Un'altra tomba reale Maya da El Zotz

7 Gennaio 2016
Guatemala-Peten-around-Flores
Scoperta una sepoltura reale a El Zotz, città Maya nel Dipartimento del Petén, in Guatemala. Il nome della città indica il pipistrello, animale che domina i cieli dell'area; in epoca Maya era nota come Pa’chan, "cielo fortificato". Il maggior problema per gli archeologi nell'area sono però i saccheggiatori.
Già nel 2010, presso la piramide nota come "El Diablo", si ritrovò una tomba reale intatta. I saccheggiatori non si erano spinti troppo in là col loro tunnel, qui, per cui il ritrovamento fu possibile. Sulla base di quanto è possibile vedere nella pianta di altri templi Maya contemporanei, si ipotizzò la presenza di una seconda camera davanti all'altra.
La si è ritrovata questa estate quando, durante la pulizia di una piattaforma, c'è stato un cedimento che ha aperto la strada. Purtroppo i topi si erano già introdotti, distruggendo tutto il materiale organico. Sono rimaste quattro belle ciotole policrome, una delle quali porta il nome del sovrano Bakab K’inich, traducibile come "il dio sole che è primo nella terra".
ElPetenGUAT

Link: University of South California
Leggere di più


Ministero delle Antichità Egizie rimpatria pannelli islamici in legno da Londra

12 Gennaio 2016

Il Ministero delle Antichità Egizie rimpatria pannelli islamici in legno da Londra

————————————————————————————————————
12417684_452607951611021_9109432651279051272_n
Il Ministero delle Antichità sta per rimpatriare una collezione di pannelli in legno da Londra, a seguito degli sforzi effettuati per dimostrarne la proprietà. Così ha dichiarato il Ministro delle Antichità, dott. Eldamaty.
Eldamaty ha chiarito che questi pannelli furono rubati dalla cupola dei Califfi Abbasidi presso il Cimitero di Al-Sayeda Nafeesa, che risale al 641 - 1243 d. C., e che sono ora in mostra alla Bonhams Auction a Londra. Ma il Dipartimento per le Antichità Rimpatriate è stato in grado di monitorarlo, seguendo e tracciando tutte le aste e i siti famosi per il commercio di antichità, e con la collaborazione degli esperti di archeologia interessati.
Ali Ahmed, direttore generale del Dipartimento delle Antichità Rimpatriate ha affermato che tutte le procedure legali sono state prese, trattando con le autorità interessate per restituire i pannelli contrabbandati, e ha anche affermato che dopo il rimpatrio di questi pannelli tutti i lavori di restauro e manutenzione saranno effettuati.
Vale la pena menzionare che la cupola dei Califfi Abbasidi collocata dietro il Mausoleo Al-Nafeesy contiene i resti dei califfi Abbasidi che morirono nel 7,8 secolo dell'Egira, e i figli di Al-Zaher Bypurs Al-Bunduqdary (NdT: nome completo con diversa traslitterazione: al-Malik al-Ẓāhir Rukn al-Din Baibars al-Bunduqdari); la cupola presenta iscrizioni e decorazioni in stucco molto raffinate, e ciò rende la cupola differente, unica e importante.
Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities: scritto da Asmaa Mostafa, tradotto da Hend Monir. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.


Arezzo: manutenzione straordinaria della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca

Prende il via dall'11 gennaio 2016 la manutenzione straordinaria della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca nella Cappella Bacci nella Basilica di San Francesco di Arezzo

800px-ArezzoSanFranciscoHDR

Dall'11 Gennaio 2016 prendono il via nella Cappella Bacci in San Francesco di Arezzo i lavori di manutenzione e revisione conservativa del ciclo di dipinti murali della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca.
L'intervento, che si concluderà il 4 marzo 2016, non veniva effettuato da sei anni ed è ormai urgente in considerazione della necessità di rimuovere la consistente presenza di polveri e particellato atmosferico depositati sulle superfici dipinte del ciclo nel corso degli ultimi anni e per verificare contestualmente lo stato di conservazione della pellicola pittorica, al fine di evitare l'insorgere e il progredire di eventuali nuove situazioni di degrado (sollevamenti, distacchi, solfatazione, etc.) che potrebbero mettere a rischio la conservazione dei dipinti.

L'UNESCO condanna le distruzioni a Bosra al-Sham

23 - 24 Dicembre 2015
TheaterBosra2
L'UNESCO ha condannato le distruzioni che hanno interessato parte di Bosra al-Sham, antica città della Siria che in epoca romana era la capitale della provincia di Arabia. C'è paura per ulteriori danni al cortile adiacente il teatro del secondo secolo, e per la cittadella Ayyubida. Bosra al-Sham è nella Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità.
Link: UNESCOUN News Centre; Now; UNESCO
La cittadella a Bosra al-Sham, col teatro all'interno, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Locer.
 
 


Korea: restauro della Pagoda in pietra dal Tempio di Mireuksa

29 Dicembre 2015
800px-익산_미륵사지_석탑
Si è rivelata un'operazione molto delicata, quella del restauro della più grande pagoda in pietra dell'Asia Orientale, presso il tempio di Mireuksa a Iksan, nella Provincia del Jeolla Settentrionale nella regione di Honam. Risale al 639 d. C, all'era Baekje (o Paekche). Non essendoci resoconti sulla sua costruzione, la si è smontata per poi ricostruirla: si sono apprese molte cose e si sono pure ritrovati manufatti durante l'operazione.
Temple_Miruksa
Si spera di non ripetere gli errori compiuti sulla pagoda orientale, che è invece considerata un pessimo caso di restauro, e che sembra una replica.
Leggere di più


Cina: murali buddisti da Bazhong e tombe di epoca Song dal cimitero di Guwu

23 - 25 Dicembre 2015
800px-Sichuan_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Due distinte scoperte sono state effettuate nella provincia cinese di Sichuan.
La prima riguarda murali da Bazhong, dell'epoca della Dinastia Tang (618-907), e che mostrano persone che adorano Buddha.  Misurano 2,6m di larghezza per 1,7m di altezza.
La seconda riguarda tombe dell'epoca dei Song meridionali (1127-1279) presso il cimitero di Guwu: presentano sculture di sedie, porte parzialmente aperte, donne, e altro ancora.
Link: China.org.cn; en.people.cn 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
La provincia cinese di Sichuan, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  China edcp location map.svg (by Uwe Dedering).)


Svizzera: figurina di Carlo Magno dalla chiesa di Fraumünster a Zurigo

21 Dicembre 2015
800px-Fraumuenster
Una bella figurina in metallo del quindicesimo secolo, ritraente Carlo Magno, è stata ritrovata presso la chiesa di Fraumünster a Zurigo.
Altartafel_Kapelle_Spannweid_Zürich_Stadtheilige
Sarebbe da vedersi nel contesto della scena (e della leggenda relativa) che vuole il sovrano recarsi alle tombe locali dei due patroni, i santi Felice e Regola, condotto da un cervo.
Aachen_Domschatz_Bueste1
La scena si può vedere in un'altra chiesa cittadina, quella di Grossmünster. Carlo Magno sarebbe stato considerato come un santo già dal tredicesimo secolo, qui.
Link: Tribune de Genève; SwissinfoLimmattaler/Aargauer Zeitung; Blick.ch
La chiesa di Fraumünster a Zurigo, foto da WikipediaCC BY-SA 2.5, caricata da Parpan05 (sidonius 12:59, 4 June 2006 (UTC) - Own work).
Santi Felice e Regola ed Essuperanzio a Zurigo, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Helvetiker (Zürcher Veilchenmeister - http://webcollection.landesmuseen.ch).
Reliquiario di Carlo Magno ad Aachen, foto di Beckstet, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da CSvBibra.
 
 
 


Cina: una sfinge in marmo di oltre mille anni fa da Ningsia Hui

15 - 16 Dicembre 2015
800px-Ningxia_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Una bella e rara sfinge in marmo bianco, in buono stato di conservazione, è stata ritrovata in una tomba collocata presso Guyan, nella regione cinese autonoma di Ningsia Hui, sull'antica Via della Seta. Il reperto è alto 36 cm, lungo 21 e largo 13 cm.
La tomba, dedicata allo studioso Liu Jun e a sua moglie, vissuti all’epoca della Dinastia Tang (618-907 d. C.). Il luogo conteneva pure altri 150 manufatti: iscrizioni, ceramiche, stoviglie in bronzo e ferro. I materiali (in particolare il marmo bianco) e lo stile delle iscrizioni, rari per l'epoca, rendono importante la scoperta.
Link: Daily Mail; Xinhua Net; People's Daily
La regione cinese autonoma di Ningsia Hui, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  China edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).


Egitto: 3 lampade islamiche sulla via del rimpatrio

15 Dicembre 2015

3 lampade islamiche rubate sulla strada del rimpatrio

———————————————————————————————————
 
12366430_444429969095486_4677864781957658244_n
Il dott. Mamdouh Eldamaty, Ministro delle Antichità, ha annunciato che il rimpatrio di tre lampade islamiche avverrà molto presto, poiché il furto dal Museo Nazionale della Civiltà fu scoperto alla fine dell'anno scorso, e questo dopo un anno di sforzi nazionali e internazionali per rimpatriarle e provare i diritti legali dell'Egitto.
1915326_444429949095488_5714666395885985822_n
Eldamaty ha dichiarato che il Ministero delle Antichità ha formato una commissione archeologica immediatamente dopo aver ricevuto informazioni sulla vendita di tre lampade islamiche all'estero, mentre il Museo Nazionale della Civiltà possedeva le medesime tre lampade; la commissione ha investigato le lampade al museo confrontandole con le figure di quelle all'estero, e ha scoperto che quelle al museo erano repliche.
Il Ministero ha immediatamente parlato a tutte le autorità interessate per il ritorno delle tre lampade originali.
Da parte sua, Aly Ahmed, Direttore Generale del Dipartimento delle Antichità Rimpatriate ha affermato che una di queste lampade appartiene al Sultano Barquq ed è ora alla nostra ambasciata a Londra al numero 283, le altre due lampade del Sultano Hassan e di Al-Silahdar sono negli Emirati Arabi Uniti.
Leggere di più


Fondamenta di una enorme pagoda dal Tempio Tōdai-ji a Nara

9 Dicembre 2015
800px-Map_of_Japan_with_highlight_on_29_Nara_prefecture.svg
Scoperti i resti parziali delle fondamenta di una pagoda del tredicesimo secolo, presso il tempio Tōdai-ji, a Nara. Costruita tra gli anni cinquanta e sessanta dell'ottavo secolo d. C., la pagoda orientale Toto fu distrutta nel 1181 (periodo Heian: 794-1185), per essere poi ricostruita nel 1238 (periodo Kamakura: 1185 o 1192-1333).
La ricostruzione avvenne seguendo probabilmente lo stile della dinastia cinese Song. La pagoda orientale Toto raggiunse così i 70 o i 100 metri di altezza: non sopravvisse però agli effetti di un fulmine nel 1362.
Link: The Asahi Shimbun; The Mainichi
La Prefettura di Nara, di Lincun国土交通省 国土数値情報(行政区域), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da TAKASUGI Shinji.