Un bimbo vissuto troppo poco, cui la comunità di appartenenza rese l’ultimo omaggio seppellendolo nella grotta di Lagar Velho, a Lapedo: è quanto ci racconta Una storia di 29000 anni fa. La ricostruzione ideale della sepoltura del Bambino di Lapedo, il breve documentario di Diogo Vilhena prodotto da Arqueohoje Lda, in programma la mattina del 19 ottobre, durante la sezione dedicata ai giovanissimi nella Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica di Licodia Eubea.

Uma história com 29 000 anos: recriação imaginada do enterramento do Menino do Lapedo

Una storia di 29000 anni fa. La ricostruzione ideale della sepoltura del Bambino di Lapedo

Nazione: Portogallo

Regia: Diogo Vilhena

Consulenza scientifica: Ana Cristina Araùjo, Ana Maria Costa

Durata: 5’

Anno: 2015

Produzione: Arqueohoje Lda – Museu de Leiria

Sinossi: 29000 anni fa un bimbo venne seppellito nel riparo rupestre di Lagar Velho, a Lapedo, nella regione di Leira. Fu avvolto in un sudario tinto d’ocra rossa, elemento che ha donato al suolo della tomba una tonalità rossastra e che implica un rituale attento e complesso. Il racconto audiovisivo di questo rituale nasce dai risultati dell’indagine sul campo e da studi interdisciplinari condotti sullo scheletro, testimonianza di una delle più importanti scoperte nella conoscenza della storia dell’evoluzione umana.

Partecipazioni ad altri film festival e/o proiezioni pubbliche:

  • Proiezione del film presso il Museo Archeologico del Carmo (MAC), Lisbona, il 30/04/2018

  • I edizione di Firenze Archeofilm, 2018

  • I edizione di ArcheoCineMANN, 2018

Premi e riconoscimenti:

  • Menzione speciale al festival Firenze Archeofilm, edizione 2018

Informazioni regista: Diogo Vilhena è nato nel 1985 a Vila Nova de Milfontes, Portogallo. Nel 2008 si è diplomato presso la ESAD in Suono e Immagine, specializzandosi in comunicazione visiva. Ancora studente, ha co-diretto il breve documentario: “Cinema com Gente Dentro”, dedicato a quanto rimane del cinema itinerante in Portogallo. Il film ha ricevuto diversi premi ed è stato proiettato a Fantasporto 2010. A Sines, ha realizzato pubblicità televisive per il Festival delle Musiche del Mondo (FMM – Festival Musicas do Mundo), un festival di riferimento per le produzioni musicali dal mondo, dove è anche responsabile dei video dell’evento e della sua promozione, a livello nazionale e internazionale. È stato coinvolto in numerosi altri progetti, perlopiù dedicati al patrimonio culturale. Alcuni lavori sono stati realizzati per il Museo di Leiria, distinguendosi nel 2017 con il conseguimento di diversi premi.
Il primo lungometraggio è stato prodotto nel 2015, ed è il documentario: “Mar de Sines” (Un mare di suoni), premiato come miglior film etnografico nell’ambito del Festival Internazionale di Film Etnografici di Recife (Brasile), e selezionato all’interno di oltre 12 film festival e conferenze internazionali.

Altro (articoli dedicati al film, curiosità, approfondimenti):

https://www.cm-leiria.pt/frontoffice/pages/617?news_id=3079

https://www.jornaldeleiria.pt/detalhe-noticia-print/8432

Informazioni casa di produzionehttps://www.arqueohoje.com/

Scheda a cura di: Alessandra Cilio