23 Novembre 2015
800px-Pieter_Bruegel_the_Elder_-_The_Corn_Harvest_(August)_-_WGA03451
L’introduzione dell’agricoltura in Europa, 8500 anni fa, ha cambiato lo stile di vita umano in modo così profondo da arrivare a toccare perfino il DNA.
Queste le conclusioni alle quali è giunto un nuovo studio, grazie anche a tecniche migliori di estrazione del DNA e utilizzando la più vasta collezione di set di dati relativi ai genomi di antichi Eurasiatici (per un totale di 230 individui). Proprio nell’ultimo anno si è avuto un grande incremento del materiale genetico a disposizione.
Lo studio del DNA antico permette di apprezzare concretamente le modalità con le quali la selezione naturale opera. Il nostro moderno DNA, infatti, contiene solo l’eco del lontano passato, difficilmente riconducibile ad eventi determinati. La ricerca in questione è giunta invece ad identificare quei geni specifici che si sono modificati durante e dopo la transizione avutasi in Europa, da cacciatori raccoglitori ad agricoltori.
Cosa si è modificato? La nostra altezza, il colore blue degli occhi, il nostro peso, il colore chiaro della pelle, i livelli di vitamina D, un rischio più elevato di celiachia, il metabolismo degli acidi grassi e la possibilità di digerire il lattosio in età adulta. Gli individui nell’Europa meridionale tenderebbero inoltre ad essere di altezza inferiore rispetto a quelli dell’Europa Settentrionale, a causa di un maggior peso per questi ultimi nella discendenza dalle popolazioni eurasiatiche della steppa. Per i primi invece avrebbero un peso maggiore le popolazioni più basse del Neolitico e Calcolitico dalla penisola Iberica.
Proprio il Neolitico è quel periodo durante il quale si ebbe un incremento della densità di popolazione e si viveva a più stretto contatto, anche con gli animali. La Rivoluzione Neolitica è difatti uno dei periodi di transizione più importanti nella Preistoria. Le conclusioni dello studio supportano anche l’ipotesi di un arrivo degli antichi agricoltori in Europa dall’Anatolia, sarebbe a dire dall’odierna Turchia.


Lo studio “Genome-wide patterns of selection in 230 ancient Eurasians”, di Iain MathiesonIosif LazaridisNadin RohlandSwapan MallickNick PattersonSongül Alpaslan RoodenbergEadaoin HarneyKristin StewardsonDaniel FernandesMario NovakKendra SirakCristina GambaEppie R. JonesBastien LlamasStanislav DryomovJoseph PickrellJuan Luís Arsuaga, José María Bermúdez de CastroEudald CarbonellFokke GerritsenAleksandr KhokhlovPavel KuznetsovMarina LozanoHarald MellerOleg MochalovVyacheslav MoiseyevManuel A. Rojo GuerraJacob RoodenbergJosep Maria VergèsJohannes KrauseAlan CooperKurt W. AltDorcas BrownDavid AnthonyCarles Lalueza-FoxWolfgang HaakRon Pinhasi & David Reich, è stato pubblicato su Nature.
 
Link: Nature; Eurekalert via Harvard Medical School; Greek Reporter; Science Alert.
La mietitura, olio su tavola (118×160,7 cm) di Pieter Bruegel il Vecchio, da Wikipedia, Pubblico Dominio, caricato da Dcoetzee (Pieter Brueghel the Elder (1526/1530–1569)PAH1oMZ5dGBkxg at Google Cultural Institute, zoom level maximum).