Il nano-movie interamente recitato da atomi

Ciak si gira!
In anteprima assoluta il nano-movie interamente recitato da atomi
Al Dipartimento di Fisica della Sapienza va in scena la ripresa in slow motion del moto atomico 800px-Innenhof_des_Palazzo_della_Sapienza

Con la fotografia si fissa un momento ben preciso senza che degli attimi che seguono rimanga più nulla. Questo vale anche quando a essere immortalati sono gli atomi, attraverso le moderne tecniche di microscopia. Che ne e’ dunque della “vita” di un atomo dopo che è stato fotografato, ovvero dei processi primari che governano i fenomeni fisici, chimici e biologici?

Riuscire a filmare il movimento degli atomi è stato l’obiettivo di uno studio condotto dal gruppo Femtoscopy, coordinato da Tullio Scopigno del dipartimento di Fisica della Sapienza, in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’Ecole Polytechnique di Parigi.

I ricercatori sono riusciti a realizzare un vero e proprio film molecolare, riprendendo direttamente il movimento degli atomi in risposta ad una sollecitazione impartita attraverso un brevissimo flash luminoso.

“Nonostante la semplicita’ della sceneggiatura, l’impresa è stata particolarmente complessa, perché l'atomo nei suoi movimenti è rapidissimo: l’intervallo tra il ciak e il primo fotogramma e’ durato una manciata di femtosecondi. Basti pensare che la luce – che in un secondo viaggia dalla terra alla luna- in un tempo cosi’ piccolo copre una distanza pari alle dimensioni di un batterio”, spiega Tullio Scopigno.

Per giungere a questo risultato, il gruppo di ricerca della Sapienza ha sviluppato la Femtosecond Stimulated Raman Spectroscopy, una innovativa tecnica in grado di fornire informazioni vibrazionali e strutturali con altissima risoluzione temporale, in modo da poter ricostruire in tempo reale il moto atomico.

"Abbiamo utilizzato dei flash luminosi di durata brevissima, ottenuti da un laser a femtosecondi, per depositare energia in forma estremamente localizzata all'interno della Mioglobina, una proteina molto importante nei processi di consumo di ossigeno del corpo umano per la produzione di energia" aggiungono Carino Ferrante ed Emanuele Pontecorvo, primi autori dell’articolo appena pubblicato su Nature Chemistry.

Questo importante esperimento, proposto quasi dieci anni fa attraverso un ERC-Starting grant e realizzato grazie al relativo finanziamento, risolve nello specifico una controversia sul trasporto energetico nelle emo-proteine, ed apre una prospettiva nuova per la visualizzazione dei fenomeni ultraveloci nelle biomolecole. Leggere di più


80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia

80 ANNI DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA

(E NON SENTIRLI)

Alla Casa del Cinema dal 19 settembre incontri e proiezioni

image002-22

Dal 19 settembre 2016 alla  Casa del Cinema iniziano i festeggiamenti per gli 80 anni del  Centro Sperimentale di Cinematografia.  I primi appuntamenti in programma (19, 26 e 30 settembre) prevedono una serie di proiezioni accompagnate da incontri con i registi  e con gli allievi che raccontano il “loro” Centro Sperimentale di Cinematografia: un tassello importante per arricchire il grande mosaico che è la storia del cinema.

Leggere di più


Dall'8 al 18 Settembre il Milano film festival

Cultura

Dall’8 al 18 settembre il ‘Milano film festival’ porta il cuore della sua programmazione nel distretto creativo ex Ansaldo

Il Mudec apre straordinariamente la sua collezione permanente fino alle 22:30 durante tutti i giorni del festival con ingresso libero

milano_film_festival_450.jpg

Milano, 5 settembre 2016 – Si svolgerà dall’8 al 18 settembre, con il sostegno del Comune di Milano, la 21esima edizione di Milano film festival, che in questa edizione sposta il cuore della sua programmazione nel distretto creativo ex Ansaldo, in zona Tortona. Le proiezioni in programma si terranno a BASE, il nuovo hub artistico e culturale da poco aperto alla città; al MUDEC, il Museo inaugurato un anno fa che ha nel dialogo tra tutte le culture del mondo la sua cifra identitaria; e nell’arena predisposta all’esterno, adiacente ai magazzini del Teatro La Scala.

Leggere di più


Roma: Me ne frego! Film documentario di Vanni Gandolfo - Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana

Incontro nell’ambito della mostra “Roma anni Trenta. La Galleria d’Arte Moderna e le Quadriennali d’arte 1931 - 1935 – 1939” in corso fino al 30 ottobre 2016 alla Galleria d’Arte Moderna di via F. Crispi (Roma)

Me ne frego! Film documentario di Vanni Gandolfo

Come il fascismo tentò di cambiare la lingua italiana

14 Settembre 2016 ore 20.30

a cura di Vanni Gandolfo e Valeria Della Valle 

Produzione Istituto Luce-Cinecittà

image001 (10)

Il film documentario si presenta come un viaggio attraverso la bonifica della lingua italiana tentata dal regime fascista. La storia poco conosciuta di un esperimento destinato a fallire. Il documentario analizza le parole del duce, l’indottrinamento dell’infanzia, la repressione di tutto ciò che era diverso rispetto all’ideale dell’ "italiano nuovo" che doveva adeguarsi al dogma di “credere, obbedire, combattere”.

L'Italia della Marcia su Roma è un paese povero e ignorante che parla una miriade di dialetti e ME NE FREGO parla di questo, di un esperimento di manipolazione messo in atto per uniformare la lingua degli italiani, dimenticandosi che la lingua delle persone non è una divisa che si indossa. Dal 1931 il Luce abolisce la presa diretta, che viene sostituita da una voce narrante ufficiale, la voce del regime.

Questi rarissimi documenti sono il centro di ME NE Frego!, contraltare di un insieme di voci, propaganda e citazioni da testi d'epoca, che raccontano la follia dell’altra inevitabile disfatta del regime, quella sulla lingua degli italiani.

Leggere di più


73esima Mostra di Venezia: due novità

73. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA
Due importanti novità per la Mostra del Cinema 2016

Dal 31 agosto al 10 settembre 2016.
6baf19854ca539f96a11dbfbcc68fa53b73614
 
Si annunciano due importanti novità volte ad arricchire e qualificare ulteriormente la Mostra di Venezia, in due direzioni:
- sempre più precisa aderenza alle esigenze del mondo del cinema, con un’impegnativa evoluzione del mercato verso uno specializzato luogo di incontro per la conclusione di progetti, e quindi la nascita del “Venice Production Bridge", mentre prosegue l'attività di Biennale College - Cinema dopo i lusinghieri risultati ottenuti
- crescente offerta al pubblico di iniziative e occasioni di conoscenza e dialogo, con un più ampio progetto per il Cinema nel Giardino
• Venice Production Bridge
Nell’ambito della Mostra del Cinema, è stato introdotto un nuovo importante progetto denominato Venice Production Bridge, che si propone di dare continuità e al tempo stesso di superare e specializzare il Venice Film Market avviato nel 2012.
Il nuovo Venice Production Bridge sarà in particolare dedicato alla presentazione e allo scambio di progetti inediti di film e work in progress, per favorire il loro sviluppo e la loro realizzazione.
Lungo questa direttrice si è sempre mosso anche il Venice Film Market, presentatosi sin dalla prima edizione come un mercato leggero, in particolare con programmi quali European Gap Financing Market e Final Cut in Venice, finalizzati ad aiutare il completamento di film e work in progress. Nel nuovo Venice Production Bridge sarà messa a frutto anche l’esperienza di Biennale College – Cinema, innovativo workshop per lo sviluppo e la produzione di lungometraggi a basso costo, che in un quadriennio ha portato alla realizzazione di 13 film che hanno ottenuto prestigiosi risultati e riconoscimenti internazionali.
Da qualche tempo infatti, nelle iniziative rivolte agli operatori economici dei maggiori festival cinematografici internazionali, l’attenzione si è spostata dai film finiti ai progetti in via di realizzazione, per venire incontro alle esigenze degli operatori che sempre più richiedono occasioni d’incontri finalizzati alla co-produzione. Oggi nei festival si è reso pertanto sempre più necessario un “mercato di progetti”, e non solo di prodotti compiuti.
L’idea del Venice Production Bridge consiste ora nel costruire – dalla prossima 73. Mostra del Cinema 2016 – una nuova occasione d’incontro (un “ponte”) che si rivolga a tutte le figure professionali della produzione cinematografica, utile proprio al completamento/realizzazione delle opere e alla loro distribuzione, configurandosi come struttura di promozione di nuovi progetti di film e di nuove produzioni e co-produzioni a livello internazionale.
• Cinema nel Giardino
Nel nuovo Regolamento della Mostra del Cinema viene confermata e formalizzata l’introduzione della sezione Cinema nel Giardino, già presente con straordinario successo nella scorsa edizione della Mostra.
La sezione, non competitiva, prevede una selezione di opere, anche di diverso genere e durata, che potranno essere precedute o accompagnate da incontri e approfondimenti con autori, interpreti e personalità del mondo dell'arte e della cultura. Sono ammessi alla selezione solo film presentati in prima mondiale alla Mostra.
La sezione Cinema nel Giardino è nata nel 2015 dall’indispensabile necessità di arricchire le attività proprie della Mostra con uno spazio inedito che potesse aprire il festival a tutti: spettatori occasionali e frequentatori non accreditati, oltre, naturalmente, alle migliaia di cinefili che affollano abitualmente le sale. Offrendo a ciascuno (abitanti del Lido e di Venezia, curiosi venuti ad “annusare” l’aria del festival, giovani in cerca di emozioni cinematografiche) l’occasione di vivere la Mostra del Cinema anche la sera, all’insegna di un intrattenimento che si propone di coniugare l’incontro con uno o più personaggi e la proiezione di un film. Un luogo dove potessero svolgersi attività varie: discussioni e  incontri con il mondo del cinema e dello spettacolo, proiezioni e rassegne. Il tutto per animare la vita della Mostra nella direzione di un festival partecipato dal pubblico e non solo dagli accreditati.
Il successo ottenuto dall’esperienza iniziata nel 2015 con l'arena nel giardino del Casinò, ha consigliato di proseguire su più vasta scala. L’occasione della chiusura del famoso “buco” da parte del Comune di Venezia con un piazzale fruibile, sarà colta prevedendo in questo nuovo spazio all'aperto una struttura allestita, tecnologicamente avanzata e moderna, per una sala da 450 posti adatta a ospitare presentazioni in anteprima mondiale di film con autori, che possano incontrare il pubblico prima o dopo la proiezione.
approfondimenti su:
www.labiennale.org

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone


Stasera seconda serata MIFF Awards con "Despite the falling snow"

MIFF Awards - Film Festival Internazionale di Milano

DESPITE THE FALLING SNOW”, SPIONAGGIO, AMORE E DRAMMA, DAL DOPO GUERRA AI GIORNI NOSTRI E UN’INCURSIONE NEL MONDO LGBT. PER IL PUBBLICO ANCHE UN CORTO ITALO-RUSSO SULLE ILLUSIONI DA RED CARPET

DespiteTheFallingSnow_Film

Prosegue il MIFF all’insegna del buon cinema con il secondo appuntamento della XVI edizione, una storia d’amore e un dramma ambientato a Mosca e NY tra gli intrighi dei servizi segreti e la guerra fredda URSS-USA del dopoguerra. Durante la serata, la consegna del Cavallo di Leonardo anche al miglior corto della categoria internazionale 15-30 minuti.

Ha avuto ben 7 nomination ai MIFF Awards, le statuette milanesi che ogni anno culminano nel Film Festival Internazionale dell’Anteo spazioCinema, “Despite the falling snow”, di Shamim Sarif, e si presenta mercoledì 6 luglio con 3 premi per la Miglior Fotografia, Miglior Scenografia, e Miglior Musica.

Dalla stessa autrice, Shamim Sarif, il libro, la sceneggiatura e la regia del film. Una storia dai toni epici dove Katya, spia della CIA nella Mosca degli anni ’50, si innamora di un funzionario del regime. Saranno le generazioni successive a raccogliere i prodotti della vicenda, nella quale rimarranno coinvolte anche sul piano sentimentale. Il racconto si concede una digressione sui rapporti omosessuali, un risvolto del coinvolgimento in prima persona dell’autrice, lesbica e compagna della produttrice Hanan Kattan.

Un dramma romantico dalla fotografia e atmosfere straordinarie, ricostruite con precisione dai costumi e dalle scenografie, accompagnate da una colonna sonora riuscita e adatta al romanzo, che viene rappresentato sullo schermo con una prospettiva femminile originale, prodotto dalla compagna della regista, Hanan Kattan, nata in Giordania di origine palestinese.

La serata sarà aperta da “Hello, I’m a producer of Woody Allen”, di Nicola Deorsola. Un corto italo-russo, prodotto e scritto da Marina Orlova, anche protagonista della storia, un flash sul mondo agognato dei Red Carpet, dove illusioni e disillusioni si alternano spietate.

Durante la serata, verrà consegnato il Cavallo di Leonardo, tradizionale trofeo del MIFF, ed estratti a sorte i vincitori dei buoni spesa Carrefour, che quest’anno sostiene il Festival con premi e biglietti omaggio per il pubblico in sala. Il pubblico del festival potrà usufruire inoltre dello sconto all’AperiMiff, e al termine della serata, gli spettatori potranno cenare sempre all’Osteria del Cinema, con pietanze a km 0 e uno sconto del 10%.

SCHEDE FILM – 6 LUGLIO

DESPITE THE FALLING SNOW

Miglior Cinematografia – Miglior Scenografia – Miglior Musica/Canzone

PAESE: UK, Canada

DURATA: 93 minuti

SINOSSI: adattamento di un romanzo che oscilla tra la guerra fredda della corsa agli armamenti tra URSS e USA del dopoguerra, e l’atmosfera contemporanea di Mosca e New York. Dallo stesso autore, Shamim Sarif, il libro, la sceneggiatura e la regia del film. Una storia dai toni epici dove Katya, spia in collaborazione con i servizi segreti americani nella Mosca degli anni ’50, durante un importante incarico di spionaggio s’innamora proprio di Alexander, rilevante funzionario in ascesa del governo russo. Dopo il matrimonio, quando Alexander scopre il complotto iniziale, sarà proprio Katya a proteggerlo con un atto d’amore che Alexander scoprirà quarant’anni piu tardi, insieme ad un altro inaspettato tradimento. Un dramma romantico dalla fotografia straordinaria e con una prospettiva femminile originale su un periodo storico non ancora dimenticato, prodotto dalla compagna della regista, Hanan Kattan, nata in Giordania di origine palestinese.

CAST: Charles Dance, Rebecca Ferguson, Sam Reid, Anthony Head, Antje Traue, Oliver Jackson-Cohen, Thure Lindhart

REGIA E SCENEGGIATURA: Shamim Sarif
PRODUZIONE: Hanan Kattan
CINEMATOGRAFIA: David Johnson
MUSICHE: Rachel Portman
SCENOGRAFIA: Mina Buric

MONTAGGIO: Masahiro Hirakubo

BIOGRAFIE VINCITORI:

DAVID JOHNSON, Miglior Cinematografia: David Johnson è nato nel 1954 a Nottingham,Inghilterra. È conosciuto per il suo lavoro in Resident Evil (2002), Alien vs. Predator (2004) and Resident Evil: Extinction (2007).


MINA BURIC, Miglior Scenografia: nata a Belgrado 1977 Dopo aver studiato a Roma dove si è laureata come grafico presso l'Istituto Europeo di Design e come scenografo presso l'Accademia di Belle Arti , dal 2007 vive a Belgrado . E 'stata impegnata in serie televisive "Einstein","Paura di Amare" e "Il Restauratore","The Last panters" e film "The Brothers Bloom","The Raven","A Good Day To Die Hard","District 13 Ultimatum","3 Days to Kill". Ha lavorato come Arredatore su "Chernobyl Diaries","Ironclad : Bettle per Blood","Everly","Sword of Vengeance ","Despite the Falling Snow"e come scenografo nella "Despite the Falling Snow","Granice","Kise and Mayhem".

RACHEL PORTMAN, Migliore Musica: Rachel Portman è nata l'11 Dicembre del 1960 a Haslemere, Suurey, Inghilterra come Rachel Mary Bereley Portman. È conosciuta per il suo lavoro su "Chocolat" (2000), "Le Regole della Casa del Sidro" (1999) e "One Day" (2011). Rachel è, inoltre, sosata con Umberto Pasolini dal 1995..

HELLO! I’M A PRODUCER OF WOODY ALLEN

Miglior Film Cortometraggio Internazionale 15-30 min.

PAESE: Italia, Russia

DURATA: 16 minuti

SINOSSI: Christina sta cercando di ottenere un biglietto per la premiere del film di Woody Allen al festival del cinema. Accidentalmente i fotografi la scambiano per una star del cinema e cominciano a farle delle foto, mentre il pubblico le chiede l'autografo. Christina respingere lentamente l'idea che lei non è un'attrice e assume il ruolo di Diva! Improvvisamente ha incontrato il produttore di Woody Allen, affascinante uomo di mezza età italiano. Egli offre a Christina un ruolo nel film di prossima uscita e la invita alla prima. I sogni di Christina sono cresciuti dal volere un semplice biglietto al diventare una star del cinema e conquistare il cuore di questo multimilionario, e tutto ciò che è collegato a lui. La storia ha un tocco divertente e ruota intorno al punto di partenza..

CAST: Marina Orlova, Rodolfo Corsato, Pino Ammendola

REGIA, SCENEGGIATORE: Nicola Deorsola.

PRODUZIONE SCNEGGIATURA E MUSICA: Marina Orlova.

CINEMATOGRAFIA: Simone Moglie

MONTAGGIO: Paolo Domiano Dolce.

BIOGRAFIA VINCITORE:

NICOLA DEORSOLA, Miglior Cortometraggio Internazionale 15-30 min: Nicola Deorsola è nato il 19 Gennaio 1972 a Torino, Italia. Iniziò a lavorare come assistente Regista di Sergio Rubini nel film "Wife's Journey". Lavorò com Matteo Garrone come regista di "Reality" che concorse al festival di Cannes come grand prix de la jurie e primo assistente per "Tale of Tales" sempre al festival di Cannes.

PROGRAMMA FILM VINCITORI E CALENDARIO*

(proiezioni sale Anteo spazioCinema, aperitivi Osteria del Cinema)

*Categorie Miglior Film Lunghi e Corti (Us, Respiro, Vieni a Vivere a Napoli esclusi)

  • MERCOLEDÌ 29 GIUGNO

ore 19:00, APERIMIFF

ore 20:00, L’ULTIMA ORAZIONE SHORTS – IT

CONSUMED - WHAT ARE YOU EATING? SCENEGGIATURA, ATTORE NON PROTAG.

  • MERCOLEDÌ 6 LUGLIO

ore 19:00, APERIMIFF

ore 20:00, HELLO! I’M A PRODUCER OF WOODY ALLEN SHORTS – 15-30

DESPITE THE FALLING SNOW CINEMATOGRAFIA, SCENOGRAFIA, MUSICA

  • MERCOLEDÌ 13 LUGLIO

ore 19:00, APERIMIFF

ore 20:00, CAMPING WITH ADA SHORTS – 0-15

ACCUSED – LUCIA DE B. REGIA, RECITAZIONE FEMMINILE, MONTAGGIO

  • MERCOLEDÌ 20 LUGLIO

ore 19:00, APERIMIFF

ore 20:00, US MENZIONE SPECIALE SHORTS

MOTHERS AND DAUGHTERS ATTRICE NON PROTAGONISTA

  • MERCOLEDÌ 27 LUGLIO

ore 19:00, APERIMIFF

ore 20:00, RESPIRO MENZIONE SPECIALE SHORTS

THE CHALLENGE DOCUMENTARI

ore 21:45, IL NOSTRO ULTIMO RECITAZIONE MASCHILE

Testo e immagine da Ufficio Stampa Miff


"Quando il Garda era un mare" alla Casa del Cinema di Roma

QUANDO IL GARDA ERA UN MARE

CASA DEL CINEMA

Mostra dal 6 giugno al 6 luglio

Proiezione documentario lunedì 6 luglio ore 18

Ingresso gratuito

image001 (8)

Il Centro Culturale “La Firma” di Riva del Garda fa rivivere attraverso una mostra e un documentario l'avventura della “Bertolazzi Film” di Peschiera del Garda. Da questa “Cinecittà sul lago” negli anni Sessanta iniziò la carriera di Fabio Testi. Poster e cimeli storici saranno esposti dal 6 giugno al 6 luglio presso la Casa del Cinema di Roma.

Lunedì 6 giugno alle ore 18, con la proiezione del documentario Quando il Garda era un mare si inaugurerà alla Casa del Cinema di Roma una mostra dedicata ad un periodo in cui il lago di Garda fu trasformato nel mare dei Caraibi. Accadeva negli anni Sessanta quando a Peschiera del Garda erano attivi dei veri e propri “studios” galleggianti che per quasi un decennio ospitarono produzioni cinematografiche e televisive. Protagonista di questa straordinaria avventura fu Walter Bertolazzi che a partire dal 1959 allestì una vera e propria flotta di navi d'epoca che servivano da set per film di ambiente piratesco. Affascinati da questa vicenda Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet hanno lavorato ad un progetto per riportare alla luce e far conoscere alle nuove generazioni una pagina di storia del cinema rimasta per troppi anni chiusa nei cassetti.

Il porto canale di Peschiera

Leggere di più


Cosenza: conferenza di Leonardo Passarelli - L'occhio del fotografo

Appuntamenti d’arte

Conferenza di Leonardo Passarelli - L'occhio del fotografo

Cosenza - Palazzo Arnone – Salone delle Udienze

Giovedì 26 maggio 2016 – ore 17.00

Cosenza - Palazzo Arnone -

Giovedì 26 maggio 2016, alle ore 17.00, a Cosenza, Palazzo Arnone, Salone delle Udienze, Leonardo Passarelli terrà una conferenza dal titolo L'occhio del fotografo.

La disamina di Passarelli, docente di storia dell’arte contemporanea presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’ Università degli Studi della Calabria, attiene all’ invenzione della fotografia, a partire dal 1839, che ha fornito un nuovo procedimento di formazione delle immagini rispetto a quello a cui era abituato l’uomo, alla portata di tutti e basato non sulla sintesi, ma sulla selezione. Attraverso una serie di esempi il pubblico sarà introdotto in questo viaggio che ha rivoluzionato il nostro modo di guardare. 

L’iniziativa è parte integrante del ciclo Appuntamenti d’arte, fortemente voluto da Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria e da Nella Mari, direttore della Galleria Nazionale di Cosenza, con la finalità di far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale della Galleria Nazionale di Cosenza e della regione Calabria.

Cosenza - Palazzo Arnone

Leggere di più


Comune e ANEC Lombardia insieme per valorizzare i cinema di Milano

Cultura

Comune e ANEC Lombardia insieme per valorizzare i cinema di Milano

Firmato un accordo che punta a sostenere le sale cinematografiche cittadine come luoghi di promozione culturale e aggregazione sociale

cinema.jpgMilano, 6 maggio 2016 – Comune e ANEC Lombardia (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) insieme per valorizzare l’attività ed il ruolo delle sale cinematografiche che operano nella città di Milano. L’accordo appena firmato parte dalle proposte formulate dall’Associazione degli Esercenti Cinema e vuole contribuire al riconoscimento delle sale cinematografiche come luoghi di promozione culturale e aggregazione sociale.

Leggere di più


Milano: undicesima edizione della rassegna Photofestival

Cultura

Undicesima edizione della rassegna Photofestival

Dal 20 aprile al 12 giugno 120 mostre fotografiche in 80 sedi espositive. Del Corno: “Un palinsesto ricchissimo che conferma Milano città ad alto tasso di attrattività per i visitatori di tutto il mondo”

Giovanni-Chiaramonte-Milano_SpazioBad-bassa-303x300.jpg

Milano, 18 aprile 2016 – Tutto pronto per l’undicesima edizione di Photofestival.  Nella cornice di Palazzo Castiglioni, sede di Confcommercio Milano in corso Venezia 47,  l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno insieme a Carlo Sangalli (presidente Confcommercio), Giovanni Augusti (presidente  AIF - Associazione Italiana Foto & Digital Imaging), Dario Bossi (comitato direttivo Photofestival) e Roberto Mutti (direttore artistico Photofestival) ha presentato alla stampa la rassegna di fotografia  d’autore promossa da AIF - Associazione Italiana Foto & Digital in programma dal 20 aprile al 12 giugno 2016.

Leggere di più