Domenica al museo in Piemonte, alla Reggia di Caserta, a Stra

9 Dicembre 2014
Il grande successo di questa sesta Domenica al museo del Ponte dell'Immacolata in Campania, Veneto, Piemonte.Leggere di più


La digitalizzazione del Textus Roffensis

9 Dicembre 2014
Law_of_Æthelberht
Digitalizzato il Textus Roffensis, un manoscritto del 1120, conservato nella Cattedrale di Rochester e contenente testi estremamente rilevanti.
In particolare, si tratta della legge di Re Æthelberht, sovrano del Kent nel settimo secolo, della pace di Guthrum, un documento falsificato dell'undicesimo secolo, dell'unica copia della legge sul duello ordalico di Guglielmo il Conquistatore, di una scomunica con oscenità, della copia più antica dell'atto di incoronazione di Enrico I, dell'atto (anch'esso falsificato) riguardante la fondazione della Cattedrale di Rochester, di un sortilegio per recuperare i propri beni, di una genealogia reale del Wessex.
La digitalizzazione del documento, precedente la Magna Charta di cento anni, è avvenuta grazie agli sforzi dell'Università di Manchester, finanziata da un progetto per la salvaguardia del patrimonio culturale.
Link: BBC - History Extra; John Rylands University Library; Anglo-Saxon Monk
La prima pagina del Textus Roffensis, di apertura della legge di Æthelberht del settimo secolo; Ernulf, vescovo di Rochester - Rochester Cathedral Library MS A. 3. 5 (Textus Roffensis), folio 1v; da WikipediaPublic Domain; caricata da Deacon of Pndapetzim.
 


Anfipoli: boom di turisti e ricostruzioni a colori

3-9 Dicembre 2014
The_Abduction_of_Persephone_by_Pluto,_Amphipolis
In attesa dei risultati delle analisi sulle ossa e sul DNA, ad Anfipoli si registra già l'atteso boom di turisti: l'incertezza sull'identità dell'occupante indubbiamente contribuisce al fascino già grande del luogo.
Secondo quanto affermato dal Segretario Generale al Ministero della Cultura Greco, Lina Mendoni, ci vorranno sei mesi per conoscere i risultati delle analisi, e anche allora potrebbe non essere possibile giungere a conclusioni. I problemi partono innanzitutto dalla determinazione del sesso, e dai quali parte Andrew Chugg per ribadire la sua tesi di Olimpiade d'Epiro come destinataria della tomba.
Si segnala anche la ricostruzione a colori della tomba, effettuata dal pittore greco Gerasimos Gerolimatos.
Link: Protothema; Enikos; Greek Reporter 1, 2; Gerasimos Gerolimatos.
Il ratto di Persefone ad Anfipoli, foto da WikipediaPublic Domain, caricato da Yann.


Il più grande blocco di pietra dell'antichità da Eliopoli

21 Novembre - 1 Dicembre 2014
1920px-Pano_Baalbek_1
Ritrovato a Baalbek, l'antica Eliopoli, il più grande blocco di pietra dell'antichità: il monolite, lungo 19,6 metri, largo 6 e alto almeno 5,5, e del peso stimato di 1.650 tonnellate.
La scoperta avviene proprio nei pressi di altri due blocchi di dimensioni colossali: si tratta di Hadjar el Hibla, la pietra della donna incinta, del peso stimato di 1.000 tonnellate, e di un altro blocco del peso di 1.200 tonnellate. La città è già famosa per i monumenti che, a partire dall'età ellenistica, utilizzavano blocchi di dimensioni colossali, di circa 800 tonnellate.
Link: Deutsches Archäologisches Institut; Discovery News
Vista panoramica del Gran Cortile di Baalbek; foto da WikipediaCC BY 3.0; di e caricata da Eusebius (Guillaume Piolle).
 


Gli archeologi esplorano la nave Nanhai Number One

6  Dicembre 2014
La nave affondata ottocento anni fa, Nanhai Number One, è ora oggetto delle analisi più approfondite da parte degli archeologi, che ne stanno ora esaminando gli interni. La nave è lunga 30,4 metri e larga 9,8, risale all'epoca della dinastia Song e ha restituito un gran numero di reperti.
Link: China Daily 1, 2, 3, 4; Archaeology News Network


Boom di presenze nei musei italiani per la sesta domenica gratuita

9 Dicembre 2014
1414397413590_BannerDomenicalmuseo

BOOM DI PRESENZE NEI MUSEI ITALIANI. Franceschini: grande successo per la VI edizione della domenica gratuita, così si educa al patrimonio

Grande successo per la sesta edizione della domenica gratuita al museo. I primi dati sul l'affluenza dei visitatori nei luoghi della cultura statali nella giornata di ieri mostrano, ancora una volta, un'intensa partecipazione. I picchi sono stati registrati nelle grandi città ma anche nei piccoli centri  i musei statali hanno avuto un boom di presenze.

Nubia: riapre al pubblico la tomba del vicerè Huy

2-8 Dicembre 2014
Lepsius_tut
Aprirà al pubblico, verso la metà di dicembre, la tomba di Huy, vicerè nubiano di Tutankhamun, a Qurnet Murai, dopo tre anni di restauri. Si tratta di una tomba piccola ma nota per i suoi dipinti (visibili ai primi link indicati). Qurnet Murai è sulla riva sinistra, a Luxor.
Durante gli scavi è stato ritrovato anche il sarcofago di un cantante del dio Ammone, con le caratteristiche uniche della manifattura durante la ventunesima dinastia.
Link: Ahram Online 12; Archaeology News Network 12; Wikipedia
Il vicerè Huy davanti a Tutankhamun, diciottesima dinastia, da Karl Richard Lepsius - Denkmaeler aus Aegypten und Aethiopien; da WikipediaPublic Domain; caricata da Tedmek.
 


Siberia, 4500 anni fa: uno dei primissimi casi di cancro

3-4 Dicembre 2014
journal.pone.0113919.g002
Uno dei casi più antichi e il più antico dell'Asia Nordorientale, quello di uno scheletro di un uomo siberiano che, 4500 anni fa, morì a causa di cancro.
journal.pone.0113919.g003
I resti provengono da un cimitero di cacciatori raccoglitori della prima Età del Bronzo, situato a Gorodishche nella regione siberiana del Cis-Baikal. La malattia, un carcinoma metastatico, si diffuse ben oltre l'area originaria, contribuendo in modo determinante alla morte del soggetto.
journal.pone.0113919.g008
 
Angela Lieverse, a capo del team che ha studiato i resti, ha affermato che ciò che differenzia questo starebbe nel fatto che non si tratta, come in altri casi, di tumori benigni, e che la scoperta è importante anche perché va a modificare la nostra moderna percezione del cancro, come malattia non esistente in antichità.
journal.pone.0113919.g001
Lo studio di Angela R. Lieverse, Daniel H. Temple, Vladimir I. Bazaliiskii, si intitola "Paleopathological Description and Diagnosis of Metastatic Carcinoma in an Early Bronze Age (4588+34 Cal. BP) Forager from the Cis-Baikal Region of Eastern Siberia".
Link: PLOS One; University of SaskatchewanArchaeology News NetworkCBC News; Past Horizons.
Foto e immagini: © 2014 Lieverse et al, CC BY.
Figura 2: Fotografia in situ di Gorodishche II, sepoltura 3. Il nord è alla sinistra del lettore e dello scheletro.
Figura 3: Sepoltura 3: rappresentazione diagrammatica della completezza dello scheletro e distribuzione delle lesioni; a, vista anteriore; b, vista posteriore.
Figura 8: lesioni osteolitiche e miste (blastiche e litiche) dell'osso iliaco sinistro; a, vista mediale dell'intero elemento; b, vista laterale dell'osso iliaco; c, vista posteriore del pube.
Figura 1: Mappa di Cis-Baikal con la collocazione del cimitero di Gorodishche II.
 


Scoperte a Roma e Tivoli: il grande bacino idrico e una statua di Horus da Villa Adriana

3-5 Dicembre 2014
Due grandi scoperte dal Lazio negli ultimi giorni: quello che pare essere il più grande bacino idrico di Roma Imperiale, e una statua di Horus da Villa Adriana a Tivoli.Leggere di più


La Storia di Oggi: l'assassinio di Cicerone

7 Dicembre 2014
640px-Cicero_-_Musei_Capitolini
Nella giornata di oggi del 43 a. C., Marco Tullio Cicerone veniva assassinato da alcuni sicari che lo avevano raggiunto nella sua villa a Formia.
Cicerone visse ai tempi del secondo triumvirato e fu sostenitore fino alla fine della Repubblica. Nonostante questo e le divergenze, vide il successore di Cesare in Ottaviano, piuttosto che in Marco Antonio, contro il quale si scagliò con le orazioni che costituirono le Filippiche.
Nonostante l'opposizione di Ottaviano, Marco Antonio iscrisse Cicerone nelle liste di proscrizione, volendo la morte di questi più che di chiunque altro. Dopo l'assassinio, a Cicerone furono tagliate le mani e la testa, su ordine di Antonio.
Della morte di Cicerone scrive Plutarco nelle Vite Parallele (Loeb LCL 99, Plutarch's Lives - VII - Demosthenes and Cicero, Alexander and Caesar; traduzione di Bernadotte Perrin, prima edizione 1919, pagg. 200-201, pagg. 216-217 dell'e-text, da Leobolus).
1024px-Maccari-Cicero
Busto di Cicerone dai Musei Capitolini, foto di Glauco92, da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, caricata da Soerfm.
Cicerone denuncia Catilina, affresco di Cesare Maccari da Palazzo Madama; da WikipediaPubblico dominio, caricato da Bogomolov.PL.