Gallicianò: un fascino di forti contraddizioni e ritualità antica

Prima di giungere nel borgo di Gallicianò, risalendo i lunghi tornanti che dal torrente Amendolea con i suoi paesaggi aspri e la sua natura dura e tagliente, si incrocia il belvedere del Calvario. In questo luogo silente, una stele carica di voci antiche ed allo stesso tempo moderne così accoglie il viandante: Calos irthete, ode manacho stes oscie fortomene ascepono ce asce tragudia, che nella lingua dei padri - i greci di Calabria - vuol significare: benvenuti (a Gallicianò), qui solo tra le montagne cariche di dolore e di canti.

Lo sguardo, da questo balcone sull’Aspromonte, è rapito dal fascino di questo borgo, che quasi nascosto fino a quel belvedere, all’improvviso mostra le sue pietre cariche di storia ed il suo legame inscindibile con quel torrente, l’Amendolea, che rappresentò per secoli la via d’accesso di quest’area.

L’origine di Gallicianò si perde nella notte dei tempi, ignote sono le origini del borgo1, e c’è chi ritiene che l’attuale collocazione sia dovuta alla ricerca da parte degli abitanti del vicino centro di Amendolea di un più sicuro riparo verso l’interno, che potesse offrire maggiore protezione dalle invasioni dal mare.

La prima attestazione storica di Gallicianò si ha nel 1060, nel brebion2 della chiesa metropolita di Reggio Calabria, dove indicando i beni che furono donati da Ruggero II al monastero di Hagios-Angelos Ta Kampa è riportato come toponimo Galikianon che seguirà poi le sorti della baronia di Amendolea3 capoluogo dell’area, che amministrava oltre a Gallicianò, Roccaforte (Vunì), Roghudi (Richoudon) e successivamente Condofuri.

Il borgo di Gallicianò oggi è distinto in due nuclei fondamentali Anuchorìo, la parte alta del borgo e Catuchorìo la parte bassa.

La parte alta del paese è caratterizzata dalla presenza di un ricco museo etnografico dedicato a Anzel Bogasar-Merianoù (filologa greca) che viene ripartito in due ambienti e meriterebbe ulteriori spazi per la ricchezza del suo contenuto. Nella sala A sono ospitati oggetti da lavoro nei campi e per le attività domestiche, strumenti musicali e della tradizione come le Musulupare, che servivano a realizzare particolari tipi di formaggio dalle forme che ricordano nei disegni un passato romeo. L’ambiente B invece riproduce l’ambito domestico, delle semplici dimore di Gallicianò e di buona parte delle abitazioni delle aree limitrofe.

Sempre nella parte alta del borgo, insiste l’antica fonte che prende il nome di “Fontana dell’amore”, in quanto, in un passato non molto lontano, quando il borgo non era fornito di acqua nelle abitazioni, questa era l’unico posto dove le donne venivano a raccogliere l’acqua divenendo così un punto per il corteggiamento per i giovani di Gallicianò.

Proseguendo oltre si arriva in quello che è il teatro del borgo intitolato al patriarca Bartolomeo I che anticipa di pochi metri la chiesetta ortodossa.

L’edificio sacro, costruito negli anni ‘90 del secolo scorso, insiste sui resti di un’antica abitazione che fu donata ai monaci del Monte Athos4. L’interno è ricco di icone donate da ogni angolo del mondo, e l’edificio è dedicato alla madonna di Grecia, Panaghia tis Elladas, chiaro rimando, dicono al borgo, a quel monastero che un tempo sul monte Sofia, poco più su dell’odierno abitato, era intitolato alla Vergine in una località con un toponimo Grecia, che decisamente lascia tante suggestioni.

L’area di Grecia, che offre affacci unici su tutta la valle dell’Amendolea, è attraversata dal vecchio sentiero che collegava i due centri di Gallicianò e Roccaforte del Greco. Ancora oggi sono visibili alcuni ruderi dell’edificio sacro, che meriterebbero ulteriori analisi e studi.

Quest’area, la Grecia, fu affidata dal comune di Condofuri ai monaci di San Giovanni Therestis di Bivongi per 99 anni, con la finalità di rinvigorire i legami antichi che questa terra ha con l’ascetismo ortodosso5.

Catuchorìo, la parte bassa di Gallicianò, presenta la piazza principale, Platia Alimos, sulla quale si affaccia la chiesa di San Giovanni Battista dove sono custodite due interessantissime acquasantiere e la statua del Santo che alcuni ritengono di scuola gaginiana6. Altri studi ricordano come la statua che regge sul Vangelo l’Agnello, simbolo che identifica immediatamente il Santo protettore di Gallicianò, presenti Il simbolo araldico del vescovo di Bova, Giovanni Camerota, che permette una datazione approssimativa dell’opera tra il 1592 e il 1620, mancano tuttavia le dovute certezze sulla paternità dell’opera.7

Interessante anche la statua lignea del Santo Bambino, recentemente restaurata, che nei giorni di festa (29 di agosto) viene portata in processione.

Di recente, proprio nei pressi della Chiesa di San Giovanni, gli abitanti del borgo hanno avviato una virtuosa operazione di bonifica dell’area dei frantoi del paese provando così a far diventare quello spazio, che era divenuto non più vivibile, un’area attrattiva che parla delle attività lavorative che il borgo doveva possedere per gestire la vita quotidiana.

Ma è chiaro che una delle grandi peculiarità di quest’area, che nel tempo ha mantenuto intatte le sue caratteristiche, è la lingua. Ancora oggi infatti sopravvive nella vallata dell’Amendolea ed in particolar modo a Bova e a Gallicianò la lingua greca della Bovesia.

Un tempo questa lingua, il greco, oggi minoranza, era espressione della cultura maggioritaria della Calabria meridionale e cominciò a perdere il suo impulso dal primo scorcio del XIV secolo8.

La lingua mantenne comunque nei due secoli successivi una pervicace vitalità in tutta l’area Aspromontana e andò via via ridimenzionandosi nel corso dell’800 e del ‘900. Ad oggi sono individuabili piccole sacche di resistenza nel cuore della vallata dell’Amendolea.9 10

Due poi le scuole di pensiero sull’origine di questa lingua, c’è chi come il grande glottologo tedesco Rohlfs sostenne l’origine “omerica”, mentre altri come Comparetti o Morosi sostennero che la lingua traesse la sua origine nella seconda ondata di “grecizzazione” di quest’area tra il 1000 ed il 120011 12.

Resta adesso da analizzare il perché questa lingua così diffusa sia diventata minoritaria anche in quest’angolo di Calabria.

Le motivazioni per la spiegazione di un fenomeno così complesso sono molteplici, com’è facile intuire, ma due1314 in particolare sembrano aver influito più di tutte, in primis l’apertura di quest’area al resto del territorio Calabrese e quindi anche oltre con annessi fenomeni di emigrazione che comportarono lo spopolamento dei borghi dell’entroterra e un’emigrazione in aree prive di interlocutori capaci di comprendere quest’antico idioma.

L’altro fenomeno che incise pesantemente, fu quello che forse è il più tragico dei motivi, la vergogna nei confronti di questa lingua che venne identificata come lingua volgare, del popolino minuto ed ignorante.

Oggi, alcune associazioni cercano di approcciarsi in un modo diverso a questa realtà delicata e complessa che generalmente viene definita “Area Grecanica” e chiaramente anche a Gallicianò. L’impegno oggi deve essere quello dello studio, della conservazione e del racconto di questa cultura antichissima.

Il torrente Amendolea, il più lungo dell'Aspromonte con i suoi 36 Km, nasce nel cuore della montagna per poi distendersi sinuoso come un gigante d'argento fino a giungere ad abbracciare il Mar Jonio. Nel suo lungo percorso attraversa un mondo fatto di contrasti e contraddizioni forti, un mondo a parte con la sua ritualità antica, la sua lingua e la sua gente che ancora oggi, in particolar modo a Gallicianò, l'acropoli dei greci di Calabria, conserva un patrimonio culturale da preservare e raccontare.

Gallicianò1E. NUCERA, Archeologia in Aspromonte, Reggio Calabria 2011, p.88

2A. GUILLOU, Le Brébion de la Métropole byzantine de Règion, Città del Vaticano 1974, rigo 377

3E. NUCERA, Archeologia…, cit, p.88

4F. CONDEMI, D. NUCERA, R.I. RODA’, Gallicianò acropoli della Magna Grecia, Reggio Calabria 2014, p.45

5F., C. COSTANTINO, G. CONDEMI, Gli ellenofoni del 2000 in Calabria, 2’ edizione, p. 35-36-37

6F. CONDEMI, D. NUCERA, R.I. RODA’, Gallicianò acropoli…, cit, p.21

8G. ROHLFS, Studi e ricerche su lingue e dialetti d’Italia, Firenze 1972, p.261

9D. RODA’, La lingua mozzata, Reggio Calabria 2006, p. 11

10Risulta molto interessante l’analisi statistica condotta da D. Rodà nella sua opera “La lingua mozzata”, dove vengono riportati censimenti che prendono in riferimento alcuni centri come Bova, Cardeto, Cataforio, Condofuri, Melito, Sant’Agata del Bianco, Staiti ecc. I dati riferiti a questi borghi riportano dei censimenti del 1861, 1901, 1911 e del 1921 trascrivendo sia il numero degli abitanti che quello dei grecofoni ed è facile così rilevare la riduzione della popolazione di questi centri al quale si accompagna una perdita sempre più elevata di parlanti la lingua greca.

Prendendo come campione Bova che è uno dei centri più popolosi dell’area grecanica, la rilevazione ha un saldo positivo tra il 1861 ed il 1901 e vede aumentare la popolazione da 2687 abitanti, tutti parlanti l’antico idioma a 4588 di cui 4268 grecofoni.

La popolazione scende vertiginosamente nel decennio successivo a Bova e si attesta a 2188 abitanti di cui solo 1557 si esprimono in greco e nel 1921 sono solo 976 i grecofoni su 2407 abitanti.

11D. RODA’, La lingua…, cit., p. 17

12F., C. COSTANTINO, G. CONDEMI, Gli ellenofoni…, cit, p.9.

13D. RODA’, La lingua…,cit, p. 20

14F., C. COSTANTINO, G. CONDEMI, Gli ellenofoni…, cit, p14.


Cani da lavoro e volpi domestiche nella Spagna dell'Età del Bronzo

Anche il modo col quale guardiamo agli animali domestici è cambiato nel tempo: un nuovo studio, pubblicato su Archaeological and Anthropological Sciences, ha evidenziato come gli uomini che abitarono tra il terzo e il secondo millennio a. C. nella parte nordorientale della Penisola Iberica utilizzassero cani da lavoro e avessero addomesticato le volpi. Non solo: era lì pratica funeraria diffusa quella di seppellire persone ed animali insieme.

Rappresentazione artistica di una donna dell'Età del Bronzo, accompagnata da un cane e da una volpe. Credits: J. A. Peñas

Anche se resti di canidi si possono ritrovare nelle sepolture di diversi siti spagnoli nordorientali per l'Antica e la Media Età del Bronzo, i siti di Can Roqueta (Barcelona) e Minferri (Lleida) spiccano rispettivamente per la scoperta di quattro volpi e un gran numero di cani, seppellite insieme ai loro padroni in questi grandi silos.

Aurora Grandal-d'Anglade, una delle autrici dello studio, spiega che: “abbiamo scoperto che in alcuni casi i cani ricevevano speciali tipologie di alimenti. Crediamo che questo sia collegato alla loro funzione di cani da lavoro. Inoltre, una delle volpi mostra i segni dell'essere stata a quei tempi un animale domestico”.

Gli autori dello studio in questione ritengono infatti che sia possibile delineare approssimativamente la relazione tra uomini e canidi, attraverso lo studio della loro alimentazione, individuando in particolare per cani e volpi la stessa dieta dei loro proprietari: questo ha spinto a ritenere che entrambi gli animali fossero addomesticati. L'analisi ha riguardato la dieta di 37 cani, 19 ungulati domestici e 64 umani.

E se le volpi di Minferri mostrano una dieta variegata, talvolta simile a quella dei cani, talvolta simile a quella di animali selvatici, “il caso della volpe di Can Roqueta” - come spiega ancora Aurora Grandal-d'Anglade - “è davvero speciale, perché si tratta di un animale anziano, con una gamba fratturata. La frattura è ancora in via di guarigione, e mostra i segni dell'essere stata immobilizzata (curata) dagli umani. L'alimentazione di questo animale è molto inusuale, poiché più simile a quella di un cucciolo di cane. La interpretiamo come quella di un animale domestico che visse a lungo con gli umani”.

Anche i cani provenienti da questi siti sono di grande interesse, poiché si tratterebbe di cani da lavoro, utilizzati per trasportare carichi anche pesanti per loro: alcuni di questi animali mostrano infatti alterazioni della colonna vertebrale. Come racconta un'altra autrice dello studio, Silvia Albizuri Canadell, “sono stati gli esemplari studiati da Can Roqueta che hanno fatto scattare l'allarme circa l'utilizzo di questo animale per carichi leggeri sin dall'antichità, e si tratta di un caso eccezionale in Europa”. Simili patologie sono state però ritrovate anche nei cani della Siberia del Paleolitico, per cui gli studiosi riterrebbero che tra i primi compiti affidati ai cani - oltre alla caccia - ci fosse quello di trainare slitte, anche con carichi. Lo stesso ruolo del cane come animale da trasporto nelle prime migrazioni umane potrebbe essere stato fondamentale e da rivalutare, quindi.

Lo studio evidenzia anche come per alcuni dei cani più grandi (probabilmente usati per questi carichi) ci fosse una dieta specifica, ricca in cereali, ritrovata anche per una delle volpi. Sempre Silvia Albizuri Canadell spiega che “potrebbe sembrare strano che i cani fossero fondamentalmente alimentati con cereali, ma questo genere di dieta era già raccomandato dall'agronomo ispano-romano Lucio Giunio Moderato Columella, nel suo lavoro De re rustica”.

Cani e umani mostrerebbero un certo consumo di proteine, che non necessariamente indicherebbe la carne, ma potrebbe essere dovuto dal latte. La dieta degli uomini comprendeva una maggiore quantità di carne rispetto a quella delle donne; gli autori dello studio ritengono che i cani si nutrissero di avanzi, e che la loro dieta fosse così più simile a quella di donne e bambini, per cui i primi sarebbero da vedersi in connessione con questi ambienti domestici.

Altri animali - come vacche, pecore e capre - avevano invece una dieta tipicamente erbivora, mentre i cavalli arriveranno solo in seguito.

Le tombe #88 e #405 da Minferri sarebbero poi di grande interesse, indicando trattamenti funerari differenziati già da allora. I resti di tre individui nelle suddette tombe sono stati ritrovati insieme a offerte di sacrifici animali. Nella tomba #88 un uomo anziano era con una vacca e gli arti inferiori di capre, fino a un numero di sette. Qui anche i resti di una giovane donna presentavano l'offerta di una capra intera, insieme a due volpi e un corno bovino. La tomba #405 ospiterebbe forse una donna, accompagnata da due bovini e due cani.

Gli autori dello studio ritengono che le offerte mostrino una differenza di status sociale, mentre quelle nelle tombe dei bambini rifletterebbero l'ereditarietà dello stesso alla nascita. Le offerte avrebbero avuto un senso di ostentazione, prestigio e protezione.

volpe volpi vulpes vulpes cani da lavoro Età del Bronzo Spagna Penisola Iberica preistoria
Due volpi rosse (vulpes vulpes) oggi, al British Wildlife Centre, nel Surrey, Inghilterra. Foto di Keven Law, CC BY-SA 2.0

Lo studio Dogs and foxes in Early-Middle Bronze Age funerary structures in the northeast of the Iberian Peninsula: human control of canid diet at the sites of Can Roqueta (Barcelona) and Minferri (Lleida), di Aurora Grandal-d'Anglade, Silvia Albizuri, Ariadna Nieto, Tona Majó, Bibiana Agustí, Natalia Alonso, Ferran Antolín, Joan B. López, Andreu Moya, Alba Rodríguez e Antoni Palomo, è stato pubblicato su Archaeological and Anthropological Sciences, pp. 1-30.


"Donne, Religioni e Violenza", III Seminario su Donne e Religioni nel Mondo Contemporaneo

Il III Seminario su Donne e Religioni nel Mondo Contemporaneo si terrà i primi due giorni di marzo a Lanuvio, presso il palazzo comunale. In basso, il programma e link utili per avere maggiori informazioni. L’ingresso è libero.

Donne, Religioni e Violenza

Info

Email: [email protected]

 

Donne, Religioni e Violenza

 

III Seminario su

Donne e Religioni nel Mondo Contemporaneo

 

1-2 marzo 2019

Sala del Consiglio - Palazzo Comunale

Via Roma 20, Lanuvio (Roma)

Venerdì 1 marzo - Ore 16:30

Saluti Istituzionali

Luigi Galieti, sindaco di Lanuvio

Maria Paola de Marchis, presidente dell’Associazione Culturale Calliope

 

Introduce

Igor Baglioni, direttore del Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”

Prima Sessione: Donne, Religioni e Violenza in Italia

Coordina: Anna Maria Isastia (Sapienza Università di Roma)

 

Simona Napolitani (Presidente “Codice Donna” e responsabile diritto di famiglia-ufficio legale di “Differenza Donna”), Religioni e violenza domestica: quali interazioni

Eloise Longo (Istituto Superiore di Sanità - Roma), Cura e accoglienza della donna vittima di violenza in ambito sanitario

 

Coffee break

 

Antonella Faieta (Telefono Rosa), L’assistenza legale di fronte alle religioni

Roberta Rodi (Centro Accoglienza Migranti), L’immigrazione femminile e i diversi volti della violenza

Sabato 2 marzo - Ore 10:00

Seconda Sessione: Donne, Religioni e Violenza nel Mondo Musulmano

Coordina: Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”)

Raoul Villano (Università degli studi Roma Tre), “Ammonitele, poi lasciatele sole nei loro letti, poi battetele”. Il Corano e la violenza contro le donne

Deborah Scolart (Università di studi di Roma “Tor Vergata”), L’Islam è violento con le donne? Un mito da sfatare

 

Coffee break

 

Marta Tarantino (Università degli studi di Napoli “L'Orientale”), Delitto d’onore nei paesi islamici

Leila Karami (Sapienza Università di Roma), Violenza contro le donne. Lo sguardo alla letteratura femminile persiana

Sabato 2 marzo - Ore 16:30

Terza Sessione: Donne, Religioni e Violenza in India

Coordina: Raffaele Torella (Sapienza Università di Roma)

Romina Rossi (Sapienza Università di Roma), Donne, religioni e violenza in India. Brevi note introduttive

Arpita Sarkar (Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”), Marital Rape in India. Through the Lens of Hindu Society and the Indian Penal Code

 

Coffee break

 

Małgorzata Sacha (Jagiellonian University - Kraków), The Feminine and the Politics of the Spirit Possession

Daniela Bevilacqua (SOAS - University of London), La donna come pati-vrata (devota al marito) e il difficile cammino verso una pratica ascetica individuale  

Comitato Scientifico:

Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”), Anna Maria Isastia (Sapienza Università di Roma), Leila Karami (Sapienza Università di Roma), Alessia Lirosi (Sapienza Università di Roma), Romina Rossi (Sapienza Università di Roma)


Milano: nuovi percorsi del Museo del Novecento, fino agli anni ottanta

Cultura

Presentato oggi il nuovo percorso del Museo del Novecento, che si estende ora fino agli anni ottanta con 80 nuove opere e 56 nuovi artisti

Presentate anche le nuove sale dedicate a Marino Marini e il nuovo laboratorio didattico. Oggi ingresso gratuito dalle 17:30 alle 21:30

nuovi percorsi Museo del Novecento Milano
Giulio Paolini, Mimesi (1975)

Milano, 23 febbraio 2019 – Sono state inaugurate oggi al Museo del Novecento le rinnovate sale dedicate a Marino Marini, le sale conclusive del percorso espositivo relative all’arte dagli anni Sessanta agli anni Ottanta - con 80 nuove opere e 56 nuovi artisti - e il nuovo laboratorio didattico, che si sposta verso l’ingresso del Museo, alla base della rampa a spirale, con nuovi temi e nuove proposte.

“Novecento: Nuovi Percorsi” è il titolo del nuovo allestimento che, attraverso due inediti itinerari, propone una significativa rilettura del patrimonio museale. Il progetto è parte integrante di un programma di rivisitazione che investe la sfera museografica, museologica e storico-artistica, e che giungerà a compimento nel 2020 in occasione del decimo anniversario dall’inaugurazione del Museo.

Elaborato dalla Direzione e dal Comitato Scientifico del Museo, “Novecento: Nuovi Percorsi” presenta innanzitutto l’innovativo progetto museografico per le sculture di Marino Marini pensato dall’architetto Italo Rota, che ha anche collaborato all’allestimento delle opere della seconda metà del XX secolo: quasi mille metri quadrati di nuovi itinerari, che comprendono l’allestimento di centoventidue opere d’arte e l’integrazione di trenta nuovi artisti all’interno del percorso espositivo.
Le sale dedicate a Marino Marini trovano una nuova collocazione, inserendosi nel percorso espositivo permanente in maniera cronologicamente coerente. L’operazione mira a valorizzare una raccolta molto significativa per le vicende collezionistiche della città. Le opere d’arte coinvolte sono infatti state donate dall’artista e dalla moglie, Mercedes Pedrazzini, alle Civiche Raccolte d’Arte tra il 1972 e il 1986: sono state quindi esposte presso la Civica Galleria d’Arte Moderna fino al 2010, anno in cui sono state trasferite al Museo del Novecento.

Nove anni dopo la sua apertura, il Museo propone una nuova riflessione sulla produzione artistica di Marino Marini: selezione, allestimento e posizione - con affaccio su Piazzetta Reale - concorrono a enfatizzare il rapporto privilegiato che l’artista ha sempre avuto con Milano, proponendo al contempo uno scorcio della sua ricca e varia attività. Dalla ritrattistica scultorea del Ritratto di Filippo de Pisis (1941) e il Ritratto di Igor Stravinskij (1951), alle sperimentazioni pittoriche di Le tre figlie del carrozziere (1947) e Scenario (1960), fino alla tensione che traspare nei movimenti delle Pomone, dei Cavalieri e dei Giocolieri.

Lo spostamento della collezione Marino Marini, fino ad ora accolta nelle sale al quarto piano del Museo, è stata l’occasione per ripensare integralmente l’allestimento relativo al periodo compreso tra gli inizi degli anni Sessanta e gli anni Ottanta. L’itinerario parte dal patrimonio museale e si avvale, tramite prestiti e comodati, dell’importante collaborazione di fondazioni, archivi e collezionisti. Da un lato si propongono narrazioni parallele di possibili storie dell’arte, con un’attenzione particolare al secolo breve come terreno fertile per le sperimentazioni linguistiche e mediali; dall’altra per la prima volta si crea un’interazione con la scena artistica internazionale, grazie all’esposizione di parte della Collezione Bianca e Mario Bertolini, donata al Comune di Milano nel 2015.

Dopo le prime sale dedicate alle esperienze ottico-cinetiche e agli ambienti site specific del Gruppo T, il percorso affronta le varie declinazioni della pittura: le esperienze Pop, il Realismo Esistenziale, i dipinti analitici e concettuali. I lavori di Mario Ceroli, Renato Mambor, Mario Schifano e Bepi Romagnoni, solo per citarne alcuni, sono presentati accanto a Andy Warhol, Robert Rauschenberg e Richard Hamilton, mentre un significativo dialogo si instaura tra le superfici monocrome di Giulio Paolini e le carte di Sol Lewitt, e ancora tra Giorgio Griffa e Daniel Buren. Una saletta monografica è dedicata all’artista torinese Carol Rama, con l’esposizione - per la prima volta a Milano - di Presagi di Birnam (1970), acquistata dal Museo nel 2012.

L’importanza dell’arte concettuale è inoltre sottolineata dallo spazio dedicato agli artisti italiani e internazionali che tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta hanno attuato una significativa riflessione sul medium fotografico, tra cui John Baldessari, Marcel Broodthaers, Jan Dibbets, Joseph Kosuth, Vincenzo Agnetti, Bruno Di Bello, Giuseppe Penone, Ugo La Pietra e Michele Zaza. Le sale successive sono dedicate all’arte italiana, con un approfondimento sull’espansione del concetto di scultura da oggetto tridimensionale che abita lo spazio fino alla nascita dell’installazione, arrivando a toccare pratiche immateriali quali la performance. Oltre alla Sala dedicata a Luciano Fabro, confermata nel nuovo allestimento, l’analisi linguistica e materiale dell’installazione è affrontata attraverso le opere, tra gli altri, di Giovanni Anselmo, Amalia Del Ponte, Jannis Kounellis, Eliseo Mattiacci, Fabio Mauri, Mario Merz, Michelangelo Pistoletto e Gilberto Zorio. Il percorso si chiude con il racconto delle esperienze che alla soglia degli anni Ottanta propongono un ritorno alla soggettività e alla narrazione, attraverso le opere di Nunzio Di Stefano, Marco Gastini, Paolo Icaro, Mimmo Paladino, Giuseppe Spagnulo.

Come da Comune di Milano.


Lunedì 25 febbraio omaggio a Peter Sellers alla Casa del Cinema

CSC – Cineteca Nazionale presenta il libro In arte Peter Sellers di Andrea Ciaffaroni. Lunedì 25 febbraio alla Casa del Cinema

Dalle ore 16.30 proiezione del film Il piacere della disonestà e, a seguire, incontro con l’autore del volume moderato da Alberto Crespi

Roma, 22 febbraio 2019 – Lunedì 25 febbraio alle ore 16.30 alla Casa del Cinema il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale renderà omaggio all’attore inglese Peter Sellers con la proiezione del film Il piacere della disonestà e la presentazione del volume In arte Peter Sellers di Andrea Ciaffaroni. Dopo il film, l’autore del libro incontrerà il pubblico in un incontro moderato da Alberto Crespi.

“Sellers è un comico liscio come uno specchio. Non c’è alcuna profondità nelle sue maschere: c’è invece una straordinaria ricchezza di comportamenti, di tic fisici e linguistici, una labirintica costruzione del personaggio che non presuppone minimamente una persona. Chi è il dottor Stranamore, da dove sbuca all’improvviso, che infanzia ha avuto? Domande superflue: entra in scena, apre bocca e decide i destini del mondo. Chi è Chance il giardiniere, perché si è ridotto così? Chi è l’ispettore Clouseau, come ha fatto a far carriera, perché ha un domestico giapponese? Chi è Clare Quilty, come ha conosciuto Lolita, cosa lo spinge a travestirsi in modo compulsivo? Di nuovo: domande superflue. Sono personaggi che esistono negli atti che compiono, e quando entrano in scena modificano il mondo attorno a loro”

L’amico David Lodge, conosciuto sotto le armi, racconta: “Le sue insicurezze derivavano dal fatto che non fosse felice con se stesso: l’unico momento in cui era felice era quando poteva essere qualche altro personaggio”. Sellers, parola di tutti, era un “camaleonte pazzo”. La sua prima moglie Anne Hayes rincara la dose, pur confermando la vecchia verità secondo cui un uomo che fa ridere una donna è ben più che a metà dell’opera […]: “Penso di aver riso più con lui che in tutta la mia vita. Era amorale, pericoloso, vendicativo, un totale egoista, e allo stesso tempo aveva il fascino del diavolo”. E a proposito del suo talento di trasformista, aggiungeva: “È stato come aver sposato le Nazioni Unite”. Ecco, dal punto di vista artistico Peter Sellers era l’ONU. Per questo – anche se non è il protagonista di Lolita – Clare Quilty è “il” personaggio. A cominciare dal nome sessualmente ambiguo, è una congregazione di anime, un mostro polimorfo. Non ha psicologia: è un “Es” esploso in mille rivoli, opposto all’Ego ipertrofico di Humbert Humbert (che invece di un nome e un cognome ha due nomi, o forse due cognomi). Qualsiasi tentativo di psicoanalizzarlo si fermerebbe di fronte a un baratro, come Sellers sapeva benissimo, perché una folgorante battuta di Clouseau in Uno sparo nel buio – “chi ha costruito quell’ordigno andrebbe psicoanalisato” – è troppo teorica per essere casuale. Sellers funzionava così, in un proliferare di identità che nascondevano l’unica identità invisibile, la sua. […] È il comico puro, l’Omega della comicità: all’altro capo, al punto Alfa, c’è il volto di pietra di Buster Keaton che senza mutare mai ti fa vedere la molteplicità dell’esistenza. Credo veramente che Sellers e Keaton siano stati i due più grandi comici della storia dell’umanità. E se Peter in realtà si chiamava Richard, Buster si chiamava Joseph Frank. A proposito: l’ordigno di cui sopra, quello da “psicoanalisare”, era un supporto per stecche di biliardo; c’è una strepitosa partita a biliardo anche in Hollwyood Party e ce n’è un’altra, la madre di tutte le partite, in Sherlock Jr. di Keaton. Non può essere un caso» (dalla Prefazione di Alberto Crespi al libro di Andrea Ciaffaroni, In arte Peter Sellers).

ore 16.30 Il piacere della disonestà di Peter Sellers (1961, 97’)

La Cineteca Nazionale ha messo a disposizione la copia depositata in occasione dell’uscita italiana del film: Il piacere della disonestà è sostanzialmente invisibile da allora, tanto che anche molti esperti di Sellers non lo conoscono e non l’hanno mai visto. È un delizioso film di impianto teatrale, ispirato a una pièce di Marcel Pagnol e interpretato, oltre che dallo stesso Sellers, da Nadia Gray, Michael Gough e Herbert Lom, che pochi anni dopo avrebbe fatto coppia con Sellers nella saga della Panterarosa interpretando il mitico ispettore Dreyfus. La copia depositata in Cineteca è in pellicola ed è doppiata in italiano, il che renderà la visione del film doppiamente “vintage”: per il supporto, e per le voci italiane che rendono Il piacere della disonestà un esempio della cosiddetta “epoca d’oro” del nostro doppiaggio. Il titolo originale del film è Mr. Topaze.

A seguire incontro moderato da Alberto Crespi con Andrea Ciaffaroni. Nel corso dell’incontro verrà presentato il libro di Andrea Ciaffaroni, In arte Peter Sellers, Sagoma, 2018).

 

CASA DEL CINEMA

Spazio culturale di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale

Gestione Zètema Progetto Cultura

Direzione Giorgio Gosetti

in collaborazione con Rai; Rai Cinema 01 distribution

 

INDIRIZZO Largo Marcello Mastroianni, 1

INFO tel. 060608 www.casadelcinema.it www.060608.it

INGRESSO GRATUITO

 

Testo e immagine da Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura


IgersCampania torna ad Ercolano con #SplendOriInstameet

IgersCampania torna ad Ercolano!

Il secondo Instameet al Parco Archeologico di Ercolano

Domenica 24 febbraio ore 11.00

Dopo il successo dello scorso anno, quando il Parco Archeologico di Ercolano ha aperto per la prima volte le porte alla community di Instagram organizzando il primo  Instameet all’interno del sito, torna domenica 24 febbraio il secondo Instameet al Parco. Il tema scelto per questo secondo appuntamento è dato da SplendOri, Il lusso negli ornamenti ad Ercolano, la prima grande mostra all'interno dell'Antiquarium del Parco Archeologico di Ercolano, inaugurata lo scorso dicembre e che presenta una collezione di circa 200 reperti e preziosi monili, unica per quantità e valore dei pezzi esposti, oggetti appartenuti agli antichi ercolanesi, alcuni ritrovati con gli abitanti nel tentativo di porli in salvo dalla imminente catastrofe dell’eruzione, altri ritrovati nelle dimore dell’antica città. Una guida del Parco accompagnerà gli igers  in questo viaggio alla scoperta del lusso e degli oggetti di vita quotidiana dei cittadini ercolanesi.

Appuntamento domenica 24 febbraio alle ore 11 all'ingresso del Corso Resina, 187. Durante lo #SplendoriInstameet la Cooperativa Siani offrirà un aperitivo con i prodotti del territorio dei beni confiscati e della rete antiracket. I posti sono limitati ed è necessaria la prenotazione, inviando la propria adesione a [email protected].

Questo secondo appuntamento a vocazione virtuale è l’occasione per aprirci ulteriormente a pubblici diversi – dichiara il Direttore Francesco Sirano - il virtuale e il reale si intrecciano in un connubio che è tutto dei giorni nostri e la circolazione delle immagini che gli istagramer pubblicheranno sulle loro pagine social permetterà di far conoscere alla comunità più allargata quanto questo sito possa stupire e di quanto possa essere un laboratorio aperto per stimolare le capacità creative dell’osservatore contemporaneo”​.

SplendOri Instameet Parco Archeologico di Ercolano #SplendOriInstameetTesto e immagini dall'UFFICIO STAMPA
Parco Archeologico di Ercolano
Corso Resina 80056 Ercolano -Na-

facebook: https://it-it.facebook.com/parcoarcheologicodiercolano
www.ercolano.beniculturali.it


Università La Sapienza Roma

Università La Sapienza a Roma: eventi dal 25 febbraio al 1° marzo

Università La Sapienza Roma

Per la settimana prossima, si segnalano i seguenti eventi di carattere culturale presso l’Università La Sapienza a Roma (ove non indicato diversamente). Ai link relativi a ciascun evento è possibile approfondire.

Leggere di più


Roma: mostra "Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti"

Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti

mostra a cura di Alessandro Cosma e Yuri Primarosa

Gallerie Nazionali di Arte Antica - Palazzo Barberini

 

 Apertura mostra: 22 febbraio – 16 giugno 2019

L'Allegoria dei cinque sensi di Gregorio e Mattia Preti, dopo il restauro

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano dal 22 febbraio al 16 giugno 2019, nella sede di Palazzo Barberini a Roma, la mostra Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti, a cura di Alessandro Cosma e Yuri Primarosa.

L'esposizione, che esamina la prima attività di Mattia Preti e la sua formazione nella bottega romana del fratello Gregorio, ruota attorno all’Allegoria dei cinque sensi delle Gallerie Nazionali, una monumentale tela d’impronta caravaggesca, rimasta per anni in deposito presso il Circolo Ufficiali delle Forze Armate.

Realizzata dai due fratelli negli anni Quaranta del Seicento, è ricordata nel 1686 nella collezione di Maffeo Barberini junior come “un quadro per longo con diversi ritratti: chi sona, chi canta, chi gioca, chi beve e chi gabba il compagno", una descrizione che sottolinea la complessa articolazione del dipinto dove, secondo un modello molto in voga nel Seicento, diversi gruppi di personaggi intenti in attività quotidiane diventano immagine allegorica dei cinque sensi.

L'Allegoria dei cinque sensi di Gregorio e Mattia Preti, prima del restauro

Il quadro è stato restaurato per l'occasione da Giuseppe Mantella, da anni impegnato sulle opere di Mattia Preti a Malta e in Calabria, grazie al generoso finanziamento dello studio legale Dentons che ha sponsorizzato l'intervento e l’approfondita serie di indagini diagnostiche permettendo di comprendere meglio la pratica esecutiva dei due fratelli, attivi a quattro mani sulla stessa tela.

Gregorio e Mattia Preti, Concerto con scena di buona ventura

Saranno presenti in mostra altre undici opere che raccontano lo stretto legame esistente tra i due artisti calabresi: da un lato Gregorio, legato a esiti di stampo ancora accademico, e dall’altro il più giovane e talentuoso Mattia, suggestionato dall’universo caravaggesco e già cosciente dei nuovi sviluppi guercineschi e lanfranchiani del barocco romano. L’Allegoria dei cinque sensi di Palazzo Barberini sarà esposta al pubblico per la prima volta assieme al Concerto con scena di buona ventura, suo ideale pendant proveniente dall’Accademia Albertina di Torino e ad altri quadri frutto della collaborazione dei due artisti, come il Cristo davanti a Pilato di Palazzo Pallavicini Rospigliosi e il Cristo che guarisce l’idropico di collezione privata milanese.

Gregorio e Mattia Preti, Cristo guarisce l'idropico

In mostra saranno presentati anche importanti dipinti inediti di Mattia: primo fra tutti il monumentale Cristo e la Cananea, in origine nella collezione dei Principi Colonna, opera capitale del periodo romano del pittore, databile su base documentaria al 1646-1647. La scoperta dello straordinario dipinto – il primo dell’artista fornito di una data certa – ha permesso di precisare la cronologia della sua prima produzione.

Mattia Preti, Cristo e la Cananea

Saranno esposti al pubblico per la prima volta anche l’Archimede, oggi a Varese, e un Apostolo di collezione privata torinese, che documentano la precoce riflessione di Mattia sulla pittura di Caravaggio e di Jusepe de Ribera. Chiude il percorso espositivo un’ulteriore nuova proposta per gli anni romani dell’artista: una mirabile Testa di bambina, ritrovata nei depositi della Galleria Corsini.

Mattia Preti, Archimede

Molte le attività collaterali previste: occasione straordinaria per i visitatori saranno le visite guidate gratuite dei curatori in programma ogni mercoledì alle ore 17.00 (escluso il 1° maggio).

In programma, inoltre, un ciclo di conferenze (16 aprile, 7 maggio, 21 maggio, 11 giugno) su Mattia e Gregorio Preti, con interventi di Luca Calenne, Alessandro Cosma, Francesca Curti, Riccardo Lattuada, Giuseppe Mantella, Gianni Papi e Yuri Primarosa.

Il catalogo, pubblicato da De Luca Editori d’Arte, raccoglie i risultati delle ricerche di Tommaso Borgogelli, Luca Calenne, Alessandro Cosma, Francesca Curti, Riccardo Lattuada, Gianni Papi, Yuri Primarosa e le note sul restauro e sulle indagini diagnostiche di Sante Guido e Giuseppe Mantella.

Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti Palazzo BarberiniELENCO DELLE OPERE ESPOSTE:

  1. Gregorio e Mattia Preti, Concerto con scena di buona ventura (Allegoria dei cinque sensi), 1630-1635, Torino, Accademia Albertina, olio su tela, 195 x 285 cm
  2. Gregorio e Mattia Preti, Cristo guarisce l’idropico, 1630 ca., Milano, Courtesy Matteo Lampertico, olio su tela, 122 x 170 cm
  3. Gregorio e Mattia Preti, Pilato che si lava le mani (Cristo dinanzi a Pilato), 1640 ca., Roma, Confederazione Nazionale Coldiretti, olio su tela, 131 x 295 cm
  4. Gregorio e Mattia Preti, Allegoria dei cinque sensi, 1642-1646 ca., Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica, olio su tela, 200 x 396 cm.
  5. Gregorio Preti, Cristo mostrato al popolo, 1645-1655, Torino, collezione privata, olio su tela, 113 x 157 cm
  6. Mattia Preti, Archimede, 1630 ca., Varese, Pinacoteca Larizza, olio su tela, 130 x 95,5 cm
  7. Mattia Preti, Negazione di Pietro, 1635-1640 ca., Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica, olio su tela, 126 x 97 cm
  8. Mattia Preti, Fuga da Troia, 1635-1640, Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica, olio su tela, 186 x 153 cm
  9. Mattia Preti, Apostolo, 1635 ca., Torino, Galleria Giamblanco, olio su tela, 97 x 73,5 cm
  10. Mattia Preti, San Bonaventura, 1637-1645, Ariccia, deposito da collezione inglese, olio su tela, 71 x 58,5 cm
  11. Mattia Preti, Testa di bambina con collana di corallo, 1645-1650 ca., Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica, olio su tela, 32 x 28,5 cm
  12. Mattia Preti, Cristo e la Cananea, 1646-1647, collezione privata, olio su tela, 235 x 235 cm

 Leggere di più


Esplosioni d'artista al Parco archeologico di Pompei

Un’esplosione di polvere da sparo e fumi colorati nell’Anfiteatro di Pompei per ripercorrere la dinamica tragica e, al tempo stesso, vitale dell’eruzione del Vesuvio, in un viaggio poetico senza tempo che racconta la distruzione e la rinascita a nuova vita di Pompei.

E’ l’evento unico dell’artista Cai Guong-Qiang che oggi 21 febbraio alle ore 15 nell’Anfiteatro ha dato luogo all’“Explosion Studio”: un’esplosione artistica che, attraverso le sue fasi, ha riproposto non soltanto la tragedia che sconvolse Pompei ma anche la sua fortunosa scoperta, in grado di riportare alla luce eccezionali testimonianze storiche ed archeologiche.

Le opere create dall’esplosione artistica saranno “scavate” e poi trasferite al Museo Archeologico Nazionale di Napoli) per l’inaugurazione, prevista il 22 febbraio alle ore 16.30. Fino al 20 Maggio 2019, disseminati negli spazi museali (dalla Collezione Farnese alla sezione affreschi, dall’atrio ai mosaici), i lavori di Cai Guo-Qiang racconteranno il legame indissolubile tra passato e presente, cultura orientale ed occidentale. La mostra è curata da Jérôme Neutres, il progetto è ospitato dal Parco Archeologico di Pompei e dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la realizzazione di In the Volcano è stata possibile grazie al supporto organizzativo della Fondazione Morra.

L’artista Cai Guo-Qiang prosegue, con questa poliedrica esperienza creativa, la sua attività in Italia, dopo il successo della performance con fuochi d'artificio a Firenze (City of Flowers in the Sky) e della personale Flora Commedia: Cai Guo-Qiang agli Uffizi, nell’ambito del più ampio progetto Viaggio di un Uomo nella Storia dell’Arte Occidentale di Cai Guo-Qiang.

Explosion Studio - Anfiteatro di Pompei
Un unicum, per le infinite suggestioni del luogo, sarà l’esplosione all’Anfiteatro di Pompei: al centro dell'arena, tele di diverse dimensioni e copie di oggetti legati alla vita quotidiana di Pompei, ma anche riproduzioni di sculture del MANN (Venere Callipigia, Ercole ed Atlante farnese, busto di Pseudo-Seneca) saranno collocati su una tela di 32 metri per 6, supportata da una
piattaforma.

“Pompei è un luogo del contemporaneo. Riprendo questo pensiero di Massimo Osanna, a cui si deve la promozione di questo progetto, che trovo quanto mai significativo, – dichiara la Direttrice ad interim del Parco Archeologico di Pompei, Alfonsina Russo - Pompei, sospesa nel tempo, ha da sempre catturato l’immaginazione e lo spirito creativo di artisti di ogni epoca, ricordandoci che quel tragico evento del 79 d.C. si è impresso nella memoria collettiva per l’eternità, non solo per la sua storia e testimonianza unica di un’epoca, ma anche per il profondo senso di fragilità e di impotenza a cui ci rimanda costantemente”.

Inventando la pittura per esplosione, Cai Guo-Qiang ha avviato una delle opere più singolari, che sconvolge i generi rendendo ogni dipinto una performance e che rinnova la dialettica di distruzione e creazione così importante nella modernità artistica. Una problematica artistica che collega il destino di Pompei, e questa antinomia di un vulcano distruttivo che è stato anche paradossalmente il miglior conservatore del patrimonio romano.

Nella celebre lettera sulla distruzione di Pompei nell’anno 79, Plinio il giovane racconta come “la vetta del monte Vesuvio brillava in diversi punti con ampie fiamme e grandi colonne di fuoco il cui rossore e splendore erano ravvivati dall’oscurità della notte”. Sembra la narrazione della performance pirotecnica di Cai Guo-Qiang nell’anfiteatro di Pompei, ai piedi del Vesuvio, uno spettacolo che è il fondamento e l’incubatore delle opere presentate in questa esposizione.

Ogni opera di Cai è, nella sua concezione e realizzazione, come un fuoco d’artificio su tela e diventa così il racconto di una catastrofe orchestrata dall’artista per trovare il nuovo. “Tutti sanno accendere un fuoco, ma sapere quando e come estinguerlo, questo è il lavoro dell’artista”, spiega Cai Guo-Qiang che, come un Prometeo contemporaneo, incarna l’essenza stessa della figura dell’artista, il quale è ancora un corriere di questo fuoco simbolo della creazione. Padroneggiare il fuoco è anche dominare una materia pericolosa. Il grande artista è colui che si assume dei rischi, come se sfidasse la morte.

L’arte per Cai Guo-Qiang è come un’arte marziale. Dialogare con Pompei per Cai Guo-Qiang significa anche investire una città di immagini e del suo immaginario, compresa una pansessualità che attraversa le fantasie di un artista per il quale “creare un’opera assomiglia all’atto erotico”.

L’incontro tra queste opere separate da duemila anni formula inoltre un’inquietante sinergia plastica: il mosaico non è infatti una forma creata dall’esplosione delle tessere di marmo per dar vita ad una composizione nucleare? Il segreto della pittura a polvere da sparo di Cai Guo-Qiang si trova forse nel cuore del Vesuvio.


Ripartono le indagini nel quartiere abitativo di Paestum

Riprendono gli scavi al Parco archeologico di Paestum alla ricerca della storia dell’antica città. Oggetto di studio sarà la casa greca alle spalle del tempio di Nettuno e nello specifico il team di archeologi indagherà un pozzo che riforniva acque in antico, già individuato durante le scorse campagne di studio e posizionato nella parte esterna dell’abitazione datata al 500 a.C.

Lo scavo si inserisce nel più ampio programma di studi e ricerche portato avanti dal Parco archeologico di Paestum che ha come obiettivo l’indagine delle fasi più antiche di Poseidonia, che ad oggi, risultano ancora poco conosciute rispetto al resto della città magno – greca.

PaestumPer la fase d’indagine e di discesa nel pozzo, l’equipe si avvarrà della collaborazione di uno speleologo, in virtù della natura stessa della struttura che ha una sua estensione sotterranea. Lo scavo - precisa il funzionario archeologo responsabile del progetto Francesco Scelza – potrebbe gettare anche nuova luce sull’uso delle risorse idriche o le pratiche alimentari, fornendo così dati che si possano proiettare su un contesto più ampio rispetto a quello della casa in cui si trova.

"Scavare un pozzo è una sfida sotto il profilo della sicurezza, ma può essere anche una straordinaria fonte di informazioni storiche - dichiara il direttore del Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel - Sappiamo dagli scavi precedenti che il pozzo fu chiuso con un piccolo sacrificio di abbandono nel III sec. a.C.; speriamo dunque di trovare lì dentro una stratigrafia di più secoli, una specie di archivio della vita quotidiana nella Paestum preromana."

Fino al 15 marzo i visitatori del Parco potranno seguire in diretta i lavori sullo scavo. Dal lunedì al venerdì, infatti, il personale specializzato accompagnerà i turisti in una visita guidata che partirà alle ore 11.45. Per gli utenti online, invece, video in diretta saranno pubblicati tramite Repubblica web che seguirà in esclusiva il cantiere con approfondimenti sul lavoro e news dagli archeologi.