Nave romana nelle acque della Gallura

21 - 23 Giugno 2015
320px-SAR-Subregioni-Gallura
Ritrovato nelle acque della Gallura il relitto di una nave romana di 18 metri per 7, rilevante anche per le condizioni particolarmente buone del carico.
Link: La Nuova Sardegna; Rai NewsArchaeology News Network via Reuters
La Gallura in Sardegna, da WikipediaPubblico dominio, caricata da e di Mackey.
 


Canada: volto scolpito sulla roccia dall'isola di Reeks

23 Giugno 2015

Scoperto nella Pacific Rim National Park Reserve, sull'Isola canadese di Reeks Island, un volto scolpito sulla roccia. La scoperta è stata effettuata da un nativo Tseshaht, che cercava di trovarla da due anni: al momento non sono stati rivelati molti particolari, e non si è compreso persino se sia opera della natura o dell'uomo.

Link: ABC News; Huffington Post


Svezia: il corpo mummificato di Peder Winstrup

16 Giugno 2015
Winstrup,_Peder_(in_Pandectae,_1666)
 
Il corpo mummificato del vescovo Peder Winstrup (1605-1679), a Lund, rappresenta una capsula temporale di grande importanza, perché permetterà di ricavare informazioni circa le condizioni di vita e di salute dell'epoca.
Oltre a vestiti e piante, anche gli organi interni sono infatti tutti al loro posto, mentre la pratica dell'imbalsamazione ne vorrebbe la rimozione. Winstrup soffriva di osteoartrite, calcolosi biliare, aveva perso alcuni denti, aveva problemi ad una spalla e sembra che nell'ultimo periodo della sua vita sia rimasto confinato a letto.
A stupire gli studiosi è stato però anche il ritrovamento di un feto nella bara: potrebbe trattarsi di un parente o di qualcuno che colse l'occasione per porlo ai piedi di Winstrup. L'esame del DNA potrà gettare luce sulla vicenda.
800px-Peder_Winstrups_kista_i_Lunds_domkyrka
Leggere di più


Emirati Arabi: pesca alle perle già 7000 anni fa

21 Giugno 2015
640px-United_Arab_Emirates_location_map.svg
L'attività della pesca di perle presso l'isola di Dalma negli Emirati Arabi Uniti, la si riteneva risalente al diciannovesimo secolo. Gli scavi nell'Isola hanno però portato alla luce resti di ostriche risalenti a 7000 anni fa. Grazie ai resti animali, è pure possibile ricavare la dieta di allora: tonno, ricci di mare, delfini, dugonghi, tartarughe, capre e pecore. Nel sito si sono ritrovate anche ceramiche del Periodo Ubaid.
Link: The National
Gli Emirati Arabi Uniti, di NordNordWest - Own work, using United States National Imagery and Mapping Agency data, da WikipediaCC BY-SA 3.0 de, caricata da Chipmunkdavis.
 


Sulle tracce di Re Giovanni prima (e dopo) la firma della Magna Carta

13 Giugno 2015

Sulle tracce di Re Giovanni prima (e dopo) la firma della Magna Carta

Re Giovanni, il più inquieto dei monarchi, torna sotto le luci dei riflettori all'avvicinarsi dell'ottocentesimo anniversario della firma della Magna Carta. Per la prima volta, gli studiosi di geografia storica hanno tracciato il percorso di Re Giovanni per tutti i diciassette anni del suo regno, al fine di produrre mappe digitali del suo avanzamento, mentre lottava per mantenere il suo controllo.

 800px-A_Chronicle_of_England_-_Page_226_-_John_Signs_the_Great_Charter
 
Re Giovanni fu il più peripatetico dei monarchi inglesi. I suoi diciassette anni di regno sono spesso descritti come un regno di crisi. Nel 1214 perse le sue terre in Francia, facendogli guadagnare il nome di Giovanni Senzaterra. Assalito da problemi finanziari, e con la sua autorità minacciata da baroni ribelli, Re Giovanni era raramente nella sua residenza a Windsor e Westminster – ma spese molto del suo tempo in movimento, aumentando le tasse e mantenendo le corti, mentre viaggiava per il Paese.
Leggere di più

LETTERATURE: Differenze, serata 25 giugno ore 21 con Emidio Clementi, Maurizio De Giovanni, Vinicio Capossela

LETTERATURE

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ROMA

Giovedì 25 giugno ore 21.00

Piazza del Campidoglio

#DIFFERENZE   

con gli autori

EMIDIO CLEMENTI – MAURIZIO DE GIOVANNI - VINICIO CAPOSSELA

l’attrice Isabella Ragonese introduce Maurizio de Giovanni

e i musicisti

Corrado Nuccini e Emanuele Reverberi con Emidio Clementi

Mirco Mariani con Vinicio Capossela

 image003 (7)
Leggere di più


Oggetti in oro di 3,5 - 2 migliaia di anni fa trovati presso Jasło

22 Giugno 2015

Oggetti in oro di 3,5 - 2 migliaia di anni fa trovati presso Jasło

PAP © 2015 / Darek Delmanowicz
PAP © 2015 / Darek Delmanowicz
Oggetti in oro, preliminarmente datati al 1600-400 a. C. sono stati scoperti da un contadino vicino Jasło nella Subcarpazia. Gli oggetti antichi sono stati trasferiti nel Museo Subcarpatico a Krosno.
"Durante la ricerca sul campo vicino Jasło, un contadino ha trovato tre braccialetti in oro, legati da filo d'oro" - ha spiegato a PAP l'archeologo e direttore del museo di Krosno, Jan Gancarski.
PAP © 2015 / Darek Delmanowicz
PAP © 2015 / Darek Delmanowicz

L'archeologo ha riferito che "il cercatore si è comportato in modo molto onesto e ha informato i servizi di tutela, che a loro volta hanno trasferito i ritrovamenti al museo di Krosno". "Il suo atteggiamento è encomiabile. Spero che riceverà un'adeguata ricompensa dal Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale" - ha aggiunto Gancarski.
Leggere di più

L'Ara Macao e l'emergere delle prime gerarchie Pueblo

22 Giugno 2015
Scarlet_Macaw
Un nuovo studio che ha preso in esame i resti di ara scarlatta (Ara Macao), ritrovati presso un insediamento Pueblo, potrebbe dimostrare che le gerarchie sociali e politiche emersero prima del previsto nella parte sud occidentale degli Stati Uniti.
I resti furono scoperti negli ultimi anni dell'Ottocento, ma in seguito alla recente scoperta di due sepolture datate tra il 775 e l'875 d. C. si è provveduto a riesaminare gli scheletri. L'animale era molto importante da un punto di vista cosmologico, coi colori rosso e arancione che indicavano il Sud, e le loro piume erano utilizzate per maschere, costumi e bastoni utilizzati nelle preghiere. L'acquisizione e il controllo della risorsa aveva perciò importanza religiosa e sociale.
Una nuova datazione degli scheletri degli animali collocano i più antichi tra il 900 e il 975 d. C., con le reti di acquisizione dalla Mesoamerica attive fino al 1150. Queste datazioni contrastano con i modelli che attualmente attribuiscono queste acquisizioni al picco dell'influenza di Chaco e della sua espansione architettonica, nell'undicesimo secolo. La maggior parte degli esemplari presi in considerazione dallo studio predatano infatti quell'epoca. Conseguentemente, si suggerisce che questi importanti segni dello status sociale fossero collegati al sorgere delle gerarchie locali in tempi anteriori.
Leggere di più


Canada: le più antiche impronte del Nord America

22 Giugno 2015
800px-CalvertIsland
Ritrovate presso l'Isola di Calvert, nella Columbia Britannica, le più antiche impronte umane in Nord America. Si tratta di impronte nell'argilla, prodotte da una famiglia radunata intorno al focolare. Grazie alla carbonella rimasta sui loro piedi, è stato possibile datarle col radiocarbonio a 13.000 - 13.200 anni fa. Il gruppo era composto da un adulto, un adulto di dimensioni inferiori, e un bambino, e gli studiosi ritengono perciò che fossero legati da vincoli familiari.
Gli scavi sono stati ostacolati dalle maree, e ulteriore lavoro sarà comunque necessario per confermare le datazioni, perché a breve distanza dal luogo vi sono materiali datati appena a duemila anni fa. Il sito getterebbe luce sulle migrazioni verso sud a quell'epoca: l'isola si può raggiungere solo via mare.

A STEP BACK IN TIME from Hakai Magazine on Vimeo.
Link: CBC News; Daily MailThe Star.com; National Post; Hakai
L'isola di Calvert, vista da Nord Ovest, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di The Interior.
 


Riprendono le ricerche ad Antikythera

22 - 23 Giugno 2015
640px-NAMA_Machine_d'Anticythère_1
Riprendono le ricerche subacquee ad Antikythera, presso il sito i cui resti risalirebbero al periodo tra il 70 e il 60 a. C. Sarebbe da comprendere se si tratta di un unico relitto o di due navi. Ad ogni modo si tratterebbe della più grande nave dell'antichità mai ritrovata, che trasportava merci di lusso, di natura molto diversa.
Si segnala anche una ricostruzione del celebre meccanismo in 3D.
Link: Greek Reporter; Protothema; Live Science; Daily Mail
Il meccanismo di Antikythera, foto da WikipediaCC BY 2.5, caricata da Marsyas.