Perù: 24 nuovi geoglifi da Nazca

8 - 10 Luglio 2015
490px-Location_of_the_province_Nazca_in_Ica.svg
24 nuovi geoglifi dall'altopiano di Nazca sarebbero emersi grazie dalle ricerche svolte dall'Università giapponese di Yamagata. Si tratterebbe di rappresentazioni databili tra il 400 e il 200 a. C., probabilmente relative all'ultima fase della cultura Paracas. Sarebbero perciò precedenti quelli celebri del colibrì e della scimmia e della maggior parte di quelli noti.
Le rappresentazioni scoperte ritraggono dei lama e altre figure meno riconoscibili: posti sui fianchi delle colline, sono stati resi più evidenti grazie all'imaging 3D.
Link: The Telegraph; Peru this Week; El Comercio; The Japan Times
Nazca e la regione di Ica, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di AgainErick.
 


Australia: le pitture su roccia di Bradshaw, opera degli aborigeni

29 Giugno - 7 Luglio 2015
800px-Bradshaw_rock_paintings
Le pitture su roccia di Bradshaw, situate nella regione australiana di Kimberley, sono state nuovamente oggetto di polemica nelle ultime settimane, riguardo la loro datazione e provenienza. In particolare, è stata nuovamente messa in dubbio l'identità degli autori delle pitture.
In passato alcuni antropologi avevano messo in dubbio che a produrre le opere fossero stati gli aborigeni, e di conseguenza altre popolazioni potessero aver occupato il territorio australiano in età preistorica. La teoria è stata però rifiutata con una certa fermezza già da almeno vent'anni.
Un nuovo progetto, della durata di tre anni, daterà le opere in questione, e potrà contribuire alla conservazione delle stesse.
800px-Wandjina_rock_art
Link: The Conversation 1, 2; The University of Western Australia; ABC News.
Pitture su roccia di Gwion Gwion, foto di TimJN1 - Bradshaw Art, da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da HappyWaldo.
Arte su roccia nel tardo stile Wandjina, da Kimberley, foto di Whinging Pom (from Everywhere, Australia - Wandjina Rock Art), da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Hesperian.
 
 


Sud Africa: pittura al latte e ocra di 49 mila anni fa

30 Giugno - 6 Luglio 2015
journal.pone.0131273.g001
L'utilizzo dell'ocra risale ad almeno 250 mila anni fa: quello scoperto a Sibudu, in Sud Africa, è però un campione che per la prima volta la mostra mescolata al latte. La sostanza è stata probabilmente ottenuta da un bovino selvatico, come potevano esserlo il bufalo, l'eland, il kudu e l'impala, e quegli uomini dovettero attribuirle uno speciale significato. Non è ancora certo l'utilizzo che ne fu fatto, ma potrebbe essere stata applicata tanto a una superficie quanto alla pelle. La pittura corporea è praticata ancora oggi dagli indigeni San nella regione e testimoniata dall'antica arte rupestre.
[Dall'Abstract: ] Le analisi su di una scheggia ritrovata nello strato relativo a 49 mila anni fa dal sito sudafricano di Sibudu hanno rivelato la presenza di un residuo prodotto dal mescolamento di ocra e caseina da latte, probabilmente ottenuta dall'uccisione di un bovino selvaggio che produceva la sostanza. Si tratta di una scoperta molto importante, perché da una parte testimonia l'utilizzo del latte come legante, e dall'altra ne stabilisce l'utilizzo in tal senso, molto prima dell'introduzione di bovini addomesticati in Sud Africa, avvenuta nel primo millennio d. C. La pittura  sarebbe stata poi applicata a una superficie o anche alla pelle umana.
Leggere di più


Colombia: pitture rupestri dal Parco Nazionale di Chiribiquete

20 Giugno 2015
Chiribiquete_view
Pitture preistoriche rupestri sono state ritrovate su una facciata verticale nel Parco Nazionale Naturale di Chiribiquete, in Colombia. Si tratta di un'area molto remota e ancora in gran parte inesplorata: alle pitture potrebbero datare addirittura a 20 mila anni fa, e raffigurano animali come giaguari, coccodrilli, cervi, capibara, serpenti e formichieri.
Link: The Guardian
Un tepui dal Parco Nazionale Naturale di Chiribiquete, foto di Carlos Castaño Uribe, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Morray.
 


Danimarca: l'impronta di un vasaio su un bicchiere imbutiforme

24 - 27 Giugno 2015
800px-Location_map_Lolland.svg
Un'impronta digitale del vasaio che lo produsse, all'interno di un bicchiere imbutiforme dalla Danimarca. Si tratta di un reperto di 5.500 anni fa, ritrovato durante i lavori che collegheranno l'isola tedesca di Fehmarn all'isola danese di Lolland, appena ad Est del paese portuale di Rødbyhavn.
Sul sito si sono ritrovati altri due bicchieri simili, e un'ascia in pietra conficcata nella terra, probabilmente come parte di un rituale. I frammenti appartengono alla Cultura del bicchiere imbutiforme (4.000 - 2.800 a. C.), una delle principali del Neolitico europeo, che interessò la Danimarca e arrivando fino alle regioni circostanti, comprendendo pure parte della Svezia e della Germania.
Il reperto è ancora in fase di studio al National Museum of Denmark di Copenaghen, dove diverrà parte di una mostra insieme ad altri ritrovamenti locali.
Link: Past Horizons; The History Blog; Discovery News; Clapway
L'isola di Lolland in Danimarca, da WikipediaCC BY 3.0, caricata da e di Los688.
 
 


Australia: i petroglifi da Pilbara, precedenti l'Era Glaciale

10 Giugno 2015
800px-Burrupmap
Gli aborigeni australiani abitano nella regione di Pilbara da almeno 42 mila anni, e nella Penisola di Burrup da 40 mila. Di quest'ultima sono celebri i petroglifi che ritraggono animali. A seguito dell'Era Glaciale e dell'innalzamento dei mari, però, sono cambiate le prede e quindi anche quelle ritratte sulle rocce: in principio canguri ed emu, pesci e tartarughe in seguito.
Si spera che l'area possa essere dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità, di modo da portare turisti e permettere che i siti vengano preservati dall'espansione industriale.
Link: ABC News
Arcipelago Dampier e Penisola di Burrup, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Leptictidium.
 


Turchia: si cerca di riprodurre la ceramica rossa levigata di Urartu

4 Giugno 2015
13-Urartu-9-6mta
Nell'Università Egea di İzmir, in Turchia, si sta cercando di riprodurre la ceramica rossa levigata proveniente da Urartu.  Assai caratteristica, ha un aspetto metallico: gli studiosi cercheranno di ripeterla tenendo conto di materiali, strumenti e tecniche dell'epoca.
Urartu era una regione e un regno esistito tra il nono e il sesto secolo a. C., e il cui centro era grosso modo collocato presso il Lago di Van nell'altopiano armeno.
Link: Hurriyet Daily News; Archaeology News Network via DHA
Urartu, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Citypeek (Original uploader was Artaxiad at en.wikipedia - www.armenica.org).
 


Pitture rupestri del diecimila a. C. e una giraffa da Telangana

3 Giugno 2015
India_Telangana_locator_map.svg
Le pitture rupestri da Telangana, in India, datano a partire dal diecimila a. C., e stupiscono per gli animali selvatici ritratti, come la giraffa da Pandavulagutta, attualmente presente solo in Africa.
Oltre a molte rappresentazioni di animali sono presenti anche simboli geometrici come svastiche, cerchi e quadrati, e oggetti come capanne e armi.
Link: Deccan Chronicle
Telangana in India da WikipediaCC BY-SA 3.0 Planemad/Wikimedia, caricata da e di Planemad.


Disegni preistorici dalle montagne Pae Dwe in Birmania

29 Maggio 2015
640px-Location_Burma_(Myanmar)_ASEAN.svg
Disegni preistorici son stati ritrovati presso un altare animista nelle foreste sulle montagne Pae Dwe, in Birmania. Si tratta di impronte di mani di un colore tra il rosso e il marrone, e figure animali come cervi, tartarughe, oltre a un grande elefante ocra. Ritrovate anche punte di freccia.
Link: The Irrawaddy; Archaeology News Network
La Birmania, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da e di ASDFGHJ.
 


Apre al pubblico la replica della Grotta di Chauvet

10 - 26 Aprile 2015
640px-Chauvet´s_cave_horses
Apre al pubblico la replica della Grotta di Chauvet, nel dipartimento dell'Ardèche, nella regione francese del Rodano-Alpi. La replica della grotta datata a 36 mila anni fa si è resa necessaria per preservare dal pubblico di turisti il sito UNESCO, patrimonio dell'umanità.

Link: The Local; EuroNews; Archaeology News Network
Pitture rupestri dalla grotta di Chauver, foto di Thoams T. (https://flic.kr/p/9x7tZY), da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da Numéro 1963.