Torna "Meraviglie - La Penisola dei Tesori" con Alberto Angela

Torna Alberto Angela su Rai 1 con il programma “Meraviglie - La Penisola dei Tesori”, in giro per l’Italia alla scoperta dei tesori della nostra penisola, un viaggio tra opere, luoghi, sistemi di vita assolutamente particolari che testimoniano la creatività e l’ingegno dei nostri predecessori.

Dal 12 marzo alle ore 21.15 e per 4 puntate, il conduttore andrà in lungo e in largo per l’Italia anticipandoci anche qualche location: Lecce, Val di Noto, piazza Navona a Roma, Urbino e in cima al Monte Bianco.

Per i quattro nuovi episodi di Meraviglie l’itinerario prevede:

  • Baia e la costiera di Amalfi, Mantova, piazza Navona (prima puntata);
  • Ravenna, Cagliari e il complesso nuragico di Barumini, teatro San Carlo Napoli (seconda puntata);
  • Urbino, Lecce, il Monte Bianco (terza puntata)
  • Parma, Frasassi, Val di Noto (quarta e ultima puntata)
Photo credit : Barbara Ledda

Vi diamo qualche anticipazione sulla prima puntata grazie ad un post dello stesso Angela sulla pagina Facebook Alberto Angela Fan Page ufficiale.

Photo credit : Barbara Ledda

La troupe si è immersa nelle splendide acque del sito archeologico sommerso di Baia, non distante da Pozzuoli dove è possibile ammirare uno splendido sito archeologico romano sprofondato a causa del fenomeno del bradisismo. “Non vi nascondo l'emozione di trovarsi tra i resti delle ville dei potenti di allora, avvolti da alghe e concrezioni. Certo non ci sono edifici intatti ma solo i resti delle loro mura. Tuttavia potete immaginare la sensazione che si prova nel pinneggiare nel silenzio del mare, tra strade, botteghe o terme romane ammirando persino i resti di un ninfeo dove gli imperatori banchettavano. Un luogo impreziosito da statue (ora conservate in museo) le cui copie sembrano figure addormentate nella nebbia del tempo. Straordinari sono i mosaici che emergono dalla sabbia che li ha ricoperti e protetti per secoli, offrendoli poi allo studio degli archeologi e alle cure dei restauratori. È un sito unico al mondo. Un vero gioiello del nostro patrimonio. Vorrei condividere con voi quest'emozione che rimarrà a lungo scolpita nella mia memoria. Una delle tante che vi offriremo a Meraviglie”.

Photo credit : Barbara Ledda

La costa dei Campi Flegrei è un esempio unico al mondo, a causa dello sprofondamento dell’antica fascia costiera e alla conseguente trasformazione del territorio. Quanto vi si conserva sott’acqua rappresenta dunque un patrimonio storico archeologico di eccezionale valore per la sua peculiarità.

« Nullus in orbe sinus Baiis praelucet amoenis » « Nessuna insenatura al mondo risplende più dell’amena Baia » (Orazio)

La storia di Baia risale a tempi ben precedenti la colonizzazione greca. Molti sono i ritrovamenti sui fondali di ancore litiche datate tra la fine dell’Età del Bronzo e l’inizio dell’Età del Ferro. Con la fondazione di Cuma e i successivi eventi legati alla storia della Campania, Baia entrò a far parte del suo territorio e della sua egemonia. La sua storia, successivamente, si legò  indissolubilmente alla città di Roma, qui infatti, già in epoca tardo repubblicana, gli aristocratici  si facevano costruire fastose residenze, attratti dal clima mite della costa e soprattutto dalle acque termali.

Photo credit : Barbara Ledda

In età imperiale, anche molti imperatori scelsero Baia come luogo di villeggiatura. Augusto non amò molto questi luoghi e il suo successore Tiberio preferì di gran lunga Capri, molto più appartata e meno caotica. Ma altri imperatori, così come molti personaggi illustri, citati dalle fonti antiche, frequentarono volentieri la regio baiana. Marcello la scelse per cercare di curare i suoi malanni, Caligola per celebrare la sua divinizzazione, tanto che si fece costruire un ponte di barche che traversava tutta la rada per galopparci con addosso le armi di Alessandro.

Claudio lo frequentò assiduamente e Nerone addirittura aveva grandi progetti per questi luoghi, come quello che avrebbe dovuto convogliare tutte le acque termali in un grande bacino unendo Miseno all’Averno. Ma Baia fu anche il luogo dove venne uccisa Agrippina, la madre dell’imperatore, sentita ormai come un enorme ostacolo alle sue scelte politiche e private. Con i Flavi l’ambiente di Baia tornò ad essere austero, ma è con Domiziano che il sito venne riportato alle sue celebri dissolutezze. Baia fu allora all’apice della sua fama che ritornò appieno nel III secolo d.C. con Alessandro Severo che vi fece erigere una lussuosa residenza imperiale per la madre Giulia Mamea.

La fortuna di Baia fu comunque legata a quella dell’impero e nel momento della sua decaduta anche le zone flegree inevitabilmente caddero in miseria. Le guerre gotiche prima e il bradisisma in seguito, portarono al definitivo abbandono dell’area. Tra il VII e l’VIII secolo buona parte della città era completamente sommersa.

 


Antonio Sanchez & Migration Band al Pozzuoli Jazz Festival 2017

POZZUOLI JAZZ FESTIVAL 2017

Il Festival dei Campi Flegrei

VIII Edizione

Al TEMPIO di NETTUNO

ANTONIO SANCHEZ & MIGRATION BAND

Ultimo appuntamento per il Pozzuoli Jazz Festival

15 Luglio ore 21,00

costo 20 euro

Antonio Sanchez & Migration Band protagonisti del Pozzuoli jazz Festival 2017 per l'ultimo appuntamento della stagione in location archeologiche. Al Tempio di Nettuno(complesso termale di epoca adrianea) il 15 luglio alle ore 21,00 un’altra pagina importante della musica jazz internazionale. Sanchez è un batterista straordinario, allievo di Danilo Perez, grande pianista del Wayne Shorter Quartet. Da giovanissimo entrò nell’Orchestra United Nation di Dizzy Gillespie, approdando anni dopo nel Pat Matheny Group.
Sarà accompagnato da Seamus Blake al sax, John Escreet al piano, Orlando le Fleming al basso e Thana Alexa voce.  (costo 20 € biglietti numerati/15€ ridotti)
Il concerto sarà aperto dal Maestro Romeo Barbaro, grande maestro di “Tammorra”che è stato componente di tutti i più famosi e rinomati gruppi di musica etnica del sud Italia.

Leggere di più


Pozzuoli Jazz Festival 2017: il jazz approda nell’antica città di Cuma

POZZUOLI JAZZ FESTIVAL 2017

Il Festival dei Campi Flegrei

VIII Edizione

Il JAZZ approda nell’antica città di CUMA  

Mercoledì 12 luglio 2017

 

La fisarmonica di Vincent Peirani e di  Emile Parisien

 portano per la pima volta il Jazz nel Parco archeologico di Cuma

(contributo associativo 5€) 

Mercoledì 12 luglio il Parco archeologico di Cuma , negli spazi della di quella che un tempo fu la parte bassa  dell’antica città,   diventa la quinta naturale del concerto di uno degli indiscussi talenti del Jazz d’oltralpe, il fisarmonicista: Vincent Peirani,  con il suo nuovo progetto in duo con il sassofonista Emile Parisien, entrambi considerati di diritto tra i capifila della nuova generazione del jazz francese. 
La musica Vincent Peirani  si anima e prende forma da una delle infinite tracce lasciate da Miles Davis, una delle figure in assoluto più grandi della storia del Jazz, per il suo livello artistico, ma soprattutto per le sue posizioni estreme e innovatrici, che ha indicato le tante strade possibili di una percorso di contaminazione culturale inarrestabile.
Per la prima volta la suggestiva Cuma, attraverso gli artisti del Pozzuoli Jazz Festival si apre ad una nuova suggestiva fruizione, notturna e al suono delle soavi melodie jazz.
Il Festival  è organizzato dall’Associazione Jazz & Conversation, impegnata da anni a testimoniare il proprio ruolo nella cultura dei Campi Flegrei, attraverso un percorso in cui la musica incontra il territorio, la suggestione dei suoi paesaggi, la sua storia e le sue contraddizioni. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l’Azienda autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e si avvale del patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, nonché del contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli. 

Leggere di più


Pozzuoli Jazz Festival 2017

POZZUOLI JAZZ FESTIVAL 2017

Il Festival dei Campi Flegrei

VIII Edizione

PRIMO APPUNTAMENTO TRA JAZZ E ARCHEOLOGIA
 

Al Tempio di Nettuno Maria Chiara Argirò e il suo Quintetto

6 Luglio dalle 20,30

Primo appuntamento tra archeologia e Jazz per il  Pozzuoli jazz festival 2017  al Tempio di Nettuno, complesso termale di epoca adrianea, con la musica di una giovane promessa della musica jazz: Maria Chiara Argirò e il suo quintetto (Sam Rapley (Sassofono e clarinetto),Tal Janes (chitarra) Andrea Di Biase (Basso),Gaspar Sena (Batteria),Leïla Martial (Voce). Un pianismo contemporaneo, quello della Agirò, che lavora per sottrazione, esaltando la componente timbrica e consegnando all’ascoltatore momenti di estrema estasi ed emozione. John Taylor e Brad Meldhau sono forse i riferimenti più immediati per questa promettente interprete. La serata avrà inizio alle 20,30 con il gruppo di giovanissimi della “Diano Band” del M° Pasquale Aprile. (contributo associativo 5 €)
Leggere di più


Le rocce vulcaniche dei Campi Flegrei, ispirazione del cemento dei Romani?

9 Luglio 2015
800px-Pozzuoli_NASA_ISS004-E-5376_modified_names
I Romani si sono forse ispirati alle rocce vulcaniche dei Campi Flegrei, per la creazione del loro celebre cemento, visibile nel Pantheon e nel Colosseo, oltre che in diversi porti nel Mediterraneo (Alessandria, Cesarea, e a Cipro).
Già con Seneca (e con Vitruvio prima di lui) si notava che la cenere a Puteoli diventava pietra, a contatto con l'acqua. I Romani erano degli attenti osservatori della natura: utilizzarono la pozzolana per il loro cemento, e tuttavia una fonte diversa per la calce. E queste considerazioni potrebbero pure permettere oggi lo sviluppo di nuove tipologie di cemento, a partire da elementi simili.
Queste sono alcuni dei risultati di un nuovo studio pubblicato su Science da Tiziana Vanorio e Waruntorn Kanitpanyacharoen. Gli studiosi sono partiti dall'analisi delle rocce fibrose, simili al cemento, che si trovano nella caldera del supervulcano dei Campi Flegrei. Tiziana Vanorio era una delle 40 mila persone residenti a Pozzuoli, che furono evacuate nel 1982, in seguito all'innalzamento del terreno e a piccoli terremoti che seguirono. L'esperienza lasciò un segno vivido che l'ha spinta poi ad esaminare questa sorta di coperchio roccioso che sigilla la caldera.

Leggere di più