DOMENICA 1 NOVEMBRE, MUSEI CIVICI DI ROMA GRATUITI PER RESIDENTI

6ea56e9347a73b5dfd131dce12a76911f8c6917

Domenica 1 novembre torna l’ingresso gratuito nei musei civici per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana, iniziativa ideata e promossa dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Servizi museali Zètema Progetto Cultura. Queste le mostre visitabili gratuitamente: nelle sale dei Musei Capitolini tre grandi artisti italiani dialogano nella mostra Raffaello Parmigianino Barocci.

Metafore dello sguardo. Dipinti, disegni e stampe raccontano l’influenza di Raffaello sull’opera del Parmigianino e di Federico Barocci, entrambi ricordati dalle fonti piu’ antiche come eredi dell’artista urbinate; al Museo di Roma in Palazzo Braschi sono da visitare le mostre War is over! L’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943-1946, dove immagini e filmati d’epoca raccontano la guerra attraverso i suoi protagonisti, italiani e americani, e il confronto tra due differenti punti di vista, e L’incanto della fotografia. Le collezioni Silvio Negro e Valerio Cianfarani al Museo di Roma: 90 opere dei due collezionisti mostrano l’incanto di una Roma di fine ‘800,decadente e immortale, dove l’antico convive con il moderno; da visitare alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi, la preziosa collezione permanente di arte dell’Ottocento e prima meta’ del Novecento arricchita dalla mostra Artisti dell’Ottocento – Temi e riscoperte con un “focus” di due sale sul pittore romano Arturo Noci; tre sono le mostre in corso al Museo di Roma in Trastevere: Mc Mafia-mafia, camorra e ‘ndrangheta nella storia del fumetto, un racconto sulla criminalita’ e sull’impegno contro le mafie nella produzione fumettistica dal secondo dopoguerra ad oggi; Stories. Andy Rocchelli ripercorre il lavoro del fotogiornalista, attraverso i temi caldi della Primavera araba e delle rivolte in Ucraina; infine K & K – František Krátký e Pavel Kopp, due sguardi
sull’Italia. Un secolo di fotografia nelle immagini di due boemi mostra i cambiamenti urbanistici e sociali di alcune localita’ della Penisola tra fine ‘800 e ‘900.
Così in un comunicato Zetema Progetto Cultura
Roma, 30 ottobre 2015

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone
Foto dal MIBACT.