Velletri: convegno "Imago Deorum. Culto e Rappresentazione delle Divinità nell’Antica Roma"

Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”

 

Imago Deorum.

Culto e Rappresentazione delle Divinità nell’Antica Roma

 

11-12 maggio 2018

Sala Tersicore - Palazzo Comunale di Velletri

Piazza Cesare Ottaviano Augusto 1

 

Venerdì 11 maggio

 

Ore 10:00 - Saluti Istituzionali:

 

Igor Baglioni, Direttore Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”

Maria Paola De Marchis, Vicepresidente Consorzio SBCR - Sistema Biblioteche Castelli Romani

Giuliano Cugini, Presidente Calliope Associazione Culturale

Sara di Luzio, Direttore Gruppo Archeologico Veliterno

Lorenzo Bongirolami, Direttore Gruppo Archeologico Latino Colli Albani “Bruno Martellotta”

 

Ore 10:30 - Prima Sessione

 

Marina Piranomonte (Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma), Anna Perenna, la dea ritrovata

Caterina Mascolo (Sapienza Università di Roma), Armata, matronale o ammaliante? Alcune riflessioni relative alla restituzione iconografica del simulacro di Venere Genitrice

Vito Mazzuca (Sapienza Università di Roma), Iside, la dea multiforme: culto e rappresentazione a Roma

 

Venerdì 11 maggio

 

Ore 15:00 - Seconda Sessione

 

Ginevra Benedetti (Università degli Studi di Siena), Il «dio totale»: Pantheus come risultato delle interpretationes intralinguistiche ed iconografiche del politeismo antico

Elena Santilli (Università degli Studi di Macerata), Apollo violento, Apollo trickster e infine Dio, tra divinità e profetazione sibillina

 

Pausa

 

Claudia Conese (Università degli Studi di Firenze), Il Giano dei Fasti e lo ianus geminus

Francesco Ursini (Sapienza Università di Roma), Le divinità agricole come fattori di stabilizzazione nei Fasti di Ovidio

 

Ore 17:00 - Presentazione del volume

Nel giardino di Pomona. Le ‘Metamorfosi’ di Ovidio e lʼinvenzione di una mitologia in terra dʼItalia, Universitätsverlag Winter, Heidelberg 2017

di Laura Aresi

 

Intervengono:

Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”)

Luciana Furbetta (Sapienza Università di Roma)

Laura Aresi (Heidelberg Univesity)

 

Sabato 12 maggio

 

Ore 10:00 - Terza Sessione

 

Valeria Ducatelli (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), gli dèi alle porte. Fondazioni cultuali nei pressi di porte urbiche

Fabio Giorgio Cavallero (Sapienza Università di Roma), Le riforme graccane e l’immagine politico-cultuale della Bona Dea Subsaxana

 

Pausa

 

Vittoria Canciani (Università degli Studi di Verona), L’immaginario mitraico romano: presentazione di alcuni dati preliminari

Ennio Sanzi (Società Italiana di Storia delle Religioni), Iuppiter Optimus Maximus Dolichenus: dalla Commagene a Roma. Osservazioni storico-religiose

 

Ore 12:00 - Presentazione del volume

Maghi Sacerdoti Santi. Un itinerario storico-religioso attraverso le “crisi” dei primi secoli della nostra èra, Lithos editrice, Roma 2015.

di Ennio Sanzi

 

Intervengono:

Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”)

Claudia Santi (Università della Campania “Luigi Vanvitelli”)

Ennio Sanzi (Società Italiana di Storia delle Religioni)

 

Ore 15:00 - Quarta Sessione

 

Intervengono:

Clara Di Fazio (Sapienza Università di Roma), Iuppiter Latiaris e Fortuna Primigenia: culto e rappresentazione di due divinità latine a Roma

Paolo Garofalo (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), Iuno Sospita Mater Regina: culto e rappresentazione di una divinità tra Lanuvio e Roma

 

Pausa

 

Ore 17:00 - Presentazione del volume

Castor a Roma. Un dio Peregrinus nel foro, Agorà & Co., Lugano 2017,

di Claudia Santi

 

Intervengono:

Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”)

Claudia Santi (Università della Campania “Luigi Vanvitelli”)

 

Saluto di chiusura lavori:

Roberto Alessandrini, Presidente Associazione “Legio Secunda Parthica Severiana”

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/742227449499270/


Università La Sapienza a Roma: eventi dal 7 al 12 maggio

3 maggio 2018

Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.

Leggere di più


"Pane e cioccolata. Il cinema di Franco Brusati" alla Casa del Cinema di Roma

La Casa del Cinema presenta la rassegna

PANE E CIOCCOLATA. IL CINEMA DI FRANCO BRUSATI

Ogni lunedì dal 7 al 28 maggio la filmografia completa del regista milanese

 

Roma, 3 maggio 2018 - A venticinque anni dalla morte la Casa del Cinema di Roma e la Cineteca Nazionale rendono omaggio a un grande autore cinematografico e teatrale: Franco Brusati (nato a Milano il 4 agosto 1920, morto a Roma il 28 febbraio 1993). Per tutto il mese di maggio si proietteranno tutti i suoi film da regista. Laureatosi in scienze politiche a Ginevra e in giurisprudenza a Milano, dopo un lungo apprendistato di giornalista (lavorò a «Corrente» e a «L’Europeo»), nel 1949 Brusati si trasferì a Roma, dove cominciò a lavorare nel cinema come aiuto regista di Renato Castellani, Roberto Rossellini e Mario Camerini e come sceneggiatore per numerosi film (tra i quali ricordiamo Domenica d’agosto di Luciano Emmer, Anna di Alberto Lattuada, Le infedeli di Steno e Monicelli).

 

Come ha scritto il bellissimo sito dedicato al cineasta www.francobrusati.com: «I film di Brusati (fra le prove più interessanti, oltre a Pane e cioccolataIl disordine, 1962, Tenderly, 1968; I tulipani di Haarlem, 1970; Dimenticare Venezia, 1979, candidato all'Oscar per il migliore film straniero nel 1980), si sviluppano su due immagini-guida: la casa e il viaggio. La casa indica una possibilità già esaurita che si può recuperare solo come nostalgia del passato (Dimenticare Venezia); il viaggio esprime proprio la ricerca di una nuova casa, ancora, forse per sempre, negata (gli emigranti di Pane e cioccolata che, dal pollaio dove vivono, guardano i padroncini della villa). Il cinema di Brusati, colto e di respiro europeo, pretese e spesso trovò attori duttili e maturi, tra cui spiccano, oltre a Nino Manfredi interprete di Pane e cioccolata, Vittorio Gassman e Giancarlo Giannini, protagonisti di Lo zio indegno (1989), commedia pervasa da una vena patetica, o Mariangela Melato di Il buon soldato(1982). Attività prolifica fu anche quella di sceneggiatore, che Brusati proseguì per tutti gli anni Sessanta, collaborando a film di rilievo, tra cuiRomeo e Giulietta di Franco Zeffirelli (1968), Seduto alla sua destra di Valerio Zurlini (1968), e Il giardino dei Finzi Contini di Vittorio De Sica (1970). Lo stesso avvenne con i copioni teatrali che, a partire dal 1959, Brusati scrisse e mise in scena con una drammaturgia felice, avvalendosi di interpreti di matura esperienza scenica: Il benessere, in collaborazione con Fabio Mauri (1959), La fastidiosa (1963), Pietà di novembre (1966), Le rose del lago (1974), La donna sul letto (1984), Conversazione galante (1987)»

Leggere di più


Roma: mostre e attività nei Musei in Comune per la prima domenica di maggio 2018

 Mostre e attività nei Musei in Comune per la prima domenica di maggio 2018

Il 6 maggio ingresso gratuito per i residenti a Roma e Città Metropolitana

Anche il 6 maggio, come tutte le prime domeniche del mese, l’ingresso a tutti i musei civici e alle mostre in programma in questi spazi sarà gratuito per i residenti a Roma e nella Città Metropolitana con una ricca offerta culturale promossa da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

Inoltre, come prima domenica del mese, il percorso di visita nell’area dei Fori Imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle ore 8.30 alle 19.15, con l’ultimo ingresso alle 18.15. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e di Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva, che permette di accedere al Foro Romano mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato.

Questa domenica sarà l’occasione per visitare gratuitamente le collezioni permanenti dei Musei e le mostre temporanee in corso tra cui la mostra sull’imperatore Traiano in occasione dei 1900 anni dalla sua morte ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali (Traiano. Costruire l’Impero, creare l’Europa) e l’esposizione ai Musei Capitolini sullo studioso Johann Joachim Winckelmann e il suo rivoluzionario approccio all’archeologia (Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento). Infine, nel nuovo spazio espositivo della Centrale Montemartini è in corso la mostra dedicata al dialogo tra due importanti culture del mediterraneo: quella egizia e quella etrusca (Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo dorato). Da non perdere anche ROMA CITTÀ MODERNA. Da Nathan al Sessantotto alla Galleria d’Arte Moderna di via Crispi, una rassegna unica che ripercorre le correnti artistiche protagoniste del ’900 con in primo piano la città di Roma.

Restano a pagamento la mostra in corso nello Spazio espositivo del Museo dell’Ara Pacis Magnum ManifestoGuardare il mondo e raccontarlo in fotografia – che celebra i 70 anni della Magnum Photos con le celebri immagini e gli storici reportage della più grande agenzia fotogiornalistica al mondo – e la mostra Canaletto 1697-1768 al Museo di Roma a Palazzo Braschi, che celebra il 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano presentando il più grande nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia, 68 tra dipinti, disegni e documenti, inclusi alcuni celebri capolavori. Leggere di più


#Domenicalmuseo 6 maggio, ingresso gratuito al Parco Archeologico di Ercolano

#Domenicalmuseo - 6 maggio ingresso gratuito al Parco

E conclusione dell’allestimento della Bottega del Plumbarius

Il Parco, nei giorni di festa, si riconferma meta privilegiata

Torna il 6 maggio Domenicalmuseo, evento voluto dal Ministero per i Beni Culturali che promuove la visite dei siti culturali e aree archeologiche con l’ingresso gratuito.

Il Parco Archeologico di Ercolano partecipa offrendo ai propri visitatori oltre all’ingresso gratuito anche la possibilità di assistere al completamento dell’allestimento della “Bottega del Plumbarius” del Decumano Massimo. L’evento è possibile grazie alla sponsorizzazione del Fonderia Nolana Del Giudice Srl che ha riprodotto copie identiche agli originali delle opere in bronzo rinvenute nella c.d. “Bottega del Plumbarius”, le opere realizzate sono:

  •                “Statuetta di Bacco con pantera”;
  •                “Candelabro in bronzo con base marmorea”.

Le copie sono state realizzate ad identicum, anche in termini di dimensioni geometriche, attraverso sistemi digitali di prototipazione e 3D e di riproduzione in bronzo con tecnica di fusione a cera persa.

I responsabili della fonderia saranno presenti il 6 maggio, a partire dalle ore 11.00, in situ e mostreranno l’affascinante processo di creazione di una riproduzione in bronzo. Attraverso la presentazione dal vivo delle diverse fasi della lavorazione, infatti, le riproduzioni saranno rifinite sotto gli occhi dei visitatori, che saranno così portati a scoprire come le modalità di produzione dell’artigianato contemporaneo che riproduce tecniche antiche.

Non a caso la Fonderia artistica Del Giudice, che ringrazio per la sensibilità e per la maestria con la quale ci ha accompagnato in questa avventura,  ha deciso di sostenere il Parco proprio nell’allestimento della Bottega del Plumbarius, antico artigiano esperto nella riparazione di utensili e di oggetti d’arte in metallo nell’antica Ercolano” dichiara il Direttore Francesco Sirano “perché nonostante il passare dei secoli la raffinata tecnica di realizzazione di sculture e arredi di bronzo rappresenta ancora oggi un filo tenace che lega passato a presente. Si tratta di una straordinaria continuità che trova un punto di contatto proprio nella forza creativa dell’artigianato artistico, artigiani che nell’antica Grecia erano denominati demiurghi (ovvero creatori)”.

L’evento vedrà anche la collaborazione dell’Istituto Tilgher che, nell’incrementare le possibilità di fruizione del percorso, attueranno così l'esperienza del "fare scuola" per competenze; infatti il progetto di alternanza scuola lavoro, in partnership con il Parco Archeologico di Ercolano, fortemente condiviso dal preside prof. Giuseppe Montella e da tutti i tutors, tra i punti principali, prevede la conoscenza e l'utilizzo di tre lingue straniere, principi di tutela e di  storia dell'arte, e marketing dei beni culturali; il progetto formativo stipulato con il Parco include, tra l’altro, attività legate alla conoscenza del patrimonio e l’accoglienza dei visitatori.

La Direzione del Parco comunica inoltre che, nel lungo ponte di primavera, dal 25 aprile al 1° maggio, il sito archeologico si è riconfermato meta prediletta nelle scelte dei visitatori che hanno sfiorato le 20.000 unità. Grande soddisfazione espressa dal Direttore Sirano che con l’occasione non manca di ringraziare tutto lo staff che “con abnegazione si dedica al proprio lavoro dimostrando grande senso di responsabilità e passione”.

 

Testo e immagine da UFFICIO STAMPA Parco Archeologico di Ercolano


Mostra "Bambini nel tempo. Infanzia di uomini e dei" al Museo Archeologico Nazionale di Crotone

Mostra

Bambini nel tempo. Infanzia di uomini e dei

Museo Archeologico Nazionale di Crotone

Fino al 24 giugno 2018

Fino al 24 giugno 2018 rimarrà aperta al pubblico la mostra Bambini nel tempo. Infanzia di uomini e dei allestita presso il Museo Archeologico Nazionale di Crotone.

L’esposizione, il cui intento è quello di far scoprire giochi, passatempi e giocattoli dell’antichità attraverso testimonianze archeologiche dalle collezioni del Museo che rivelano incredibili analogie con i divertimenti dei bambini di oggi, è organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Sette Soli.

La mostra è volta a promuovere la conoscenza di un aspetto non secondario della vita quotidiana delle società antiche, <<creando, in tal modo, un senso di continuità, un allegro girotondo in cui i millenni di storia si incontrano gioiosamente e quasi si annullano >> come ha affermato Marco Fittà, noto studioso del settore.
Hanno presenziato all’inaugurazione dell’accattivante esposizione:
Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria; Gregorio Aversa, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Crotone; Antonella Cosentino, vicesindaco del Comune di Crotone e Margherita Corrado, senatrice e archeologa.

Leggere di più