Calabria: costituzione del Comitato Scientifico Numismatico

COMITATO SCIENTIFICO NUMISMATICO

Considerato il cospicuo numero di monete conservate presso i depositi del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide e del Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, provenienti da scavo o da dissequestri dell’Autorità Giudiziaria, e che solo una esigua parte dell’ingente patrimonio numismatico in questione è stata inventariata, catalogata e pubblicata, si è ufficialmente costituito il Comitato Scientifico Numismatico. Il decreto costitutivo del Comitato nasce sotto l’egida scientifica del Direttore del Polo Museale della Calabria, Angela Acordon accogliendo la proposta del Direttore dei Musei, Adele Bonofiglio.

Obiettivo primario del Comitato è la costituzione, aggiornata e scientificamente corretta, del monetiere del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide e del Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”.

Il Comitato Numismatico nasce in un periodo particolarmente stimolante vista l’imminente realizzazione del progetto di riallestimento del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide che prevede l’inserimento di vetrine dedicate ai rinvenimenti numismatici.

Il Comitato scientifico sarà così costituito:

  • Presidente: Prof. Ermanno Arslan, Membro onorario della Commission Internationale de Numismatique

  • Membro Esperto per il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”: Prof. Benedetto Carroccio, Professore di Numismatica presso l’Università della Calabria – Socio dell’Accademia Italiana di Studi Numismatici

  • Membro Esperto per il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide: Dott.ssa Giorgia Gargano, Ispettore onorario ai beni Numismatici della Calabria

  • Coordinatore e Direttore Scientifico: Dott.ssa Adele Bonofiglio, Direttore Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”

Leggere di più


Convegno di studi internazionale "Testa del Sele"

Convegno di studi internazionale

Testa del Sele

Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia

Sabato 27 ottobre 2018 – Ore 9.30

Sabato 27 ottobre 2018, alle ore 9.30, presso il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia si terrà, prima della restituzione dell’importante opera bronzea Testa del Sele, un convegno di studi internazionale che vedrà la partecipazione di alcuni tra i più importanti studiosi delle immagini di culto in ambito greco, magnogreco e romano.

Gli interventi previsti nel corso della giornata approfondiranno il tema dell’importante ruolo che le immagini di culto hanno rivestito nell’antichità. 

L’opera scultorea bronzea a cera persa, proveniente dal Museo Archeologico Nazionale di Paestum, è stata prestata in un rapporto di reciprocità di scambio al museo di Vibo Valentia in cambio della Laminetta Aurea di Hipponion, consegnata per le celebrazioni e l’allestimento dell’importante mostra “L’immagine invisibile”, in occasione del 50° anniversario del rinvenimento della tomba del tuffatore. 

Il capolavoro virile e barbato ha una datazione incerta. Gli studiosi propendono  per un ampio arco cronologico, compreso tra la seconda metà del IV sec. a.C. e l’epoca romana (seconda metà del I sec. a.C. – prima metà del I sec. d.C.).
Il rientro dell’opera presso il Museo Archeologico di Paestum è previsto nei giorni immediatamente successivi al convegno, mentre è già rientrata la preziosa Laminetta Aurea ed è visitabile nella sua importante sede di sempre, il Museo di Vibo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La Laminetta aurea di Hipponion è difatti ritornata, dopo essere stata esposta alla prestigiosa rassegna L’immagine invisibile, al Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia nella sua affascinante sede: il Castello Normanno Svevo.

Leggere di più


"Incontri – confronti artistici nella città normanna" al Museo Statale di Mileto

Incontri – confronti artistici nella città normanna

Museo Statale di Mileto

Mileto (Vibo Valentia)

30 luglio/31 agosto 2018

INAUGURAZIONE: 30 luglio 2018 – Ore 19.00

Lunedì 30 luglio 2018, alle ore 19.00, nel cortile del Museo Statale di Mileto, si terrà l’inaugurazione della mostra collettiva d’arte contemporanea dal titolo Incontri – confronti artistici nella città normanna.

Interverranno: Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria; Faustino Nigrelli, direttore del Museo Statale di Mileto; S. E. mons. Luigi Renzo, vescovo della diocesi di Mileto – Nicotera – Tropea; Rosa Mazzeo, sindaco di Mileto e i curatori della mostra collettiva Mimmo Corrado e Alfredo Mazzotta.

Questi, di seguito indicati, gli artisti che esporranno nella prestigiosa rassegna:

Attinà Nino; Brindisi Remo; Cannata Matteo; Cerri Giancarlo; Corrado Mimmo; Enotrio; Fontana Franco; Giordano Massimiliano; Kodra Ibrahim; Mangialardi Francesco; Marello Laura; Mazzeo Salvatore; Mazzotta Alfredo; Minguzzi Luciano; Papasidero Francesco; Polver Bruno; Sebaste Salvatore e Treccani Ernesto.

Leggere di più


Mostra a Vibo Valentia: ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata

Mostra archeologica

ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata

Vibo Valentia - Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”

Fino al 17 settembre 2016

Fino al 17 settembre 2016, a Vibo Valentia, nel Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”, rimarrà aperta al pubblico la mostra archeologica ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata.

L’esposizione propone reperti provenienti da scavi archeologici o conservati presso altre istituzioni e ricostruzioni desunte da fonti letterarie o iconografiche, ritmi, suoni, declamazioni di testi classici, rappresentazioni scenografiche.

La mostra è dedicata alla cultura musicale; arte molto importante e assai praticata nel mondo classico, della quale si trovano solo pochi frammenti, spesso anche di difficile interpretazione e con tentativi di riproduzione sonora.

Il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”, diretto dalla dottoressa Adele Bonofiglio, ricade nel Polo Museale della Calabria guidato dalla dottoressa Angela Tecce. Questa esposizione è frutto di una fattiva collaborazione fra enti e istituzioni che operano nel nostro territorio. Solo lavorando nella stessa direzione e in piena armonia è possibile, infatti, realizzare eventi capaci di porre all’attenzione generale il nostro ingente patrimonio culturale.

La mostra archeologica ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata rimarrà aperta al pubblico fino al 17 settembre 2016 secondo il seguente orario: 9.00 - 20.00 (19,30 biglietteria) tutti i giorni, escluso lunedì.Leggere di più


La Notte Europea dei Musei 2016 in Calabria

Notte Europea dei Musei 2016

Sabato 21 maggio 2016

Cosenza - Palazzo Arnone
Cosenza - Palazzo Arnone

Il Polo Museale della Calabria, guidato da Angela Tecce, partecipa alla Notte dei Musei 2016, indetta dal MiBACT, con numerose iniziative che coinvolgono le sue sedi di competenza.

Leggere di più


Polo Museale della Calabria: ricco programma di eventi per il 1° Maggio

POLO MUSEALE DELLA CALABRIA

EVENTI

Festività 1° maggio 2016

Logo MiBACT 1° Maggio 2016

Il Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Tecce, in occasione dell’apertura straordinaria indetta dal MiBACT per la festività del 1° maggio 2016, promuove un ricco programma di eventi e di attività nei luoghi della cultura statali di propria competenza.

Leggere di più


Polo Museale della Calabria: apertura luoghi della cultura statali durante le festività pasquali 2016

POLO MUSEALE DELLA CALABRIA

Apertura luoghi della cultura statali durante le festività pasquali 2016

Il Polo Museale della Calabria, in occasione delle festività pasquali 2016, comunica i seguenti orari di apertura e i giorni di chiusura dei luoghi della cultura statali di propria competenza.

Chiesa di San Francesco d’Assisi – Gerace (Reggio Calabria)

Orari di apertura al pubblico: ore 9.30-12.30; 15.30-17.30 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Cosenza - Palazzo Arnone

Galleria Nazionale di Cosenza

Orari di apertura al pubblico: ore 10.00 -18.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

La Cattolica - Stilo  ingresso

La Cattolica – Stilo (Reggio Calabria)

Orari di apertura al pubblico: ore 8.00 -18.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Castello di Le Castella - scorcio con Torre

Le Castella – Isola Capo Rizzuto (Crotone)

Orari di apertura al pubblico: ore 10.00-13.00; ore 15.00 -17.00 (Pasqua); ore 10.00 - 17.00 (Lunedì dell’Angelo)

Vibo

Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” – Vibo Valentia

Orari di apertura al pubblico: ore 9.00 - 20.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Museo Crotone

Museo Archeologico Nazionale di Crotone

Orari di apertura al pubblico: ore 9.00 - 19.30 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Sibari Museo Ingresso

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)

Orari di apertura al pubblico: ore 9.00 -19.30 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)

Il Museo è chiuso per lavori di ristrutturazione; il Parco è visitabile dalle ore 9.00 fino alle ore 18.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

museo capo colonna

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)

Orari di apertura al pubblico: Museo ore 9.00 -13.00; 15.00 -19.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo). L’area archeologica è visitabile dalle ore 8.30 fino ad 1 ora prima del tramonto (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri (Reggio Calabria)

Orari di apertura al pubblico: Museo ore 9.00 - 19.30 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo). Il Parco archeologico è visitabile dalle ore 9.00 fino ad 1 ora prima del tramonto (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Scolacium

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium – Roccelletta di Borgia (Catanzaro)

Orari di apertura al pubblico: Museo ore 9.00 -13.00 (Pasqua e Lunedì dell’Angelo). Il Parco è visitabile dalle ore 8.30 fino ad 1 ora prima del tramonto (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Museo Statale di Mileto – Vibo Valentia

Orari di apertura al pubblico: Chiuso (Pasqua e Lunedì dell’Angelo)

Testo e immagini dall’Ufficio Stampa Polo Museale della Calabria.


Test del DNA sui resti di Pizzo Calabro. Si tratta di Gioacchino Murat?

21 - 24 Aprile 2015
Murat2
A maggio si procederà con il test del DNA sui resti che potrebbero essere quelli di Gioacchino Murat, e attualmente in una cripta del duomo di Pizzo Calabro, in provincia di Vibo Valentia.
Il cognato di Napoleone fu nominato da questi Re di Napoli. Sconfitto dagli Austriaci nel 1815, tentò quindi di riconquistare i suoi territori con appena duecento uomini, ma fu catturato dalla Gendarmeria Borbonica a Pizzo Calabro.
Celebre per il suo coraggio, rifiutò di farsi bendare al momento della fucilazione. Le sue ultime parole furono:
«Soldats! Faites votre devoir! Droit au cœur mais épargnez le visage. Feu!»
E cioè: «Soldati! Fate il vostro dovere! Dritto al cuore ma risparmiate il viso. Fuoco!»*
Leggere di più