Milano: donata al Comune la biblioteca dell'associazione Tobagi

Cultura

Donata al Comune la biblioteca dell'associazione Tobagi

I volumi andranno ad arricchire la collezione già esistente presso la Biblioteca Centrale Sormani sui temi della stampa e del giornalismo

BV6.jpg

Milano, 21 febbraio 2016 – Ci sono volumi sul giornalismo di guerra degli anni Settanta, quando ancora i reporter dovevano sperare in inaffidabili linee telefoniche di paesi lontani per trasmettere i propri pezzi. E ci sono tesi sulla comunicazione digitale dei giorni nostri, quando un semplice click basta ad essere aggiornati in tempo reale su quanto avviene all’altro capo del mondo. Studi sulla libertà di stampa nelle dittature medio orientali ed analisi sul pluralismo dei media italiani, riviste e monografie, tesi di laurea e saggi specializzati. Sono circa 3mila i libri e le pubblicazioni che compongono il Fondo Walter Tobagi appartenuto all’Istituto per la formazione al giornalismo, che l’Associazione intitolata al giornalista del Corriere della Sera, ucciso in un attentato terroristico nel 1980, ha deciso ora di donare al Comune di Milano.

Leggere di più


Bari, quinto Mercoledì con la storia: "Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale"

“Mercoledì con la storia”, VIII edizione
Amedeo FENIELLO
Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale

12745470_1151469794878145_3485506889108161526_n
Mercoledì 24 febbraio 2016 alle ore 18 presso la Libreria Laterza di Bari, per i nostri Mercoledì con la storia avremo un nuovo ospite d’eccezione, Amedeo Feniello. L’incontro prenderà le mosse dal suo recente lavoro, Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale (Mondadori). Dialogando con Sergio Chiaffarata, Feniello ci condurrà per mano nelle vicende medievali di Napoli: «una città per tanti versi già allora affascinante e inafferrabile, in cui si succedono civiltà e tradizioni diverse, a partire da quella bizantina fino alla dominazione angioina. Con una realtà sociale peculiare, dove a comandare davvero, più che lo Stato, sono le famiglie e i clan dei cosiddetti ‘seggi’, tanto più forti quanto più debole si dimostra il potere centrale. Pronti a farsi carico dei problemi della cittadinanza. Gelosi della propria autonomia. Capaci di strenue resistenze o di compromessi con le dinastie che si susseguono. […] Uno squarcio di Medioevo, dove è già possibile riconoscere molti elementi che caratterizzano la mentalità della malavita organizzata contemporanea: con i suoi clan familiari, impregnati di senso di appartenenza e di una pratica quotidiana della violenza adoperata come unico strumento di risoluzione dei conflitti». Il nostro incontro sarà un appassionante e documentatissimo viaggio in una città che fu una delle grandi capitali dell’Occidente medievale, dalle tante luci e dalle tante ombre. Ancora una volta, conoscere il passato ci sarà utile per comprendere il presente.
Amedeo Feniello, storico del Medioevo, è stato Directeur d’études invité presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e ha insegnato Storia del Mediterraneo nel Medioevo presso la Northwestern University di Evanston, Chicago. È autore di numerosi saggi storici, tra cui Sotto il segno del leone. Storia dell’Italia musulmana (Laterza, 2011) e Dalle lacrime di Sybille. Storia degli uomini che inventarono la banca (Laterza, 2013). Collabora con “La Lettura”, l’inserto culturale del «Corriere della Sera».
Testo dall’Ufficio Stampa Associazione Centro Studi Normanno Svevi

Stati Uniti: resti di mammuth da Abiquiu

15 Febbraio 2016
1024px-New_Mexico_in_United_States.svg
Resti ossei di un animale simile a un elefante (probabilmente un mammuth) sono stati ritrovati presso Abiquiu, nel New Mexico. Le ossa sono in un mucchio disordinato, e furono oggetto di macellazione prima che una piccola inondazione le portasse nel canale.
Gli archeologi ritengono si tratti di una testimonianza delle popolazioni Clovis che vissero qui attorno a 13 mila anni fa. Molto di quanto noto riguardo la cultura Clovis qui proviene dal sito di macellazione di mammuth di Blackwater Draw, nella parte orientale dello stato. Questa sarebbe la seconda volta che manufatti Clovis vengono ritrovati congiuntamente a ossa di mammuth.
Link: University of New Mexico
Il New Mexico, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).


Ceramiche da un insediamento spagnolo del sedicesimo secolo in Florida

17 Febbraio 2016
Florida_in_United_States.svg
Ceramiche del sedicesimo secolo, che testimoniano la presenza di un insediamento spagnolo dell'epoca, sono state ritrovate nella Baia di Pensacola, nel Panhandle della Florida (corrispondente alla parte occidentale della stessa).
Si tratterebbe dell'insediamento relativo alla sfortunata spedizione guidata nel 1559 da Tristán de Luna y Arellano (1519 – 19 Settembre 1573). Tristán de Luna perì durante l'uragano che causò l'affondamento di cinque navi e di gran parte del cargo della sua spedizione. Anche se parte della sua flotta è stata ritrovata, il luogo del suo insediamento era finora sfuggito: potrebbe trattarsi dunque del più antico negli Stati Uniti, essendo di sei anni più antico di quello fondato con successo da Pedro Menendez a St. Augustine, sempre in Florida.
Link: Fox News; Archaeology News Network via Associated Press; Science Daily via Associated Press
La Florida, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. The source code of this SVG is valid. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).


Un insediamento di settemila anni fa da Gerusalemme

17 Febbraio 2016
1024px-Jerusalem_(4763119961)
Resti di un insediamento del Calcolitico, risalente al quinto millennio prima dell'era volgare, sono stati ritrovati nella parte settentrionale di Gerusalemme.
Jerusalem_District_in_Israel_(+disputed_hatched)_(semi-Israel_areas_hatched).svg
Nell'area, il periodo calcolitico è attestato nel Negev, nella pianura costiera, in Galilea e nel Golan, ma era completamente assente presso i Monti della Giudea e Gerusalemme. Prima di questo significativo ritrovamento si erano solo ritrovate tracce presso Abu Gosh, presso il raccordo di Motza e il complesso Holyland a Gerusalemme.
Si sono finora dissotterrate due abitazioni, ceramiche, strumenti in selce e una ciotola in basalto. L'insediamento sembra essere stato prospero e abitato a lungo.
Link: Israel Ministry of Foreign Affairs; Times of Israel; Ynet News; National GeographicInternational Business Times.
Gerusalemme, foto di RonAlmog (from Israel (ישראל)Jerusalem), da WikipediaCC BY 2.0, caricata da Geagea.
Il distretto di Gerusalemme in Israele, da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Israel location map.svg (by NordNordWest).)


La tomba Funabaru, tra Corea e Giappone

16 Febbraio 2016
640px-Map_of_Japan_with_highlight_on_40_Fukuoka_prefecture.svg
La tomba Funabaru, presso Koga nella prefettura giapponese di Fukuoka, ci parla di un individuo di 1.400 anni fa che aveva forti legami con la Corea (e forse di scambi tra i due paesi). Tra i reperti ritrovati spiccano le decorazioni per un cavallo, in bronzo con vetro verde incastonato.
Link: The Asahi Shimbun
La Prefettura di Fukuoka in Giappone, di Lincun国土交通省 国土数値情報(行政区域), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da TAKASUGI Shinji.


Egitto: scoperte archeologiche e lavori di restauro a Karnak

19 Febbraio 2016

Scoperte archeologiche e lavori di restauro a Karnak

————————————————————————————————————
12742442_464108020461014_1656696234080240951_n
Il Centro Franco-Egizio per lo studio dei Templi di Karnak ha dichiarato, per mezzo di un rapporto presentato al Ministero delle Antichità, che la principale scoperta nella stagione 2015 è stata una favissa piena di statue e oggetti che datano a partire dal Periodo Tardo. Così ha dichiarato il dott. Eldamaty, Ministro delle Antichità.
I lavori di conservazione e restauro nei “Magazzini settentrionali” di Thutmose III sono pure quasi completati e quest'area sarà presto aperta ai visitatori. Il rapporto afferma pure che la cappella di Thutmose III nel Museo a Cielo Aperto sarà ricostruita, che i suoi enormi blocchi del soffitto sono stati recuperati e che la pulizia finale sarà effettuata nel 2016 e la cappella sarà aperta ai visitatori.
Eldamaty ha chiarito che i lavori del centro nel 2015 hanno avuto luogo essenzialmente in linea coi tempi previsti, secondo il programma quadriennale 2013-2016 e le decisioni della Commissione Scientifica che ha avuto luogo nel Gennaio 2014. Eldamaty ha aggiunto che il programma epigrafico è continuato presso l'ottavo pilone e che nel santuario della "barca sacra" di Filippo Arrideo il lavoro sul campo è ora completato.
D'altra parte, il dott. Hesham Elleithy, Direttore Generale del Centro di Documentazione del Ministero delle Antichità ha dichiarato che nel 2015, il progetto Karnak ha aggiunto 3.000 iscrizioni geroglifiche del Tempio di Karnak, disponibili online, all'interno della cornice dell'edizione online di tutti i testi geroglifici da Karnak (il Karnak Project, cominciato nel Gennaio 2013). Oltre a questo, I Cahiers de Karnak 15 sono stati inviati alla Casa Editrice del Ministero delle Antichità a Zamalek per la pubblicazione. I due primi volumi del Tempio di Ptah sono stati pubblicati per l'IFAO.
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities: scritto da Asmaa Mostafa, sulla base del rapporto del Centro Franco-Egizio, tradotto da Heman Hossni. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.


Morto Umberto Eco, semiologo, filosofo, scrittore

20 Febbraio 2016
800px-Umberto_Eco_04
È morto a 84 anni il semiologo, filosofo, scrittore italiano Umberto Eco. La famiglia ne ha comunicato il decesso, avvenuto nella tarda serata di venerdì 19 Febbraio. Era nato ad Alessandria il 5 Gennaio 1932.
Fondatore del Dipartimento della Comunicazione dell'Università di San Marino (1988), era professore emerito e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell'Università di Bologna, e Accademico dei Lincei.
Autore di numerosi saggi (nel campo della semiotica, dell'estetica medievale, della filosofia, della linguistica), acquisì grande fama internazionale col suo romanzo del 1980, Il nome della rosa, che ha venduto oltre 14 milioni di copie in tutto il mondo ed è stato oggetto di una trasposizione cinematografica di successo. Il suo secondo romanzo, Il pendolo di Foucault, è del 1988. Tra i suoi lavori più significativi: Diario Minimo (1963), Apocalittici e integrati (1964), Sette anni di desiderio (1984), I limiti dell'interpretazione (1991), Sei passeggiate nei boschi narrativi (1994), Baudolino (2000), Il cimitero di Praga (2010), Numero zero (2015).
Considerato un esperto in materia di mass media e cultura di massa, Eco fu anche assai attivo in campo editoriale, e collaborò pure con diversi periodici.


https://twitter.com/MuseeLouvre/status/700986881111097344
Link: Quirinale; Comune di Milano; L'Espresso 1, 2, 3; Il Sole 24 OreRepubblica; Corriere 1, 2, 3; La Stampa 1, 2, 34, 5; RAI 12Treccani; Huffington Post; Il Post; Il Fatto Quotidiano; ANSAInternazionale; BBC News; The Guardian 1, 2, 3 via AFP, 4; The Telegraph; The New York Times; CNN; Le FigaroLiberation.
Leggere di più


Milano: Mostra fotografica dedicata a Herb Ritts. In equilibrio

Cultura

Herb Ritts. In equilibrio

Una mostra fotografica che inaugura il 2016 di Palazzo della Ragione. Dal 20 febbraio al 5 giugno saranno esposti gli scatti del maestro della fotografia statunitense

HerbRitts.jpg

Milano, 19 febbraio 2016 – Dopo le monografiche dedicate ai grandi interpreti della fotografia internazionale quali Sebastião Salgado, Walter Bonatti, Edward Burtynsky, e l’impegnativo progetto di Italia Inside Out, la più grande mostra di fotografia mai dedicata all’Italia, organizzata in due momenti distinti che, nei mesi di Expo, ha rivelato l’immagine del Belpaese attraverso oltre 500 scatti dei maggiori autori del Novecento, Palazzo della Ragione prosegue il suo programma espositivo dedicato all'arte della fotografia.

Dal 20 febbraio al 5 giugno 2016, la casa milanese della fotografia si apre per celebrare l’arte e lo stile di Herb Ritts (1952-2002), fotografo statunitense tra i più rinomati e apprezzati, le cui opere hanno contribuito a costruire il patrimonio dell’immaginario collettivo mondiale degli ultimi decenni.
La rassegna, dal titolo "In equilibrio", curata da Alessandra Mauro, è promossa e prodotta dal Comune di Milano - Cultura, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e GAmm Giunti in collaborazione con la Herb Ritts Foundation di Los Angeles, con il patrocino del Consolato Generale degli Stati Uniti a Milano. L’allestimento è realizzato da Migliore + Servetto Architects.

Leggere di più


Milano, Fabbrica del Vapore. Spazi al talento: 5mila metri quadrati in cerca di idee

Cultura e tempo libero

Fabbrica del Vapore, spazi al talento: 5mila metri quadrati in cerca di idee

Incontro aperto il 24 febbraio per illustrare il bando dei 15 spazi. Bisconti: ”Il ruolo di una Pubblica Amministrazione è mettere a disposizione di tutti un luogo dalle enormi potenzialità, uno spazio pubblico di straordinaria bellezza”

Fabbrica_Vapore_bar.jpg

Milano, 19 febbraio 2016  - Ci sono 5mila metri quadrati in più a Milano a disposizione di associazioni, start-up e imprese disposte a progettare una nuova forma di aggregazione e di produzione culturale. Si tratta di 15 spazi di varie metrature (da 135mq fino a 865mq) presso la Fabbrica del Vapore di via Procaccini che vengono messi a bando dall’Amministrazione. L’obiettivo è rendere la Fabbrica un punto di riferimento nell’ambito delle arti visive (pittura, scultura, fotografia, scenografia, scenotecnica, costumistica, illuminotecnica), performative (teatro, arti circensi, danza, musica), audiovisivo-multimediali (cinema, tv, documentario, videoreporter, radio, multimedia, fonica), di promozione e diffusione della cultura (editoria, comunicazione) e per la realizzazione di un archivio-biblioteca aperto al pubblico.

spazi_talento.jpg

Leggere di più