.
I villaggi considerati sono collocati nel New Mexico settentrionale, su un'area di 100 mila acri, sulle Montagne Jemez, e hanno riguardato le omonime popolazioni Jemez.
Il collasso delle popolazioni di nativi determinò quindi delle modificazioni anche nell'ambiente locale, spronando la crescita degli alberi e facilitando la diffusione di frequenti incendi.
Leggere di più