Trovata la chiave di decifrazione del Disco di Festo?

23 Ottobre 2014
Crete_-_Phaistos_disk_-_side_A
Il celebre disco di Festo ha forse trovato una chiave di decifrazione? Il dott. Gareth Owens, del Technological Educational Institute of Crete, afferma di aver scoperto alcune parole chiavi e il senso del messaggio iscritto sui pittogrammi.
Il valore più stabile sarebbe "madre", da intendersi come riferimento alla dea Minoica venerata lì. Owens avrebbe trovato una metodologia per applicare dunque sistematicamente quanto noto dalla lineare B, attraverso lo script sillabico Minoico. In conclusione, si tratterebbe di una iscrizione religiosa.
Il disco di terracotta, datato al 1700 a. C., fu scoperto a Creta il 3 luglio del 1908 dalla spedizione archeologica italiana di Luigi Pernier e Federico Halbherr.

Link: Daily Mail; Greek Reporter; Discovery News
Lato A del disco di Festo, foto da WikipediaCC BY 1.0, di e caricata da PRA.


Un poema di oltre duemila anni da Ecatomno

19 Ottobre 2014
Moneta_di_hekatomnos,_392-377_ac.
Un poema di oltre duemila anni è stato ritrovato su una stela dal Mausoleo di Ecatomno, nel Distretto di Milasa, nellaTurchia Occidentale. Il poema consta di 121 versi, alcuni erosi dal tempo, ed è datata alla fine del quarto o all'inizio del terzo secolo a. C.
Link: Hurriyet Daily NewsUNESCO
Moneta di Ecatomno, 392-377 a.C., foto da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, foto di e caricata da Sailko.


Elenco dei link dei manoscritti di British Library

9 Ottobre 2014
Un grande e comodo regalo viene oggi dal blog dei manoscritti medievali della British Library: la Master List dei 1111 manoscritti digitalizzati e caricati su Digitised Manuscripts.

 


Didone, per esempio

2 Ottobre 2014
20140715-102356-37436769
Non è vero che la "cultura" non interessa a nessuno. Non è vero che la saggistica non vende. Lo dimostra il libro di Mariangela "Galatea" Vaglio, "Didone, per esempio", che già da alcuni mesi è in libreria con risultati davvero lusinghieri.
Ancor più dell'aspetto editoriale, però, pare giusto sottolineare il valore dell'opera, moderna e gradevole, oltre che accessibile a tutti. Cogliamo dunque l'occasione della recentissima uscita in e-book del libro, per segnalare questo ottimo lavoro di divulgazione.
Link: Il nuovo mondo di Galatea 


La Storia di oggi: Marco Claudio Tacito diventa Imperatore nel 275 d. C.

25 Settembre 2014
Nella giornata di oggi, Marco Claudio Tacito Augusto diveniva Imperatore, dopo l'assassinio di Aureliano. Tacito nacque ad Interamna, in Italia, e morì di febbre (per Zosimo fu assassinato, invece) nel Giugno del 276.
Tacitus_Ant
Segnaliamo il podcast dello storico Adrian Murdoch su di lui.

Link: Dorothy King's PhDiva; Wikipedia
Foto di Antoniniano ritraente Tacito, di e caricato da Rasiel Suarez, da Wikipedia, CC BY-SA 3.0.


Anniversario della morte di Virgilio

21 Settembre 2014
Oggi cade l'anniversario della morte di Virgilio (Publius Vergilius Maro), avvenuta a Brindisi per febbre. Il blog di manoscritti medievali della British Library coglie l'occasione per mostrare alcune decorazioni ritrovabili sui manoscritti medievali dei suoi testi.
Link: The British Library - Medieval Manuscripts Blog


Mo Tzu e il Moismo

14 Settembre 2014
Oggi, Kenan Malik propone un estratto dal suo libro " - The Quest for a Moral Compass - A Global History of Ethics" nel quale tratta di Mo Tzu, filosofo cinese assai poco noto, ma la cui importanza non sarebbe inferiore a quella di Confucio (Kong).
Vissuto nel periodo dei Regni Combattenti, vi sono molti aspetti incerti circa la sua vita: il suo testo più noto, Mozi, fu probabilmente compilato dai suoi discepoli.
Mo Tzu aveva un'idea pragmatica di altruismo, e distingueva tra principi di parzialità e universalità: abbracciare i secondi significa avere a cuore non solo i propri interessi, ma anche quelli altrui e ridurre, ad esempio, il rischio di guerre.
Mo Tzu criticava Confucio per la sua aderenza al rituale da conservatore, per il suo supporto alla discriminazione sociale e per il suo rifiuto di Dio. Mo Tzu era un ammiratore dell'antichità e potrebbe essere stato il primo filosofo cinese. Gli eventi storici videro però il prevalere del Confucianesimo sul Moismo, troppo radicale e persino pericoloso: il conservatorismo del primo trovò invece un pieno favore presso la Corte Imperiale.
Link: Pandaemonium


Curator For a Day, il tempo del racconto

5 Settembre 2014 - dal blog di Cratete
canova
C’è un passo celebre dell’Odissea nel quale Ulisse, non appena svanita la nebbia magica di Atena, si appresta a entrare nel palazzo di Alcinoo. Il momento è descritto come solo un grande scrittore avrebbe potuto fare: l’esitazione dell’eroe, incerto se entrare in una casa straniera e preoccupato di porre di nuovo la sua vita alla mercé di un diritto all’ospitalità non sempre rispettato nel Mediterraneo omerico, è ricreata nella pausa atmosferica delle ekphrasis, le divagazioni che il narratore si prende per descrivere lo splendore del palazzo suddetto.
Tutti ricordano i muri di bronzo, le porte d’oro, gli architravi d’argento. Un particolare che ho riscoperto di recente mi ha dato da pensare: ai lati di un architrave stanno due statue canine, “opera di Efesto” (che è come dire “fatte da dio” – letteralmente), che il narratore commenta così: “due cani resi immortali e privi di vecchiaia”. Le opere d’arte incastonano un momento nel tempo: il prima e il dopo stanno ai margini, ma la pietra/tela hanno un loro tempo insieme preciso e infinito. Il tempo del racconto, poi, è un altro bell’enigma, e quello che nel giro di qualche centinaio di versi sta per succedere ad Ulisse ci permette di pensarci un attimo: inconsapevole come tutti gli altri presenti dell’identità del naufrago/ospite Demodoco sta cantando della discordia fra Achille e Ulisse nel campo troiano degli Achei, un evento del recente passato che il racconto dell’aedo trasforma in resoconto quasi giornalistico; per Ulisse, invece, quello è un passato ormai remoto, e ciononodimeno doloroso. (Per la cronaca, in questo passo Omero – o chi per esso – ha inventato l’ironia tragica).
Il paradosso temporale si raggiunge però quando, ormai rivelata la sua identità al re Alcinoo, Ulisse prenderà a raccontare le più fantastiche delle sue avventure, da Polifemo alle Sirene, da Circe ai Lestrigoni. Quello che per il narratore/protagonista è un passato lontano (ricordiamoci dei sette anni passati dal nostro sull’isola di Ogigia, prigioniero di Calipso) per gli ascoltatori feaci è una novità, addirittura per noi lettori è il futuro incarnato dalle pagine che ancora dobbiamo sfogliare. Questo è uno dei primi esempi in assoluto di racconto a incastro: interessante considerare che una delle prime opere letterarie della cultura occidentale ospiti già un simile intricato dispositivo. Come se la percezione istantanea dei diversi strati temporali di un racconto fosse qualcosa di innato, o quantomeno di antichissima tradizione orale, un meccanismo che l’ascoltatore coglie con la stessa rapidità con cui lo spettatore si incanta di fronte a un raffinatissimo bassorilievo di gesso.

Il video qui sopra è la mia proposta per l’iniziativa di Gallerie D’Italia chiamata Curator For A Day, con la quale la fondazione di Banca Intesa SanPaolo propone ai visitatori delle sue tre sedi museali (Milano, Napoli, Vicenza) di farsi curatore, guida, narratore per un giorno, reinterpretando a proprio piacimento una delle molte opere ospitate dalle Gallerie. Gallerie che, ricordo, sono visitabili gratuitamente e contengono un patrimonio artistico che potete vedere voi stessi. Non che le sedi museali in sé siano brutte, eh.

coccodrillo
gringott
Link: Cratete


Loebolus - Tutti i volumi di pubblico dominio della Loeb Classical Library

4 Settembre 2014
Loebolus è il modo più rapido di accedere a DownLoebables, cioè i testi della Loeb Classical Library nel pubblico dominio e quindi liberamente scaricabili da Google, Archive o altre fonti. L'elenco è disponibile anche su AWOL. L'intero archivio è scaricabile per intero, e occupa 3,2 Gb.
Link: LoeboluseDonnelly; AWOL