Università La Sapienza a Roma: eventi dal 19 al 23 Settembre

16 Settembre 2016
800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza
Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.
Leggere di più


Estate Romana: appuntamenti dal 16 al 22 Settembre

ESTATE ROMANA 2016

#estateromana2016

39° EDIZIONE

Musica, teatro, danza, cinema, cultura, appuntamenti per bambini per riscoprire luoghi della vita quotidiana e monumenti, parchi, ville storiche, siti archeologici e storico artistici

www.estateromana.comune.roma.it

Appuntamenti dal 16 al 22 settembre

Estate Romana

Roma, 15 settembre 2016

La nuova settimana di Estate Romana offre la straordinaria opportunità di partecipare ad eventi di nuove creatività, di arte urbana contemporanea, arte pubblica e arte visiva, di azione performativa e teatrale, in scenari archeologici suggestivi (Parco Archeologico del Teatro di Marcello, Stadio Palatino e il peristilio inferiore della Domus Augustana, Auditorium di Mecenate), in spazi urbani storici abitati da linguaggi emergenti del contemporaneo (Biblioteca Vallicelliana, Goethe Institut Rom, Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Accademia Nazionale di Danza), in strade, quartieri e rioni (Trastevere, Campo Marzio, Pietralata) che diventano protagonisti di narrazioni itineranti, e ancora in parchi e giardini (Colle Oppio, Andrea Campagna), al centro come nei quartieri più decentrati, spazi valorizzati e recuperati attraverso il lavoro degli artisti.

Leggere di più


Ca' Foscari guarda all'India

All’Università Ca’ Foscari Venezia al via un calendario di eventi sull’India, organizzato in collaborazione con l’Ambasciata italiana a New Delhi, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Main sponsor: Benetton Group

Ca' Foscari guarda all'India, con una mostra sulla cultura Adivasi e una rassegna di cinema d’autore

Cà_Foscari_from_San_Toma'

Inaugura giovedì 15 settembre la mostra sulla cultura indigena Adivasi. Dal 16 partono le proiezioni della rassegna cinematografica Le Indie del cinema. Entrambi gli eventi sono a ingresso libero

Leggere di più


Messa in sicurezza campanile Santa Maria delle Grazie a Castelluccio di Norcia

SISMA 24 AGOSTO: PARTITI I LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DEL CAMPANILE DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE A CASTELLUCCIO

1473854863303_immagine-480
Parte uno dei primi interventi di messa in sicurezza di un bene culturale danneggiato in Umbria dal sisma del 24 agosto. Il campanile della Parrocchiale di Santa Maria delle Grazie a Castelluccio di Norcia, fin dalle primissime rilevazioni condotte dai tecnici della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria insieme ai Vigili del Fuoco e al personale della Protezione civile,  ha manifestato la necessità di un urgente intervento di messa in sicurezza. Tale intervento, concordato in una prima riunione con il Presidente della Regione Marini e con il Prefetto di Perugia, è stato progettato dalla Soprintendenza dell’Umbria in collaborazione con il Segretariato Regionale dell’Umbria e in accordo con i Vigili del Fuoco. Dopo una prima fase, interrotta il 31 agosto  per il ripetersi delle scosse sismiche,  l’intervento è ora definitivamente iniziato ed è in fase di esecuzione. Il campanile presenta profonde lesioni e la messa in sicurezza prevede una cinghiatura dopo aver posizionato una rete di contenimento della muratura decoesa. L’opera mira a garantire la sicurezza pubblica per  evitare il crollo definitivo e danni sulle case limitrofe, ed è al contempo un importante recupero di un edificio storico di forte connotazione identitaria per il borgo di Castelluccio. A questa prima fase farà seguito l’intervento all’interno della chiesa, dove sono cadute importanti porzioni della muratura affrescata del lato confinante con il campanile, e la messa in sicurezza delle opere mobili.
1473854914801_immagine-506
“I tecnici del MiBACT – ha dichiarato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – proseguono insieme a vigili del fuoco e al personale della protezione civile la preziosa opera di  messa in sicurezza del patrimonio culturale nelle aree colpite dal sisma, preludio necessario al pieno recupero degli elementi identitari di quei territori. Un’azione di tutela esemplare che viene svolta con passione, professionalità e spirito di sacrificio dai molti architetti, storici dell’arte, restauratori, diagnosti, bibliotecari, archivisti che si sono resi disponibili sin dalle prime ore successive al terremoto”.
1473854891004_immagine-504
Roma, 14 settembre 2016
Ufficio Stampa MiBACT
1473854832621_immagine-478

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone


Due state di Afrodite da Petra

12 Settembre 2016

Credit: Tom Parker
Credit: Tom Parker

Due statue in marmo di Afrodite sono state recuperate a Petra, in Giordania. La scoperta è stata effettuata da ricercatori dell'Università della Carolina del Nord presso gli scavi in corso nell'antica città dei Nabatei. Le due statue sono in buona parte intatte (dal piedistallo alle spalle) e presentano ancora un Cupido. Il prof. Tom Parker, che fa ricerca sul campo da 45 anni qui, afferma di non aver mai effettuato una scoperta di questa rilevanza finora.

Anche se il ritrovamento è per certi versi inaspettato, le statue raccontano molto della città: risalgono all'epoca della presenza romana nell'area. Il Regno Nabateo fu annesso nel 106 d. C. Il prof. Tom Parker spiega che una delle caratteristiche di questa popolazione fu l'apertura ad influenze esterne: fu così con i vicini Egiziani, e in seguito coi Romani.

Nella statua in foto, un piccolo Cupido guarda su verso la dea, in basso a destra. Sulla gamba sinistra è possibile vedere una fiala in vetro di una figura ora perduta. La statua data probabilmente al secondo secolo d. C.

Credit: courtesy of Tom Parker
Credit: courtesy of Tom Parker

Link: EurekAlert! via North Carolina State University.


Cafoscarina inventa Nasier Gel per pulire il patrimonio artistico

CAFOSCARINA INVENTA IL ‘NANOGEL’

PER PULIRE IL PATRIMONIO ARTISTICO

Da un’idea avuta a lezione, Irene Scarpa ha sviluppato in laboratorio e brevettato un nuovo prodotto per la pulitura enzimatica. Testato alle Terme di Caracalla, è già richiesto dai restauratori

Credit: Andrea Avezzù / Ca' Foscari
Credit: Andrea Avezzù / Ca' Foscari

VENEZIA –  Da studentessa cafoscarina a inventrice, il passo è stato breve. Affascinata da una lezione sull'efficacia della biopulitura della pietra, ma delusa dalla scarsa applicabilità della tecnica sul patrimonio artistico, la ventinovenne veneziana Irene Scarpa, durante gli studi all'Università Ca’ Foscari Venezia ha pensato che una soluzione ci doveva essere. L’ha trovata nella sinergia tra sistemi biologici e nanoparticelle inorganiche, sviluppando un prodotto che è stato brevettato e darà vita presto a uno spin-off universitario.

 Statue, facciate in pietra, monumenti esposti alle intemperie sono terreno fertile per i microorganismi responsabili del proliferare di licheni e della caratteristica patina biologica, nera o verdastra, che spesso li ricopre. Per pulire il prezioso patrimonio artistico italiano di solito si utilizzano prodotti chimici tossici o prodotti enzimatici costosi e laboriosi da applicare.

Leggere di più


Dal 17 Settembre nuovo calendario spettacoli a Villa Torlonia

TEATRO DI VILLA TORLONIA

Via Lazzaro Spallanzani, 1

Dal 17 settembre in programma un nuovo calendario di spettacoli e concerti. Da domenica 18 settembre ripartono le visite guidate al Teatro

Info e prenotazioni 060608

derecho-de-autor-copia

Lo storico Teatro di Villa Torlonia da sabato 17 settembre 2016 apre le porte  a nuovi, interessanti appuntamenti, anche quest’anno in collaborazione con Ambasciate, Accademie Internazionali, Enti ed Istituzioni Culturali italiane e straniere. La programmazione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale - Dipartimento Attività Culturali e Turismo e Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura.

Si inizia il 17 settembre alle ore 21 (in replica il 18 settembre alle ore 19) con El diccionario di Manuel Calzada Perez (premio Nazionale di Spagna per la letteratura drammatica 2014), promosso dall’Ambasciata del Cile. Uno spettacolo teatrale che ripercorre la vita della bibliotecaria, lessicografica e dizionarista spagnola Maria Moliner, che ha avuto il coraggio di creare un proprio dizionario per “correggere” e migliorare quello della Real Accademia Espanola. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili (con prenotazione obbligatoria). Spettacolo in lingua originale con sottotitoli.

foto-teatro-la-sala-del-teatro-5

Leggere di più


Recupero opere nelle Chiese di S. Maria della Misericordia e della Madonna delle Coste ad Accumoli

CONCLUSA CON SUCCESSO OPERAZIONE DI RECUPERO A ACCUMOLI IN SALVO OPERE PRESENTI NELLE CHIESE DI S. MARIA DELLA MISERICORDIA E DELLA MADONNA DELLE COSTE

13a719b9e11cb1662563cf8160d94d2f99b0d06b
Gli storici e i restauratori della squadra rilevamento danni del MiBACT, assistiti dai tecnici dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, hanno concluso con successo l’operazione di recupero delle opere presenti nella chiesa di S. Maria della Misericordia a Accumoli, fortemente lesionata nella struttura e con crolli delle coperture. L’intervento è stato reso possibile grazie alla costante assistenza dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, della Protezione Civile e la fattiva collaborazione del volontariato. Dalla chiesa sono state prelevate due pale d’altare dell’Immacolata Concezione (dipinto a olio su tela, sec. XVI) e della Madonna della Misericordia, e i santi Anna, Giacomo Maggiore e Francesco (dipinto a olio su tela, databile tra il 1635 e il 1649, opera di Alessandro Turchi detto l’Orbetto), compresa la cimasa dell’altare con la Trinità (60x60, dello stesso pittore). Sono state inoltre messe in salvo la tela con S. Nicola (ambito romano, XVII sec.), due tele con Sacro Cuore di Gesù e Addolorata,  sec. XVIII-XIX). Tra la suppellettile liturgica recuperata si segnalano alcuni reliquiari del XVIII secolo e una serie di quattro candelieri d’altare in lamina di argento sbalzata e cesellata (sec. XVIII); tra gli arredi la statua lignea del Cristo Deposto, recuperata all’interno della teca alla base dell’altare centrale (sec. XVII, policroma con tracce di doratura e rivestimento del perizoma in argento) e due statue lignee policrome raffiguranti un santo e una martire coronata. Tra i numerosi paramenti liturgici rinvenuti tra il paratoio e la sacrestia si segnalano piviali, pianete, tonacelle e stole del XVII secolo, manifattura dell’Italia centrale.
d293f5c834bc4d6ac78d6e323ce6b55ab4d65f8
Dalla chiesa delle Madonna delle Coste, su una altura nei pressi del comune di Accumoli, lesionata con parziale crollo del timpano, i Vigili del Fuoco hanno estratto una croce processionale in lamina d’argento sbalzata e cesellata (XVI sec.). Tra i materiali anche alcuni ex-voto che testimoniano la valenza devozionale del santuario montano per la locale popolazione.
3966d2b68ba515817e97724b43f9cd1b0789d
Tutte le opere prelevate e messe in sicurezza con idonei imballi sono state trasferite nel ricovero localizzato presso la Caserma della Scuola della Guardia Forestale di Cittaducale.
“Un altro importante risultato conseguito dai tecnici e funzionari del Mibact – ha dichiarato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – che stanno operando con grande professionalità, passione e spirito di sacrificio per il recupero del patrimonio culturale nelle aree colpite dal sisma”.
Di seguito alcune immagini del recupero rese disponibili dal Segretariato Regionale per i beni culturali del Lazio del MiBACT.
Roma, 7 Settembre 2016

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone


Milano, MITO. Sabato in piazza Duomo il più grande coro cittadino mai realizzato

Cultura

MITO. Sabato in piazza Duomo il più grande coro cittadino mai realizzato

Dalle 21 pubblico e coristi saranno guidati da Michael Gohl per la chiusura della ‘giornata dei cori’. Da Verdi ai Beatles, le partiture sono già scaricabili dal sito www.mitosettembremusica.it

mito_settembre_musica_350.jpg

Milano, 8 settembre 2016 – Dopo il successo della prima settimana, MITO propone sabato 10 'la giornata dei cori', con 11 concerti gratuiti diffusi in città e, alle ore 21, un open singing conclusivo in piazza Duomo, un grande evento aperto a tutti in cui il pubblico è invitato a cantare insieme ai tanti cantori impegnati nei concerti pomeridiani. A fare da guida saranno il Coro Giovanile Italiano, insieme ai Piccoli Cantori di Torino, e Michael Gohl, direttore specializzato nel dirigere il pubblico; al pianoforte Andrea Boi. In programma grandi classici del repertorio corale, da pagine cinquecentesche ai cori operistici di Verdi e Puccini, fino ad arrivare ai Beatles.
Ciascun partecipante potrà ritirare gratuitamente il fascicolo con le partiture che sarà disponibile nelle piazze (un estratto è già disponibile online su www.mitosettembremusica.it). Potrà partecipare anche chi non sa leggere la musica, si considera stonato o non è mai riuscito a vincere la timidezza: il coro guida condurrà tutti per mano per realizzare il più grande coro cittadino mai realizzato.

Leggere di più


Romeo e Giulietta al Silvano Toti Globe Theatre

SILVANO TOTI GLOBE THEATRE

Direzione artistica Gigi Proietti

16 settembre – 2 ottobre ore 20.45 (domenica ore 18.00)

lunedì riposo

ROMEO E GIULIETTA

Regia di Gigi Proietti

Traduzione di Angelo Dallagiacoma

Prodotto da Politeama Srl

image003-14

Dal 16 settembre al 2 ottobre ore 20.45 (domenica ore 18.00) al Silvano Toti Globe Theatre torna in scena il classico tra i classici del repertorio shakespeariano ROMEO E GIULIETTA per la regia di Gigi Proietti (traduzione di Angelo Dallagiacoma). Proietti porta sul palco un gruppo di giovanissimi attori e ambienta la storia in due epoche: nella prima parte dello spettacolo ci troviamo nei nostri giorni, con Mercuzio e i suoi amici che si esprimono a ritmo di rap e una Giulietta amante del rock. La festa è un ballo in maschera. Qui, dopo il primo sguardo tra i due ragazzi, la magia proietta la storia in un’epoca lontana dove nessuno dei due giovani supera il confine della maturità e nessun adulto li sa guidare su questo sentiero. Due realtà, due secoli, due mondi in cui si passa dal gioco alla tomba – come può accadere in ogni tempo – nella distruzione del futuro.

Leggere di più