19 Agosto 2015

Archeologia vivente in Tanzania

Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Rappresentazione di un leone. Foto di M. Grzelczyk
Pitture rupestri fino ad oggi sconosciute, che coprono rifugi rocciosi nel Distretto di Kondoa nella Tanzania centrale, sono state scoperte da Maciej Grzelczyck, vincitore del programma “Diamond Grant”del Ministero della Scienza. Allo stesso tempo, il ricercatore ha cominciato un progetto di ricerca etnologica intensivo, attraverso il quale spera di comprendere l’importanza delle pitture scoperte.
Il distretto di Kondoa è famoso per il gran numero di pitture rupestri prodotte su migliaia di anni. Ad ogni modo, solo un’area selezionata è sulla lista dei Beni Patrimonio dell’Umanità UNESCO. La riserva di Kondoa fu istituita sulla base della ricerca di Mary Leakey, condotta negli anni cinquanta. La ricercatrice e la sua famiglia sono noti principalmente per aver cercato i primi ominidi nella vicina Gola di Olduvai.

Maciej Grzelczyk a lavoro. Foto: Dotto
Maciej Grzelczyk a lavoro. Foto: Dotto

Durante la spedizione dell’anno scorso, Maciej Grzelczyck – archeologo dell’Università A. Mickiewicz University a Poznań effettuò un catalogo fotografico quasi completo delle pitture, perché anche se note da decenni, non tutte erano documentate in modo moderno. Cominciò anche ad esplorare l’area di Kwa Mtoro a circa 80 km dall’area protetta dall’UNESCO. Risultò che vi erano altre pitture rupestri lì, e che erano spettacolari tanto quanto quelle soggette a protezione. Il ricercatore decise di documentare anche queste pitture, perché risultò che molte di queste non avevano mai raggiunto la comunità scientifica – nessuno scienziato le descriveva, e non erano note al di fuori della Tanzania. Ecco perché divennero oggetto della spedizione, dalla quale lo scienziato è tornato una settimana fa.
“Volevo conoscere il significato delle pitture nelle grotte per le comunità locali” – dice Grzelczyck. “Nel caso della celeberrima arte rupestre del Paleolitico in Francia, ad esempio a Lascaux, non abbiamo nessuno a cui chiedere del loro significato. La cultura che le ha create è sparita da molto tempo. Qui è differente” – ha spiegato.
Maciej Grzelczyk a lavoro. Foto: Dotto
Maciej Grzelczyk a lavoro. Foto: Dotto

L’area di Kwa Mtoro è abitata da diverse migliaia di genti Sandawe. Il più recente e approfondito studio di etnologia e arte rupestre fu effettuato dallo scienziato australiano Ten Raa quasi mezzo secolo fa. Ad ogni modo, la loro scala non era grande – Maciej Grzelczyck ha scoperto pitture rupestri finora sconosciute. La priorità nella parte successiva del progetto sarà quella di raccogliere dati di carattere etnologico. Secondo Grzelczyk, la chiave per comprendere il significato delle pitture risiede nella comunità locale, i cui antenati possono aver dipinto alcune delle pitture. I Sandawe credono che le pitture siano state lasciate dai loro antenati, e che si tratti di “segni degli antenati”.
“La percezione dei dipinti da parte dei Sandawe può essere descritta come >>fotografie sacre antiche<< – se un leone è ritratto, credono che significhi che i leoni un tempo vivevano in questa regione. Altri sono interpretati come parte della magia di caccia e dei rituali associati con la fertilità e la pioggia” – ha spiegato il ricercatore.
Lo scienziato nota che questa è l’ultima chiamata per uno studio approfondito sui Sandawe. Questa comunità vive ancora nello stesso modo di millenni fa. Non hanno accesso all’elettricità e all’acqua corrente. Vivono in strutture leggere costruite dalle piante. “Inesorabilmente, comunque, la civilizzazione entra e così sparisce la conoscenza del passato, gli antichi rituali, le tradizioni e il significato delle pitture rupestri” – dice il ricercatore. Secondo Grzelczyck, lo sciamano locale è responsabile per ognuna delle pitture. Una visita al rifugio roccioso deve sempre avvenire in sua presenza – e fu così durante le visite dello scienziato. Alla collinetta, lo sciamano celebrava ogni volta i rituali il cui scopo era quello di rendere visibili le pitture. Secondo le credenze locali, senza rituali non si mostrerebbero sulle rocce. Dopo aver raggiunto le pitture, lo sciamano le innaffia – spiegando che in questo modo nutre gli antenati.
Sulla base delle interviste avute con i membri della popolazione locale, il ricercatore polacco fu anche in grado di confermare che alcune delle pitture ritraggono il rituale Simbo – quelle ritraenti un uomo che tiene in mano un corno. Il rituale implica il contattare gli antenati sotto l’influenza di sostanze psicoattive, inducendo una trance. Ad ogni modo, nessuno degli elementi del rituale è effettuato nei pressi delle pitture.
“Mi resi conto che concentrarsi sulla sola arte rupestre non aveva senso. In contrasto, una ricerca poliedrica è cruciale, specialmente gli studi etnologici nel ritrovare i numerosi collegamenti tra la cultura tuttora esistente e le pitture. In questo modo, i risultati sono completi” – ha aggiunto.
È interessante che l’archeologo abbia trovato i dipinti ignoti in luoghi ben noti agli scienziati. “In principio, non importava se il sito con l’arte rupestre era noto o no. Persino quelli visitati prima dai ricercatori hanno nascosto i loro segreti a oggi. Grazie alla tecnologia di elaborazione digitale, è venuto fuori che molte delle pitture possono essere viste solo sullo schermo di un computer – grazie all’elaborazione delle immagini sono stato in grado di verificare i ritrovamenti di altri ricercatori” – ha aggiunto Grzelczyck.
I ritrovamenti dell’archeologo sono sorprendenti. È risultato che molte delle pitture sono più complesse di quanto si pensasse in precedenza. Contengono figure umane e animali aggiuntive. Grzelczyk è anche riuscito a scoprire raffigurazioni che non erano state viste prime nella parte protetta di Kondoa. Tra le più interessanti vi è una grande giraffa dipinta, all’interno della silhouette della stessa molti animali più piccoli sono stati dipinti. Vi sono anche animali che attualmente non esistono in quest’area – leoni, rinoceronti; così come numerose pitture di antilopi.
In aggiunta alla ricerca etnologica, Grzelczyck vorrebbe concentrarsi sull’educazione della popolazione locale. Sfortunatamente i graffiti moderni compaiono sulle pitture antiche, che in questo modo sono distrutte e dimenticate. Gli archeologi vorrebbero portare avanti scavi attorno a rifugi rocciosi selezionati. Ad ogni modo, il permesso per la ricerca costa 40 mila dollari, che eccede il suo budget. Questo tasso così elevato è dovuto alla vicinanza della Rift Valley, dove per anni gli archeologi occidentali hanno cercato gli antenati umani. Le autorità della Tanzania beneficiano dell’interesse delle missioni archeologiche straniere.

 
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland, Szymon Zdziebłowski. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.