"Cento anni dalla Grande Guerra... per non dimenticare..."

3 Novembre 2014

"Cento anni dalla Grande Guerra... per non dimenticare..."

Il 5 novembre prossimo, alle ore 17.00, presso la Sala di Studio dell'Archivio di Stato di Catanzaro, S.E. Dott. Raffaele Cannizzaro, Prefetto di Catanzaro, il Dott. Antonio Garcea, Direttore dell'Archivio di Stato ed il Dott. Luigi La Rosa, Assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro, inaugureranno la mostra "Cento anni dalla Grande Guerra... per non dimenticare...".

Leggere di più


Prato - Villa Medicea di Poggio a Caiano - Programma di letture

3 Novembre 2014
Prato - Villa Medicea di Poggio a Caiano - Programma di letture
“Autori di oggi. Capolavori di ieri”: letture in Villa medicea di Poggio a Caiano

Si intitola “Autori di oggi. Capolavori di ieri. I classici del Novecento riletti da grandi scrittori” la rassegna curata da Carla Lomi che tra novembre 2014 e marzo 2015 si terrà anche nel Teatrino della Villa medicea di Poggio a Caiano, con inizio sempre alle 17. Promosso dalla Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino e dal Comune di Poggio a Caiano, il progetto prevede la lettura (ma anche il commento e la discussione) di alcuni passi di libri famosi del “secolo breve”, da parte di autori di oggi. In tutto si tratterà di sei appuntamenti, tre dei quali si terranno nella Villa medicea di Poggio a Caiano.

FRANCESCHINI: COLOSSEO DI NUOVO “ARENA” COME NELL'OTTOCENTO? IDEA BELLA E CORAGGIOSA

l tweet del ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, con l'idea di riportare il Colosseo a come era fino alla fine dell'800 e, quindi, di restituirgli la sua arena, fanno riferimento alle ricerche del prof. Daniele Manacorda (professore di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica presso l'Università di Roma Tre) pubblicate sulla rivista Archeo del mese di luglio.
Qui di seguito si riportano i principali passaggi del recente articolo del prof. Manacorda citato questa mattina dal ministro Franceschini in diversi tweet.
"Le belle foto aeree che ritraggono il Colosseo dall'alto ci mostrano non la vasta e candida arena, che un tempo ospitava i giochi e gli spettacoli o, in età più recente, processioni religiose e manifestazioni pubbliche, ma un intrico inquietante di muri scoperchiati al sole, un labirinto tanto incomprensibile quanto inaccessibile.
Agli occhi del turismo culturale internazionale questo nostro celeberrimo monumento è diventato l'icona di Roma e, per certi versi, della stessa Italia. Insomma, è un po' il nostro biglietto da visita. La brava archeologa che dirige da anni questo complesso archeologico, Rossella Rea, ha dedicato ampi studi alla sua storia, alle vicende che lo trasformarono nel corso dei secoli da anfiteatro a rudere, a fortezza, a cava di pietre,a luogo della pietà religiosa e del mistero notturno, a soggetto di mille vedute artistiche, a non-luogo del turismo di massa.
Non ripercorremo qui quelle vicende, ma rifletteremo piuttosto sul fatto che le vecchievedute ottocentesche ritraggono ancora il Colosseo con la sua bella arena viva perché calpestabile, e quindi privatamente o pubblicamente usabile e usata.
1414922114587_Alinari2
Leggere di più


Identificato il sigillo personale di Mani

29-30 Ottobre 2014
Mani
Identificato il sigillo personale del profeta Mani, fondatore del Manicheismo. Si tratterebbe di un pendaglio circolare in cristallo, forse incastonato in oro, utilizzato per autenticare scritture e corrispondenza, avrebbe circa 1700 anni. Sul perimetro la scritta "Mani, apostolo di Gesù Cristo". Zsuzanna Gulacsi, professoressa di Studi Comparati Culturali, ha studiato il reperto che si era ritrovato a Parigi nel 1896, e che era sfuggito all'attenzione generale fino a questo momento.
Link: Northern Arizona University; Phys.org; Archaeology News Network
Mani, da WikipediaPublic Domain, caricato da Mladifilozof.


Budapest: ritrovato il manoscritto della Sonata in La maggiore K331 di Mozart

26 Settembre - 1 Novembre 2014
Croce_MozartFamilyPortrait
Ritrovato il manoscritto autografo di Mozart relativo alla Sonata No. 11 in La Maggiore (K.331), celebre anche per il suo finale, la Marcia Turca (o Rondò alla Turca).
L'autore del ritrovamento è il giovane musicologo ungherese, Balazs Mikusi. Lavorando alla Biblioteca Nazionale Szechenyi a Budapest, si è ritrovato a scartabellare tra alcuni manoscritti non catalogati, fino a ritrovare il famoso componimento del 1783. La pagina finale del manoscritto era già nota, ma non il resto della Sonata che conferma come la prima edizione sia corretta.
Di seguito, il pianista Zoltan Kocsis che la suona dal manoscritto, durante un concerto privato nella Biblioteca.

Link: JSTOR Daily; The Guardian; NY Times - ArtsbeatAFP; Reuters; Repubblica
Wolfgang Amadeus Mozart con sua sorella Maria Anna e il padre Leopold, sul muro un ritratto della madre Anna Maria, ca. 1780, di Johann Nepomuk della Croce, da WikipediaPublic Domain, caricato da Materialscientist.


Cina: un museo per la provincia Henan

30 Ottobre - 1 Novembre 2014
640px-Henan_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Negli ultimi nove anni sono stati ritrovati oltre 100.000 reperti nella provincia Henan, durante i lavori di scavo per il progetto che convoglierà le acque dal Sud al Nord della Cina. Leggere di più


Anfipoli: una porta in marmo, si scava sotto il livello del pavimento

29 Ottobre - 2 Novembre 2014
Anche se la terza camera non sembra rivelare immediatamente una quarta, non si è detta l'ultima parola su Anfipoli, evidentemente. Gli archeologi hanno continuato a scavare al di sotto del livello del pavimento, ritrovando una porta in marmo del peso di oltre una tonnellata (diversa dalla precedente, e delle dimensioni 2Χ0.90Χ0.15m) e sabbia melmosa, dello stesso tipo presente come riempitivo altrove della tomba.Leggere di più


Torna il 2 novembre #DomenicalMuseo, porte aperte per Musei e Siti Archeologici

31 Ottobre 2014

QUESTA DOMENICA MUSEI GRATIS PER TUTTI - Torna il 2 novembre #DomenicalMuseo, dove tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente

TORNA DOMENICA GRATUITA, IL 2 NOVEMBRE PORTE APERTE PER MUSEI E SITI ARCHEOLOGICI

1414397451347_cartellonistica2
Domenica 2 novembre, il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo rinnova l’iniziativa “Domenica al Museo” con l’apertura gratuita dei propri luoghi della cultura. Così come previsto dalla riforma del piano tariffario e degli orari d’apertura dei musei introdotta dal ministro Dario Franceschini, ogni prima domenica del mese l’ingresso negli oltre 430 musei, monumenti e siti archeologici statali sarà gratuito.
Come da MIBACT 1,  2, Redattore Renzo De Simone


Tommaso Traetta e il 700 napoletano protagonista al Festival della Valle d’Itria

(di Viviana Minervini)

10744563_10205104355637516_328916166_n

Due condizioni d’illusione opposte: vivere senza amore e vivere di solo amore. La  furia algida di una donna che ha deciso di non cedere mai a nessun uomo, all’eros incandescente di chi ha deciso di dedicare tutta se stessa, per sempre, a quello stesso uomo.

Vive così Armida, nel dramma di Torquato Tasso, il suo amore verso Rinaldo.
Leggere di più