Polonia: grande necropoli di epoca romana

28 Gennaio 2015
La più grande necropoli di epoca romana è stata scoperta a Karczyn nella Cuiavia, in Polonia. Questa sarebbe stata utilizzata continuativamente per 3 secoli, dal primo al quarto d. C., con oltre 120 sepolture. Tra queste, due erano particolarmente grandi e però già saccheggiate nell'antichità. La necropoli è importante anche per la presenza di rituali funerari differenziati.
Link: Science & Scholarship in Poland


Taiwan: fossile umano potrebbe appartenere a una nuova specie primitiva

27 Gennaio 2015
Un antico fossile della specie Homo è stato ritrovato sul fondale marino di Taiwan, e secondo uno studio potrebbe trattarsi di una nuova specie. Il reperto, una mandibola appartenuta a un individuo denominato Penghu 1, rivela una sopravvivenza sorprendentemente tarda (meno di 450 ma più probabilmente 190-10 migliaia di anni fa).
Leggere di più


Più complesso di quanto finora ritenuto il declino dell'Isola di Pasqua

27 - 28 Gennaio 2015
800px-Hangaroa_Moais
Un nuovo studio getta nuova luce sulle cause della fine della cultura polinesiana di Rapa Nui, indicandone una complessità maggiore di quella finora ritenuta.
Le spiegazioni riguardanti il declino demografico dell'Isola di Pasqua sono al momento due: una che ritiene che gli abitanti abbiano causato la fine del proprio ambiente, con conseguenze gravissime per la popolazione; l'altra invece ritiene responsabili gli Europei, arrivati nel 1722, che avrebbero portato le malattie che uccisero i Rapa Nui.
Secondo lo studio in questione, il collasso demografico sull'Isola di Pasqua si sarebbe già verificato prima dell'arrivo degli Europei: si sarebbe giunti a questa conclusione utilizzando utensili in ossidiana per determinare l'utilizzo delle terre nel tempo, suggerendo dinamiche specifiche dell'area, che hanno comportato l'abbandono dei luoghi interni e sottovento. Questi dati trovano correlazione con la variazione delle precipitazioni e della fertilità del suolo. Le aree troppo asciutte o troppo umide furono perciò abbandonate prima. I risultati perciò dimostrano che c'è qualcosa di vero in entrambe le due teorie, e che la fine di questa cultura sarebbe perciò di natura complessa.
La ricerca "Variation in Rapa Nui (Easter Island) land use indicates production and population peaks prior to European contact", di Christopher M. StevensonCedric O. PulestonPeter M. VitousekOliver A. ChadwickSonia Haoa e Thegn N. Ladefoged, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
Link: Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America; University of California - Santa Barbara; Archaeology News Network; Past Horizons
La foto, opera di Makemake, ritrae due ahu a Hanga Roa. Sullo sfondo Ahu Ko Te Riku (con un pukao in testa), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da KAMiKAZOW,


Undicimila Biblioteche sulle mappe TomTom

28 Gennaio 2015
5241822dc7c1de4ddeb7c4b38ba667081cad61

UNDICIMILA BIBLIOTECHE SULLE MAPPE TOMTOM

Migliaia di strutture visibili nelle nuove applicazioni di navigazione e informazioni sul traffico per Android e Apple; è il primo importante esempio di riuso degli Open Data dell’Anagrafe delle biblioteche italiane.

Iraq: danneggiate le mura assire di Ninive

28 Gennaio 2015
800px-Adad_gate_exterior_entrance_north3
L'ISIS avrebbe fatto esplodere buona parte delle leggendarie mura della città assira di Ninive. La notizia è arrivata da ufficiali Curdi, per la quale si è richiamata l'attenzione della comunità internazionale.
Link: AINAIraqi News; The Independent
La porta di Adad (Nord) a Ninive, foto di Fredarch, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Finavon.
 


Tre relitti nel Golfo di Danzica documentati in 3D

9 - 27 Gennaio 2015
Tre relitti ritrovati nel Golfo di Danzica sono stati documentati in 3D grazie a una tecnica innovativa che raccoglie immagini degli stessi secondo varie angolature, per poi ricostruire la figura grazie a un apposito software. Il modello ha richiesto oltre 6000 fotografie ed è un miglioramento rispetto a quanto ottenuto un anno fa.
Link: PAP - Science & Scholarship in Poland; Past Horizons


Nuovi tatuaggi scoperti su Ötzi

20 - 27 Gennaio 2015
Mummia_uomo_del_Similaun_sulle_Alpi_italiane_1991
Con l'aiuto di tecniche fotografiche non invasive, si sono individuati nuovi tatuaggi su Ötzi, grazie a una ricerca che ha realizzato la mappatura completa di quelli presenti sulla mummia di Similaun. In totale, vi sarebbero 61 tatuaggi in 19 parti diverse del corpo.
Lo studio "Complete mapping of the tattoos of the 5300-year-old Tyrolean Iceman", di Marco Samadelli, Marcello Melis, Matteo Miccoli, Eduard Egarter Vigl, Albert R. Zink, è stato pubblicato sul Journal of Cultural Heritage.
 
Link: EURACJournal of Cultural Heritage; Past Horizons; Archaeology News Network.
La mummia di Ötzi sul luogo del ritrovamento, foto della Vienna Report Agency/Sygma/Corbis, da WikipediaPubblico dominio, caricata da Maxperot.
 


Disturbo da stress post traumatico riscontrato già nei soldati assiri

26 Gennaio 2015
Susa-destruction
Un nuovo studio avrebbe ritrovato le prove del disturbo post traumatico da stress (DPTS, in Inglese post-traumatic stress disorder, PTSD) in fonti mesopotamiche risalenti alla dinastia Assira. In particolare, questi resoconti riportano soldati che ritengono di aver sentito o visto fantasmi di gente uccisa in battaglia.
Fino ad oggi, il primo caso storicamente accertato di disturbo da stress post traumatico era dato dalla Battaglia di Maratona (490 a. C.), a causa della quale si determinò del mutismo psicogeno in Epizelo. Il caso ci è stato riportato da Erodoto.
Lo studio "Nothing New under the Sun: Post-Traumatic Stress Disorders in the Ancient World", di Jamie Hacker Hughes e Walid Abdul-Hamid, è stato pubblicato su Early Science and Medicine.
Link: Early Science and Medicine; Anglia Ruskin UniversityPast Horizons; International Business Times; Dorothy King's PhDiva
La distruzione di Susa in Elam, ad opera diAshurbanipal, 647 BC, bassorilievo. Foto fornita da Zereshk. Da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Shauni.
 


27 Gennaio 2015 - Giorno della Memoria

26 - 27 Gennaio 2015
d92f5848354b5b99b3a262ca40a7c6d89e3b8b1
Il 27 gennaio si celebra il “Giorno della Memoria”, istituito, in Italia, con la legge 211 del 20 luglio 2000. La Repubblica italiana, infatti, riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", per ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati (art.1).

In occasione del "Giorno della Memoria" sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere (art.2) .
Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone

Tecniche di tiro con l'arco basate sulla ricerca storica

26 Gennaio 2015
Medievalists propone le tecniche di tiro con l'arco riscoperte da Lars Andersen, ritrovate da lui nei manoscritti.  Non mancherebbero neppure le critiche.


Link: Lars Andersen; Medievalists