Cani, gatti selvatici, volpi e tassi nella dieta di El Mirador

25 Gennaio 2015
Consumo di carni è stato rilevato nella caverna di El Mirador, nella Sierra di Atapuerca, in Spagna.  Gli animali parte della dieta degli abitanti sarebbero cani, gatti selvatici, volpi e tassi, per un periodo che va dal sesto al secondo millennio prima di Cristo. Le prove consistono in segni del taglio e di denti umani, ossa rotte e di elaborazione culinaria.
Il consumo di cani sarebbe sporadico e probabilmente legato a una minore disponibilità di cibo.
Lo studio "Butchered and consumed: Small carnivores from the Holocene levels of El Mirador Cave (Sierra de Atapuerca, Burgos, Spain)", di Patricia Martín, Palmira Saladié, Jordi Nadal, Josep María Vergès, è stato pubblicato su Quaternary International.
Link: Quaternary International; Past Horizons


Egitto: la versione ufficiale sulla barba incollata male alla maschera di Tutankhamun

22 - 24 Gennaio 2015
640px-Tuthankhamun_Egyptian_Museum
Sulla troppo evidente colla applicata alla barba della maschera di Tutankhamun continuano a rincorrersi le voci. Sono arrivate tuttavia le spiegazioni ufficiali dal Museo: per paura che la barba potesse allentarsi, si è applicata la suddetta colla, ma l'intervento è risultato troppo evidente. Il Museo non si sarebbe mai sognato di coprire un'eventuale rottura della barba. Non sono comunque mancate le critiche.
Originariamente la barba non sarebbe stata attaccata alla maschera, se non a partire dal 1941. Nel frattempo le visite hanno attratto un gran numero di curiosi che volevano verificare l'effettivo stato della maschera.
Link: Portable Antiquity; The GuardianChina.org.cn; The History Blog; al-Araby al-Jadeed; The Cairo Post; AFP; Daily Mail.
Maschera funeraria di Tutankhamun, foto di Bjørn Christian Tørrissen (Own work by uploader, http://bjornfree.com/galleries.html ) da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, caricata da Uspn.


Anche l'Australopiteco Africano utilizzava le mani come i moderni umani

22 Gennaio - 14 Marzo 2015
800px-Mrs_Ples
L'abilità distintamente umana di produrre una presa energica di precisione (ad esempio, quando si gira una chiave) o una stretta potente (ad esempio, quando si usa un martello) è legata a due fondamentali transizioni evolutive nell'utilizzo della mano, legate alla diminuita frequenza nell'arrampicarsi sugli alberi, e alla produzione e all'utilizzo di strumenti litici. L'Australopiteco Africano, una specie vissuta nel Sud Africa, tra i 2 e i 3 milioni di anni fa, avrebbe posseduto queste capacità, alla pari dell'uomo moderno.
Anche se non la si considera come una specie in grado di produrre utensili (anche se vi erano prove archeologiche in tal senso), la specie possiede infatti delle ossa della mano coerentemente strutturate per permettere le operazioni di presa suddette.
Queste sono alcune delle conclusioni alle quali è giunta la ricerca "Human-like hand use in Australopithecus africanus", di Matthew M. SkinnerNicholas B. StephensZewdi J. TsegaiAlexandra C. FooteN. Huynh NguyenThomas GrossDieter H. PahrJean-Jacques HublinTracy L. Kivell, è stata pubblicata su Science.
Link: Science; University of Kent; Past Horizons; Archaeology News Network; WSI
Il teschio di "Mrs. Ples", il primo esemplare adulto di Australopithecus africanus scoperto. Museo del Transvaal, Pretoria. Foto di José Braga e Didier Descouens, da WikipediaCC BY-SA 4.0, caricata da Archaeodontosaurus.
 


Giappone: rituali Buddisti nelle rovine della prefettura di Shiga

22 Gennaio 2015
Le rovine di Tehare, nella prefettura di Shiga, avrebbero rivelato dei vasi disposti secondo un rituale di purificazione Buddista, e contenenti monete. La scoperta è la prima di questo genere in Giappone.
Link: The Asahi Shimbun


Turchia: tomba di 7000 anni fa dal tempio di Apollo Sminteo

22 Gennaio 2015
Il celebre tempio di Apollo Sminteo a Çanakkale, in Turchia, ha rivelato una tomba di 7000 anni fa, fornendo informazioni su sepolture così antiche. Il tempio fu costruito nel secondo secolo a. C., divenendo di grande importanza nella Troade.
Link: Hurriyet Daily News


Egitto: polemiche per la barba incollata male alla maschera di Tutankhamun

22-23 Gennaio 2015
640px-Tuthankhamun_Egyptian_Museum
È stata danneggiata la celebre maschera funeraria del faraone Tutankhamun, conservata all'Egyptian Museum de Il Cairo: la barba è stata impropriamente incollata. Prima dell'operazione non vi era transizione dal resto della maschera, invece ora questa sarebbe assai percepibile nello strato di colla utilizzato.
Secondo indiscrezioni rilasciate ad Al Araby Al Jadeed, la barba si sarebbe distaccata dalla maschera mentre questa veniva spolverata. Al momento di incollarla, però, si sarebbe utilizzata impropriamente della colla epossidica. L'operazione è irreversibile. Tre versioni differenti della storia sono state date dai tre conservatori del museo all'Associated Press, e tuttavia è stato confermata la barba impropriamente incollata.
https://twitter.com/monznomad/status/558239934969282561

Link: Discovery News; Archaeology News Network; abc news; Slate
Maschera funeraria di Tutankhamun, foto di Bjørn Christian Tørrissen (Own work by uploader, http://bjornfree.com/galleries.html ) da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, caricata da Uspn.
 


Vangeli, maschere egizie e polemiche

18 - 21 Gennaio 2015
Si avvicina la pubblicazione di quella che sarebbe la versione più antica del vangelo di Marco. Le copie attualmente note datano infatti al secondo secolo, questa sarebbe del secolo precedente.
Tuttavia, non sono mancate le polemiche: per ottenere questa copia,  Craig Evans avrebbe utilizzato una tecnica che distrugge la maschera funeraria egizia che conteneva il testo. La pubblicazione era prevista già due anni fa, ma ciò non è avvenuto per motivi non noti.
Link: Live Science; Discovery News 1, 2; Portable Antiquity; Faces & Voices; Brice C. JonesV


Irlanda del Nord: insediamento del quindicesimo secolo scoperto presso Dunluce Castle

13 - 21 Gennaio 2015
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Nei pressi del castello di  Dunluce, nell'Irlanda del Nord, è stato scoperto un insediamento del quindicesimo - sedicesimo secolo. La scoperta è importante perché poche costruzioni sono sopravvissute per quel periodo.
Link: Northern Ireland Executive; Live Science 1, 2; Discovery News
Dunluce Castle, foto di Kenneth Allen, da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Cactus.man.
 


Tracce di colore rosso sui numeri delle arcate del Colosseo

21 Gennaio 2015
1409056906990_COLOSSEO
Durante la pulitura del prospetto del Colosseo, ritrovate tracce di colore rosso sui numeri delle arcate. Rossella Rea, direttrice del Colosseo, spiega che si tratta di scoperta eccezionale perché completamente inaspettata: non si riteneva che le tracce potessero essersi conservate.
Link: ANSA; ADN KronosCorriere della SeraRepubblica Roma; Dorothy King's PhDiva; Il Giornale dell'Arte; agi 1, 2
Foto del Colosseo dal MIBACT.


Cina: antico relitto ritrovato nello Shaanxi

16 - 21 Gennaio 2015
800px-Shaanxi_in_China_(+all_claims_hatched).svg
 
In seguito alla scoperta di cinque ponti sul fiume Weihe, nella provincia dello Shaanxi, in Cina, è pure avvenuto il ritrovamento del relitto di un'antica nave. Per la datazione si attende il carbonio 14.
Link: China.org.cn; Archaeology News Network
La provincia Shaanxi, da WikipediaCC BY-SA 3.0, di e caricata da TUBS (This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:China edcp location map.svg (by Uwe Dedering).)