Libri, la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia protagonista del documentario MiC

Online il terzo episodio della serie dedicato a Biblioteche d’Italia

Con la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia prosegue il viaggio attraverso le meraviglie delle Biblioteche d’Italia, che ogni settimana accompagna i visitatori in un percorso virtuale in una delle 42 biblioteche dello Stato con una serie di reportage promossi dal Ministero della Cultura guidato da Dario Franceschini.

Dopo i primi due episodi dedicati alla Biblioteca Palatina di Parma e alla Biblioteca Universitaria di Cagliari, è online oggi la terza tappa con protagonista la Biblioteca Marciana di Venezia.

Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia
La Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia. Foto di Venicescapes, in pubblico dominio

Attiva senza sosta dal 1468, conserva, nelle stanze del Palazzo Ducale che la ospitano, oltre 13.000 manoscritti, un milione di volumi stampati e più di 3.000 incunaboli e cimeli unici. Stefano Campagnolo, ex direttore della Marciana che da poco è stato nominato Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, è la guida che in questo documentario accompagna lo spettatore nella storia e nei tesori della biblioteca. Realizzata con il patrimonio che il Cardinale Bessarione aveva donato alla Repubblica Serenissima, la struttura doveva

«rappresentare Venezia come nuova Bisanzio e implicitamente come nuova Roma», racconta il Direttore.

Alla realizzazione lavorarono tutti gli artisti più importanti dell’epoca, da Tintoretto a Paolo Veronese, per arrivare a Tiziano. Nel vestibolo ecco ‘La Sapienza’ di Tiziano, così che la scala rappresenta l’ascesa verso la conoscenza. Nella sala che un tempo fu biblioteca e che oggi ospita invece esposizioni si trovano 21 tondi allegorici nel soffitto, affidati a 7 diversi artisti, tra cui Veronese, mentre le pareti sono dedicate alla serie dei filosofi, tra cui spiccano 6 opere del Tintoretto.

Sono i manoscritti a rappresentare il nucleo del tesoro marciano.

«Greci, latini, italiani, orientali, franco-veneti, musicali» continua il Direttore; comprendono inoltre opere inestimabili come i due manoscritti principali dell’Iliade di Omero.

Tra le altre rarità, il testamento di Marco Polo, «unico documento relativo alla vita dell’esploratore», e la mappa di Fra Mauro, «la mappa del mondo più antica, importante e conosciuta».

Oggi la Biblioteca Marciana continua ad essere tra le più attive del mondo, anche grazie alle collaborazioni, tra gli altri, con la Biennale di Venezia.

Guarda il documentario sulla Biblioteca Nazionale Marciana e continua a seguire il viaggio: il prossimo appuntamento è venerdì 5 novembre.


Il documentario è online sul nuovo profilo Instagram @bibliotecheditalia: https://www.instagram.com/tv/CVkM-rYtY5u/?utm_medium=copy_link

 

Roma, 28 ottobre 2021
Testo dall’Ufficio Stampa Ministero della Cultura

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It