CONVEGNO NAZIONALE
DEI MUSEI DELLA GUERRA

Testimoni di Guerra. Attori di Pace

Iniziativa promossa dal Comune di Vittorio Veneto nell’ambito degli eventi per il Centenario dalla fine della Prima Guerra Mondiale
“1918. Quando scoppia la Pace”

Museo della Battaglia di Vittorio Veneto – Aula Civica
Dalle 9.30 alle 16.30

A cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale e ad oltre settanta dalla conclusione dell’ultimo conflitto, ma in un contesto di tensioni internazionali, di fronte al rinvigorire di numerosi nazionalismi appare più che mai opportuna una riflessione sul ruolo, sull’azione e sulle prospettive dei musei della guerra nati a conclusione dei conflitti, per ricordare e dare testimonianza di questi terribili eventi che hanno segnato la storia del XX secolo.

Ecco dunque che un prestigioso convegno “Testimoni di Guerra. Attori di Pace“, all’interno del fitto calendario di eventi per le commemorazioni del Centenario – in corso a Vittorio Veneto – vedrà riuniti nell’Aula Civica del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, nella giornata di giovedì 13 settembre 2018, direttori e studiosi dei musei della guerra operanti a livello nazionale, con l’importante partecipazione anche di Gautier Marseille rappresentante del francese Musée de la Somme 1916.
Un incontro a testimonianza della storia che questi musei racchiudono nelle loro collezioni e un’occasione per riflettere sull’identità e sul ruolo civico, ma anche culturale ed educativo svolto da queste istituzioni per la comunità, tra passato presente e futuro.

L’evento, promosso dal Comune di Vittorio Veneto con il sostegno della Regione del Veneto, si svolgerà a partire dalle 9.30 aprendo con i saluti del Sindaco Roberto Tonon e del rappresentante della Regione del Veneto. Seguiranno le due sessioni di interventi; la prima dalle 10.00 alle 12.30 ruoterà attorno ai temi dei luoghi della memoria, della storia e del cambiamento dei musei della guerra nella contemporaneità, con la partecipazione di Orietta Pizzol, Direttore del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto; Michela Bassanelli, Architetto e dottore di ricerca in architettura, autrice di pubblicazioni sulla memoria collettiva; Camillo Zadra, Direttore del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto; Stefano Basset, Direttore del Museo Storico delle Truppe Alpine; Gautier Marseille, rappresentante Musée de la Somme 1916. La seconda parte di incontri proseguirà dalle 14.30 fino alle 16.30 e verterà sulle iniziative didattiche promosse dai musei nel territorio, con gli interventi di: Giuseppe Masetti, Direttore Istituto della Resistenza di Ravenna; Anna Pisetti del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto; Mauro Passarin, Direttore del Museo del Risorgimento e della Resistenza.

A fare da cornice al convegno è il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, con la maestosa Loggia del Cenedese affrescata nel XVI secolo da Pomponio Amalteo e l’Aula Civica ricoperta dalle pitture di Giovanni De Min (1842 – 1844), che dal 2014 ha assunto una nuova veste contemporanea. Grazie al nuovo allestimento multimediale infatti, forme, luci, suoni, colori, materiali, immagini fisse e in movimento arricchiscono i percorsi espositivi all’interno del Museo, custode anche dello straordinario fondo “Luigi Marzocchi” che comprende migliaia di fotografie, negativi e documenti personali del famoso fotografo di guerra.

Continua intanto il denso programma di iniziative “1918. Quando scoppia la Pace” per l’anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale, che ha visto alternarsi eventi di musica, cinema, arte, dialoghi e conferenze, e vedrà svilupparsi fino al 4 novembre 2018 importanti raduni di Associazioni d’Arma e iniziative culturali. Tra cui il progetto internazionale di arte contemporanea curato da Dimitri Ozerkov, Capo Dipartimento d’Arte Contemporanea del Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, con la partecipazione di 13 artisti under 40 in rappresentanza dei paesi partecipanti al conflitto.

Testo e immagini dagli Uffici Stampa
Villaggio Globale International e Comune di Vittorio Veneto