5  Agosto 2015

Gli Archeologi polacchi a Bornholm

MTAyNHg3Njg,20006450_19872181
Disco solare di pietra ritrovato durante i rilevamenti di aprile dagli studenti dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Varsavia. Foto di Marta Bura
Reliquie che sono prova di credenze e rituali praticati dagli abitanti dell’isola di Bornholm 5,5 migliaia di anni fa, sono stati scoperti dagli archeologi di Varsavia negli scavi in corso a Vasagård.
Il progetto di ricerca è il risultato di diversi anni di collaborazione tra l’Istituto di Archeologia di Varsavia (NdT: IA UV da ora) e il Museo di Bornholm. Come parte dell’accordo, gli studenti di archeologia dell’IA UV vengono ogni anno all’isola per gli scavi e per praticare le loro competenze. Quest’anno, cooperano con gli studenti dell’Università di Copenaghen.
MTAyNHg3Njg,20006450_19872184
PAP © 2015


Il sito oggetto di studio – Vasagård – ha lasciato perplessi gli archeologi fino a oggi. Era probabilmente sede di un tempio dove si adorava il sole, circondato da palizzate. Questo è provato dall’entrata al complesso, collocato in direzione dell’alba durante il solstizio o l’equinozio. Durante questa stagione di scavi, gli archeologi hanno ritrovato diversi canali nei quali, secondo la loro opinione, i corpi dei defunti erano lasciati affinché si decomponessero. Poi le ossa erano trasferite nelle camere sepolcrali vere e proprie .
“Nei canali ritroviamo grandi quantità di ceramiche, ossa animali e dischi solari in pietra danneggiati. La funzione degli ultimi non è stata ancora completamente spiegata” – ha riferito a PAP Janusz Janowski, a capo della spedizione polacca.
I dischi solari sono piccoli ciottoli, a cui è stata data una forma circolare. Immagini dei raggi solari sono incisi da un lato. Ritrovamenti simili sono già stati effettuati nella vicina Rispebjerg, che serviva da tempio solare. Quelli scoperti dal team polacco-danese erano per la maggior parte bruciati e spesso rotti intenzionalmente, forse in connessione con i rituali lì praticati.
“In aggiunta agli scavi, documentiamo i monumenti con la tecnologia della scansione laser 3D – questo include dischi solari e tombe ritrovate presso il sito: scatola e  tomba di passaggio da periodi differenti. Questi ritrovamenti indicano che l’attività umana presso il sito continuò per centinaia di anni” – ha spiegato Marta Bura, a capo dei Laboratori Scanner 3D dell’IA UV. Gli scienziati hanno l’opportunità di testare l’ultimo scanner Leica P 30, l’apparecchio che ha avuto la sua prima nell’Aprile di quest’anno.
Negli anni passati, gli archeologi dall’Università di Varsavia hanno condotto ricerche nel castello di Hammershus, uno dei luoghi storici più riconoscibili a Bornholm, e uno dei più grandi del suo genere in Scandinavia.

 
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.
 

Write A Comment

Pin It