Mangeresti il tuo gatto?

6 - 19 Ottobre 2015
800px-Kittyply_edit1
Solo pochi anni fa (2010) fece scalpore la vicenda di Beppe Bigazzi, che durante la trasmissione "La prova del cuoco", rievocò il consumo di carne di gatto negli anni '30 e '40 in Valdarno.
Nelle gran parte delle società occidentali, difatti, la pratica costituisce un tabù: solo in pochissime aree ci si sognerebbe di mangiare il proprio animale domestico.
Tuttavia, non è così ovunque nel mondo. In Asia, 4 milioni di gatti vengono consumati ogni anno, per preferenza o superstizione, oltre che per insicurezza alimentare. Anche in Africa l'animale viene mangiato.
Un nuovo studio ha esaminato il consumo di carne di gatto in Madagascar (dove anche a causa dell'instabilità politica la pratica è aumentata), e le ripercussioni della cosa sulla salute pubblica. Ben il 34% degli intervistati ha consumato la carne di gatto nell'ultima decade, ma questo sarebbe stato determinato da opportunismo: si tratta di gatti regalati, o che si sono acquisiti in modo casuale (ad esempio, a seguito di un incidente). Non si tratterebbe perciò di una risposta alle difficoltà economiche. Per questo motivo, la cosa può costituire un rischio per la salute pubblica e per la diffusione di determinate malattie (tra cui la toxoplasmosi).
Leggere di più


Percezione dell'invecchiamento nelle società moderne e tradizionali

8 - 19 Ottobre 2015
640px-Pueblos_originarios_de_Bolivia
Un nuovo studio ha confrontato le percezioni di società moderne e tradizionali circa l'invecchiamento, proponendo un test nel quale si chiedeva di giudicare alcuni aspetti in relazione alla stessa persona, mostrata giovane e digitalmente alterata per sembrare più vecchia.
In generale le società moderne come quelle tradizionali (rappresentate dagli Tsimane dell'Amazzonia) considerano l'età fattore di saggezza. C'è una differenza, però: gli Tsimane guardano con maggior favore all'invecchiamento e pensano che una persona più anziana abbia migliore memoria.
Leggere di più


Nelle società preindustriali non si dorme di più

15 - 16 Ottobre 2015
800px-Hadzabe1
Probabilmente ci piacerà pensare che il dormire poco sia connesso ai ritmi frenetici della società moderna. Un nuovo studio, pubblicato su Current Biology, dimostra invece che anche nelle società preindustriali di Bolivia, Namibia e Tanzania il numero di ore di sonno giornaliere si attesta sulle 5,7-7,1, con una media di 6,4.
Non sarebbero dunque le nostre televisioni, i cellulari, le radio e il caffè a farci dormire meno. I cacciatori raccoglitori dormono un'ora in più in inverno, e in media rimangono svegli per circa tre ore dopo il tramonto, svegliandosi prima dell'alba. Sarebbe invece la temperatura a svolgere un'importante funzione di regolazione del sonno, per quanto riguarda durata e tempo. Si va a dormire quando calano le temperature, e ci si sveglia quando sono al minimo. Non vi sarebbe invece un legame stretto con i livelli di luce.
I gruppi di cacciatori-raccoglitori e cacciatori-orticoltori considerati nello studio sono gli Hadza della Tanzania settentrionale, i Kalahari San della Namibia nord orientale, e gli Tsimane che vivono presso il fiume Maniqui in Bolivia. Tra questi, solo i secondi non sono nomadi e vivono in villaggi come cacciatori-raccoglitori. Sono state registrate le abitudini relativamente a 94 individui per un totale di 1165 giorni. Nonostante le differenze genetiche, storiche e ambientali, i tre gruppi mostrano pattern simili per l'organizzazione del sonno, probabilmente risalenti a un'epoca precedente l'Homo Sapiens.
Leggere di più


Il contesto ancestrale di ognuno nelle impronte digitali

28 Settembre 2015
800px-Fingerprint_detail_on_male_finger
Un nuovo studio dimostra che è possibile risalire al contesto ancestrale di ognuno, partendo dalle impronte digitali. Si tratta di una scoperta che può avere notevoli applicazioni, sia nel campo della scienza forense che nell'antropologia.
Gli studiosi dicono di aver bisogno di lavorarci su ulteriormente, ma i risultati sembrano già promettenti.
Leggere di più


Alle origini di cultura e tecnologie

24 Settembre 2015
800px-Stone_axe_hammer_from_Slovenia_ZN_234_3
Come siamo arrivati ad innovare e creare tecnologie complesse? Un nuovo studio cerca di rispondere alla domanda con un esperimento.
Le capacità di ragionamento del singolo sarebbero importanti, ma il gruppo sarebbe in grado di produrre manufatti molto più complessi nello stesso periodo di tempo. I miglioramenti arriverebbero gradualmente, generazione dopo generazione. In queste condizioni c'è una divisione del lavoro, ma ancora limitata.
La differenza tra animali e umani risiede proprio nel fatto che nel gruppo si affronterebbe il problema cercando di risolverlo. E così, se 200 mila anni fa gli strumenti litici sono semplici, 70 mila anni fa si giunge alla cosiddetta complessità culturale e appaiono belle punte di lancia.
Lo studio "The foundations of the human cultural niche", di Maxime Derex & Robert Boyd, è stato pubblicato su Nature.
 
Link: Nature Communications; Arizona State University.
Ascia in pietra da Moravče pri Gabrovki in Slovenia, foto da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Romanm
 


La più antica decapitazione in America

23 Settembre 2015
journal.pone.0137456.g004
Quando gli Europei giunsero in America, furono certo impressionati dall'esposizione di parti del corpo umano da parte dei Nativi. Non di rado questo comportava la decapitazione, sempre per motivi rituali e simbolici.
Si tratta di pratiche diffuse e molto antiche nelle Americhe. A confortarlo, sarebbe ora l'interpretazione di quella che sembra essere la più antica decapitazione rituale dalla sepoltura 26 a Lapa do Santo. Il sito si trova nella regione di Lagoa Santa, nello stato di Minas Gerais, nota per essere la culla della paleontologia brasiliana.
A colpire, e a indicare in modo abbastanza inequivocabile l'attività rituale nel caso in questione, è l'amputazione delle mani e la loro disposizione rispetto al cranio nella sepoltura.
journal.pone.0137456.g001
Leggere di più


Gli Inuit, e l'adattamento genetico a particolari diete

17 - 18 Settembre 2015
1024px-Igloo_inner
La dieta degli Inuit, nativi della Groenlandia, è spesso portata ad esempio come caso di dieta ricca di proteine e grassi che però li mantiene in salute a causa degli alti livelli di omega 3.
Un nuovo studio ora sottolinea che quanto può esser vero per loro può non esserlo per altri, avendo gli Inuit (e i loro antenati Siberiani) sviluppato delle mutazioni genetiche che li aiutano a contrastare gli effetti di una tale dieta, ricca in grassi da mammiferi marini. Tra gli altri effetti, una statura più bassa.
Queste mutazioni esistono però solo nel 2% degli Europei e nel 15% dei Cinesi Han. Lo studio è importante perché dimostra in modo chiaro l'adattamento di popolazioni umane a determinate diete.
Leggere di più


Cambiamento climatico e credenze locali in Africa

Occuparsi di cambiamento climatico e credenze locali in Africa

Studi in Malawi e Zambia evidenziano che le credenze mutevoli influenzano il modo con cui le comunità fronteggiano il cambiamento climatico

New York| Heidelberg, 15 Settembre 2015 (testo Inglese cortesemente fornito da Springer, e qui tradotto)
14377269_2268f2d582_b
Gli esperti dovrebbero prendere nota delle conoscenze e credenze locali quando pianificano come aiutare le popolazioni a fronteggiare gli impatti del cambiamento climatico. Questo assicurerà che tali interventi e finanziamenti siano ben spesi, e che non siano culturalmente insensibili: questo il suggerimento di Conor Murphy dell'Università Irlandese di Maynooth. Insieme a un team di ricerca interdisciplinare dalle Università in Malawi, Zambia e Irlanda ha intervistato i membri della comunità nel Malawi e nello Zambia per valutare quanto fossero bene in grado di adattarsi alle modalità di produrre cibo in un contesto di sistemi mutevoli di credenze e cambiamento climatico. I risultati sono stati pubblicati nel periodico di Springer, Climatic Change.
Leggere di più


Come si pensa ai colori nel mondo

10 Settembre 2015
800px-Hadzabe1
Se avesse un altro nome, penseremmo a un colore allo stesso modo, a prescindere dal linguaggio utilizzato?
Una nuova ricerca, pubblicata su Current Biology, ha affrontato la domanda, rivolgendosi alle popolazioni di cacciatori raccoglitori Hadza in Tanzania. Il gruppo possiede poche parole per i colori, e quando si è chiesto di dare un nome, la risposta più comune era "non lo so".
Nonostante questo, gli intervistati raggruppavano comunque i colori in un modo che coincideva con le convenzioni degli immigrati somali e dei nativi Inglesi. Chiaramente sussistono delle costrizioni da parte della nostra mente, nel raggruppare i colori, ma esiste un compromesso tra cultura e biologia.
Leggere di più


Due bevande rituali a base di caffeina tra Stati Uniti e Messico

7 Settembre 2015
Bowl_Chaco_Culture_NM_USA
Già nel 750 d. C., nel Sud Ovest degli Stati Uniti e nella parte Nord Occidentale del Messico si apprezzava la caffeina, sotto forma di bevande rituali a base di cacao o agrifoglio, che avevano un alto contenuto della sostanza stimolante.
La prima bevanda sarebbe cioccolata a base di cacao. La seconda, chiamata bevanda nera (NdT: black drink in Inglese) viene prodotta a partire da foglie e rametti di alcune specie di agrifoglio. Le bevande sarebbero state consumate durante riunioni comunitarie e rituali. Nessuna delle due piante cresce nel Sud Ovest degli Stati Uniti, e ci si interroga perciò sulle possibili vie commerciali che le hanno portato dai Nativi Americani dell'area. Si sospetta ovviamente il Messico e la Mesoamerica.
Gli studiosi sono giunti a questi risultati partendo da una ricerca sui residui organici presenti nei frammenti ceramici provenienti da 18 siti del Sud Ovest degli Stati Uniti e del Nord Ovest del Messico (tra la parte meridionale del Colorado e quella settentrionale dello stato di Chihuahua), per un periodo compreso tra il 750 e il 1400 d. C. Le analisi hanno rivelato  combinazioni di metilxantine (caffeina, teobromina e teofillina), rivelatrici di bevande stimolanti.
Si tenga presente che l'agrifoglio non contiene solo caffeina: foglie, bacche e altre parti della pianta sono tossiche, e il consumo è pericoloso per l'uomo e per gli animali. Le foglie di alcune specie di agrifoglio erano però utilizzate da alcune culture per produrre del tè. Ovviamente si sconsiglia vivamente l'utilizzo, in ogni forma.
Leggere di più