L'adattamento dei cavalli della Jacuzia ai -70 gradi della Siberia

23 Novembre 2015
A_Yakutian_horse_(9762345674)
In meno di ottocento anni, i cavalli della Jacuzia - una regione della Siberia orientale - si sono adattati al clima estremo che conduce fino a 70 gradi sotto zero. L'attuale popolazione dei cavalli ha seguito la migrazione degli Jacuti, arrivati qui tra il tredicesimo e il quindicesimo secolo.
L'adattamento ha riguardato geni che si possono ritrovare negli umani così come nei mammuth lanosi. La dimensione del loro corpo e la spessa pelliccia permettono di minimizzare le perdite di calore. Si tratta di un caso di adattamento in assoluto tra i più veloci presso i mammiferi.
Leggere di più


Siberia: un affumicatoio del Neolitico

6 Novembre 2015
Novosibirsk_in_Russia.svg
Un affumicatoio neolitico di 5000 anni fa è stato scoperto presso il sito di Tartas-1, nel distretto di Vengerovo, nella regione siberiana di Novosibirsk.
La struttura era utilizzata per il trattamento del pesce (una tecnica ancora utilizzata da altri gruppi siberiani e nell'estremo nord), ma sembrerebbe pure per rituali. Gli studiosi sono perplessi riguardo il ritrovamento di resti di ghiottone (non tipico dell'area), ermellino, volpe e cane.
Link: The Siberian Times
L’Oblast’ di Novosibirsk, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Russia edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).


Musica Siberiana nel riaperto Teatro del Lido di Ostia

Mercoledì 4 novembre
MUSICA SIBERIANA

al

TEATRO DEL LIDO DI OSTIA
04 nov_Jerry Barrea_ph Oak

Mercoledì 4 novembre una giornata dedicata alla musica Siberiana al Teatro del Lido di Ostia.

Il primo appuntamento alle ore 18 con WORKSHOP MUSICA SIBERIANA, un laboratorio di musica curato da Jerry Cutillo, polistrumentista e ricercatore dei suoni nel mondo, e l’artista Choduraa Tumat che condurrà i partecipanti alla scoperta delle atmosfere e dei segreti della musica siberiana.

Alle ore 21 OAK in concerto, un grande evento di musica sciamanica per la prima volta a Roma.

Interpreti Jerry Cutillo voce, flauti, balalaika, Francesco De Renzi tastiere, Louis Ortega basso e chitarre acustiche Mauro Gregori percussioni, Al Bruno chitarra elettrica.

Ospite Choduraa Tumat polifonie vocali, doshpuluur e khomus.

Leggere di più


Due neonati, stazionamento in Beringia e popolamento delle Americhe

26 Ottobre 2015
Beringia_land_bridge-noaagov
La Beringia, il ponte di terra che univa Siberia e Alaska, diede vita ai primi coloni dell'Emisfero Occidentale, anche se la caratterizzazione genetica di quelle popolazioni è sempre rimasta oscura. Ora si è decifrato il materiale genetico da due neonati di 11.500 anni fa, seppelliti insieme nel campo di Upward Sun River in Alaska. Questi sono successivi la fine della colonizzazione di pochi millenni appena.
I dati rilevati nello studio suggeriscono una maggiore diversità genetica nella prima Beringia rispetto ad oggi, e supporterebbero il modello della fermata in Beringia (Beringian standstill model), per il quale i Nativi Americani discenderebbero da popolazioni asiatiche che si sarebbero fermate in Beringia per un massimo di diecimila anni, per poi spostarsi rapidamente nelle Americhe attorno ai 15 mila anni fa almeno.
In otto siti esaminati si sono ritrovate poi tutte le principali discendenze di Nativi Americani, che indicano la presenza di questi nella prima popolazione in Beringia.
Leggere di più


Siberia: maschere funerarie della Cultura Tashtyk da Shestakovo

20 Ottobre 2015
Kemerovo_in_Russia.svg
Frammenti di maschere mortuarie in gesso della Cultura Tashtyk si sono scoperti a Shestakovo nella valle del fiume Yenisei, nell'Oblast' di Kemerovo in Siberia.
Il ritrovamento è stato effettuato all'interno di una cripta con trenta sepolture: i resti, cremati, daterebbero tra il secondo secolo a. C. e il sesto d. C. Bambini non cremati fino a cinque anni erano invece sepolti al di fuori della cripta. I tratti del gruppo sono all'apparenza europei.
Link: The Siberian Times; Daily Mail
L'Oblast' di Kemerovo, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Russia edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).
 


Siberia: un guerriero di settemila anni fa da un tumulo nel Distretto di Vengerovsky

14 Ottobre 2015
Novosibirsk_in_Russia.svg
Un guerriero, con un'ascia in pietra e una freccia con punta in corno, è stato ritrovato in un tumulo con nove altri individui, nel Distretto di Vengerovsky dell'Oblast' di Novosibirsk, in Siberia. La sepoltura è datata tra il quinto e il quarto millennio a. C.
Ci si interroga ora, perché simili tumuli sono associati all'Età del Bronzo, e non al Neolitico.
Link: The Siberian Times
L'Oblast' di Novosibirsk, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Russia edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).
 


Caccia, svezzamento ed estinzione dei mammuth siberiani

15 - 21 Ottobre 2015
1024px-Woolly_mammoth
Indizi chimici ricavati dall'analisi di 15 zanne di giovani mammuth lanosi siberiani dimostrerebbero uno spostamento di tre anni nell'età dello svezzamento, per un arco di tempo di 30 mila anni. Il fenomeno spinge perciò gli studiosi che hanno effettuato questa scoperta a  ritenere che sia stata la caccia, e non il cambiamento climatico, ad essere la principale causa di estinzione dell'animale. I mammuth lanosi sparirono da Siberia e America del Nord attorno a diecimila anni fa.
Uno stress nutrizionale dovuto al cambiamento climatico sarebbe infatti normalmente associato a uno svezzamento ritardato, mentre la pressione dovuta alla caccia determinerebbe una maturazione accelerata negli animali.
La scoperta si colloca nell'ambito della discussione sulle estinzioni relative alla megafauna nel Tardo Pleistocene, con il cambiamento climatico e l’impatto umano ad essere i fattori più spesso citati, anche in concorrenza. In particolare, è il caso dei mammuth, estinti alla fine dell’Era Glaciale.

Link: University of Michigan News; Society of Vertebrate PaleontologyDaily Mail; The Examiner
Mammut lanoso, modello dal Royal BC Museum, a Victoria (Canada), foto di Flying Puffinda WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da FunkMonk.


Siberia: sepolture dell'Età del Bronzo da Omsk

29 Settembre 2015
Omsk_in_Russia.svg
Sepolture dell'Età del Bronzo son state ritrovate in quella che si ritiene una necropoli al di sotto del centro nella città di Omsk, in Siberia. Sono datate tra il 700 e l'800 a. C., e in una si sono ritrovati un coltello e una cintura.
Link: Siberian Times
L'Oblast' di Omsk, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Russia edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).
 


Gli Inuit, e l'adattamento genetico a particolari diete

17 - 18 Settembre 2015
1024px-Igloo_inner
La dieta degli Inuit, nativi della Groenlandia, è spesso portata ad esempio come caso di dieta ricca di proteine e grassi che però li mantiene in salute a causa degli alti livelli di omega 3.
Un nuovo studio ora sottolinea che quanto può esser vero per loro può non esserlo per altri, avendo gli Inuit (e i loro antenati Siberiani) sviluppato delle mutazioni genetiche che li aiutano a contrastare gli effetti di una tale dieta, ricca in grassi da mammiferi marini. Tra gli altri effetti, una statura più bassa.
Queste mutazioni esistono però solo nel 2% degli Europei e nel 15% dei Cinesi Han. Lo studio è importante perché dimostra in modo chiaro l'adattamento di popolazioni umane a determinate diete.
Leggere di più


Mummia di neonato di 1500 anni fa dalla Repubblica dell'Altai

25 - 26 Agosto 2015
1024px-Altai_Republic_in_Russia.svg
Un neonato di 1500 anni fa è stato ritrovato presso il villaggio di Kurai nel distretto di Kosh-Agach della Repubblica siberiana dell'Altai.
Il bambino era all'interno di una bara in pietra, all'interno della quale si è prodotto un processo di mummificazione accidentale. Il piccolo tumulo era collocato tra quelli di due adulti, forse i genitori.
Il DNA potrà permettere di comprendere ulteriormente la Cultura di Bulan-Kobinskaya, che si ritiene abbia contribuito alla formazione degli Unni di Attila.
Link: The Siberian TimesThe Moscow Times; Daily Mail; Archaeology News Network
La Repubblica dell'Altai, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Russia edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).