2 Luglio 2015
Europe_satellite_globe
A livello europeo vi sarebbe una correlazione tra diversità linguistica e diversità genetica, per cui coloro che parlano lingue differenti possono avere con più probabilità una diversa composizione genetica.
Per cui Francesi, Italiani e Spagnoli, che hanno una vicinanza linguistica, la possiedono anche da un punto di vista genetico, mentre ad esempio un Giapponese e un abitante dell’Africa subsahariana saranno differenti in termini genetici come linguistici: questo almeno come regola storica generale. Vi sono però le eccezioni, come gli Ungheresi che sono molto vicini geneticamente agli Slavi e alle popolazioni germaniche. Secondo la ricerca,  la lingua sarebbe un migliore indicatore della diversità persino rispetto alla geografia.

Lo studio “Across language families: Genome diversity mirrors linguistic variation within Europe“, di Giuseppe Longobardi, Silvia Ghirotto, Cristina Guardiano, Francesca Tassi, Andrea Benazzo, Andrea Ceolin e Guido Barbujani, è stato pubblicato sull’American Journal of Physical Anthropology.
Link: American Journal of Physical AnthropologyUniversity of York
Vista satellitare dell’Europa, foto della NASA, (modificata da 2002 http://earthobservatory.nasa.gov/Features/BlueMarble/Images/land_shallow_topo_2048.jpg) da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Bjarki S.
 

Write A Comment

Pin It