18 Febbraio 2016
journal.pone.0146647.g009
Il sito Nahal Ein Gev II si trova su una terrazza alluvionale, presso un corso d’acqua perenne nella Valle del Giordano e a ovest del Mar di Galilea. Gli archeologi hanno trovato qui una comunità di 12 mila anni fa, che getta luce sulla transizione da una società di foraggieri nomadi a una agricola.
Gli scavi hanno permesso di effettuare molti ritrovamenti, tra i quali resti umani, rappresentazioni artistiche, resti animali, strumenti in selce, in pietra e osso. Le abitazioni coprono 1200 m². Il sito differisce in maniera significativa da quelli israeliani dell’epoca, presentando caratteristiche sia del Paleolitico che del Neolitico. La caratterizzazione di questo periodo di sovrapposizione è chiaramente fondamentale per comprendere i processi socioeconomici che segnarono la transizione da cacciatori raccoglitori nomadi del Paleolitico alle comunità agricole neolitiche.
journal.pone.0146647.g015
La Cultura Natufiana (15-11 mila anni prima del tempo presente) è presente nel Levante con siti che spaziano dal Negev e dal Sinai fino al sud della Siria e al Libano. Nahal Ein Gev II fu occupata durante il periodo noto come Dryas recente (12.900-11.600 anni prima del tempo presente), caratterizzato da un sensibile abbassamento delle temperature nell’emisfero settentrionale. Mentre si registra un aumento della mobilità per altri gruppi del Tardo Natufiano del Mediterraneo, questo sito invece dimostra un aumento della sedentarietà nella Valle del Giordano (che potrebbe però essere dovuto al fatto che gli effetti del Dryas recente erano meno avvertiti qui).
journal.pone.0146647.g001
[Dall’Abstract:] La Cultura Natufiana è di grande importanza come punto di partenza per investigare le dinamiche della transizione verso l’agricoltura. Data la sua posizione geografica alla soglia del Neolitico (circa 12.000 anni fa) e la sua collocazione geografica nella produttiva Valle del Giordano, il sito di Nahal Ein Gev II (NEG II) rivela aspetti degli adattamenti del Tardo Natufiano e implicazioni per la transizione verso l’agricoltura. La dimensione del sito, i densi depositi archeologici, l’architettura e le molteplici sottofasi dell’occupazione rivelano una grande comunità sedentaria, almeno alla pari con i campi natufiani antichi nell’area del Mediterraneo. Anche se il corredo di strumenti litici di NEG II manca completamente di attributi tipici degli insiemi del successivo Neolitico Preceramico A (Pre Pottery Neolithic A – PPNA), lo stile artistico è relazionabile più da vicino al primo mondo PPNA, nonostante chiare radici nella tradizione natufiana antica. Il sito non si conforma alle attuali percezioni dei tardi natufiani, come di una popolazione ampiamente mobile che faceva i conti con la ridotta produzione di risorse associata al Dryas recente. Invece, i dati relativi a fauna e architettura suggeriscono che le popolazioni sedentarie del Natufiano Antico non ritornarono a uno stile di vita nomade nel Tardo Natufiano nella Valle del Giordano. NEG II incapsula caratteristiche culturali tipiche sia della traduzione natufiana che di quella PPNA e così funge da ponte tra i foraggieri del Tardo Paleolitico e gli agricoltori del Neolitico.

Lo studio “Nahal Ein Gev II, a Late Natufian Community at the Sea of Galilee”, di Leore Grosman, Natalie D. Munro, Itay Abadi, Elisabetta Boaretto, Dana Shaham, Anna Belfer-Cohen, Ofer Bar-Yosef, è stato pubblicato su PLOS One.
Link: PLOS One; AlphaGalileo via Hebrew University of Jerusalem.
Fig 9. Edificio 5 –vista da sud. Da PLOS One, © 2016 Grosman et al., CC BY 4.0.

Fig 15. Reperti: 1: oggetto perforato; 2–5: oggetti decorati; 6: distanziale in pietra verde; 7: grano di conchiglia; 8–10: grani a disco; 10, 12–14: realizzazioni di forme di grani a disco (2–5 fotofie di Gabi Laron; 1, 6–14: fotografie di Ella Klein). Da PLOS One, © 2016 Grosman et al., CC BY 4.0.
Fig 1. Collocazione di NEG II nel Levante meridionale e altri siti. Da PLOS One, © 2016 Grosman et al., CC BY 4.0.