Roma: terza edizione festival "Memoria Corta"

3ª edizione del Festival di cortometraggi

MEMORIA CORTA

Dedicato alle tematiche della memoria storica e contemporanea italiana

Casa della Memoria e della Storia

30 novembre 2016 ore 20.00

image002-26

La storia del nostro paese e le storie delle persone che hanno contribuito alla crescita morale e civile della nazione. Questo è il tema che unisce le opere presentate per la terza edizione del Festival di cortometraggi Memoria Corta, concorso dedicato alle tematiche della memoria storica e contemporanea italiana.

Le 8 opere finaliste del concorso saranno proiettate mercoledì 30 novembre 2016 alle ore 20 alla Casa della Memoria e della Storia, dopo essere state selezionate da una giuria composta dalla regista Elisabetta Pandimiglio, in qualità di presidente, dal regista Andrea Adriatico, da Annabella Gioia dell'IRSIFAR - Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla resistenza, dall'autore e regista Angelo Loy e dal giornalista del Daily Cinecittà News Stefano Stefanutto Rosa.

Leggere di più


35 milioni per Biblioteche nazionali di Roma e Firenze e di Archeologia e storia dell’Arte di Roma

BIBLIOTECHE, FRANCESCHINI: DA CONFERENZA UNIFICATA OK A INVESTIMENTI MIBACT PER 35 MILIONI
Serviranno a riorganizzare e valorizzare biblioteche nazionali di Roma e Firenze e prestigiosa Biblioteca di archeologia e storia dell’arte

bf47a8e57bcd457a339abf78da202c62a64b835

La conferenza unificata Stato-Regioni e il Consiglio Superiore dei beni Culturali hanno  dato parere favorevole agli interventi del Mibact per il restauro e la riorganizzazione delle Biblioteche nazionali di Roma e Firenze e per la valorizzazione della prestigiosa biblioteca di Archeologia e storia dell’Arte di Roma. Un intervento di 35 milioni di euro per ampliare gli spazi, consentire nuove forme e modalità di fruizione, la digitalizzazione del patrimonio librario e per una migliore collocazione delle collezioni sul modello delle più recenti grandi biblioteche al mondo. “Un investimento di cui vado particolarmente fiero che si somma a quanto già previsto dalla finanziaria del 2016 e che conferma l’impegno del Governo a favore dei tanti istituti che silenziosamente e con alta professionalità operano per la conservazione, catalogazione e restauro del nostro patrimonio culturale. Un lavoro poco visibile ma importantissimo che va valorizzato perché mantiene viva la memoria e la vitalità di un patrimonio unico al mondo”.
UFFICIO STAMPA MiBACT
Roma, 24 Novembre 2016

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone


Università La Sapienza a Roma: eventi dal 28 Novembre al 2 Dicembre

24 Novembre 2016
800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza
Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.
Leggere di più


Il cinese insegnato ai ragazzi: ecco il Sillabo

Il cinese insegnato ai ragazzi: ecco il Sillabo, che detta le linee guida della didattica nei licei

Il documento, elaborato da un team coordinato dal sinologo della Sapienza Federico Masini, è il primo modello europeo
800px-Innenhof_des_Palazzo_della_SapienzaPresentato qualche settimana fa, è adesso disponibile online il nuovo Sillabo cinese, una sorta di prontuario ad uso dei docenti delle scuole superiori che si trovano sempre più spesso ad affrontare l’insegnamento di questa lingua ai ragazzi. Lo strumento, frutto del lavoro di una commissione del Miur ha come obiettivo principale proprio quello di rendere omogenea la didattica e di approdare a materiali didattici coerenti.

La presenza del cinese nelle scuole italiane non è una novità: già da alcuni anni, infatti, molti istituti hanno attivato lo studio di questa lingua, parlata da quasi 900 milioni di persone al mondo e divenuta oggetto di interesse perché facilita l'ingresso nel mondo del lavoro e risponde a un processo di internazionalizzazione che si va consolidando nel nostro sistema scolastico.

Nell'anno scolastico appena trascorso più di 200 scuole hanno offerto l'insegnamento del cinese, curriculare e non, e in particolare le regioni in cui maggiormente lo studio della lingua si è diffuso sono l'Emilia Romagna, la Lombardia, il Veneto, cioè aree nelle quali il tessuto economico e produttivo sembra rispondere più velocemente al processo di apertura in atto.

“Alle classi che offrono il cinese, però, come materia curriculare finora mancava un'indicazione unitaria sui contenuti dello studio” spiega Federico Masini, docente di Lingua cinese alla Sapienza e coordinatore del team che ha realizzato le linee guida “Noi abbiamo cercato di colmare questo vuoto e trasformare l'insegnamento del cinese da una materia che veniva gestita liberamente dal docente di turno a un programma stabilito dal ministero con contenuti standardizzati, come accade per l'insegnamento di tutte le altre discipline”.

Nello specifico le linee guida, le prime elaborate in ambito europeo per il cinese, orientano la didattica verso competenze linguistiche pratiche, basandosi cioè sul saper fare. “Il Sillabo premia le abilità piuttosto che i contenuti” continua Masini “Le circa 100 ore curriculari offerte dalle scuole per ciascun anno scolastico, serviranno per illustrare funzioni linguistiche, lessico e grammatica, ma anche tratti della cultura cinese e il modo in cui presentare se stessi, parlare del cibo, parlare dei viaggi”.

Testi dall’Ufficio Stampa e Comunicazione Università La Sapienza di Roma.

Il cortile del Palazzo della Sapienza, foto di Anthony Majanlahti (antmoosehttp://www.flickr.com/photos/antmoose/14694803/), da WikipediaCC BY 2.0, caricata da Foundert~commonswiki.


Roma: Museo Cantato e le Sinestesie del Gusto

IL SABATO SERA LO DEDICHIAMO A VOI

MUSEO CANTATO

in collaborazione con il Teatro dell’Opera

e le Sinestesie del gusto

in collaborazione con Agro Camera

Sabato 26 novembre dalle 20 alle 24

nuova apertura straordinaria dei Musei Capitolini

Ingresso di 1 euro

esedra-marco-aurelio_concerto

Proseguono con un grandissimo apprezzamento da parte del pubblico le aperture serali straordinarie dei Musei Capitolini dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23) con il biglietto simbolico di 1 euro. Sabato 26 novembre in programma MUSEO CANTANTO E LE SINESTESIE DEL GUSTO, un appuntamento di grande suggestione in cui l’arte incontra la musica lirica grazie alla collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma.

Nel corso della serata si esibiranno gli artisti di "Fabbrica" Young Artist Program, progetto di avviamento professionale del Teatro dell'Opera di Roma che forma giovani talenti attraverso audizioni, incontri, prove e grazie al lavoro pratico e creativo svolto ogni giorno accanto ai protagonisti della scena contemporanea. 

I cantanti Valentina Varriale (soprano), Erika Beretti (soprano), Roberta Mantegna (soprano), Reut Ventorero (mezzosoprano), Sara Rocchi (mezzosoprano), Aleandro Mariani (tenore) e Timofei Baranov (baritono) accompagnati al pianoforte da Edina Bak, presenteranno in maniera scherzosa e poco convenzionale alcuni classici della letteratura operistica italiana, avvalendosi dei movimenti scenici curati da Luca Bargagna e Arianna Salzano.

Leggere di più


Roma: Quattro Storie in Luce

Quattro Storie in Luce

Alla Casa del Cinema dal 24 novembre al 5 dicembre una rassegna di 4 nuovi documentari dell’Istituto Luce: dal ’68 di Munzi all’Albania di Roland Sejko, dalla scomparsa di Majorana di Eronico all’attentato immaginato a Hitler di Enrico Caria

Ingresso libero

cdc_0432

La Casa del Cinema presenta QUATTO STORIE IN LUCE, una speciale mini-rassegna di quattro documentari targati Istituto Luce- Cinecittà: lavori recenti di importanti autori capaci raccontare la nostra storia (e il nostro presente) e di essere applauditi tanto nei festival e dalla critica, che dal pubblico delle sale. Quattro appuntamenti dal 24 novembre al 5 dicembre, tutti alle 20.30 a ingresso libero, alla presenza degli autori dei film, che ne discuteranno con il pubblico affiancati dal curatore della retrospettiva, il giornalista e critico Maurizio Di Rienzo.

Si parte giovedì 24 novembre con Assalto al cielo, ultimo applauditissimo lavoro al Festival di Venezia di Francesco Munzi che, dopo il successo internazionale di ‘Anime nere’, racconta il decennio 1967-‘77 attraverso le lotte, l’immaginario, le derive violente e le utopie felici dei giovani che sognarono di cambiare il paese. Un film che interroga (anche) la partecipazione politica nel paese di oggi.

Venerdì 25 novembre in anteprima nazionale si vedrà L’attesa (Pritja) di Roland Sejko, già David di Donatello 2013 per il Miglior documentario con ‘Anjia – la nave’, che qui racconta in un sorprendente ‘poemetto visivo’ la storia epica e drammatica di un paese, l’Albania, che per 50 anni fu l’unica nazione dichiaratamente atea del mondo. Un viaggio che parte dalla costruzione della più grande cattedrale dei Balcani, passa per decenni di ‘religione’ stalinista e attende l’arrivo dell’aereo di papa Francesco nel suo primo viaggio pastorale.

Martedì 29 novembre spazio a uno dei più affascinanti e irrisolti misteri d’Italia, con Nessuno mi troverà – Majorana Memorandum di Egidio Eronico, documentario ‘definitivo’ sulla scomparsa nel 1938 del geniale fisico siciliano Ettore Majorana, un film che ha già attirato l’attenzione di critica e media e spettatori in un tour nelle sale seguitissimo.

Ultimo appuntamento lunedì 5 dicembre con un’altra anteprima, L’uomo che non cambiò la storia di Enrico Caria, storia vera e tragicomica di Ranuccio Bianchi Bandinelli, principe dell’archeologia italiana, della sua visita guidata e del più clamoroso attentato mai immaginato nel ‘900: quello ai due ‘turisti’ romani, Hitler e Mussolini.

lattesa-1-533x300

Leggere di più


Milano: “La finestra sul cortile” intreccia collezione e collezionismo

Galleria d'arte moderna

“La finestra sul cortile” intreccia collezione e collezionismo

Del Corno: “Una mostra che riflette nuova luce sul percorso museale della GAM”

finestra_sul_cortile_487-jpg

Milano, 22 novembre 2016 - Dal 23 novembre al 26 febbraio 2017, la Galleria d’arte moderna e UBS presentano “La finestra sul cortile. Scorci di collezioni private”, un percorso ideato da Luca Massimo Barbero.

L’esposizione si snoda all’interno della GAM per indagare il tema del collezionismo privato attraverso un dialogo inedito fra gli spazi neoclassici della Villa, i suoi capolavori, espressione di quel collezionismo illuminato milanese e lombardo che nel tempo ha arricchito il patrimonio museale civico con importanti lasciti e donazioni, e le opere provenienti da due prestigiose raccolte italiane, la Collezione Panza di Biumo e la Collezione Berlingieri. “La finestra sul cortile. Scorci di collezioni private” si inserisce nell’ambito della partnership, rinnovata per altri tre anni, fra l’istituto bancario e la GAM, esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato. Dal 2013 UBS sostiene infatti il Museo e le sue collezioni con una programmazione dedicata alla valorizzazione e tutela del suo patrimonio.

Leggere di più


Incontri culturali d’autunno al Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide

Incontri culturali d’autunno

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide

Sala convegni

25 novembre 2016 - ore 16.30

incontri-culturali-dautunno

Venerdì 25 novembre 2016, alle ore 16.30, nella Sala convegni del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, prenderà il via Incontri culturali d’autunno.

L’iniziativa ha la finalità di favorire la conoscenza del patrimonio culturale e di contribuire alla formazione di cittadini consapevoli di questo inestimabile bene che contraddistingue la nostra Regione.

Questo primo appuntamento vedrà protagonista lo scrittore Francesco Bevilacqua che presenterà la sua opera Lettere Meridiane - Cento libri per conoscere la Calabria.

Interverranno, altresì, a questo atteso appuntamento: Adele Bonofiglio, direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide; Agostino Brusco, direttore delle Riserve Naturali Regionali “Lago di Tarsia - Foce del Crati”; Giancarlo Del Sole, funzionario Soprintendenza ABAP per le Province di Catanzaro-Cosenza-Crotone; Carmine Gesualdo, comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza e Domenico Pappaterra, presidente dell’Ente “Parco Nazionale del Pollino”.

Sibari Museo Ingresso

Leggere di più


Roma: Donne Perse(phone)

TEATRO DI VILLA TORLONIA

Donne Perse(phone) – Voci di donne contro la violenza sulle donne

Venerdì 25 novembre 2016 ore 19.30

In occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne

drammaturgia di Annalisa Venditti

regia di Paola Sarcina

musiche di Bellini, Händel, Mozart, Purcel, Verdi, Vivaldi

image002-25

Donne Perse(phone) è un dramma moderno sulla violenza alle donne che si ricollega al mito classico: alla vicenda della dea greca Demetra e di sua figlia Persefone. Ispirato dalle cronache dei nostri giorni, alle storie di ragazze e donne uccise o abusate da un marito, un fidanzato o un compagno violento, questo recital dà voce alle vittime. Le figlie ritornano e lo fanno per raccontare alla madre gli ultimi momenti della loro vita e per ricucire quello strappo che – nonostante tutto - non potrà mai recidere un legame tanto forte e profondo. A differenza del mito antico, dove Demetra ottiene di poter riavere da Ade per sei mesi l’anno la figlia, nella tragedia dei nostri giorni questo non può accadere. La Persefone di oggi è morta, ma con lei sarà sempre sua madre. Il recital rappresenta un dialogo intimo tra madre e figlia, tra vita e morte, tra amore e violenza. Il linguaggio segreto e arcaico del mito si confonde con le atmosfere metropolitane evocate e con le parole della cronaca nera, in una parabola di emozioni che si infrange contro il fatale enigma dell’esistenza.

Tredici donne in scena, tutte non professioniste, tranne una. Hanno lavorato dallo scorso aprile, insieme alla regista Paola Sarcina e all’autrice Annalisa Venditti. Hanno costruito insieme lo spettacolo, attraverso un laboratorio, che ha previsto anche due incontri di approfondimento con la psicologa Marinella Linardos. 

Leggere di più


Sisma Centro Italia, recuperate opere nel Lazio e nelle Marche

SISMA CENTRO ITALIA, RECUPERATE 43 OPERE NEL LAZIO

1479400708824_p1350390_web
Le squadre di rilevamento danni del MiBACT insieme ai vigili del fuoco e con la collaborazione dei carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale e del Corpo Forestale dello Stato hanno recuperato diverse opere conservate nelle chiese delle frazioni di Tino, Pinaco e Scai dei comuni di Amatrice e Accumoli.
L’intervento ha permesso di rimuovere e ricoverare nel deposito presso la Scuola del Corpo Forestale di Cittaducale 43 opere tra le quali:
due campane, 5 stazioni della Via crucis dipinte a olio, un ex voto con Santa Rita, un piccolo tabernacolo, 1 turibolo, 1 piattino e 1 campanello, un tronetto eucaristico con la raggiera dipinta, un crocefisso ligneo, 2 candelieri, 13 parati liturgici e 1 campana dalla chiesa di S Pietro di Macchia; una pianeta, un piccolo crocefisso di legno, la lamina metallica del confessionale, 3 pissidi, 1 ostensorio, 1 patena, un porta ostie, un piccolo vassoio di metallo dorato con vassoietto e ampollina in vetro dalla chiesa della SSma Annunziata di Tino ad Accumoli;  1 tela con S. Sebastiano del XVII sec.,  un grande Bambinello, un grande crocefisso ligneo, 1 grande ostensorio, l’ombrellino processionale, una Madonna adorante dipinta su un cartone e in cornice, 2 navicelle, 1 candelabro a 5 braccia, 1 porta candele, triplice campanellino da messa, 2 calici e patena, l’elemosiniere, un campanellino, un libro per le messe dei defunti e una 1 stola dalla chiesa di S. Sebastiano di Scai;  2 campane provenienti dalla Chiesa di S Fortunato di Scai a Pinaco;  due statue, un dipinto e 12 beni di varia tipologia.
1479400680323_p1350266_web
17 novembre 2017
UFFIO STAMPA MIBACT

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone

-------------------------------------------------------------------------------------

SISMA CENTRO ITALIA, RECUPERATE 47 OPERE NELLE MARCHE

Le squadre di rilevamento danni del MiBACT insieme ai vigili del fuoco e con la collaborazione del personale della Protezione Civile e dei carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale hanno recuperato nella giornata di ieri 47 opere conservate in chiese situate nelle aree colpite dal sisma nelle Marche.
Tra le diverse opere rimosse e ricoverate nei depositi delle Diocesi di Fermo e di Camerino si segnalano tra le altre : un crocifisso in legno del XVIII sec., una campana in bronzo del XV sec., e un olio su tela del XVIII sec dalla Chiesa Di San Giorgio di Amandola; un dipinto olio su tela del XVI sec., raffigurante Assunta, San Pietro e San Francesco attribuito ad Andrea Boscoli, un dipinto olio su tavola del XVI sec., con figure sacre attribuito ad Andrea Boscoli, un dipinto olio su tavola del XVI sec., raffigurante S. Antonio, un dipinto olio su tavola del XV sec., raffigurante la Caduta di San Paolo, un dipinto olio su tela del XVII sec., raffigurante San Lorenzo attribuito a Domenico Malpiedi, un dipinto olio su tela del XVI raffigurante Santa Barbara, un dipinto olio su tela del XVII sec., raffigurante San Giuseppe da Copertino, un dipinto olio su tela del XVII sec., raffigurante L’Immacolata Concezione attribuito a Domenico Malpiedi, un Crocifisso in legno policromo del XV sec., 14 dipinti del XIX sec., raffiguranti le Stazioni della via Crucis attribuiti a Luigi Morgari, un Crocifisso in legno del XVIII raffigurante San Francesco in Gloria attribuito a Domenico Malpiedi e due lampadari in metalllo dorato del XVIII sec dalla Chiesa di San Francesco di San Ginesio (MC).
Roma, 17 novembre 2016
Ufficio Stampa Mibact

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone

-------------------------------------------------------------------------------------

TERREMOTO, È PAOLO IANNELLI IL SOPRINTENDENTE SPECIALE PER LE AREE COLPITE DAL SISMA
Franceschini firma decreto che autorizza nomina

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini ha firmato questo pomeriggio il decreto che autorizza la nomina dell’ing. Paolo Iannelli a soprintendente speciale per le aree colpite dal sisma. Paolo Iannelli, ingegnere del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dal 1999 è componente dell'Ufficio Sicurezza del Patrimonio e Emergenze e esperto di codice degli appalti. Come membro dell’Unità di crisi nazionale del Mibact ha affiancato le unità regionali e supportato l’azione del segretariato generale sin dalle prime ore del 24 agosto 2016. Nel corso della sua pluriennale attività è stato componente di numerose commissioni di collaudo e di gara in tutta Italia.
UFFICIO STAMPA MIBACT
Roma, 16 novembre 2016

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone

-------------------------------------------------------------------------------------