Integrazione tra Nubiani ed Egiziani nell'antico Sudan

18 Maggio 2016

La professoressa associata di antropologia, Michele R. Buzon. Credit: Purdue University photo/Charles Jischke
La professoressa associata di antropologia, Michele R. Buzon. Credit: Purdue University photo/Charles Jischke

Nuove prove di natura bioarcheologica testimoniano come nell'antico Sudan ci fosse integrazione tra Nubiani ed Egiziani, per cui questi costituivano una comunità, potendo pure sposarsi tra loro.
Queste le conclusioni di uno studio, pubblicato su American Anthropologist, che è partito dai materiali provenienti da Tombos, sito nell'Alta Nubia, per investigare i processi di formazione delle identità e della composizione della popolazione. Il periodo preso in considerazione è quello dell'occupazione egiziana e dell'ordinamento nubiano che regnò come Venticinquesima Dinastia (750–656 prima dell'era volgare circa, Periodo Napata).
Lo studio ha preso in esame resti e pratiche funerarie da 24 unità. E se la sovrastruttura è nubiana (tombe a tumulo), l'interno delle tombe riflette caratteristiche culturali egiziane, come il posizionamento del corpo, con braccia e gambe in estensione.
L'area fu colonizzata dagli Egizi attorno al 1500 prima dell'era volgare, durante il Nuovo Regno, per guadagnare l'accesso a vie commerciali sul Nilo. Finora si era presunto che i Nubiani assorbirono caratteristiche culturali egizie perché costretti, ma in realtà aspetti delle due eredità culturali si sarebbero combinati per formare una nuova identità. Sulla base dei dati biologici e dagli isotopi, vi sarebbero state interazioni e matrimoni misti.
Attorno al 1050 prima dell'era volgare, gli Egiziani persero potere, durante il Terzo Periodo Intermedio, al termine del quale emersero i Nubiani con la XXV Dinastia. Finora si era ritenuto che, col crollo alla fine del Nuovo Regno, le cose in Nubia non andassero bene, ma in realtà il sito in questione ci racconta una situazione molto diversa. La comunità egiziana e nubiana qui continuò a prosperare, anche quando l'Egitto non giocò più un ruolo importante qui.
Leggere di più


Egitto: sarcofago della Ventiduesima Dinastia scoperto a Luxor [Gallery]

26 Novembre 2015

Sarcofago della Ventiduesima Dinastia scoperto a Luxor

———————————————————————————————————

12249628_440023922869424_8573629738977084605_n
Il Ministro delle Antichità, dott. Eldamaty ha annunciato oggi (ieri, NdT) la scoperta di un luogo di sepoltura intatto con la bara del (Sacerdote) di Amun-Ra, Re degli Dèi che portava il nome di  "Ankhef in Khunsu", all'interno della tomba del Visir Amenhotep, Huy numero 28 ad Asasif (Luxor). L'annuncio è stato effettuato durante la visita del Ministro delle Antichità a Luxor per l'inizio dei lavori di scansione all'interno della Tomba di Tutankhamun, alla ricerca della tomba nascosta dietro i suoi muri.

[slideshow_deploy id='10102']

Eldamaty ha chiarito che il sarcofago ben preservato è stato trovato all'interno di un fosso intagliato nella roccia e coperto con pietre. La scoperta è stata effettuata nell'ambito del "The Vizier Amen-Hotep, Huy Project", dalla Missione Archeologica Spagnola dell'Istituto dell'Antico Egitto in collaborazione con la Missione Egiziana del Ministero delle Antichità.
Secondo i resoconti della Missione, il sarcofago è un tipico esempio per la XXI Dinastia (attorno al 900 a. C.). Il sarcofago rappresenta un uomo che indossa una parrucca tripartita con strisce e corona floreale, ed è fatto di legno e coperto di gesso. L'uomo porta una barba intrecciata e un largo collare "Usekh" che protegge il suo collo e le spalle. Le tre colonne di testo sono distinte al centro, variando dalla parte al di sotto delle braccia fino ai piedi. La scatola del sarcofago è decorata con diverse registrazioni del defunto che fa offerte agli dèi Osiride, Nefertem, Anubi, alla dea Hathor come vacca, e Signora dell'Occidente, con testi geroglifici.
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa, sulla base dei resoconti della Missione. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.


Egitto: alla scoperta della Venticinquesima Dinastia

4 Novembre 2015

Archeologi investigheranno gli stranieri nell'Antico Egitto

Foto di M.Kaczanowicz
Foto di M.Kaczanowicz

Alla metà dell'ottavo secolo a. C. conquistarono l'Egitto e lo governarono per quasi cento anni. Venivano da Kush. Ad oggi, poco è noto di questo episodio nella storia dell'Antico Egitto. Una ricercatrice polacca intende gettare luce su questo tema.

Il regno della Venticinquesima dinastia (747-656 a. C. circa), anche nota come Dinastia Nubiana o Impero Kushita, in quanto si trattava di invasori dalla Nubia (nell'odierno Sudan settentrionale), è una materia alla quale la letteratura scientifica ha dedicato poco spazio. Questa situazione deriva dal fatto che non molti monumenti di questo periodo sono stati descritti dagli scienziati, e i ricercatori hanno difficoltà con le loro datazioni.

Leggere di più